Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

martedì 25 novembre 2014

Profughi siriani in sciopero della fame ad Atene davanti al Parlamento. La Grecia non rispetta le direttive dell'Unione Europea e non è un paese sicuro per richiedenti asilo.


http://uk.reuters.com/video/2014/11/24/syrian-refugees-stage-hunger-strike-in-f?rpc=401&videoChannel=117759&feedName=LatestVideosUK&feedType=VideoRSS&videoId=347618210
                                   
Sciopero della fame di più di 200 profughi siariani ad Atene davanti al Parlamento. Quattro di loro, questa mattina, sarebbero stati già portati in ospedale, dopo un iniziale rifiuto delle ambulanze. Nel pomeriggio di martedì i ricoverati sarebbero saliti ad otto ed una donna ha avuto un collasso.

http://rt.com/news/208711-syrian-refugees-hunger-strike/ 

http://stream.aljazeera.com/story/201411242103-0024374

http://hosted.ap.org/dynamic/stories/E/EU_GREECE_SYRIAN_PROTEST?SITE=AP&SECTION=HOME&TEMPLATE=DEFAULT&CTIME=2014-11-24-12-35-36

http://online.wsj.com/articles/syrian-refugees-in-greece-launch-hunger-strike-for-asylum-aid-1416848640?tesla=y&mg=reno64-wsj&url=http://online.wsj.com/article/SB10909804295654494231304580296833835928808.html

http://www.liberation.fr/monde/2014/11/23/grece-des-syriens-campent-devant-le-parlement-pour-de-meilleurs-conditions-d-accueil_1148937

Con Twitter ed i blog notizie in diretta dalla piazza, finchè potranno trasmettere...

https://twitter.com/hashtag/syrianrefugeesgr?src=hash

http://syrianrefugeesgr.blogspot.gr/



SYRIAN REFUGGEES IN GREECE AT SYNTAGMA SQUARE



We are the Syrian refugees who are standing from 19 November 2014 outside of Greek Parliament in Athens at Syntagma square.

We started hunger strike on 24 of November.

We demand full asylum rights as refugees.

We escaped from death in Syria. We escaped from death passing the Aegean sea. We want to live with dignity in Europe.

Our demands are the following:

·         Open the boarding gates by affording us proper travel documents to enable us to travel abroad, inside European Union.

·         Support the Syrian refugees who are blocked in Greece. Book ships to transfer them to the countries which have already announced that they are ready to accept them.

·         Support Syrian refugees with full rights of refugee which include:  regular salaries, shelter, food, health insurance, education, reunification of their families, and work permit.

We call the Greek government to solve this issue immediately.

We appeal to Greek Parliament to support our case.

We appeal to Greek people for solidarity to our demand for full asylum rights.


Questa la situazione ad Atene, assai alto il rischio di interventi violenti della polizia o dei fascisti di Alba Dorata che, in molte occasioni di attacco ai migranti, hanno goduto della complicità della polizia greca.

http://www.amnesty.it/Grecia-impunita-forza-eccessiva-e-legami-con-alba-dorata-una-macchia-sulla-polizia

 La Grecia non rispetta le direttive dell'Unione Europea in materia di accoglienza e procedure di asilo, ed è stata giudicata paese non sicuro per i riciedenti asilo anche dalla Corte Europea dei diritti dell'Uomo che ha sospeso numerosi trasferimenti Dublino.

http://www.echr.coe.int/Documents/FS_Dublin_ENG.pdf

http://www.unhcr.it/sites/53a161110b80eeaac7000002/assets/53a164370b80eeaac700014e/Dublino-Grecia.pdf

Ma l'Italia continua ad eseguire respingimenti collettivi, in forma semplificata, dai porti di Ancona e di Venezia verso Patrasso. Si applicano ancora le procedure semplificate dell'accordo bilaterale Italia-Grecia del 1999. Come se un accordo bilaterale valesse più di un Regolamento europeo, come il Regolamento frontiere Schengen. Come se i diritti di difesa dei respinti non esistessero, come se si trattasse di uomini e di ragazzi da gettare nell'immmondizia.
 La condanna della Corte Europea dei diritti dell'Uomo sul caso Sharifi e altri contro Italia e Grecia evidentemente non è ancora bastata.

http://www.meltingpot.org/Caso-Sharifi-et-al-v-Italia-e-Grecia-La-Corte-di-Strasburgo.html#.VHPLDkZ0xsc

 Di fronte alla protesta di questi profughi siriani bloccati ad Atene occorre dare nuovo impulso a livello europeo alle proposte di modifica del Regolamento Dublino III. A livello nazionale occorre bloccare tutti i respingimenti di persone che arrivano in Italia con i traghetti dai porti greci e valutare le loro posizioni individuali dopo avere fornito tutte le informazioni in frontiera, incluse quelle relative alla proposizione della domanda di protezione internazionale e alle possibilità di ritrasferimento in Europa.

http://www.meltingpot.org/Ancona-Ancora-21-respingimenti-collettivi.html#.VHPLVEZ0xsc

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro