Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

giovedì 13 febbraio 2014

Confermate le denunce sulla condizione di disagio e di negazione dei diritti nel CIE di Trapani Milo



Dopo che ancora oggi altri visitatori, componenti del governo che non c'è più, hanno sostenuto che in fondo basta ridurre a due mesi il trattenimento nei CIE. Non cambierebbe molto. I Cie sono luoghi disumani che vanno chiusi subito e non ristrutturati. Occorre una revisione profonda della disciplina delle espulsioni e dei respingimenti, e magari smettere di chiuderev nei CIE richiedenti asilo come i 57 gambiani ancora oggi internati nel centro di Trapani. Persone sbarcate dalle navi (raccolta) Mare Nostrum il 4 gennaio scorso ad Augusta, che non hanno avuto la possibilità di fare una richiesta di asilo prima di ricevere , il 9 gennaio, il decreto di respingimento da parte del questore di Siracusa. Ed i giudici di pace hanno convalidato. Quando si dice che l'emergenza la producono le istituzioni...

http://trapani.blogsicilia.it/la-denuncia-medu-cie-di-trapani-luogo-di-inutile-sofferenza/237362/

http://www.trapaniok.it/4279/Politica-trapani/il-viceministro-bubbico-in-visita-ai-centri-per-immigrati-di-trapani#.Uv1KJHmYZsc

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro