Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

domenica 9 febbraio 2014

Militarizzazione del territorio attorno al mega CARA di Mineo (CT) e accoglienza che si trasforma in confinamento


Ai richiedenti asilo confinati nel mega Cara di Mineo, oltre il doppio della capienza massima prevista, si è impedito persino di uscire. Si temono nuove proteste, le tre commissioni, se lavoreranno come ha lavorato la commissione "speciale" inviata per i gambiani nel CIE di Milo, probabilmente faranno una decimazione, respingendo molte delle richieste di protezione. Dunque si avvicinano giorni sempre più caldi, dentro e fuori il CARA in un territorio militarizzato e desertificato dove i milioni di euro che piovono su Mineo sono una manna dal cielo per costruire consenso elettorale sulle assunzioni di oltre trecento dipendenti e sugli appalti per le forniture. Una economia dell'accoglienza che è diventata business del confinamento. Un business che adesso sarà protetto dai militari, anche in occasioni delle prossime proteste organizzate all'esterno della struttura. Si moltiplicano in Sicilia le zone rosse, dal CARA di Mineo al MUOS di Niscemi. Zone di sospensione del diritto.

ctzen.it

ctzen.it

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro