Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

sabato 24 maggio 2014

Un salvataggio in acque maltesi andato a buon fine. I profughi siriani detenuti ad Alessandria d'Egitto in arrivo a Pozzallo



Ricevo da Nawal Siryahorra e diffondo. Credo che oggi ci sia il tempo per riflettere su quello che è accaduto, in mare, tra l'Egitto, Malta e la Sicilia, mentre infuriava la baraonda di questa campagna elettorale.
Le persone soccorse ieri sono , in parte, le stesse per le quali ad aprile era stato chiesto un corridoio umanitario dall'Egitto, che nessuno ha concesso.
Questi i rischi che hanno corso dopo essere stati liberati dal centro di detenzione nel quale erano rinchiuse ad Alessandria d'Egitto. Questa volta è andata bene.
Ma è già successo in passato che un ritardo di poche ore costasse la vita a centinaia di persone e potrebbe succedere ancora in futuro. Non sempre i miracoli si ripetono. E la rotta che passa per le acque maltesi ( non territoriali ma ricadenti nella zona SAR- ricerca e salvataggio- che sulla carta sarebbe di competenza di Malta) è lunga e pericolosa.
Una rotta che adesso i profughi siriani sono costretti a percorrere per non passare dalla Libia dove hanno la certezza di essere arrestati ed abusati.
Occorre aprire corridoi umanitari per non costringere queste persone ad affrontare questi rischi.
E c'è qualcuno che vorrebbe bloccare queste imbarcazioni per riportarle ai porti di partenza o ritirare le navi che ancora riescono ad operare interventi di salvataggio. Per fare morire tutti in mare, così almeno gli altri imparano... pensa qualcuno.
Onore a tutti coloro che si sono prodigati per questo intervento di salvataggio da qualunque parte si trovino.

Scrive oggi Nawal Siryahorra
Vi racconto il lieto fine:
Stanno tutti bene e sono 435 persone e tra questi 265 sono bambini e 56 aon donne.
Oggi sbarcheranno a pozzallo.
Missione compiuta!


Diario di accoglienza..
caro diario... oggi e' il 23 05 14....
alle 8.30 mi ha chiamata la guardia costiera perche' non capiva quel che delle persone urlavano dalla altra parte del telefono...
alle 8.45 mi hanno messa in una chiamata di gruppo ... una delle piu' terribili che io abbia mai vissuto...
allora ragazzi al volo voglio la vostra posizione...
si ecco scriviiiiiiiiiiiiii :. 3408275...........poi scrivi 1926454..
quanti sieteeeeeeee per favore di a tutti di fare silenzio e non parlarmi di altro rispondi alle mie domandeeeeee e bastaaaaa mn chaaan allah...(Per Dio)
da dove siete usciti e che giorno...
Da alessandria ... quattro giorni fa... e siamo 500 persone su u8na sola imbarcazione.
lo scafista ci ha lasciati in acque internazionali ed ha spento il motore ed e' scappato...
le senti le voci dei bambini siamo famiglie....
ok....
per favore ascolta le mie parole e non mi parlare sopra...
tu hai un salvagente?
si... ce l'ho ..
ok
allora tieni tu il telefono turaya e usa della plastica chiudi bene il telefono.... questo telefono e' la vostra salvezza insieme alle nostre preghiere..
ya allaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaah
che succede???
l'imbarcazione si stava per capovolgere ia allaaaaaaaaaaah le onde sono alte...
Traduco al comandante della guardia costiera:: le onde sono alte e i motori sono spenti si potrebbe capovolgere l'imbarcazione...
si signorina vediamo di provvedere... ma le dico gia' che queste persone sono a 250 miglia dalla Sicilia...
cercheremo qualche petroliera nei dintorni o altro... vediamo... ok
ad un certo punto dico.. ragazzi tranquilli io sono nawall.... sono un attivista....
nooooooooooooooooooooooo sei tu nawal tu sei il nostro angelo... nawal ti conosciamo eravamo in carcere in Egitto ad al montazah....
Nawal sono abu Ahmaaaad ero ad al Rashid....
Per favore... per favore siamo nelle mani di Allah e nelle vostre mani...
Le mie lacrime.... il silenzio...... vi amo....
amare persone prima di conoscerle... lacrimare prima di abbracciarli... sentirsi amati prima di incrociare gli sguardi....
Alle 13 circa vengono raggiunti dalla Foscari e la guardia costiera mi comunica che forse verranno consegnati a malta perche' erano piu' vicini a malta....
ma stiamo aspettando cosa decide il ministero...



CHIEDIAMO ANCORA VERITA' E GIUSTIZIA PER LE VITTIME ED I DISPERSI DELLA STRAGE DELL'11 OTTOBRE 2013, SULLA STESSA ROTTA DI QUELLA SEGUITA DAI PROFUGHI SALVATI OGGI. PERCHE' QUESTE STRAGI NON SI RIPETANO PIU'.

http://espresso.repubblica.it/inchieste/2013/11/07/

In un comunicato della Marina si legge che il salvataggio di ieri si è reso necessario perchè sul barcone non avevano salvagente e dotazioni di sicurezza . Oltre che per il sovraffollamento e la presenza di bambini.  E se li avessro avuti, o fossero stati di meno, che avrebbero fatto, stavano a guardare...? 
 Non ci credo.

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Immigrazione-in-arrivo-a-Pozzallo-435-persone-soccorse-dalla-Marina-Militare-c0dc27fd-49a6-4a77-b177-dbed311a6317.html 





0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro