Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

giovedì 19 febbraio 2015

L'Unione Europea non apre canali umanitari e Frontex si attribuisce meriti che sono della Guardia Costiera italiana. Ancorra allarmi di infiltrazioni dalla Turchia.


Non sembra proprio un rafforzamento ma una proroga ed un generico impegno per aumentare le risorse. Ma dove stanno e quante sono le navi di Triton (Frontex) ? I burocrati di Frontex usano le statistiche per dire che i salvataggi in mare sono merito delle unità di Triton. I fatti li smentiscono.

http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2015/02/19/immigrazione-bruxelles-rafforza-lassistenza-allitalia_6cf7e7f0-f613-4c3f-a622-bd2311a245bf.html

Interviene anche il Commissario UE all'immigrazione, il greco Avramopoulos, conferma la proroga di TRITON. la proroga del nulla, anche perchè le regole di ingaggio nelle missioni di salvataggio non sono ancora chiare.

http://ec.europa.eu/avservices/video/player.cfm?ref=I099218

Ma il problema che assilla adesso sembra quello degli scafisti armati a bordo dei barconi, come se non fosse chiaro che adesso i miliziani si sono sostituiti agli scafisti o gli scafisti sono diventati come miliziani.

http://m.repubblica.it/mobile/r/sezioni/solidarieta/immigrazione/2015/02/19/news/traffico_di_migranti_il_procuratore_di_catania_uomini_armati_sui_barconi_segno_di_allarme_ma_con_triton_indagini_pi_diffi-107716960/?ref=HREC1-7

 Militanti di ISIS passano in Turchia dopo essere stati sconfitti a Kobane. Da diverse fonti, nuovi allarmi dalla Turchia su arrivi di combattenti in Europa, sui barconi carichi di migranti. Ma anche attraverso la rotta bulgara.

http://www.todayszaman.com/diplomacy_report-isil-militants-retreating-from-kobani-crossed-into-turkey_373030.html

http://www.askanews.it/esteri/isis-attaccheremo-europa-infitrandoci-tra-migranti-sui-barconi_711237979.htm

http://www.aa.com.tr/en/rss/467585--turkish-defense-minister-says-foreign-fighters-common-enemy

I servizi giornalistici danno per scontati progetti che sarebbero stati scoperti dai servizi segreti. Sospetti anche a Roma ? No. Uno dei tanti falsi allarmi a cui ci dovremo abituare.

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-c074df1d-c705-4efe-94c4-7d484ad7db0f-tg1.html

 "Some militants with Syrian and Palestinian nationality were also planning to cross into Bulgaria to carry out attacks in European Union countries, it added. Turkish police declined to comment on the issue and MIT was not available for comment".

http://www.jpost.com/Middle-East/ISIS-approaches-Europe-reportedly-planning-attacks-in-Turkey-and-Bulgaria-391542

http://www.trust.org/item/20150219122140-o9dfu/

Persino Alfano chiarisce che al momeno non ci sono nessi tra immigrazione e terrorismo.

http://www.askanews.it/top-10/alfano-non-c-e-traccia-di-un-nesso-tra-immigrazione-e-terrorismo_711242064.htm

Sarebbe bene che questi allarmi siano considerati per quello che sono, e per la provenienza che hanno, senza spargere ancora quella cultura del nemico interno che sta avvelenando la convivenza civile in tutti i paesi europei. Gli unici che se ne stanno avvantaggiando sono i vertici militari, le industrie della sicurezza e degli armamenti e le destre xenofobe e nazionaliste.

Segni in senso opposto. Dalla Grecia proposte nuove, di apertura di canali umanitari ?

http://www.ekathimerini.com/4dcgi/_w_articles_wsite1_1_18/02/2015_547419

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro