Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

sabato 3 maggio 2014

Il superiore interesse del minore prevale sul Regolamento Dublino. Lo afferma la Corte di Giustizia dell'Unione Europea


                        Corte di giustizia dell’Unione europea

                           COMUNICATO STAMPA n. 71/13

Lussemburgo, 6 giugno 2013
Sentenza nella causa C-648/11
MA, BT, DA / Secretary of State for the Home Department

Lo Stato membro competente per l’esame della domanda d’asilo di un minore non accompagnato che abbia presentato domande in più Stati membri è quello in cui si trova tale minore dopo avervi presentato una domanda A tale proposito, nessun familiare del minore deve trovarsi legalmente in un altro Stato membro.

http://curia.europa.eu/jcms/upload/docs/application/pdf/2013-06/cp130071it.pdf

http://curia.europa.eu/juris/document/

 Lo conferma anche il nuovo Regolamento Dublino III n. 604 del 2013

http://www.meltingpot.org/Asilo

http://www.meltingpot.org/IMG/pdf/regolamento_604_2013.pdf

                                       Articolo 8
                                         Minori
1. Se il richiedente è un minore non accompagnato, è competente lo Stato membro nel quale si trova legalmente un familiare o un fratello del minore non accompagnato, purché ciò sia nell’interesse superiore del minore.


0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro