Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

sabato 9 agosto 2014

Una strage che è stata dimenticata subito. L'assuefazione uccide una seconda volta. E la Tunisia intercetta 90 migranti in fuga verso Lampedusa.




Una strage, quella del 3/4 agosto davanti alle coste libiche, della quale non si è parlato affatto. Dimenticata subito, meno che dai parenti che invocano notizie senza che nessuno risponda loro.

 http://www.resapubblica.it/evidenza/morti-morti-ennesimo-naufragio-olocausto-non-frega-nessuno/

Fanno invece notizia i sindacati di polizia che protestano per qualche agente risultato positivo al test della Mantoux (TBC) ma assolutamente sano, il sindaco di Pozzallo che batte cassa alla Regione Sicilia e Alfano che favoleggia di Frontex e di grossi "hub" per l'accoglienza. Del resto l'esperienza del CARA di Mineo ha mostrato evidenti vantaggi politici per quei partiti che hanno gestito il consorzio, che continuano a spartirsi posti di lavoro e milioni di euro di profitti.

 Queste le motovdette "regalate" alla Tunisia nel 2011 da Maroni e poi, in piena continuità con i leghisti, ne sono arrivate ancora altre.

 http://www.stranieriinitalia.it/attualita-quattro_motovedette_italiane_alla_tunisia_13032.html

Queste "donazioni "sono il frutto degli accordi bilaterali e  costituiscono la esternalizzazione dei controlli di frontiera con la cessione ai paesi del nordafrica del potere di interdire l'attraversamento delle acque internazionali verso l'Europa. Quel compito infame che l'Italia non può svolgere più direttamente, dopo essere stata condannata nel 2012 dalla Corte Europea dei diritti dell'Uomo sui respingimenti collettivi effettuati nel 2009 verso la Libia ( caso Hirsi Jamaa ed altri/Italia) .
Adesso si tenta di delegare il compito di bloccare i profughi in alto mare alle polizie ed alle guardie costiere dei paesi di transito. In questo modo e con l'intervento delle unità militari europee delle missioni Frontex, si cerca di porre termine all'operazione militare, ma anche umanitaria, chiamata Mare Nostrum. Un impegno a chiudere che Alfano ormai ripete come un mantra invocando gli accordi bilaterali e Frontex. In continuità con chi lo ha preceduto al ministero dell'interno.

 http://www.terrelibere.org/emergenza-frontex-e-hub-le-idee-di-alfano-sullimmigrazione/

Anche il ministro Cancellieri, del governo Monti,  nel 2012 ha continuato a rifornire di pattugliatori la guardia costiera tunisina, proprio due di queste imbarcazioni, se non le stesse, ieri mattina erano ormeggiate nel porto di Trapani. Manovre congiunte ? Respingimenti collettivi in mare delegati alle autorità dei paesi di transito ?

http://www.poliziadistato.it/articolo/view/27823/

http://www.businessnews.com.tn/La-Tunisie-re%C3%A7oit-un-don-de-6-vedettes-de-la-part-du-gouvernement-italien-(vid%C3%A9o),534,34954,3

 Davanti alle coste libiche è strage continua, si parte a qualunque costo, sotto i colpi delle armi da fuoco delle milizie, in mano a trafficanti senza scrupoli ed a scafisti improvvisati, spesso scelti tra gli stessi migranti. Alcune centinaia di profughi vengono bloccati, ancora in queste settimane,  in acque tunisine, dalle motovedette regalate dall'Italia alla Tunisia.

 Ieri poi, a Trapani, due strane motovedette con bandiera ( ancora italiana) e scritte sulle fiancate in francese. Forse l'ennesimo "regalo" alla Tunisia, sulla base degli accordi bilaterali, per accrescere la sorveglianza a mare ed impedire le partenze verso la Sicilia. Molti migranti intrappolati in Libia sono passati infatti in Tunisia. E da li potrebbero ripartire...

Ed infatti oggi 9 agosto le motovedette italo-tunisine hanno "colpito" ancora. I profughi dopo essere stati intercettati in alto mare, probabilmente partiti dalla Libia, sono stati riportati a Zarzis, porto tunisino vicino al confine libico,  in attesa di una decisione sul loro destino. Dovrebbe essere stato chiamato in causa anche l'UNHCR, vediamo che fine riserveranno a queste persone.

http://www.asca.it/news-Intercettati_90_migranti_in_Tunisia__erano_diretti_a_Lampedusa-1412895-ATT.html

http://www.bluewin.ch/fr/infos/international/2014/8/9/tunisie--90-clandestins-interceptes-au-large-de-za.html

Per i tunisini comunque si tratta solo di migranti ilelgali, da rimpatriare con la collaborazione dei paesi di provenienza. Anche se la Tunisia aderisce alla Convenzione di Ginevra , sui rifugiati i casi di riconoscimento del diritto di asilo sono soltanto qualche centinaio all'anno, ed i rifugiati riconosciuti dall'UNHCR non hanno uno status legale.

http://www.tap.info.tn/en/index.php/politics2/20210-zarzis-tunisian-navy-rescues-91-illegal-immigrants

 Era successo già nel mese di giugno, ma in Italia non ne ha parlato nessuno.

http://www.huffpostmaghreb.com/2014/06/06/migrants-clandestins-zarzis_n_5459904.html

Ricevo da Martina Tazzioli della rete Migreurop e diffondo

The Guarde National tunisienne has 'rescued' many boats carrying migrants and refugees in the past few months. However, these vessels  were not all in distress when they got 'rescued'. As the colonel of the Guarde Nationale maritime in Tunis explains in an interview, the current bilateral agreement with Italy establishes that the Tunisian Navy and the Tunisian National Guard should block boats carrying migrants also if not in distress. For instance, as reported by two migrants rescued on the 5th and the 7th of June, the Tunisian National Guard diverted the boats they were on bringing them to Zarzis harbour, even if the boats were not in distress.  Moreover fishermen in Zarzis and in Sfax report that Tunisian authorities have not responded to the SOS they launched when they found  migrant boats that were drowning.

But what happens to migrants and refugees after they are disembarked in Tunisia ? They are identified by the Tunisian National Guard who ask about nationality and age. Then they are taken to the city of Medenine, where the Tunisian Red Cross is in charge of sorting them: those who come from “unsafe countries” – namely, Syria,  Palestine, Iraq, Mali, Somalia and Eritrea – are placed in the UNHCR’s foyer; while those whose nationality is from a “safe country” in the Red cross and UNHCR assesment – for instance, Cameroun, Senegal, Gambia, Ghana, Nigeria and Ivory Coast - are placed in another building without any humanitarian assistance and legal support. In fact, those at the UNHCR foyer are registered by the Tunisian Red Cross and questioned if they want to claim asylum. On the contrary, migrants from “safe countries” are literally thrown and left in a decrepit building without any food and only with some mattresses on the ground. None of the people at this foyer we talked with had been informed by UNHCR or by the Red Cross about the possibility and the right to claim asylum, as well as about the legal procedure. The first organization they met upon arrival was IOM, which asked them: “are you a migrant?”, as if people who most of the time have been travelling for years also before arriving in Libya could give a negative answer… Obviously the question is asked to prevent that a huge number of the persons rescued at sea decide to claim asylum.
Actually, a quite sharp partition is made by “humanitarian actors” between those who are treated as asylum seekers and then encouraged to accept the local integration program in Tunisia, and those who are  pushed to live the country, even encouraged to go back to  Libya, as some migrants told us, or to their country of origin with IOM voluntary return programs. “Before letting them claiming asylum, we must check that they meet the criteria. Indeed, usually, migrants rescued at sea should come back home”: this astonishing statement by a Red Cross officer about people in Medenine reveals that people from “safe countries” actually are not even allowed to claim asylum.
Among those who are intercepted or rescued at sea, there are also migrants who have lived at Choucha camp for three years: refugees who refused the local integration program and rejected refugees who have been denied the international protection. In fact, also statutory refugees  from Choucha have not received the residence permit from the Tunisian government, since to date Tunisia has not an asylum law, yet. People from Choucha under UNHCR protection who are rescued at sea by the National Guard in the attempt to go to Italy, de facto loose the refugee status - since for Tunisian authorities they are economic migrants who enter the territory illegally – so they are jailed in the prison of Ouardia in Tunis. This is the case of Z., a refugee from Choucha who after being rescued, remained in prison for two months.
“Choucha does not exist anymore. Those who are still there are only nomads in the desert”: said an  international organization officer, a statement we often heard from other humanitarian organizations and migration agencies like IOM, when questioned about Choucha camp. After UNHCR’s official closure of the camp in June 2013, that space is made invisible by governmental and humanitarian actors, despite the presence of about 100 people (including sick persons) who are still there, with no food and medical assistance, and living in extreme conditions.
Medenine is becoming one of the spaces where people escaping Libya are placed and where their presence is much less noticeable than at Choucha camp. Tunisia has become a pre- border zone for people escaping wars before being eventually rescued by Mare Nostrum to be then stranded in sketchy foyers and even jails".

Ricordiamo i primi risultati, nel 2011, migranti  morti in mare  durante operazioni di blocco e di respingimento operati da pattugliatori tunisini. Succederà ancora ?

http://www.tunisienumerique.com/tunisie-des-garde-cotes-accuses-de-naufrage-d%E2%80%99embarcation-d%E2%80%99emigrants-clandestins/7268

La guerra ai migranti continua e le vittime, sempre più numerose, continuano ad affogare nel Mediterraneo. Nessuno le cerca più seriamente. Anzi non se ne deve neppure parlare. Meglio dare spazio agli allarmi sulle malattie che portano i migranti. Arrivano comunque le smentite.

http://palermo.blogsicilia.it/falso-allarme-tubercolosi-per-i-poliziotti-che-soccorrono-i-migranti/267632/

http://ctzen.it/2014/08/09/migranti-la-polizia-di-stato-smentisce-i-casi-di-tbc-in-40-positivi-ai-test-ma-nessuno-e-ammalato/


0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro