Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

sabato 11 gennaio 2014

L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati protesta contro il trattenimento illegittimo dei superstiti delle stragi di ottobre nel CPSA di Lampedusa

Alla vigilia del trasferimento a Palermo e ad Agrigento per gli incidenti probatori, che dovrebbe svolgersi lunedì prossimo, una protesta dell'UNHCR. Speriamo che tutti ricordino che lo stesso trattenimento si è verificato anche in altre strutture di prima accoglienza. Di certo lo ricorderemo al Comitato per la prevenzione della tortura al Consiglio d'Europa, al quale abbiamo inviato un esposto denuncia. Davvero grave che non sia stato possibile informare adeguatamente le vittime di questi abusi, e proporre ricorsi alla Corte Europea dei diritti dell'Uomo contro l'ingiusto trattenimento.

"L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ritiene inaccettabile il trattenimento da ormai 100 giorni di un gruppo di migranti composto da 7 cittadini eritrei sopravvisssuti al naufragio del 3 ottobre e da 6 cittadini siriani in attesa di essere ascoltati dall’autorità giudiziaria inquirente in qualità di persone informate sui fatti nel procedimento presso il Tribunale di Agrigento contro i presunti scafisti".

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro