Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

mercoledì 22 gennaio 2014

Duecento migranti salvati a sud di Lampedusa mentre il ministro della difesa porta in passerella il capo del governo sloveno a Siracusa


Mentre il ministro della difesa Mauro accompagnava la premier slovena Bratusek al centro di accoglienza Umberto I di Siracusa, per raccogliere meritati applausi, e nel porto di Augusta (SR), base principale della missione Mare Nostrum, le navi militari italiane raccoglievano 200 migranti nel Canale di Sicilia 80 miglia a sud di Lampedusa. Come ha riferito il TG Radio RAI delle 19,40, incerta la destinazione per lo sbarco dei naufraghi a terra. Come nessun'altra agenzia di informazioni ha finora riferito. Per lo sbarco c'è tempo. Li staranno identificando in acque internazionali, e questa procedura richiede, nella prassi delle ultime settimane, almeno un giorno. Così li potranno fare scendere a terra ad Augusta quando la missione slovena sarà già partita... e gli autobus saranno pronti sulla banchina per farli "scomparire" nei centri di prima accoglienza gestiti dai prefetti.

ansa.it

http://agrigento.blogsicilia.it/duecento-migranti-verso-lampedusa-avvistato-barcone-al-largo-dellisola/233691/

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro