Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

sabato 30 agosto 2014

Naufragi anche in Grecia, dove Frontex è già al comando delle operazioni di contrasto dell'immigrazione "illegale".


http://www.migreurop.org/article2533.html?lang=fr


Questo succede in Grecia, dove Frontex ha assunto da tempo il coordinamento delle operazioni di intercettamento a mare delle imbarcazioni di migranti in fuga dalla Turchia, molti sono siriani. Frontex Plus esiste già, e dove opera con abbondanza di mezzi la gente continua a morire.

http://www.fidh.org/en/europe/greece/14235-greek-turkey-border-the-tragic-limits-of-european-migration-policies

 Le agenzie naturalmente non riferiscono neppure la sorte che tocca ai migranti dopo essere stati bloccati in mare e riportati in Turchia. Afghani ed Irakeni sono stati persino rimpatriati, e la condizione dei siriani in Turchia peggiora giorno dopo giorno. La Corte Europea dei diritti dell'Uomo non decide ancora sul ricorso Sharifi e altri contro Italia e Grecia, dopo 5 anni, davvero uno scandalo che fa molto riflettere sulle residue possibilità di una tutela effettiva dei diritti dei migranti davanti a questo organismo.

http://www.mediciperidirittiumani.org/pdf/low_rapporto_Medu_2013.pdf

  I ricorrenti intanto sono stati dispersi e respinti, e qualcuno che non dà più notizie è stato probabilmente ucciso dopo il rimpatrio forzato.

http://atenecalling.org/greciafrontex-schiaffo-in-faccia-per-i-respingimenti/

 Numerosi rapporti di agenzie umanitarie documentano il fallimento delle missioni Frontex al confine tra Grecia e Turchia, ed il costo altissimo, i termini di vite umane, che i migranti hanno dovuto pagare.

http://www.proasyl.de/en/press/press/news/pro_asyl_releases_new_report_pushed_back/

 "Send human rights observers – end Frontex operation
In the operational area of Frontex “Poseidon Land and Sea” human rights violations are carried out systematically and successively. The EU-Commission must finally take determined action against these. The pressure on the Greek Presidency must be increased: PRO ASYL demands EU-Infringement proceedings and the cut off of all EU funds, which are used for human rights violations. The European Union must send well-appointed human rights observers to the Greek-Turkish border. At the same time, border agency Frontex operation in the Aegean must end. According to the Frontex Regulation and due to the ongoing human rights violations in Frontex "Poseidon Land and Sea" operational area all criteria are met according to which the operation must be canceled [i].
The systematic human rights violations are documented in the PRO ASYL report „Pushed back“ of November 7th, 2013, the reports of UNHCR about collective expulsions violating international law as well as reports of further human rights organizations.
The systematic illegal push-backs are implicitly confirmed by Frontex statistics themselves: The massive decline of newly arriving asylum seekers in Greece - of more than 31,000 refugees and migrants in 2012 to nearly 9,000 people in the first nine months of 2013 - is only explicable due to violations of international law and inhuman push-back practices".

 http://www.proasyl.de/en/news/news-english/news/eu_parliament_debate_about_the_refugee_tragedy_of_farmakonisi_european_responsibility/

Ma i migranti in fuga non li ferma nessuno, molti sono ancora minori non accompagnati, c'è chi è stato respinto otto volte dai mezzi di Frontex , ed al nono tentativo è riuscito a passare in Grecia e da lì in Italia, malgrado o respingimenti collettivi illegali che la polizia italiana pratica ancora da Bari, da Ancona e da Venezia.  Benvenuto.

http://ansamed.ansa.it/ansamed/it/notizie/rubriche/cronaca/2014/08/29/immigrazione-grecia-intercettati-182-migranti-nellegeo_4f7295b8-dfd8-4630-9239-ec61e1a18804.html

http://www.meltingpot.org/Grecia-Ennesima-strage-di-migranti-nel-Mar-Egeo.html#.VAG_TEYcRsc

http://www.dinamopress.it/news/grecia-lennesima-strage-di-migranti-mare

Appelli che nessuno raccoglie...

(ANSAmed) - ROMA, 29 AGO - "Solo l'apertura delle frontiere dei paesi occidentali, e di quelli più ricchi in generale, potrà dare una speranza di salvezza a una popolazione allo stremo.
L'appello di Oxfam giunge dopo l'annuncio dell'Unhcr sul numero di profughi siriani ufficialmente registrati, che ha raggiunto i 3 milioni, cui si aggiungono 10,8 milioni di persone (fra cui oltre 6 milioni di sfollati interni) che hanno bisogno di aiuto dentro il Paese.

"Bisogna agire con urgenza - dice l'Ong - per arginare la crisi di un'intera regione piegata dallo spostamento in massa di milioni di persone, dalla mancanza di fondi, dall'insufficienza di servizi e infrastrutture dei paesi confinanti, ormai al collasso dopo oltre 3 anni di crisi".

Solo 123.600 profughi siriani, evidenzia l'ong citando l'Unchr, hanno trovato una sistemazione nei Paesi europei, contro il milione e 169.846 in Libano, gli 832.508 in Turchia, 612.737 in Giordania (di cui oltre l'80% nei due campi: Azraq e Zaatari). E solo 5000 hanno trovato sistemazione lontano dai Paesi limitrofi grazie all'intervento dell'Onu, vale a dire lo 0,16% del totale".

http://ansamed.ansa.it/ansamed/it/notizie/rubriche/cronaca/2014/08/29/siria-oxfam-a-governi-occidenteaprite-frontiere-a-profughi_89176b5e-e205-4f8b-95d9-df54c53f2bbf.html


0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro