Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

sabato 15 novembre 2014

Controlli alle frontiere aeroportuali in cinque città europee. Diritti fondamentali delle persone e mezzi di difesa.Un rapporto dell'Agenzia Europea per i diritti fondamentali (FRA)


Un rapporto importante dell'Agenzia Europea per i diritti fondamentali (FRA) per conoscere cosa attende i migranti ed i profughi che sempre più spesso arrivano negli aeroporti europei, tra quelli analizzati, l'aeroporto internazionale di Roma Fiumicino.

 http://fra.europa.eu/sites/default/files/fra-2014-third-country-nationals-airport-border-checks_en.pdf

"A Fiumicino le persone in attesa di riprendere il volo di ritorno o di ulteriori controlli sono costrette a dormire sulle sedie nell'area di transito senza coperte, ci sono solo due stanze ciascuna con due divani per le famiglie o per i gruppi numerosi, senza finestre e non sufficienti per il numero di persone ospitanti in genere. Oltre 41% delle guardie di frontiera, secondo i dati raccolti, non interagisce con i passeggeri di paesi terzi durante il primo controllo e in gran parte dei casi non si fanno adeguati controlli sui motivi che stanno dietro alla presentazione di un passaporto falso o alla mancanza di un qualsiasi documento. Gli addetti ai punti di controllo, nel 63%, dei casi, non prende in considerazione che sì possa trattare di vittime di traffico umano"
 di Irene Giuntella - Il Sole 24 Ore -

leggi su
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-11-11/e-l-aeroporto-primo-blocco-superare-chi-chiede-asilo-europa--151840.shtml?uuid=ABPjDiCC

Sono sempre più frequenti i respingimenti individuali o collettivi di migranti che sono scoperti negli aeroporti internazionali senza regolari documenti di ingresso o di soggiorno. 

http://www.asylumineurope.org/reports/country/france/asylum-procedure/procedures/border-procedure-border-and-transit-zones 

http://www.asylumineurope.org/reports/country/netherlands/border-procedure-border-and-transit-zones 

I principi affermati dalla Corte Europea dei diritti dell'Uomo che il 21 ottobre 2014 ha condannato l'Italia e la Grecia per i respingimenti collettivi alle frontiere portuali valgono anche alle frontiere aeroportuali.

http://www.cir-onlus.org/index.php?option=com_content&view=article&id=1467:cir-su-caso-sharifi-et-al-v-italia-e-grecia-storica-sentenza-della-corte-di-strasburgo-bloccati-i-respingimenti-in-grecia&catid=13&Itemid=143&lang=it

L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati pochi giorni fa ha richiesto al governo italiano la sospensione dei respingimenti indiscriminati di potenziali richiedenti asilo.

http://www.vita.it/mondo/migranti/sami-portavoce-unhcr-no-ai-respingimenti-garantire-diritto-a-chiedere-asilo.html 

Questo l'appello delle associazioni.

http://www.repubblica.it/solidarieta/immigrazione/2014/11/10/news/respingimenti-100237679/

Il monitoraggio di quanto avviene negli uffici di polizia di frontiera nelle zone di transito degli aeroporti è stato da sempre difficilissimo, le procedure derogano spesso le più elementari garanzie dei diritti fondamentali della persona. Persone vittime di tratta, gravemente malate, di minore età o semplicemente potenziali richiedenti asilo, sono stati respinti senza potere presentare una richiesta di asilo e senza avere potuto fare valere un effettivo diritto di difesa contro i provvedimenti o i comportamenti materiali adottati nei loro confronti dalle autorità di polizia.

http://www.vita.it/societa/immigrazione/quando-i-clandestini-arrivano-dal-cielo.html

Il documento dell'Agenzia per i diritti fondamentali è  utile come modello per preparare altri report su quanto avviene in altri aeroporti, come quelli di Orio al Serio ( Bergamo) e Milano Malpensa, dove da anni si sono verificati casi di respingimento vietati dalle Convenzioni internazionali. Un documento utile anche per organizzare gruppi di pronto intervento che possano fornire assistenza materiale e legale ai migranti trattenuti dalle forze di polizia nelle zone transito degli aeroporti internazionali.

http://fra.europa.eu/sites/default/files/fra-2014-third-country-nationals-airport-border-checks_en.pdf

Alcuni brani del rapporto:

3.1.1. Identification of asylum claims
Article 3 (a) of the Schengen Borders Code, as revised
by Regulation 610/2013, requires Member States to
act in full compliance with the 1951 Convention Relating
to the Status of Refugees, obligations related to
access to international protection and, in particular,
the principle of non-refoulement. While the person
concerned must request asylum (see the definition
of ‘application’ in Article 2 b of the Asylum Procedures
Directive), any expression of fear of serious
harm if returned qualifies as such a request. Moreover,
if there are indications that a person wishes to
seek international protection, border guards are duty
bound to provide information on asylum. Identifying
an asylum request hinges on the initiative of and
information available to officers, effective communication,
including proactive and sufficient probing,
and the training provided to officers, as suggested by
Recital 26 of the Asylum Procedures Directive.
.......................................................................................
Provision of information on asylum is one precondition
for the effective identification of persons in
need of international protection. Article 8 of the
Asylum Procedures Directive requires Member
States to provide information on asylum to persons
in transit zones when there are indications that they
may wish to make an asylum application.
......................................................................................

Asylum seekers may hesitate to seek protection at
the check. The Dutch border police, the Royal Netherlands
Marechaussee (Koninklijke Marechaussee),
for example, regularly identifies asylum seekers in
Schiphol’s international zone because they look lost
or have no travel documents, according tointerviews
with the Royal Marechaussees’ anti-human-smuggling
and -trafficking squad. Protection needs may
also surface only during other border check stages,
other immigration-related tasks, upon detention
or once passengers have received more information
and have had time to understand their options.
Identification efforts should therefore be maintained
at all stages of the immigration process, from gate
checks to non-admittance and temporary holding.
......................................................................................

Article 6 of the Asylum Procedures Directive
requires that asylum requests be registered within
three working days if they are made to the designated
authority for registering asylum claims. If the
wish to request asylum is stated before another
authority, for example the border guards, the applicant
must be referred to the competent authority
and the claim registered within six working days.
......................................................................................

Una buona pratica all'aeroporto di Fiumicino

Overall, 85 % of the border guards surveyed indicated
that they provide information on rights either
right away or subsequently, while 89 % said they
would provide information on what happens next.
Only at Fiumicino did a significant share of officers
(43 %) say they would inform potential asylum
seekers on the next steps ‘not at all’. This may be
compensated for to some extent by immediate
referral to the Information Office. Border police at
Fiumicino accompany asylum seekers to the Immigration
Office to register their claims. The Information
Office then takes charge of them. It provides
information and language and legal assistance, as
well as meals for their entire airport stay, until the
Ministry of the Interior identifies a place at a reception
centre for asylum seekers or another centre
elsewhere in Italy.
I did not ask for protection right away but after several
hours. Once I was informed about the possibility, I met
with a very gentle person from another office [Information
Office/Arciconfraternita], who explained the full procedure
to me. I then decided to apply for it. [...] Yes, I did
understand it. I was also given written material to read on
how the procedure works.
(Asylum seeker from Jordan, female, interviewed at Fiumicino)

Ma siamo sicuri che è tutto oro quello che luccica ? Intanto gli enti gestori, in convenzione con il ministero dell'interno, si avvicendano. Dopo le Misericordie, la cooperativa Badia Grande di Trapani a Fiumicino aeroporto.

Referring asylum seekers
The Information Office, available at all Italian air
and sea border-crossing points, refers asylum
seekers from the border police to the prefecture
and Ministry of the Interior.65 At Fiumicino, the
office is run by an NGO (Cooperativa Badia Grande).
Referral relationships are well established.
The office provides information and counselling
on legal and language assistance and cultural
mediation. Where necessary, it supports asylum
seekers needing local services for primary care
and social housing. It also provides support to
asylum-seekers who are transferred based
on the Dublin Regulation. As has already been
mentioned as a promising practice, the office’s
counter is located before passport control, in a
visible place, and is marked with a sign reading
‘Information Office’ in English, Arabic and Italian.
Asylum seekers can directly access the office
after their arrival.
Source: Cooperativa Badia Grande, 2014

Se fosse stato sempre così la giovane donna siriana, gravemente malata,  respinta alcune settimane fa dall'aeroporto di Roma Fiumcino ad Instambul, non avrebbe dovuto essere respinta, benchè fosse arrivata con documenti falsificati. E non ci sarebbero stati arresti di bambini e violenze sui corpi dei migranti per prelevare le impronte digitali. Dove sono e cosa fanno le organizzazioni umanitarie che dovrebbero gestire il servizio di informazione e di assistenza in frontiera ?


http://www.misericordie.it/misericordie/news-dalla-confederazione/1269-richiedenti-asilo-assegnato-alla-confederazione-il-servizio-presso-laeroporto-di-fiumicino-.html

http://dirittiefrontiere.blogspot.it/2014/10/respingimento-dalla-frontiera.html

http://www.zeroviolenza.it/component/k2/item/67512-identificazioni-umanitarie-violenze-sul-corpo-dei-migranti-per-rilevare-le-impronte

Sono numerosi i casi di respingimento dagli aeroporti italiani senza alcuna garanzia che nei paesi di arrivo le persone respinte non possano subire trattamenti inumani o degradanti, vietati dall'art. 3 della Convenzione Europea a salvaguardia dei diritti dell'Uomo.

http://www.meltingpot.org/Bergamo-I-respingimenti-dei-siriani-verso-la-Gregia.html#.VGfJ70Z0xsc

Magari sono persone appena sbarcate dalle navi che le hanno salvate, ad esempio egiziani che in Sicilia vengono respjnti collettivamente dagli aeroporti di Comiso e di Catania.

http://www.radiortm.it/2014/09/16/pozzallo-impatriati-45-migranti-egiziani-volo-charter/

Questa la situazione e le "buone prassi" adottate nell'aeroporto di Milano Malpensa. Come al solito molta distanza tra il dire ed il fare. Chi riesce a chiedere asilo, comunque, non può essere respinto.

http://www3.varesenews.it/gallarate_malpensa/un-week-end-in-aeroporto-tra-arresti-e-respingimenti-286793.html












0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro