Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

mercoledì 29 gennaio 2014

Ondata di arresti di eritrei che favorivano il passaggio di loro connazionali verso altri paesi europei


Nomi, cognomi e fotografie, ormai il danno è fatto, per loro vale la presunzione di colpevolezza, e se fossero anche richiedenti asilo? E cosa potrebbe succedere alle loro famiglie in Eritrea ?
L'ambasciata eritrea a Roma sarà già al lavoro.
Grande successo annunciato dei nuclei antimmigrazione, poi si vedrà nel processo come andrà a finire.
Di certo la prova del fallimento di un sistema di accoglienza che ha costretto alla clandestinità, tanto per il trattamento riservato ai migranti dopo lo sbarco, che per la clava agitata dalle forze dell'ordine che, in base al Regolamento Dublino, forzavano il prelievo delle impronte digitali, inducendo molti alla fuga, e spesso non era una clava, ma un manganello.

siracusa.blogsicilia.it

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro