Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

domenica 12 gennaio 2014

Nel CPSA di Pozzallo, come nel CPSA di Lampedusa, trattenimenti illegittimi e condizioni disumane

Non solo a Lampedusa, un centro di prima accoglienza e soccorso (CPSA) caratterizzato da una durata ingiustificata del trattenimento, con un regime giuridico del tutto discrezionale, dove ha dominato la promiscuità, anche con riguardo ai minori non accompagnati, e tante storie che documentano abusi ed abbandono. Tante storie, tanti testimoni, molto di più di quello che è finora emerso. Mancanza di controlli. E nessuna denuncia, per paura di ritorsioni o semplicemente perchè non si vuole restare o tornare in Italia.

http://www.unita.it/immigrazione/pozzallo-migranti-detenuti-carcere-promiscuit%25C3%25A0-braccialetto-donne-minori-manganelli-profughi-reclusi-1.544510

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro