Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

martedì 23 settembre 2014

Nuove modalità di ingaggio delle navi di Mare Nostrum in appoggio agli interventi di soccorso operati da navi commerciali.Nessuna informazione ai parenti delle vittime.


Nuove modalità di ingaggio delle navi di Mare Nostrum in appoggio agli interventi di soccorso operati da navi commerciali a sud di Lampedusa ed a sud-est di Malta. Si sta sperimentando una nuova modalità di ingaggio delle navi coinvolte nell'operazione Mare Nostrum, che sembrano sempre meno, al netto delle unità della Guardia Costiera comunque operanti in quella zona.  Come avevamo scritto ieri i soccorsi al barcone naufragato trenta miglia a nord-est di Tripoli sono stati operati da una nave commerciale,la motonave Stjerneborg.

Fermato a Pozzallo il solito scafista tunisino... "difficilissimo trovare i testimoni"

http://www.radiortm.it/2014/09/22/pozzallo-arrestato-scafista-tunisino-procurato-lingresso-170-migranti-difficilissimo-trovare-i-testimoni/

Non si dice quanto tempo è passato dalla prima chiamata di soccorso all'arrivo dell'elicottero, che viaggia normalmente a 150 miglia ora. Dunque dovrebbe raggiungere in un ora il luogo del naufragio, se a 30-40 miglia a nord delle coste libiche e gettare in mare zattere autogonfiabili. Forse bisognerebbe adottare la dotazione di zattere a bordo degli elicotteri, e lo stesso numero di elicotteri con base a Lampedusa, perchè solo in questo modo i soccorsi potrebbero essere davvero tempestivi, pure con il ridotto numero di navi che Mare Nostrum sta impegnando in questa fase. I risultati non sembrano particolarmente brillanti, la conta dei morti e dei dispersi prosegue. Come le partenze da luoghi dai quali si fugge ad ogni costo, anche inventandosi scafisti.

" Intanto, giornata intensa, ieri, per le navi della Marina Militare impegnate nell'operazione Mare Nostrum, intervenute nelle ultime 24 ore in tre operazioni di soccorso ad imbarcazioni provenienti dalle coste del nord Africa, imbarcando numerosi migranti anche da navi mercantili che hanno supportato le operazioni nello Stretto di Sicilia. Tra questi, anche i sopravvissuti al naufragio di un gommone avvenuto ieri a 30 miglia dalle coste libiche che conta almeno 10 morti e una trentina di dispersi.
Il pattugliatore Sirio - riferisce la Marina Militare - ha soccorso ieri pomeriggio a sud di Lampedusa un gommone con 105 migranti tra cui 1 donna ed 1 minore. Al termine del recupero, la nave si è diretta nell'area dove la motonave Stjerneborg (Singapore) ha soccorso, sempre ieri pomeriggio, numerosi naufraghi del gommone affondato. Un elicottero EH 101 della Marina Militare è decollato dalla base di Lampedusa per supportare le operazioni di ricerca e soccorso.
Il pattugliatore Sirio, ultimato il trasbordo dei 55 naufraghi soccorsi dalla motonave Stjerneborg, è rimasto in area per continuare le ricerche di eventuali altri superstiti. La fregata Aliseo, durante la notte, ha poi soccorso 96 migranti da una imbarcazione in legno. La nave anfibia San Giusto ieri ha recuperato 105 migranti da un gommone in condizioni di precaria galleggiabilità e successivamente ha imbarcato 229 migranti già recuperati dalla nave mercantile Bourbon Orca (Norvegia). Sempre ieri pomeriggio, la motovedetta CP302 ha soccorso 33 migranti da una imbarcazione trasportandoli a Lampedusa. Tra loro anche una donna incinta".

 http://ragusa.gds.it/2014/09/22/immigrazione-nuovo-sbarco-a-pozzallo-fermato-presunto-scafista_236761/

 (ANSA) - MESSINA, 22 SET - Altri 157 profughi sono sbarcati stamane a Messina dalla nave della Guardia Costiera "Oreste Corsi" che li aveva soccorsi nel Canale di Sicilia. In questo momento sono in corso sulla banchina Colapesce del porto le operazioni di accoglienza e le attività di screening sanitario da parte della task forze coordinata dalla Prefettura. Un gruppo di migranti, dopo le operazioni di rito, sarà trasferito, su disposizione del Ministero dell'Interno, verso strutture temporanee di accoglienza delle Marche. Gli altri saranno ospitati nel centro temporaneo di contrada Conca d'Oro.

http://messina.gds.it/2014/09/22/sbarcati-157-profughi-a-messina_236899/

http://www.ansa.it/sicilia/notizie/2014/09/22/mare-nostrum-ieri-590-migranti-soccorsi_8ba8adab-a4c6-4fd0-bab7-6c6126ba85ab.html

http://www.tempostretto.it/news/molo-colapesce-sbarcano-altri-153-migranti-molti-loro-saranno-trasferiti-strutture-marchigiane.html

Intanto nessuna informazione sulla sorte dei dispersi e sulla identità dei morti.

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2014/09/22/news/la_beffa_del_naufragio_di_malta_i_profughi_venivano_da_gaza-96378291/

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2014/09/22/foto/naufragio_di_malta_la_spoon_river_dei_palestinesi_dispersi-96378428/1/#1

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro