Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

giovedì 29 maggio 2014

Una denuncia da Catania. Identificazioni, indagini e scafisti Quanto vale la dignità e la sicurezza delle persone ?


Purtroppo succede da tempo. Prima succedeva a Lampedusa, dove dal 3 ottobre 2013 ai primi giorni di gennaio 2014 hanno trattenuto illegittimamente decine si siriani ed eritrei reduci delle stragi di ottobre, per lo svolgimento degli incidenti probatori, ora succede anche a Catania e Siracusa, con modalità che lasciano ancora più perplessi. 
La settimana prossima ne parlero' al Convegno che giorno 6 si svolgera' ad Augusta. Ci metto la faccia e mi assumero' le responsabilita' conseguenti. 
Troppi tacciono e non dicono quelli che succede sulle navi e dopo lo sbarco. E' una questione di dignita' da riconoscere a queste persone. Ed anche di capire quali sono i mezzi giusti per contrastare tutta la illegalita' che fiorisce attorno al proibizionismo delle migrazioni ed alla mancanza di canali umanitari. 
Canali umanitari che vanno aperti anche in Europa per superare le storture del regolamento Dublino III ed i ritardi di chi dovrebbe garantirne l'appicazione.

Ricevo da Nawal Siryahorra ed inoltro

" In Sicilia si stanno verificando molti casi strani....
Arresto di Siriani per giorni e giorni con la scusante ''testimone contro scafista''.
Altra logica a-normale :: "testimoniate o prendiamo a tutti le impronte".
Molte persone hanno lasciato le loro famiglie in Egitto o in Libia e una testimonianza forzata potrebbe significare ritorsioni contro le famiglie lasciate dietro.
Un'altra anomalia:: dopo la testimonianza vengono prese le impronte e tramite ''interpreti - questurini" viene comunicato ai rifugiati che queste impronte non saranno un ostacolo per il proseguimento del secondo viaggio della speranza verso il nord Europa. 

Denuncio pubblicamente la militarizzazione del lavoro dei mediatori culturali e degli interpreti che fanno firmare documenti scritti in italiano con un contenuto diverso rispetto al vero significato".

http://www.chiesacattolica.it/cci_new_v3/allegati/56991/locandina%20seminario.pdf 

http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2014/05/30/immigrati-naufragio-ottobre-comune-lampedusa-parte-civile-nel-processo_uc7b7etA9sax3pehZ8c5hJ.html 

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro