Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

mercoledì 24 settembre 2014

I centri di identificazione ed espulsione (CIE) sono costosi e non si possono umanizzare. La Commissione Diritti umani del Senato e la Campagna Lasciatecientrare denunciano una situazione contraria ai diritti ed alla dignità delle persone. Forte tensione anche nei CARA.


I Cie non sono strutture che si possono umanizzare, vanno aboliti, oltre che costosi ed inutili violano la dignità ed i diritti fondamemtali delle persone trattenute, e ci finiscono pure molti richiedenti asilo. Si tratta soprattutto di egiziani esposti al rischio di rimpatri collettivi, con provvedimenti che nel giro di un fine settimana non danno neppure la possibilità di esercitare effettivamente i diritti di difesa o di fare valere una richiesta di asilo. Anche la situazione nei CARA è esplosiva , per effetto della carenza di posti e per la lunghezza delle procedure per il riconoscimento della protezione umanitaria.

 Riceviamo dal Senatore Luigi Manconi Presidente della Commissione Diritti umani del Senato

La Commissione Diritti umani del Senato approva Rapporto sui CIE: negata dignità e diritti delle persone

La Commissione, dopo aver visitato nei mesi scorsi i centri di Bari, Roma, Gradisca d'Isonzo, Trapani e Torino esprime un giudizio estremamente severo: sono emerse numerose carenze riguardo alle funzioni che essi dovrebbero svolgere, e ciò in ragione di rilevanti insufficienze strutturali, nonché di modalità di esecuzione del trattenimento gravemente al di sotto degli standard di tutela della dignità e dei diritti delle persone trattenute.
La Commissione propone oggi al Governo una serie di interventi sulle procedure che regolano il sistema di trattenimento, identificazione ed espulsione con l'obiettivo di rendere il ricorso al trattenimento una misura estrema, del tutto residuale e finalizzata esclusivamente al rimpatrio, di ridurre al minimo i tempi di permanenza in quelle strutture e di assicurare alle persone sottoposte al trattenimento il rispetto delle garanzie previste dalle norme nazionali e internazionali.


Questo il Report della Campagna LasciateCientrare dopo la visita nel CIE e nel Cara di Pian del Lago a Caltanissetta.

http://www.lasciatecientrare.it/j25/italia  



CAMPAGNA LASCIATECIENTRARE
REPORT VISITA PIAN DEL LAGO 19 SETTEMBRE 2014

Caltanisetta, Pian del Lago - 19 settembre 2014 Al nostro ingresso al centro governativo di contrada Pian del Lago, troviamo ad attenderci per accompagnarci nella nostra visita, i rappresentanti di Questura e di Prefettura e la direttrice del centro, dipendente dellente gestore Auxilium.
Il centro governativo è formato da una parte più piccola costituita da blocchi di cemento ed una grande area costituita da container. Dietro queste strutture, doppiamente recintato con sbarre altissime, si erge il Cie presidiato da polizia e esercito.
Davanti al cancello si trovano le aree amministrative: l'ufficio dove la PS sottopone agli esami fotodattiloscopici i migranti e la cosiddetta medicheria.
Nella zona antistante il Cara si riunisce la commissione territoriale per il riconoscimento dello status di rifugiato. In media i tempi di attesa per la data dell'audizione che ci vengono comunicati dal rappresentante della Questura sono 8 mesi, sempre che il richiedente non risulti già foto-segnalato in altro Stato. In questo caso passano altri due/ sei mesi per gli accertamenti necessari in base al regolamento Dublino (ovvero verificare se il richiedente deve essere rinviato nel primo stato che lo ha identificato).
La direttrice del centro ci comunica che gli ospiti attualmente ospitati nel CARA sono in totale circa 570, rispettivamente: 360 nella zona più grande, 116 nel CDI , mentre quelli trattenuti nel CIE sono 92.
La nostra visita inizia dal blocco più piccolo del Cara, costituito da edifici in muratura. In ciascuno di essi vi sono quattro stanzoni con sei letti (attaccati luno allaltro) che consistono in blocchi di cemento su cui sono disposti dei materassi. Ciascuno di questi edifici dove vivono gli ospiti, è dotato da 4 docce e 6 wc ( per un totale di 48 persone).
Sia le stanze che i bagni sono visibilmente stati puliti in occasione della nostra visita (visita annunciata e poi rimandata dalla prefettura a questa data, da settimane) ciononostante sono atavicamente sporchi e puzzolenti.
Al nostro arrivo, i richiedenti asilo sono in parte raccolti in preghiera per terra, in uno spazio aperto antistante la cosiddetta area mensa, anchessa adibita entro una delle strutture in muratura, allestita con tavoli e sedie, i quali a prima vista sembrano evidentemente insufficienti per il numero di "ospiti"; ma un funzionario ci spiega che "mangiano a turno e si alzano tardissimo la mattina".
La direttrice del centro, dipendente di Auxilium, ente gestore di Cie e Cara, è l'unica a rispondere schietta e preparata alle nostre domande. Ci spiega che ai profughi viene consegnata una chiavetta che viene ricaricata con 2,50 euro al giorno utilizzabile solo all'interno del Cara per acquistare bevande, sigarette o schede telefoniche. 
Ai richiedenti asilo non vengono mai dati contanti ne' altra forma di denaro spendibile fuori dal Cara. Cosi nelle ore diurne, quando possono uscire dalla struttura e andare in città non possono ne' comprare un biglietto del bus ne' sedersi a un bar a bere un caffè', possono solo vagare senza meta precisa.
Peraltro per arrivare in città, poiché la zona non è neppure servita dal servizio di trasporto pubblico, occorre percorrere 6 km a piedi in una pericolosissima strada trafficata e priva di marciapiedi e illuminazione.  La settimana scorsa un profugo pakistano è stato investito accidentalmente (attualmente e' ricoverato in coma presso l'ospedale di Caltanisetta).
Gli orari di entrata e uscita dal centro sono dalle ore 10 del mattino alle ore 20, con una certa flessibilità per lorario del rientro, durante il periodo estivo.
Proseguiamo la nostra visita e facciamo ingresso nella zona più grande del centro, quella allestita con i35 container 35 per un numero di 8-10 letti ciascuno, secondo quanto comunicateci. Qui i numeri faticano a tornare, infatti nellunico container che abbiamo visitato, i letti (brandine grezze disposte a castello) erano ben 18 di cui 16 dotati di materassi e lenzuola, e quindi visibilmente utilizzati al momento della nostra visita. Se il medesimo numero di letti utilizzati fosse, come ci è stato poi comunicato, so stesso anche nei restanti 34 container, gli ospiti presenti in questa parte di campo risulterebbero essere ben 560, solo in questa parte di CARA.
Vale a questo proposito ricordare che la capienza delle diverse aree del centro governativo di Pian del Lago è rispettivamente: 360 e 96 nelle due aree adibite a CARA e 96 nel CIE.
Qualche settimana fa erano presenti anche donne e oggi nella visita incontriamo diversi minori.
Anche in questa parte del Cara l'area mensa contiene tavoli e sedie decisamente insufficiente rispetto al numero elevatissimo di presenze.
Chiediamo a quel punto informazioni sui servizi di assistenza alla persona garantiti agli ospiti del centro e sullo staff specializzato predisposto. Apprendiamo che i mediatori e interpreti sono in totale 8 persone,i quali sono impiegati sia al cara che al cie e dunque si devono occupare di oltre 550 stranieri (in un regime di capienza ordinaria). Mentre gli operatori delegati ad assicurare la consulenza legale agli ospiti del CARA sono 4, dei quali nessuno di loro possiede il titolo di avvocato ne' una laurea in giurisprudenza
Lunica attività nel Cara prevista solo è una scuola di italiano base che si tiene nell'area mensa dove scorgiamo, oltre la presenza di tavoli rotti ed un esiguo numero di sedie, alcuni disegni raffiguranti barche e mare attaccati a qualche colonna . L'infantilizzazione degli stranieri (ed in assoluto delle persone anche in parte private delle libertà)  è un mal costume difficile da debellare.
I servizi igienici di questa parte di centro sono anchessi allestiti in container, ciascuno dei quali contiene 6 docce 12 wc. Ci sono poi altri 2 container più piccoli, ma quasi per niente funzionanti, da quanto ci riferiscono gli ospiti.
In totale quindi i wc a disposizioni delle numerose persone che vi vivono(che sembrano oscillare tra i 360 e i 560)  sono 48, mentre le docce 24. Le condizioni inaccettabile dei bagni ci viene continuamente riferita dagli ospiti con cui abbiamo man mano modo di parlare, durante la nostra visita. A un certo punto sono loro stessi ad invitarci a guardarli tutti. Entriamo dunque anche negli altri tre container e la situazione che troviamo è sempre la stessa: il pantano formato dallacqua sudicia degli scarichi rotti per terra, porte divelte, sporcizia, puzzo insostenibile. Sono gli ospiti stessi a volerci mostrare tutti i malfunzionamenti. Accanto alle porte dei WC scorgiamo diversi contenitori che vengono utilizzati per gettare lacqua dello scarico. A questo punto chiediamo a loro una stima dei servizi siano effettivamente funzionanti. Ci rispondono che la media è di 2 bagni su 6 e una doccia su tre per ciascun container: quindi un totale di 16 bagni e 6 docce, per lintera area del centro.
La visita in entrambe le aree è "guidata" da funzionari di vario grado prefettizi, della questura e da alcuni operatori di Auxilium, dunque i colloqui con i profughi non stati ne privati ne' liberi dall'ansia di eventuali ripercussioni.
Ci imbattiamo in almeno 7 ragazzini africani palesemente minorenni.
Alcuni di loro negano di essere minori , spaventati all'idea di essere separati dagli altri (magari amici o parenti) e inviati verso nuovi centri e un destino sconosciuti.
Altri invece rivendicano la loro evidente minore età, ma, sottoposti ai raggi del polso, sono risultati maggiorenni e dunque come tali trattati. I loro casi pare siano stati segnalati a Save the children, ma loro non sembrano minimamente consapevoli dei loro diritti ne' delle procedure in atto.
Man mano gli ospiti iniziano a capire il perché della nostra visita si avvicinano per chiederci informazioni, lamentare le condizioni di vita nel centro e denunciare i tempi di attesa della commissione e del rilascio dei permessi (qui potremo inserire tutta la parte di Fulvio che riporta quanto riferitoci in merito ai tempi di commissione, rilascio permessi, limite di tempo per presentazione prove etc)
In molti, troppi, ci hanno detto di vivere come animali. Il cibo scarso, c'è anche chi ha sollevato il dubbio di ricevere carne hallal poichè quando hanno chiesto di poter avere visione della certificazione, nessuno ha dato loro retta.
La visita nel Cie dove oggi sono trattenute 92 persone (su una capienza di 96) è stata autorizzata solo per tre persone, con modalità assolutamente restrittive e inedite.
Ci viene fatto superare il primo cancello e il recinto altissimo presidiato da polizia e esercito ma veniamo fermati al secondo cancello che avrebbe dovuto consentirci la visita all'interno del Cie. Le ragioni sono quelle fumose, quanto discrezionali, della "sicurezza pubblica". Un funzionario che replica alle nostre civili proteste ci spiega che in questo Cie c'e' un altissimo tasso di evasione e gli scontri e le rivolte sono all'ordine del giorno. Chiedo conforto su questa notizia ad un operatore Auxilium che però nega.
Comunque non ci viene consentito di visitare la struttura ne' i locali di cemento dove sono alloggiati i trattenuti in attesa di essere espulsi (il Cie di Caltanissetta e' il più efficiente in termini di percentuale di trattenuti espulsi, e vanta mille rimpatri nel solo 2014) 
Possiamo parlare coi trattenuti solo attraverso la spessissima gabbia e circondati da funzionari e operatori.
Circa il 20 per cento dei trattenuti provengono direttamente dal carcere, altri da sbarchi e immediatamente respinti (egiziani e tunisini) attraverso il cosiddetto respingimento differito; altri ancora sono "semplici" irregolari . Tutti sono già "trattati" dalle varie questure e già identificati.
La permanenza media nel Cie è di circa un mese fino ad un massimo di 4 mesi. Non tutti i trattenuti che escono dal Cie vengono effettivamente espulsi nel paese di origine: alcuni vengono liberati con contestuale notifica dell'ordine del questore a lasciare il territorio italiano, pochi altri, i più' fortunati, escono grazie al rilascio di un permesso di soggiorno per motivi umanitari se riconosciuti degni di protezione (per lo più si tratta di egiziani e tunisini).
Parliamo attraverso gli spazi della gabbia metallica con alcuni di loro.
C'e' un signore nordafricano che è in Italia dal 1994, viveva con moglie e figlio di 5 anni a Milano ma ha commesso dei reati connessi alla sua tossicodipendenza ed è stato in carcere. Finita la pena anzichè essere trasferito in una comunità di recupero, come aveva richiesto, viene accompagnato al Cie di Caltanisetta. Il permesso di soggiorno gli è stato revocato per presunta pericolosità sociale e ora deve fare ricorso a Milano. E' trattenuto da settembre ma i fogli che ci mostra che gli hanno notificato nel Cie portano come data di notifica quella di luglio.

Si avvicinano alla grata quattro ragazzini. Sono tutti visibilmente minorenni. Sono rinchiusi dal 30 agosto, un giudice cieco deve aver convalidato il loro trattenimento. Elena, l'operatrice, li conosce per nome e li rassicura (i piccoli sono molto preoccupati) che presto usciranno da lì perchè sono stati contattati i loro familiari che presto invieranno al Cie i loro certificati di nascita o i passaporti in modo da dimostrare la loro minore età, a dispetto dei raggi del polso che li indicano come maggiorenni.

C'e' un signore con una gamba rotta "mentre si opponeva al rimpatrio in Tunisia".

Un altro, molto giovane, è appena stato trasferito al Cie dal carcere ove era detenuto con l'accusa di essere lo scafista dell'imbarcazione che lo ha condotto in Italia. Lui dice di essere minorenne e libico e che non puo' tornare nel suo Paese perché era un sostenitore del regime di Gheddafi.
Nel Cie risulta identificato come maggiorenne e tunisino.
Tutti gli stranieri con cui parliamo ci chiedono chi siamo, perche' siamo andati lì e perche' non possiamo entrare a vedere dove vivono e se possiamo fare qualcosa per loro. Tutte domande alle quali è impossibile dare risposte tantomeno esaustive.
Mentre ci congediamo i piccoli detenuti ci supplicano ancora di tirarli fuori di li.

Ritorniamo nella zona "amministrativa" dentro la "medicheria",un locale ampio e pulito. Leggiamo sulla porta l'orario di apertura: dalle ore 10 alle 11-30 la mattina e dalle 18 alle 19,30 la sera. Quando lo facciamo notare, gli operatori del centro ci assicurano che il servizio è h24 e che basta suonare per avere accesso all'infermeria. D'altro canto gli ospiti con cui abbiamo parlato ci hanno riferito il problema di ricevere il solita farmaco in bustina per qualsiasi tipo di disturbo, e abbiamo visto due persone visibilmente provate che ci hanno riferito di soffrire di grandi dolori alla spina dorsale e alla testa, che ricevono è la medesima.
La nostra visita è quasi giunta al termine, quando nelluscire dallinfermeria , vediamo arrivare, accompagnato da alcuni operatori, un ragazzo al con un occhio tumefatto e sanguinante. Gli operatori si affrettano a tranquilizzarci: "ha battuto contro uno spigolo". Gia' come le donne che si incontrano al centro antiviolenza.
Prima di andare, chiediamo al responsabile della questura, i tempi di identificazione. Ci assicurano che questa avviene immediatamente al momento in cui le persone si presentano in ufficio e che, al massimo, possono slittare di 2-3 giorni.
Diversa è la versione sulle identificazioni che raccogliamo negli accampamenti spontanei adiacenti al centro di Pian del Lago, dove ci rechiamo una volta fuori. Lì vi vivono da mesi una sessantina di richiedenti asilo per i quali non si è trovato posto nel Cara e sono "in lista di attesa" per entrare, chissà quando. Altri si trovano lì, dopo essere stati diniegati dalla commissione; alcuni, addirittura, dopo un periodo di accoglienza nel CIE, a causa di mancanza di posti nel cara! Vi è anche una buona percentuale di persone in attesa del rinnovo del permesso di soggiorno, per i quali devono attendere numerose settimane.
Intanto, privati di tutto, aspettano.
a cura di Alessandra Ballerini, Giovanna Cavallo, Gabriella Guido
Segue a questo report un documento di approfondimento curato dal Prof Fulvio Vassallo Paleologo, che ha partecipato alla visita.

La visita è stata effettuata da un delegazione della campagna lasciateCIEntrare con avvocati, giornalisti e associazioni della società civile, nell'ambito del monitoraggio dei CIE in Italia e della richiesta di chiusura dei centri. In questo ambito si è reso necessario cominciare a monitorare anche i CARA, Centri per Richiedenti Asilo.

La Campagna LasciateCIEntrare
Facebook @lasciatecientrare
Twitter: @MaipiuCIE


VISITA NEL CENTRO POLIFUNZIONALE E DEI CENTRI INFORMALI UBICATI A PIAN DEL LAGO (CALTANISSETTA) SVOLTA DA UNA DELEGAZIONE DELLA CAMPAGNA LASCIATECIENTRARE VENERDI’ 19 SETTEMBRE 2014. RELAZIONE TECNICO-LEGALE

CONSIDERAZIONI CRITICHE SULLE PROCEDURE E SULLE QUALIFICHE PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI STATUS DI PROTEZIONE E SULLE MISURE DI ACCOGLIENZA.

Nella giornata del 19 settembre una delegazione della Campagna LasciateCientrare ha visitato il Centro di Accoglienza per richiedenti asilo (CARA) ed il Centro di identificazione ed espulsione (CIE) di Pian del Lago a Caltanissetta, anche se non e’ stato consentito l’ingresso all’interno di questo secondo centro, dopo che la locale questura aveva rifiutato, con una mera comunicazione verbale, l’ingresso di una componente della delegazione nel CIE. Gli stessi componenti della delegazione, nel ridotto numero di tre, non hanno potuto effettivamente fare ingresso nel Centro di identificazione ed espulsione, ma hanno potuto soltanto accedere alla prima recinzione, per comunicare verbalmente, e sotto il controllo delle forze di polizia, con gli “ospiti” trattenuti nella struttura più interna.

NON E’ STATO DUNQUE GARANTITO IN PIENO QUEL DIRITTO DI VISITA CHE E’ PREVISTO DALLA LEGGE E CHE COSTITUISCE L’OGGETTO DELLA CAMPAGNA LASCIATECIENTRARE.

Dopo la visita del Centro “polifunzionale” di Pian del lago, la delegazione ha raggiunto i tre piccoli campi spontanei, sorti nelle vicinanze,nei quali si trovano diverse decine di richiedenti asilo pakistani, afghani e sub sahariani, in attesa di accesso al centro di accoglienza, ed in qualche caso di accesso alla procedura, tramite l’ufficio immigrazione della questura. Sembra quasi che le persone che non hanno ancora formalizzato la loro domanda di asilo siano persone del tutto prive di diritti.
Si registra in tutti i campi una forte concentrazione di migranti pakistani, afghani e di altre nazionalità che fanno ingresso nel territorio dello stato in altre regioni italiane e vengono ( o sono indotti a venire) in Sicilia a Caltanissetta per presentare la richiesta di protezione internazionale. Si tratta di un problema noto da anni a tutte le autorità, inclusa la questura di Caltanissetta ed il ministero dell’interno, rispetto al quale si può reagire soltanto ripristinando condizioni di legalità nell’accoglienza e nell’avvio delle procedure, e non invece condannando le persone a dinieghi, emarginazione, clandestinizzazione, o chiudendo le procedure con decisioni amministrative apertamente discriminatorie.
La dispersione dei migranti sul territorio alimenta un clima di tensione che è percepibile anche nella città di Caltanissetta, con un investimento che non appare del tutto incidentale di un migrante nei pressi dei centri di accoglienza, ed il pestaggio, proprio la stessa sera dopo la nostra visita, di un giovane afghano di venti anni, rapinato e ferito gravemente da una banda di teppistilocali in pieno centro città.
Sono state intervistate decine di persone con riprese video ed audio. Tutte le testimonianze raccolte tra i migranti, concordi, hanno permessodi ricostruire un quadro assai critico, sia per il trattamento fortemente differenziato che ricevono le persone che entrano in una procedura di asilo, che per le condizioni di accoglienza, in apparenza dignitose, al momento della visita, ma che, nel racconto dei migranti, con riferimento alla loro esperienza quotidiana, risultano assai meno dignitose, sia dal punto di vista igienico-sanitario che da quello della mediazione culturale-linguistica e della informazione legale.
Nel corso della visita sono stati rinvenuti sette minori non accompagnati all’interno del CARA, e tre all’interno del CIE. Per quanto riguarda i minori all’interno del Cara,uno dei quali si era dichiarato maggiorenne al momento dello sbarco, è emerso che erano presenti all’interno della struttura da oltre dieci giorni, e che non avevano ancora fatto l’accertamento radiografico per la definizione certa dell’età.
 I rappresentanti dell’ente gestore hanno assicurato che gli esami per l’accertamento dell’età erano già programmati e sarebbero stati effettuati il giorno successivo alla visita.Non risultava ancora la comunicazione al giudice tutelare né la nomina di un tutore, e dunque gli accertamenti radiografici sarebbero stati condotti senza l’autorizzazione, ed il consenso informato, di quello che avrebbe dovuto essere il loro legale rappresentante. Per la stessa ragione le procedure per la richiesta della protezione internazionale erano ancora sospese. E’stata sottolineata dalla delegazione la necessità di un immediato trasferimento dei minori in strutture specifiche evitando ulteriori permanenza in condizione di promiscuità con gli adulti. E’ MOLTO ALTO IL RISCHIO CHE TRA QUALCHE MESE QUESTI “MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI”COMPIANO DICIOTTO ANNI E CHE, DA MAGGIORENNI, SE NON PRESENTASSERO UNA DOMANDA DI ASILO O SE QUESTA FOSSE RESPINTA, POSSANO ESSERE CONSIDERATI COME MIGRANTI IRREGOLARI E DUNQUE ESPOSTI AL RISCHIO DI ALLONTANAMENTI FORZATI.
Durante la visita del centro, ed anche successivamente, nel corso delle visite nei tre piccoli campi informali all’esterno della struttura, siamo stati circondati da numerosi migranti che ponevano domande sul loro stato giuridico e sulle prospettive di riconoscimento della protezione internazionale.SI è avuta conferma di una lacuna generale in ordine al servizio di orientamento ed assistenza legale all’interno della struttura e prima dell’audizione da parte della Commissione territoriale.
Molti, pakistani soprattutto, ma anche afghani e nigeriani,hanno lamentato il fatto che, avendo manifestato la volontà di presentare una domanda di asilo, non hanno trovato accoglienza all’interno del CARA di Pian del lago per la saturazione dei posti disponibili.Ed in effetti la situazione strutturale del Cara, nei due recinti nei quali è attualmente organizzato, appariva ai limiti del numero pervisto dalla Convenzione stipulata dall’ente gestore, un numero che comunque appare troppo alto rispetto alla capacità recettiva dei luoghi, anche 10 persone in un solo blocco-container e rispetto allo stato ed alla consistenza dei servizi igienici.
Si sottolinea al riguardo come il manuale Frontiere Schengen contenga una definizione di richiedente asilo abbastanza allargata che dovrebbe essere utilizzata più diffusamente. “Un cittadino di un paese terzo deve essere considerato un richiedente asilo, o protezione internazionale, se esprime, in un qualsiasi modo, il timore di subire un grave danno facendo ritorno al proprio paese di origine, o nel paese in cui aveva precedentemente la dimora abituale. L'intenzione di chiedere protezione non deve essere manifestata in una forma particolare, non occorre che la parola asilo sia pronunciata espressamente. L'elemento determinante è l'espressione del timore di quanto potrebbe accadere in caso di ritorno”. Dunque anche le persone che non hanno ancora potuto formalizzare una richiesta di asilo sono da considerare richiedenti asilo se hanno espresso comunque la volontà di chiedere protezione, e come tali vanno accolti e tutelati.
I migranti che,dopo l’ingresso nel territorio dello stato, manifestano la volontà di chiedere asilo e propongono istanza per il riconoscimento della protezione internazionale, sono titolari di precise garanzie: il D. lgs. n. 140/2005 stabilisce, all’art. 4, che la Questura debba procedere al rilascio in favore dello straniero di un attestato nominativo, certificante la sua qualità di richiedente asilo, ed “entro venti giorni dalla presentazione della domanda” deve rilasciare un permesso di soggiorno per richiedente asilo. Da quel momento il richiedente la Protezione Internazionale è un cittadino straniero legalmente residente e tale situazione permane sino a quando non si è definito il procedimento per il riconoscimento che può terminare nel momento in cui la Commissione riconosce la Protezione internazionale, oppure,successivamente, in caso di diniego, quando si sia pervenuti, all’esito dell’eventuale ricorso giurisdizionale, ad un provvedimento negativo avente efficacia di giudicato.

In ogni caso,la piena occupazione di tutti i posti offerti dal CARA non può essere addotta come ragione per negare qualsiasi forma di accoglienza ai migranti costretti per mesi bivaccare nei tre centri informali, sotto i ponti un raccordo autostradale, nei pressi del centro di Pian del Lago, in attesa di avere accesso alla procedura ed alla accoglienza all’interno nel CARA. Lo autorità italiane hanno comunque il dovere di accoglienza nei confronti di tutti coloro che sono richiedenti asilo, o che abbiano manifestato volontà di richiedere protezione, indipendentemente dal momento della formalizzazione della domanda da parte della questura competente. Si tratta di una situazione già grave che rischia di diventare insostenibile nei mesi più freddi dell’anno.
I tempi di esame delle richieste di protezione internazionale appaiono troppo lunghi. Gli immigrati intervistati hanno dichiarato che le loro domande si asilo risalivano in media ad otto mesi, un annoprima, con punte di quattordici mesi. Una buona parte di questi ritardi sembra imputabile alle procedure applicate dalla questura,ed alle carenze croniche di personale, dopo l’audizione e la decisione della Commissione territoriale. Non si sa in che tempi potranno essere assorbiti questi ritardi, dopo il recente provvedimento del governo che, seppure tardivamente, ha raddoppiato il numero delle Commissioni territoriali. Si ricorda al riguardo che in caso di ritardi ingiustificati potrebbero essere esperite anche Class Action risarcitorie contro la Pubblica Amministrazione, responsabile di questi ritardi.
I lunghi tempi della procedura alimentano l’intasamento del Centro di accoglienza, ne accrescono i costi, impediscono l’ingresso dei nuovi arrivati e sono alla radice delle continue tensioni che periodicamente degenerano in risse tra i diversi gruppi nazionali accolti all’interno del CARA e talvolta anche all’esterno. Come si è verificato anche nei giorni antecedenti e dopo la nostra visita. Tensioni che potrebbero scaturire anche dal trattamento “differenziato” che alcuni degli “ospiti” della struttura lamentavano rispetto ad altri.
In tema di dinieghi decisi dalla Commissione territoriale, come sarebbe facilmente riscontrabili con l’accesso agli atti, sono state raccolte numerose testimonianze di richiedenti asilo provenienti dal Punjab che adducevano il rigetto di tutte le domande di protezione presentate dagli appartenenti a questo gruppo nazionale, senza neppure la possibilità di ottenere il riconoscimento della protezione umanitaria, prevista dall’art.5.6 del Testo Unico sull’immigrazione n.286 del 1998.
Come altri richiedenti asilo denegati, lamentavano tutti la difficoltà di accedere ad una difesa legale con il patrocinio a spese dello stato, e dunque la possibilità effettiva di presentare un ricorso in Tribunale a seguito di un diniego.Da altre testimonianze è pure emerso che alcuni avvocati che dovrebbero agire in giudizio per i ricorsi contro i dinieghi della commissione territoriale, con il ricorso all’istituto del patrocinio a spese dello stato, hanno invece chiesto anticipatamente ingenti compensi ( fino a 700-1000 euro) per prestare la propria opera, nonostante avessero pure proposto istanza per l’ammissione al patrocinio gratuito.
E’ noto al riguardo che, secondo una serie di sentenze della giurisprudenza italiana (Tribunale di Roma 19 gennaio 2014, Tribunale di Trieste 15 ottobre 2013, Corte di Appello Napoli 9 luglio 2012) i cittadini provenienti dal Punjab, se non hanno diritto al riconoscimento dello status di rifugiato in base alla Convenzione di Ginevra, hanno quantomeno diritto al riconoscimento della protezione sussidiaria o della protezione umanitaria, in ragione della guerra tra religioni, e più recentemente del conflitto interno tra autorità statali e gruppi terroristici, conflitti esistenti da decenni in quella regione, nella quale si registrano anche casi diffusi di reclutamento forzato ed interventi violenti e frequenti abusi da parte delle forze di sicurezza,e con dubbi rapporti tra queste ed organizzazioni terroristiche, come documentato da report internazionali (http://www.refworld.org/docid/51cd4b9f4.html) che, sia le Commissioni territoriali che gli organi giudiziari, non possono ignorare.
Altri migranti, provenienti in particolare dal Senegal, dalla Nigeria, e da altri paesi dell’area sub sahariana, lamentavano di avere ricevuto un diniego dalla Commissione territoriale in quanto questa avrebbe ritenuto che gli stessi provenivano da una “zona sicura all’interno del loro paese”, e dunque per questa ragione non sarebbero risultati meritevoli del riconoscimento di uno status di protezione. La condizione di questi richiedenti asilo denegati appariva particolarmente drammatica perché,a seguito  della decisione sfavorevole della Commissione e della pratica impossibilità ( assenza di mezzi) di presentare ricorso, si sentivano esposti a provvedimenti di rimpatrio per effetto di accordi bilaterali ancora mantenuti in vigore dal governo italiano.

La legge italiana e la giurisprudenza non hanno accolto il concetto restrittivo di ”zona interna sicura” contenuto nella Direttiva dell’Unione Europea sulle qualifiche 2004/83/CE, né tale concetto è imposto dalla successiva direttiva 2013/95/UE che ne modifica alcuni aspetti, specificando, con una previsione che comunque non ha valore vincolante per gli stati membri, chelapossibilità per gli Stati di escludere dalla protezione chi, in una parte del territorio di origine, ha accesso alla protezione, è subordinata alla circostanza che la persona in questione possa legalmente e senza pericolo recarsi su quella parte di territorio e si possa ragionevolmente supporre che vi si stabilisca.

E’ importante osservare come il recente decreto 21 febbraio 2014 n.18,attuativo della Direttiva 2013/95/CE, continui a non dare rilievo positivo al concetto di “zona sicura all’interno del paese di provenienza” ed anzi aggiunge una specifica previsione che potrebbe eliminare molte decisioni di diniego che hanno prodotto un notevole contenzioso giudiziario con riferimento a persone che hanno ricevuto provvedimenti di diniego proprio perché avrebbero la possibilità di trasferirsi in una zona sicura del proprio paese e che si ritrovano strette tra i tentativi di arruolamento da parte dello stato e le pressioni di organizzazioni di stampo terroristico. Secondo il nuovo decreto attuativo della disciplina europea, il diritto alla protezione sussidiaria va infatti riconosciuto anche a chi rischia di subire “azioni giudiziarie o sanzioni penali sproporzionate o discriminatorie che comportano gravi violazioni di diritti umani fondamentali in conseguenza del rifiuto di prestare servizio militare per motivi di natura morale, religiosa, politica o di appartenenza etnica o nazionale”. E molto spesso anche chi vive in zone ritenute sicure è oggettivamente esposto al rischio del reclutamento forzato da parte delle autorità statali.

Anche secondo la prevalente giurisprudenza italiana, malgrado diverse opinioni dei giudici di primo grado, il diritto al riconoscimento dello status di rifugiato politico (o della misura più graduata della protezione sussidiaria) non può essere dunque escluso, nel nostro ordinamento, in virtù della ragionevole possibilità del richiedente di trasferirsi in altra zona del territorio del paese d’origine ove non abbia fondati motivi di temere di essere perseguitato (o non corra rischi effettivi di subire danni gravi), atteso che tale esclusione, prevista nell’art. 8 della direttiva 2004/83/CE e il cui inserimento nell’atto normativo interno di attuazione della direttiva stessa costituisce una mera facoltà degli stati membri, non è stata trasposta nel D.Lgs. n. 251 del 2007 (Cass. 2294/2012) e neppure richiamata dal recente Decreto legislativo 21 febbraio 2014 n.18, attuativo della Direttiva 2013/95/UE sempre in tema di qualifiche di protezione internazionale.
La Corte di Cassazione ( sentenza n. 8399 del 2014), con riferimento ad un cittadino senegalese, si è posta la questione “se la minaccia, da parte di un gruppo armato propugnante la secessione di una parte del territorio nazionale, di arruolare con la forza nelle sue fila i giovani residenti in quel territorio, costituisca o meno, per questi ultimi, minaccia di persecuzione per motivi di “opinione politica” ai sensi del richiamato D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 8, lett. e), che riferisce tali motivi alla “professione di un’opinione, un pensiero o una convinzione su una questione inerente ai potenziali persecutori (…) e alle loro politiche o ai loro metodi, indipendentemente dal fatto che il richiedente abbia tradotto tale opinione, pensiero o convinzione in atti concreti”. A tale quesito, secondo la Corte di Cassazione, “la risposta non può che essere positiva, considerato il carattere all’evidenza politico della finalità secessionista e del metodo – la lotta armata – scelto per realizzarla e considerato, altresì, che non è necessaria la traduzione in atti concreti, da parte del soggetto minacciato, della sua opinione contraria a quella del gruppo minacciante, e che la minaccia non deve necessariamente provenire dallo Stato, ben potendo provenire anche da “partiti o organizzazioni che controllano lo Stato o una parte consistente del suo territorio” o comunque da altri “soggetti non statuali, se i responsabili (…) non possono o non vogliono fornire protezione” (art. 5, D.Lgs. cit.).Secondo i giudici della Suprema Corte, dunque, appare irrilevante la “ragionevole possibilità di trasferirsi in altra zona sicura del territorio del paese di origine”. Non si vede come la Commissione territoriale di Caltanissetta,con le proprie decisioni di rigetto basate sulla possibilità di rientro in una zona sicura del paese di origine, possa sistematicamente derogare un indirizzo che appare l’unico consentito dalla legge nazionale, dal diritto dell’Unione Europea, dalle Convenzioni internazionali, oltre che da elementari ragioni di umanità, senza neppure concedere un permesso di soggiorno per motivi umanitari ex art. 5.6 del T.U. n.286 del 1998.
Le considerazioni appena svolte si possono riferire anche a cittadini stranieri provenienti dalla Nigeria. Con la sentenza n. 2268 del 19.12.2013 della Corte d’Appello di Bologna ha confermato l’ordinanza n. 841 del 07.03.2013, con la quale il Tribunale di Bologna aveva riconosciuto la protezione sussidiaria ad un cittadino nigeriano, che aveva motivato la sua richiesta di protezione internazionale sulla base delle continue e forti minacce subite in Nigeria (nello Stato di Borno) da parte dell’organizzazione terroristica jihadista BokoHaram, in quanto insegnate di informatica e cattolico. Alcuni dei nigeriani intervistati a Caltanissetta si dichiaravano appunto di religione cattolica. Ma anche altri richiedenti asilo nigeriani, di religione diversa, adducevano gravi rischi in caso di rimpatrio forzato e denunciavano il rischio di ulteriori decisioni sfavorevoli della Commissione territoriale.  L’attuale situazione in Nigeria, sia per la mancata garanzia dei diritti umani da parte del governo centrale, sia per le attività terroristiche di gruppi armati, dovrebbe escludere la possibilità di un rimpatrio forzato per effetto degli accordi bilaterali tuttora vigenti con quel paese, accordi che tra l’altro prevedono forme di identificazione tanto sommarie da comportare la violazione del divieto di espulsioni collettive. Si dovrebbe dunque riconoscereai richiedenti asilo nigeriani quanto meno il  diritto alla protezione umanitaria ex art. 5.6 del T.U. sull’immigrazione n.286 del 1998, salvo il riconoscimento, ricorrendone i presupposti, da accertare rigorosamente su base individuale, dello status di rifugiato o della protezione sussidiaria.
Con riferimento ai numerosi migranti di origine subsahariana provenienti dalla Libia, ad esempio ghanesi,o bengalesi,presenti all’interno del Centro di accoglienza di Pian del Lago, si ricorda inoltre che la Corte di Appello di Cagliari (con ordinanza del 31 maggio 2012, in Dir. Immigrazione e cittadinanza, 2012, p.109)non ha ritenuto infondata la equiparazione tra cittadini libici e non libici, con riferimento alla possibilità di ottenere il riconoscimento (quantomeno) della protezione umanitaria, in considerazione del lungo periodo di permanenza in Libia e della situazione di instabilità politica e di grave rischio in quel paese per tutti coloro che possono essere ritenuti sostenitori o mercenari del deposto dittatore Gheddafi, magari solo per l’appartenenza nazionale o per il colore della pelle.

Come si è già rilevato anche in passato, dai colloqui svolti con diversi richiedenti asilo è emersa la completa assenza, o la scarsa efficacia, di un servizio di informazione legale all’interno del centro di Pian del Lago, al punto che molti non ricordavano le circostanze addotte nel modello C 3 con il quale avevano fatto la richiesta di asilo, ed altri erano portatori di istanze di protezione che non avevano mai espresso, proprio per la difettosa o carente informazione ricevuta dopo l’ingresso nel territorio dello stato e poi al momento della compilazione della richiesta presso l’ufficio immigrazione della questura e dopo,durante la lunga permanenza nei centri di accoglienza ubicati a Pian del lago a Caltanissetta. Tutte circostanze che rendono assai probabile il diniego sulla istanza di protezione anche quando la persona potrebbe addurre su base individuale circostanze rilevanti per il riconoscimento di uno status legale di protezione.Risulta inoltre che da parte della Prefettura sarebbe stato fissato un termine di dieci giorni prima dell’audizione per la produzione di documenti da parte dei richiedenti asilo, termini arbitrari che non trovano riscontro in alcuna previsione di legge o di regolamento e che limitano la facoltà dei richiedenti asilo di provare le basi di fatto sulle quali riconoscere loro il diritto alla protezione.
Un altro gruppo di migranti che, nel corso della visita nei centri di Caltanissetta, ha posto problemi assai rilevanti in ordine ai dinieghi ricevuti dalla Commissione territoriale, era costituito da migranti provenienti dal Gambia, a fronte di un atteggiamento assai restrittivo di detta commissione nei confronti delle persone che erano fuggite da questo paese.

Atteggiamento restrittivo che emerge anche nei confronti di richiedenti asilo che dichiarano la propria condizione di omosessualità, condizione che la stessa Commissione territoriale di Caltanissetta sembrerebbe escludere,nella maggior parte dei casi,sulla base di argomentazioni psicologiche che non appaiono coerenti con i criteri di valutazione generalmente adottati a livello nazionale ed internazionale, soprattutto nel caso di persone provenienti da paesi fortemente omofobi o transitati dalla Libia dove in molti casi sono stati vittime di abusi e violenze.
Più in generale i migranti gambiani vengono considerati migranti economici, dunque non meritevoli del riconoscimento di un qualsiasi status di protezione.
 Il problema non è nuovo perché già a partire dal mese di gennaio 2014, cittadini gambiani sono stati destinatari di provvedimenti di respingimento o di espulsione, subito dopo lo sbarco nei porti siciliani, e quindi detenuti in centri di identificazione ed espulsione, come quello di Trapani Milo, malgrado avessero manifestato immediatamente la volontà di chiedere asilo. La Corte di appello di Roma, con sentenza del 17 gennaio 2012,ha riconosciuto il diritto alla protezione sussidiaria ad un cittadino del Gambia, ed ha preso atto di una situazione di gravi e diffuse violazioni dei diritti umani in tutto il territorio del paese, che dovrebbe quantomeno comportare, per coloro che non lamentano rischi di persecuzioni o danni gravi di carattere individuale, il riconoscimento della protezione umanitaria a fronte dei rischi che comunque correrebbero ancora oggi in caso di rimpatrio forzato. Dai più recenti rapporti internazionali emerge infatti come la situazione in Gambia, con particolare riferimento alla condizione degli omosessuali, degli oppositori politici e delle minoranze sia caratterizzata, oltre che da un regime dittatoriale, da diffuse violazioni dei diritti fondamentali della persona, e da condizioni di generale insicurezza che nessuno può ignorare. Si rinvia al rapporto per il 2013 di Amnesty International, nel sito    http://rapportoannuale.amnesty.it/sites/default/files/Gambia_1.pdf
Sarebbe dunque opportuno, anche al fine di evitare una serie di ricorsi giudiziari, un atto di indirizzo del Ministero dell’interno rivolto alla Commissione Centrale, come si fece con la Circolare n. 4369 del 15 giugno 2012 ( in Dir, Immigrazione e Cittadinanza, 2012, p.211) nei confronti dei migranti provenienti dal Mali, affinché questa invii precise istruzioni vincolanti alle Commissioni territoriali, per il pieno rispetto delle disposizioni normative interne ed europee, in ordine alle qualifiche ed al riconoscimento degli status di protezione di persone provenienti da paesi verso i quali non sono ipotizzabili procedure di rimpatrio, volontario o forzato che sia, senza mettere a grave rischio i diritti fondamentali della persona umana, il diritto alla integrità fisica, alla libertà personale e lo stesso diritto alla vita. Vanno evitate disparità di trattamento o valutazioni apparentemente individuali ma in realtà basate sulla mera appartenenza nazionale o dalla provenienza territoriale del richiedente asilo.

Lo stesso Ministero dell’interno, oltre al recente provvedimento di raddoppio delle Commissioni territoriali, (ma oggi, comunque, le nuove Commissioni vanno ancora insediate, con eventuali sottocommissioni)deve garantire il rispetto dei tempi massimi delle procedure per il riconoscimento dello status di protezione, e l’erogazione tempestiva di misure assistenziali ed economiche anche nei confronti dei migranti che non riescono a trovare accoglienza nei CARA o nei Centri di accoglienza straordinaria. E compete anche al ministero dell’interno verificare le ragioni per le quali si registra una così alta concentrazione di richiedenti asilo pakistani ed afghani, che notoriamente non sbarcano in Sicilia, proprio nella provincia di Caltanissetta. Occorre garantire legalità, uniformità di trattamento e rispetto degli standard di accoglienza a tutti i richiedenti asilo, da qualunque regione provengano, ed in qualunque regione si trovino, ma occorre anche incentivare una loro equa distribuzione su tutto il territorio nazionale. Un impegno che non può essere eluso e che può trovare adempimento con l’avvio delle nuove dieci Commissioni territoriali che dovranno essere attivate nel più breve tempo possibile.


 Al riguardo, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea,nel vaso Saciri, con una sentenza del 27 febbraio 2014, direttamente vincolante anche le autorità dello stato italiano, relativa alla applicazione della direttiva 2003/9/CE in materia di accoglienza, ha affermato che il periodo durante il quale le condizioni materiali di accoglienza devono essere fornite comincia nel momento di presentazione della domanda di asilo, come risulta dal testo, dalla struttura generale e dalla finalità della direttiva. Inoltre, secondo la Corte si può dedurre dalla direttiva che l’aiuto economico concesso deve essere sufficiente a garantire un livello di vita dignitoso e adeguato per la salute nonché il sostentamento dei richiedenti asilo, fermo restando che lo Stato membro deve adattare le condizioni di accoglienza alle particolari esigenze del richiedente, al fine, segnatamente, di preservare l’unità familiare e di tener conto dell’interesse superiore del minore (di conseguenza, l’importo del sussidio deve consentire ai figli minori di convivere con i genitori). Qualora l’alloggio non sia fornito in natura, il sussidio economico deve, se del caso, essere sufficiente per consentire al richiedente asilo di disporre di un alloggio nell’ambito del mercato privato della locazione. Secondo la Corte in definitiva “la saturazione delle reti di accoglienza non può giustificare alcuna deroga all’osservanza di tali norme”.

Fulvio Vassallo Paleologo
Università di Palermo


La Campagna LasciateCIEntrare
Facebook @lasciatecientrare
Twitter: @MaipiuCIE
Mail: info@lasciatecientrare.it

 E INTANTO DAI CIE, DA TUTTI I CIE I MIGRANTI CONTINUANO A FUGGIRE. NON BASTA ALZARE LE SBARRE E FORTIFICARE I RECINTI. 
VANNO RICONSCIUTI I DIRITTI ED APPLICATE LE DIRETTIVE DELL'UNIONE EUROPEA CHE PREVEDONO IL TRATTENIMENTO AMMINISTRATIVO COME SOLUZIONE RESIDUALE. FUORI DAI CIE I RICHIEDENTI ASILO ED I MINORI NON ACCOMPAGNATI.

http://www.lasciatecientrare.it/j25/italia
 


0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro