Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

lunedì 6 gennaio 2014

Dopo la visita della Commissione di Legacoop a Lampedusa i superstiti "si dissociano" dal siriano che ha ripreso il video della vergogna

Dopo la visita di una commissione d'inchiesta della Legacoop nel CPSA di Contrada Imbriacola a Lampedusa " ““Questi migranti –- scrive la commissione –- hanno definito il mediatore Beder ripreso nel video ‘un fratello’, dissociandosi dalle immagini girate dall’altro migrante”. “Sia dal colloquio con i migranti che con gli operatori abbiamo riscontrato la massima professionalità, qualità e umanità nel servizio prestato e la considerazione condivisa che l’’episodio al centro del servizio del Tg2 sia stato frutto di superficialità dettate dal contesto e dalla emergenza sanitaria””. Almeno così riferiscono le cronache. Come si poteva prevedere, e si spiega forse così perchè nessuno ha voluto fare ricorsi contro il trattamento subito. Complimenti davvero con chi ha deciso di prolungare il trattenimento dei migranti nello stesso centro nel quale si erano verificati i fatti oggetto di denuncia.

http://agrigento.blogsicilia.it/ispezione-al-cpa-di-lampedusa-situazione-grave-ma-non-va-chiuso/230798/

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro