Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

martedì 13 maggio 2014

I libici si riprendono 450 migranti "illegali" siriani ed eritrei in fuga verso l'Europa. Il ministero dell'interno italiano spieghi cosa è cambiato.


Se occorreva una ennesima prova di un brusco cambiamento delle regole di ingaggio tra le unità italiane e quelle libiche al confine delle acque territoriali di Tripoli questa notizia conferma come le navi libiche siano intervenute per bloccare una imbarcazione carica di migranti in fuga verso l'Europa.
Il Direttore generale all'immigrazione Pinto, al ministero dell'interno, piuttosto che avanzare ipotesi sicuritarie sulle strategie degli scafisti, che userebbero barche sempre più fatiscenti per mandare alla morte i migranti, ipotesi che comunque andrebbe diversamente motivata, magari con il ricatto del governo libico e non con una scelta di una "Spectre" dell'immigrazione irregolare, spieghi come mai, in questi ultimi giorni, non siano più arrivate telefonate dalle imbarcazioni in difficoltà, che sono state avvistate dai mezzi militari italiani e libici PRIMA di avere potuto lanciare chiamate di soccorso.
E' possibile che ci siano nuove intese operative con i libici, addestrati in Italia, e che le navi di mare nostrum siano state arretrate verso Lampedusa, mentre si è concesso maggiore spazio di azione alle unità militari libiche? Dove stavano le navi militari italiane quando l'aereo ricognitore ATR della nostra marina ha avvistato il barcone che poi è affondato  a sole 100 miglia a sud di Lampedusa? Come mai si sono diradate le chiamate di soccorso lanciate dalle imbarcazioni partite dalla Libia ?

Ipotesi per ipotesi, e ascolteremo le testimonianze dei migranti quando saranno liberi di parlare senza essere sottoposti ad altre pressioni, potrebbe essere che dopo gli arresti sistematici degli scafisti, magari denunciati dopo essere stati ripresi con un telefonino al timone dei barconi, sia impedito ai migranti l'uso di telefoni, o che questi siano addirittura sequestrati prima dell'imbarco. Non mancano già adesso testimonianze in tal senso.
Riparte intanto tra Roma e Bruxelles il teatrino della politica che specula sulla morte dei migranti, con lo sfondo lugubre della Lega che propone di rilanciare i respingimenti di Maroni bocciati dalla Corte Europea dei diritti dell'Uomo e ripropone il reato di clandestinità. Avvoltoi come sempre.
Unica nota positiva 249 migranti salvati poche ore fa da Mare Nostrum, li stanno portando ad Augusta, vicino Siracusa.
Bene arrivati, massima solidarietà attorno ai superstiti delle stragi, difendiamoli dai razzisti e dagli sfruttatori con l'interposizione fisica ed ogni forma possibile di assistenza.

http://notizie.tiscali.it/feeds/14/05/12/t_42_20140512_EST_TN01_0099.html?ultimora

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro