Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

venerdì 27 giugno 2014

Quali complicita' dietro lo scandalo accoglienza a Trapani ?


Chi ha coperto l'operato del sistema di potere che si nascondeva dietro la Caritas di Trapani? Da verificare la sussistenza di reati contro la persona e di reati contro la pubblica amministrazione.

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2014/06/26/news/don_librizzi_non_risponde_al_giudice_ecco_i_verbali_che_lo_accusano-90081283/

http://www.alqamah.it/2014/06/25/la-seconda-replica-della-curia-di-trapani-in-merito-allarresto-di-don-librizzi/ 

 http://www.alqamah.it/2014/06/25/don-librizzi-era-un-intoccabile-e-un-impunibile/

http://www.gds.it/gds/edizioni-locali/trapani/dettaglio/articolo/gdsid/355832/ 

http://www.lanotiziatrapanese.it/wordpress/?p=372 

AGGIORNAMENTO DEL 2 LUGLIO, ANCHE L'APPALTO DEL CIE DI MILO IN MANO A DON LIBRIZZI ?

http://www.malitalia.it/2014/07/don-librizzi-chi-sapeva-e-chi-monopolizzava-con-il-cie-allorizzonte/  

L'imputato parla con i giudici, dopo essersi avvalso della facoltà di non rispondere, ma solo per respingere le accuse. La Procura di Trapani evita i tentativi di depistaggio e mira al sistema monopolistico di accoglienza organizzato dietro il paravento della Caritas di Trapani. Siamo solo alla punta dell'iceberg.

http://www.gds.it/gds/edizioni-locali/trapani/dettaglio/articolo/gdsid/355832/

Grave errore dell'Ufficio ACNUR di Roma, e forse anche di Ginevra, che blocca la immediata convocazione in Procura dei propri esponenti in commissione territoriale. In questo modo si macchia il lavoro dei rappresentanti ACNUR che in passato hanno operato in Commissione in modo trasparente e tecnicamente ineccepibile.Una scelta che può alimenatre depistaggi e strumentalizzazioni, una scelta che ci auguriamo possa essere rivista.

http://www.malitalia.it/2014/06/gli-intrighi-di-don-librizzi-tra-sesso-potere-e-coperture/

                  

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro