Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

domenica 17 maggio 2015

L'Unione Europea scopre le carte. L'Agenda europea sull'immigrazione rafforza i sistemi di controllo e promuove l'esternalizzazione del diritto di asilo.La Sicilia hotspot per gli apparati di sicurezza europei. Le buone intenzioni rimangono sulla carta.


In attesa che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite dia ( a giugno ?) l'autorizzazione per gli interventi militari in territorio libico, richiesti dal governo italiano e dalla Commissaria UE Mogherini, si svelano i piani contro i migranti adottati dalla Commissione Europea, dopo il Consiglio straordinario convocato il 23 aprile a Bruxelles su richiesta italiana.

http://gds.it/2015/05/16/immigrazione-gentiloni-interventi-mirati-sulle-coste-libiche_356815/

Dopo il silenzio dell'ONU sulle proposte della Mogherini,  il dibattito si è spostato sulle proposte europee contenute nell'Agenda Europea sulle migrazioni varata dalla Commissione pochi giorni fa.

http://ec.europa.eu/dgs/home-affairs/what-we-do/policies/european-agenda-migration/background-information/docs/communication_on_the_european_agenda_on_migration_en.pdf

http://www.internazionale.it/notizie/2015/05/11/migranti-agenda-europea-punti-principali

http://www.huffingtonpost.it/2015/05/13/migranti-ue-adotta-agenda-per-limmigrazione_n_7272714.html

http://contropiano.org/internazionale/item/30769-intervento-in-libia-vertice-militare-in-egitto-giochi-di-parole-all-onu

http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/eu/11609210/UN-could-give-the-green-light-to-EU-plans-for-Libya-military-action.html

http://foreignpolicy.com/2015/05/14/libya-to-europe-please-dont-come-to-our-rescue/

Le apparenti novità che sarebbero contenute nel programma elaborato dalla Commissione Europea, come l'apertura di canali legali di ingresso e l'impulso verso una maggiore armonia delle normative nazionali in materia di asilo rimangono all'interno di proposte vecchie, come la Carta blu per gli ingressi dei migranti maggiormente qualificati, o si traducono in generici inviti ai legislatori nazionali, oppure rimangono nella sostanza del tutto insignificanti, al di là del principio che si tende ad affermare, come le possibilità di resettlement dai paesi extra-UE in Europa, appena 20.000 persone in due anni, e di ritrasferimento (relocation) tra i diversi paesi europei, senza alcuna indicazione di dati numerici certi.

 "Responding to high-volumes of arrivals within the EU: Relocation
Member States' asylum systems today face unprecedented pressure and, with the summer arriving, the flow of people to frontline Member States will continue in the months to come. The EU should not wait until the pressure is intolerable to act: the volumes of arrivals mean that the capacity of local reception and processing facilities is already stretched thin. To deal with the situation in the Mediterranean, the Commission will, by the end of May, propose triggering the emergency response system envisaged under Article 78(3) TFEU7. The proposal will include a temporary distribution scheme for persons in clear need of international protection to ensure a fair and balanced participation of all Member States to this common effort. The receiving Member State will be responsible for the examination of the application in accordance with established rules and guarantees. A redistribution key based on criteria such as GDP, size of population, unemployment rate and past numbers of asylum seekers and of resettled refugees can be found in the Annex.
This step will be the precursor of a lasting solution. The EU needs a permanent system for sharing the responsibility for large numbers of refugees and asylum seekers among Member States. The Commission will table a legislative proposal by the end of 2015 to provide for a mandatory and automatically-triggered relocation system to distribute those in clear need of international protection within the EU when a mass influx emerges.8 The scheme will take account of the efforts already made on a voluntary basis by Member States.
Pending the implementation of these two measures, Member States will need to show solidarity and redouble their efforts to assist those countries on the frontline".


http://amisnet.org/agenzia/2015/05/15/europa-bipolare/

http://www.lastampa.it/2015/05/13/esteri/europa/lunione-approva-lagenda-immigrazione-Ii96FG6fqGIM0UGMSaOwpN/pagina.html

Sono invece assolutamente certi, ed in parte già in corso di attuazione vari interventi a livello di prassi applicate, ben prima che il Parlamento europeo abbia potuto votare sulle singole misure, affidate come al solito alla discrezionalità ed alla riservatezza degli apparati di polizia.

"Targeting criminal smuggling networks
The criminal networks which exploit vulnerable migrants must be targeted. The High Representative/Vice President (HR/VP) has already presented options for possible Common Security and Defence Policy (CSDP) operations to systematically identify, capture and destroy vessels used by smugglers. Such action under international law will be a powerful demonstration of the EU's determination to act".


Tra questi interventi già avviati, si deve segnalare l'invio in Sicilia, individuata come "hotspot" dei movimenti migratori, di pattuglie che dovrebbero sorvegliare la prima identificazione e la selezione dei migranti, tra "richiedenti asilo" e migranti economici, che dovrebbero essere respinti prima possibile, con le operazioni di rimpatrio affidate all'agenzia europea Frontex.

 Using the EU's tools to help frontline Member States
More will be done to help deal with the immediate challenge faced by Member States in the frontline of migrant arrivals.
First, the Commission will set up a new 'Hotspot' approach, where the European Asylum Support Office, Frontex and Europol will work on the ground with frontline Member States to swiftly identify, register and fingerprint incoming migrants. The work of the agencies will be complementary to one another. Those claiming asylum will be immediately channelled into an asylum procedure where EASO support teams will help to process asylum cases as quickly as possible. For those not in need of protection, Frontex will help Member States by coordinating the return of irregular migrants. Europol and Eurojust will assist the host Member State with investigations to dismantle the smuggling and trafficking networks.
Second, the Commission will mobilise an additional EUR 60 million in emergency funding, including to support the reception and capacity to provide healthcare to migrants in the Member States under particular pressure11. An evaluation of needs is under way.


La Commissione finge di ignorare in questo modo che la maggior parte delle persone che arrivano oggi dalla Libia ha la qualità di profugo o di sfollato, non solo e non tanto per la situazione nel proprio paese di origine, ma per le condizioni di rischio per la vita al quale si trovavano esposte prima dell'imbarco forzato verso l'Europa. In Libia tutti i migranti sono ritenuti "illegali", non ci sono persone destinatarie di misure di inserimento e di protezione. E gli illegali vanno arrestati e cacciati via. Come è confermato dal bando del governo di Tobruk contro i lavoratori bengalesi.

http://www.trust.org/item/20150516194208-1f060/

http://news.xinhuanet.com/english/2015-05/16/c_134243455.htm

http://uk.reuters.com/video/2015/05/16/some-60-children-among-rescued-migrants?rpc=401&videoId=364251026&feedType=VideoRSS&feedName=LatestVideosUK&rpc=401&videoChannel=75

http://mg.co.za/article/2015-05-14-amnesty-international-reports-abduction-torture-and-rape-of-refugees

http://www.theguardian.com/world/2015/may/16/id-rather-die-at-sea-than-stay-there-migrants-on-crossing-the-med

http://www.thecairopost.com/news/150895/news/86-egyptians-deported-from-libya-over-illegal-immigration

La Commissione Europea, e le task force di esperti che da mesi hanno elaborato le linee che solo adesso sono rese pubbliche, ignorano evidentemente che non ci sono le condizioni per istituire campi di raccolta per "selezionare" i richiedenti asilo nei paesi di transito come il Niger, per le gravi violazioni dei diritti umani che non garantiscono le condizioni minime di incolumità dei migranti che attraversano quelle regioni diretti in Libia. E lo stesso si potrebbe affermare per il Sudan, paese al centro del cd. Processo di Khartoum, che l'Italia persegue dallo scorso anno nel tentativo di coinvolgere i paesi di origine, come l'Eritrea, e di transito, come l'Egitto, nel blocco delle partenze dei migranti, anche se tutti conoscono che si tratta di persone in fuga da guerre e da dittature.

 Working in partnership with third countries to tackle migration upstream
The EU can also take immediate action to intervene upstream in regions of origin and of transit. The Commission and the European External Action Service (EEAS) will work together with partner countries to put in place concrete measures to prevent hazardous journeys.
First, the EU should step up its support to the countries bearing the brunt of displaced refugees. Regional Development and Protection Programmes will be set up or deepened, starting in North Africa and the Horn of Africa, as well as by building on the existing one in the Middle East. EUR 30 million will be made available in 2015/2016 and should be complemented by additional contributions from Member States.
Second, a pilot multi-purpose centre will be set up in Niger by the end of the year. Working with the International Organisation for Migration (IOM), the UNHCR and the Niger authorities, the centre will combine the provision of information, local protection and resettlement opportunities for those in need. Such centres in countries of origin or transit will help to provide a realistic picture of the likely success of migrants' journeys, and offer assisted voluntary return options for irregular migrants.
Third, migration will become a specific component of ongoing Common Security and Defence Policy (CSDP) missions already deployed in countries like Niger and Mali, which will be strengthened on border management. A dedicated summit will be organised in Malta in the autumn with key partners, including the African Union, to develop a common approach with the region addressing the causes of irregular migration and the protection of people in need, as well as smuggling and trafficking of people.
This work will be closely connected to broader political initiatives to promote stability. Of particular importance is the action led by the HR/VP to address the situation in Libya, with full support to the UN-led efforts to encourage the process of setting up of a Government of National Unity. Persistent efforts to address the crisis in Syria have been accompanied by €3.6 billion in humanitarian, stabilisation and development assistance inside Syria and to help Syrian refugees in countries like Lebanon, Jordan, Turkey and Iraq. These are only some of the most obvious of political crises which will have a profound impact on migration to the EU in the months to come. Close attention will also be paid to our eastern partners, the Western Balkans and Asia fostering existing cooperation frameworks.


L'Agenda Europea sull'immigrazione presentata dalla Commissione insiste molto sulla distinzione tra migranti economici, da arrestare e respingere, salvo le modeste possibilità di ingresso concesse con la cd. carta blu per gli immigrati maggiormente qualificati, ed i richiedenti asilo, che però si ritiene di valutare in Africa, alla luce delle norme più restrittive ( ormai obsolete, alla luce dell'attuale carattere dei conflitti interni) della Convenzione di Ginevra del 1951. Tutto sembra giustificato, anche a scapito della vita umana,si dà ancora  priorità assoluta al contrasto del traffico di esseri umani, sulla scorta dei Protocolli allegati alla Convenzione ONU contro il crimine transnazionale, adottata nel 2000 a Palermo. Un documento che ha giustificato ( nel 2008) accordi di riammissione e di respingimento anche con paesi come la Libia, che non avevano neppure aderito alla Convenzione di Ginevra del 1951 sui rifugiati. Non è bastata neppure la condanna della Corte Europea dei diritti dell'Uomo sul caso Hirsi per i respingimenti illegali eseguiti all'Italia verso la Libia. Un problema che oggi sembra non rilevare più. Se non si possono eseguire più i respingimenti collettivi si tenta di bloccare le persone in fuga prima che partano. Si trasferiscono quindi ai governi dei paesi di transito risorse e mezzi per fermare quei migranti che anche l'Europa ritiene "illegali".

"EU Agencies can also assist Member States' authorities in intensifying their action against criminal networks of smugglers. Agencies help identify smugglers, investigate them, prosecute them, freeze and confiscate their assets. Action will build on immediate efforts to identify, capture and destroy vessels before they are used by criminal networks (see above). Proactive financial investigations, aiming at seizures and recovery of criminal assets, and actions against money laundering connected to migrant smuggling will be supported through enhanced cooperation with Financial Intelligence Units on financial flows and new cooperation with financial institutions, such as banks, international money transfer services, and credit card issuers. This will also draw on the improved information-sharing set out in the European Agenda on Security.
In order to strengthen the instruments available to prosecutors to address smuggling networks, the Commission will improve the existing EU legal framework to tackle migrant smuggling and those who profit from it.16 In order to take specific action against traffickers' networks and provide assistance to victims of trafficking, the Commission will also complete the initiatives foreseen in the current strategy against Trafficking in Human Beings and look at how work can be further improved in 2016.17 Another potential source of exploitation comes from employers inside the EU. Whilst promoting better integration into the labour market of legal migrants, the Commission will step up action against illegal employment of third country nationals, inter alia through better enforcement and application of the Employers Sanctions Directive18, which prohibits the employment of third-country nationals who have no right to stay in the EU. It will also prioritise infringement procedures relating to this Directive".


Una vera svolta sulle politiche europee in materia di immigrazione ed asilo non è ancora in vista. Non si comprende sulla base di quali elementi si possa affermare il contrario, soprattutto in una fase nella quale le decisioni sono state assunte soltanto dal Consiglio e dalla Commissione, senza alcun coinvolgimento del Parlamento Europeo, che prima o poi dovrà pure essere chiamato a deliberare.

http://www.mediapart.fr/journal/international/130515/quotas-visas-bruxelles-veut-reformer-sa-politique-d-asile-et-d-immigration?page_article=1

La distinzione tra migranti economici e richiedenti asilo , alla luce di quanto sta avvenendo oggi in Libia, ed in parte in Egitto, per non parlare delle guerre che caratterizzano tutta la fascia dell'Africa subsahariana, non può reggere. La prospettiva dominante non può essere quella secondo la quale chi arriva dalla Libia abusi del diritto di chiedere asilo in Italia. Anche un migrante economico che  è stato costretto a partire dalla Libia non ha avuto altre alternative ed ha diritto ad un permesso di soggiorno per motivi umanitari. Lo comincia ad affermare anche qualche giudice in Italia. E già nel 2011 si era verificata una emergenza umanitaria che aveva costretto tanti migranti economici ad abbandonare la Libia. In quel caso il governo aveva concesso per decreto la protezione temporanea a tutti coloro che provenivano da quel paese.

Tribunale di Trieste del 6 maggio 2013

http://briguglio.blogspot.it/2012/11/ancora-sulla-protezione-umanitaria-dei.html

Le linee proposte dalla Commissione corrispondono alla negazione del diritto asilo per la magguior parte delle persone che si avventurano in viaggi sempre più rischiosi verso l'Europa per chiedere protezione. Neppure una misura concreta poi, nelle proposte della Commissione, al di là delle rituali affermazioni di principio, per i soggetti più vulnerabili, per le vittime di tortura, per i minori non accompagnati, per le donne sole con bambini piccoli, persone che rimangono esposte agli abusi dei trafficanti e delle polizie corrotte che (co)gestiscono frontiere e campi di detenzione in Africa. neanche un accenno all'apertura di canali umanitari, con il rilascio di visti di ingresso e con percorsi legali di ammissione al territorio europeo, al di fuori di una previsione numerica irrisoria che sembra riguardare soltanto persone già accolte nei numerosi campi profughi presenti ai confini delle aree di crisi, come in Libano ed in Giordania. L'idea di istituire un solo campo di raccolta per richidenti asilo in Niger, a fronte del numero di persone che transitano in quella regione verso le coste del Mediterraneo sembra più un alibi per giustificare altre politiche di respingimento, che una soluzione concreta capace di alleviare le sofferenze di chi tutti i giorni rimane esposto al rischio di torture e sequestri.

https://www.facebook.com/watchthemed.alarmphone/videos/vb.1525906057683632/1582742505333320/?type=2&theater

Non regge neppure la prospettiva di controllo delle frontiere esterne, che già viene anticipata a livello di prassi di polizia, per quanto concerne i punti di ingresso in Europa, definiti come "HOT SPOT", tra questi la Sicilia, e le procedure di selezione tra migranti economici e richiedenti asilo, che dovrebbe svolgersi sotto lo stretto controllo, si potrebbe pensare ad una sorta di commissariamento della polizia italiana, da parte di agenti di diverse polizie europee, proveienti dall'Agenzia Frontex e dalla nuova Agenzia EASO (Agenzia europea di assistenza per l'Asilo). Non si modifica il Regolamento Dublino III, che amplifica gli squilibri esistenti nei diversi paesi tra le procedure e gli standard di accoglienza dei richiedenti protezione internazionale, nè si va nella direzione del Diritto di Asilo Europeo, con il riconoscimento reciproco delle decisioni nazionali che riconoscono lo status e dunque con il riconoscimento di una autentica libertà di circolazione alle persone che ottengono tale status.

Si progetta soltanto di inasprire le fasi del controllo e della schedatura, soprattutto nei porti di frontiera, i cd. HOT SPOT, ai fini della selezione dei migranti e dunque del respingimento del maggior numero possibile di persone, una volta esclusa la qualità di asilanti o di profughi, verso i paesi di origine. Un piano tanto disumano quanto impraticabile, anche per l'esistenza di ostacoli ( nel diritto nazionale e nella Convenzione EDU) al rinvio generalizzato verso paesi che non garantiscono il rispetto dei diritti fondamentali della persona.

L'aumento dei mezzi destinati alle operazioni di rimpatrio eseguite dall'Agenzia Frontex e l'impulso verso nuovi accordi di riammissione con i paesi di origine e transito, fulcro del Processo di Khartoum, al di là di qualunque valutazione morale, rimane una prospettiva che ha già dimostrato gravi limiti operativi ed ha prodotto un aumento vertiginoso delle vittime, non solo in mare ma anche nei deserti africani, come è documentato dai report più recenti. Si tratta di una prospettiva già condannata al fallimento, come sono fallite in questi anni tutte le iniziative incentrate sull'esecuzione di respingimenti ed espulsioni collettive.

 Basterebbe considerare le sentenze dei giudici internazionali e nazionali che hanno sanzionato i respingimenti collettivi imemdiati, e verificare poi il fallimento del sistema dei centri di detenzione in Italia, certificato dalla chiusura della maggior parte di queste strutture, e magari andare a vedere che fine hanno fatto i centi di accoglienza finanziati dall'Europa (e dall'Italia) in alcuni paesi di transito come la Libia, per avere la prova irreversibile che la "clandestinità", come si diceva una volta, o l'ingresso irregolare di "migranti economici", come si dice oggi, non si combatte con le misure di detenzione amministrativa ( magari nei centri di primo soccorso ed accoglienza) e di accompagnamento forzato. Occorre piuttosto aprire credibili vie di ingresso legale, anche per ricerca di lavoro,  stabilendo meccanismi di regolarizzazione permanente, con l'emersione del lavoro irregolare in modo da proteggere i lavoratori stranieri e sanzionare davvero i datori di lavoro (piuttosto che premiare questi ultimi a danno dei più deboli che sono alle loro dipendenze). Solo in questo modo si potrà preservare la genuinità dei percorsi di protezione internazionale ed evitare che le procedure siano ingolfate da domande manifestamente infondate.

http://mobi.iol.co.za/#!/article/desert-as-deadly-as-sea-for-migrants-1.1859326

http://www.globalpost.com/article/6550263/2015/05/15/desert-deadly-sea-surge-europe-bound-migrants

Molti hanno visto nella nuova Agenda Europea sulle migrazioni una svolta rispetto al passato, una prima risposta alle stragi sempre più frequenti che funestano il mediterraneo ( e non solo).
Se si passa dalle parole o dai programmi di lungo periodo ai fatti, alle pratiche concrete, magari già messe in atto, a livello di forze di polizia o tra agenti di collegamento e governi stranieri, si ritrova la stessa vecchia politica europea, che delega sostanzialmente il governo delle migrazioni agli apparati di sicurezza, una politica che ha già prodotto tanti fallimenti e tante vittime. E' una politica che in nome della sicurezza ha fatto vincere tante elezioni, e che ancora oggi rende abbastanza, come conferma il successo di Cameron in Gran Bretagna, uno stato, un governo che non vuole più accogliere neppure un solo profugo. Ma che è già parte centrale dei piani di guerra per attaccare la Libia in nome del contrasto dell'immigrazione "illegale" e della guerra agli scafisti, che ancora, per molte, per troppe persone, rimangono l'unica possibilità di fuga dall'inferno. Anche a costo della vita.

Le popolazioni europee, schaiacciate dalla crisi economica,  potranno continuare a votare ancora per queste politiche di morte. E' già successo nella storia che le crisi economiche producono dittature e guerre. I campi di sterminio adesso sono più lontanti, sarà poù facile dire: non sapevo. Alle dittature e alle guerre si può arrivare anche dopo elezioni, basta controllare i mezzi di informazione ed il consenso è garantito.  Sarà sempre più chiaro che, in questo modo, si andrà verso il naufragio del Titanic Europa, e che la guerra alle frontiere, come il possibile intervento in Libia,  potrebbe presto trasformarsi in una serie di guerre interne dalle conseguenze imprevedibili. Di certo i politci che ci governano non potranno dire: non sapevamo.

http://www.aps.dz/en/algeria/7351-algeria,-italy-strongly-committed-to-resolution-of-libyan-crisis,-says-pistelli

http://www.independent.com.mt/articles/2015-05-16/local-news/Destroying-traffickers-boats-will-not-solve-issue-that-can-be-done-in-minutes-Tripoli-minister-6736135658

http://www.timesofmalta.com/articles/view/20150516/local/tripoli-minister-we-are-in-the-same-boat-on-migration.568395





0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro