Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

mercoledì 13 agosto 2014

Continua ad aumentare il numero delle persone soccorse nel Canale di Sicilia, ma in Italia l'aumento dei migranti presenti rimane minimo, Sempre di più vanno via.E vanno via anche gli italiani.




Troppa gente ne fa solo una questione di numeri. Come se le persone fossero riducibili soltanto a numeri. Pochi mesi fa dati ufficiali dell'Istat davano in calo la presenza dei migranti in Italia, oggi dopo 100.000 arrivi nel solo 2014, il saldo ritorna positivo, ma su numeri molto vicini a quelli degli anni passati.  E poi si tace che molti sono gli stranieri comunitari, che godono della libertà di circolazione e che in molte regioni, anche al sud, in agricoltura, stanno sostituendo i lavoratori che provengono da paesi non appartenenti all'Unione Europea. Aumenta ovunque la precarietà e lo sfruttamento, e da qualche tempo questi fenomeni riguardano anche richiedenti asilo intrappolati in procedure che durano anni e confinati in centri di accoglienza dove vengono lasciati in stato di abbandono.

Chi arriva sulle barche non arriva per sua libera scelta. In Libia si può morire anche per caso, come è successo pochi giorni fa a 18 lavoratori egiziani centrati da un razzo a Tripoli. Le immagini che chiunque può guardare e le storie che raccontano i sopravvissuti non riescono a dare la dimnsione delle tragedie che si sono lasciati dietro. Non è una questione di numeri, ma per quelli che guardano solo i numeri, facciamoli pure questi numeri...  Non si fanno più i decreti flussi per gli ingressi per lavoro. Molti non rinnovano i permessi di soggiorno e si trasferiscono all'estero. Meglio, si trasferiscono all'estero e non rinnovano i permessi di soggiorno. Se ne sono arrivati 100.000 quasi lo stesso numero potrebbe avere abbandonato il nostro paese. E non a  torto. del resto se ne stanno andanco anche molti italiani.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/11/13/immigrazione-in-italia-51-milioni-di-stranieri-rappresentano-un-beneficio-da-14-miliardi/776070/

 http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/462644/Aumenta-l-emigrazione-italiana-diminuisce-l-immigrazione-straniera

http://www.ilmondo.tv/en/notizie-emigrazione/781-italiani-di-nuovo-emigranti-il-2014-primo-anno-a-saldo-migratorio-negativo.html

http://www.ansa.it/calabria/notizie/2014/08/11/a-reggio-calabria-1.700-immigrati_3b86500a-549a-4bd7-b770-4087ba2fae72.htm

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Immigrazione-nel-2014-sbarcati-quasi-100-mila-migranti-18275326-c501-4462-90d5-a9c290ca3e85.html

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2014/08/13/news/immigrati_incessante_flusso_di_arrivi_866_soccorsi_nella_notte-93673074/

http://www.ansa.it/sicilia/notizie/2014/08/14/alfano-ue-risponda-su-mare-nostrum_a5d3a64b-8d85-408a-9836-61a2fd5dd9eb.html




0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro