Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

sabato 19 luglio 2014

A Lampedusa concentrati oltre 1000 migranti nel centro di primo soccorso ed accoglienza. Mare Nostrum non basta piu'.Adesso trasferimenti aerei in tutta Italia.


Da Repubblica, edizione di Palermo

 "Già ieri l'isola di Lampedusa si è popolata di 1278 migranti. Arrivati con sette sbarchi diversi cominciati all'alba. Tutti a bordo di barconi che sono riusciti a eludere i controlli dell'operazione Mare Nostrum. Il primo con 352 persone a bordo è arrivato direttamente al porto, gli altri sono stati raggiunti dalla motovedette della guardia costiera e accompagnati in banchina. I migranti, quasi tutti siriani ed eritrei, hanno atteso diverse ore in banchina prima di essere trasferiti al centro di accoglienza, ufficialmente chiuso per lavori di ristrutturazione in vista della riapertura di settembre. In queste ore, con ponti aerei, dovrebbero essere trasferiti altrove".


http://palermo.repubblica.it/cronaca/2014/07/19/news/maxi-ondata_di_migranti_tremila_e_cinquecento_soccorsi_in_due_giorni-91925659/?ref=HRER3-1

http://www.ansa.it/sicilia/notizie/2014/07/20/immigrazione-prosegue-ondata-di-sbarchi-in-sicilia_9ef9abb1-16d3-4155-b148-2fb12de5a9e4.html

Ed a Messina "Accoglienza in tilt"

 Anche il TG 3 Regione  del 21 luglio titola " A Messina accoglienza in tilt, per l'arrivo di un numero superiore di profughi". Nave San Giorgio sta andando con 1000 persone verso un porto non meglio indicato. Sarà in tilt anche la direzione centrale del ministero dell'interno. Le Questure, le Prefetture, le associazioni sembrano non comunicare tra loro. Solo le associazioni raccolgono testimonianze terribili sulla morte di molti parenti dei sopravvissuti. Ma non basta la morte. Ci sono stati anche furti e violenze.

Si raccolgono le prime testimonianze su furti di valigie di siriani, fatti transitare da Malta e poi trasportati a Messina in condizioni pietose, e praticamente abbandonati in una scuola, dove sono intervenuti soltanto volontari e funzionari del Comune, nella totale assenza di organizzazione e di assistenza medica coordinata da prefettura e questura. Alcuni precedenti si erano verificati nel mese di ottobre, su navi militari italiane, e c'erano state anche alcune denunce in Procura ad Agrigento per la scomparsa di valori consegnati ai marinai italiani. Una macchia sulle fasi iniziali dell'operazione Mare Nostrum che va rimossa con l'accertamento delle responsabilità. Su quanto successo a Malta va aperta una indagine internazionale, raccogliendo le testimonianze nei paesi nei quali si trovano le vittime di questi furti.


0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro