Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

mercoledì 15 ottobre 2014

Nel Canale di Sicilia i salvataggi vengono delegati alle navi mercantili. Verso la fine di Mare Nostrum. Chi interviene nella zona SAR libica?


443 migranti salvati nelle ultime 24  ore nelle acque del Canale di Sicilia e nella zona di salvataggio che sarebbe di competenza delle autorità libiche, ammesso che esista uno stato con una guardia costiera ancora operativa in quel paese.

http://eeas.europa.eu/csdp/missions-and-operations/eubam-libya/news/20140228_en.htm

http://www.asca.it/news-Canale_di_Sicilia

http://www.ansamed.info/ansamed/it/notizie/rubriche/cronaca/2014/10/14/libia-continuano-combattimenti-a-sudovest-tripoli-e-bengasi_074e99e7-2c02-4948-8912-a3045ae043d1.html

Per questa volta sembra che sia andata bene, altre centinaia di profughi in fuga dalla Libia in guerra soccorsi in acque internazionali e nella zona SAR ( ricerca e salvataggio) libica da navi mercantili. Per oggi non ci dovrebbero essere altre vttime e la notizia scomparirà presto tra le brevi di cronaca.
I salvataggi avvengono comunque al limite delle acque internazionali, a 20-30 miglia dalla costa libica, dove nei mesi scorsi erano operative le navi di Mare Nostrum. Ecco la prova. La rotta della SESTRI STAR che è giunta oggi a Trapani con profughi salvati "in zona SAR libica".

http://www.marinetraffic.com/it/ais/details/ships/249006000/vessel:SESTRI_STAR

http://www.marinetraffic.com/it/ais/index/itineraries/all/mmsi:249006000/shipname:SESTRI%20STAR

Nessuno si chiederà cosa si lasciano alle spalle queste persone e cosa troveranno in Italia. nessuna apertura sulla richiesta urgente di un canale umanitario. Quanta gente deve ancora morire in mare?

http://www.cir-onlus.org/index.php?option=com_content&view=article&id=912:protezione-dei-migranti-presentato-da-manconi-piano-di-ammissione-umanitaria-intervento-del-direttore-del-cir-hein&catid=13&Itemid=143&lang=it

Intanto l'Unione Europea lancia l'allarme : solo otto, forse nove paesi hanno risposto alla chiamata della Commissione UE e si sono dichiarati a inviare mezzi per sostenere FRONTEX PLUS con l'operazione TRITON nel Mediterraneo centrale, in realtà, come precisato dal Consiglio dell'Unione Europea nella sua risoluzione di luglio, ai confini delle acque italiane.

http://www.repubblica.it/cronaca/2014/10/14/news/immigrazione_frontex_mezzi_da_8_paesi_ma_non_bastano-98071659/

Gli altri stati UE non vogliono mettere neppure un euro nell'operazione TRITON e FRONTEX avverte che i suoi agenti non saranno coinvolti direttamente nell'operazione MOS MAIORUM ma si limiteranno al ruolo di osservatori, "a fini statistici".

http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2014/10/11/frontex-mos-maiorum-e-operazione-italia_1e8d699b-0d7b-4696-8a1e-b369f7d938a1.html

Insomma, tutta la propaganda attorno a FRONTEX ed alle operazioni TRITON e MOS MAIORUM serve solo a "giustificare" il ritiro delle navi della missione militare-umanitaria MARE NOSTRUM, e ad abbandonare ai mezzi commerciali il ruolo di soccorso nelle acque internazionali ed a ridosso delle acque libiche. Le conseguenze di queste scelte scellerate, le vedremo presto.

http://notizie.tiscali.it/cronaca/feeds/14/10/16/t_02_20141016_000024.html?cronaca

Anche in questo ultimo ( per oggi) salvataggio è intervenuto un mezzo del corpo delle Capitanerie di porto, della Guardia Costiera, per intenderci, dopo l'intervento di uno dei rimorchiatori di servizio alla piattaforma offshore ENI di Bouri Field che si trova a 85 miglia dalla costa libica ed a 100 miglia a sud di Lampedusa, dove fino alla fine dellos corso maggio andavano le navi militari di Mare Nostrum. Ormai la centrale operativa di Roma coordina i salvataggi effettuati da navi mercatili ma non invia più, nè forse potrebbe mezzi militari di Mare Nostrum.

http://notizie.tiscali.it/cronaca/feeds/14/10/15/t_02_20141015_000064.html?cronaca


Il primo novembre dovrebbe partire l'operazione congiunta di polizia TRITON promossa dall'agenzia europea Frontex, nelle acque a sud di Lampedusa e Malta. E Mare Nostrum si dovrebbe ritirare. Vedremo come andrà a finire, temo malissimo. Ma non staremo a guardare.

http://www.avvenire.it/Cronaca/Documents/JOU%20Concept%20on%20EPN-TRITON%20(2).PDF


0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro