Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

domenica 1 giugno 2014

Riprendono i conflitti di competenza tra Italia e Malta e si rischia un'altra strage di bambini.


Lo avevamo scritto ieri. Sembrava proprio che ci fosse un altro conflitto di competenza tra Italia e Malta nelle acque del Canale di Sicilia. Ed oggi sta puntualmente accadendo, con il rischio che ci sia un'altra strage di bambini, o che le famiglie vengano separate per un tempo indeterminato, perchè dopo lo sbarco a Malta non c'è nessuna certezza su quando si potrà essere liberati dai centri di detenzione con i quali l'isola "accoglie" i profughi che vengono sbarcati. Tutto quello che potrà avvenire ricade nella diretta responsabilità dei governi italiano e maltese.

Sulla barca che dovrebbe essere soccorsa al più presto alcuni dei profughi siriani, tra cui questa bambina, che nel mese di aprile sono stati detenuti nel commissariato di polizia di Al Rashid  ad Alessandria d'Egitto. Quelli per cui nessuno ha saputo aprire corridoi umanitari, anche se erano in prevalenza donne e banbini. Con le conseguenze che stiamo vedendo in queste ore.

http://video.repubblica.it/edizione/palermo/da-al-rashid-alla-sicilia-su-un-barcone-il-racconto-dei-siriani/168241/166725

Non mi piace pubblicare foto di questo tipo, ma per come stanno comportandosi le autorità italiane e maltesi, siamo costretti a dare un volto a chi rischia di scomparire in mare o di finire per mesi in un centro di detenzione a Malta. Forse l'UNHCR o l'OIM faranno a Malta quello che non hanno potuto o saputo fare in Egitto, consentire un accesso legale in Europa a questa bambina ed alla sua famiglia, hanno già sofferto davvero troppo.

Ricevo da Nawal Siryahorra e condivido

Ping pong tra Italia e Malta sto per vomitare....
La vita di 88 persone in mare e' nelle mani di italia e malta.
Il mio primo sos e' stato 4 ore fa....
Adesso una donna e' in pericolo e sta partorendo e L'Italia afferma che queste persone sono in acque maltesi.
Aggiungono pure che il primo soccorso potra' arrivare fra un'ora da Malta e tutti i rifugiati verranno portati li.........
Non so che dire...
La piccola amica nostra e' su questa imbarcazione..."


http://www.hrw.org/news/2014/04/01/dispatches-malta-commits-ending-detention-migrant-children 

Il governo maltese continua a violare le direttive dell'Unione Europea e trattiene a tempo indeterminato richiedenti asilo e minori, tutti considerati come migranti illegali.

http://edition.cnn.com/2014/01/03/business/malta-can-no-longer-support-refugees/ 

Il governo italiano valuti le conseguenze di una trattativa con il governo maltese sullo sbarco di profughi siriani nell'isola. Di certo sarebbe la conferma di una inversione completa di rotta sulle modalità operative della missione Mare Nostrum...

http://www.amnesty.org/en/region/malta/report-2013 

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro