Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

giovedì 16 luglio 2015

Dopo due mesi riprendono le stragi di migranti davanti alle coste libiche. Subito dopo il ritiro dei mezzi inglesi e di Frontex e l'avvio dell'operazione EUNAVFOR MED.


All'inizio dell'anno partiva l'operazione TRITON di Frontex nel Mediterraneo Centrale.

http://www.amnesty.ch/de/themen/asyl-migration/europa/dok/2015/europa-muss-handeln/AI-Briefing_Search-and-Rescue_220415_EN.pdf

Appariva subito che i suoi mezzi erano inadeguati come limitato era lo stesso mandato, per "difendere le frontiere" e combattere i trafficanti, non per la salvaguardia effettiva della vita umana in mare.

http://europa.eu/rapid/press-release_IP-15-4453_en.htm

http://www.theguardian.com/world/2015/apr/22/eu-borders-chief-says-saving-migrants-lives-cannot-be-priority-for-patrols

http://frontex.europa.eu/assets/Publications/Risk_Analysis/FRAN_Q1_2015.pdf

http://www.ceps.eu/system/files/LSE_79.pdf

C' era stata la grande strage del 18 aprile 2015, la più grande strage di migranti mai avvenuta, oltre 800 morti, al termine di un primo periodo dell'operazione Frontex-Triton ( gennaio- aprile 2015) in cui i mezzi europei erano rimasti a poche miglia dalle coste di Malta e Lampedusa, per sorvegliare  e difendere le frontiere non per salvare i migranti.

http://www.nytimes.com/interactive/2015/04/20/world/europe/surge-in-refugees-crossing-the-mediterranean-sea-maps.html?_r=0

Ad intervenire erano sempre più spesso navi commerciali, inadeguate per prestare soccorsi, anche se qualcuno ipotizzava che poteva andare bene anche così. I mezzi della guardia costiera italiana facevano quello che potevano. Risultato nei primi quattro mesi dell'anno da meno di cento vittime nel 2014 ad oltre 1600 persone annegate o disperse nel 2015.

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2015/04/19/

http://www.ansa.it/mare/notizie/rubriche/uominiemare/2015/06/27/oltre-12-mila-migranti-salvati-da-navi-mercantili-nei-primi-mesi-del-2015-_9b46f87e-d584-4bce-9882-2cbbe0757f2b.html

http://palermo.meridionews.it/articolo/33454/il-ministro-angelino-alfano-a-palermo-vertice-in-prefettura-in-tarda-mattinata/

Poi dopo il 18 aprile l'Unione Europea aveva esteso il mandato di Frontex Triton, e per alcune settimane non era morto più nessuno, in mare almeno, e sembrava quasi che ci fosse una grande operazione europea sul modello di Mare Nostrum.Ma gli interessi sembravano anche altri.

https://wikileaks.org/eu-military-refugees/EUMC/eu-military-refugee-plan-EUMC.pdf

 Ma l'impegno delle sette grosse navi militari aggiunte da diversi paesi all'operazione Triton dopo la strage del 18 aprile era a tempo, ed adesso quel tempo è scaduto. Forse costavano troppi soldi, o si pensava che sarebbero servite per l'intervento in Libia, che la Mogherini, Commissaria UE agli affari esterni, ha richiesto per mesi, senza esito, al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2015/04/22/arriva-la-bozza-per-i-piani-di-distruzione-dei-barconi-in-libia_b434d821-7494-46a6-947e-973a98ec4051.html

Oggi si muore per genocidio programmato da chi ha deciso di chiudere le possibilita' di ingresso legale e ritirare mezzi navali di Frontex. Leggete gli atti ufficiali della missione Triton e scoprirete che l'impegno piu' massiccio delle navi inglesi e tedesche davanti alla costa libica "scadeva" il 30 giugno e non rientrava nelle attività di Triton.

http://www.statewatch.org/news/2015/apr/eu-med-crisis-military-ms-pledges.pdf

Si prevedeva una turnazione, anche se ufficialmente la missione di Frontex "rinforzata"doveva protrarsi fino al 30 settembre, o scondo altri programmi fino al dicembre 2015. Ma con mezzi a rotazione. Uno stato ne ritirava alcuni, ed un'altro ne inviava altri diversi, magari un elicottero o un aereo ricognitore al posto di una nave. Di certo messuno stato si impegnava a garantire all'operazione Frontex/Triton una presenza continuativa dei propri mezzi o del proprio personale a tempo indeterminato.

AMNESTY INTERNATIONAL PUBLIC STATEMENT 9 July 2015 AI Index: EUR 03/2059/2015 

A safer sea: The impact of increased search and rescue operations in the central Mediterranean Summary

"On 26 May, Frontex adopted a new operational plan for Operation Triton, with an increased budget, extra resources and an expanded operational area, extending from the original 30 nautical miles (approximately 55km) from Maltese and Italian coasts to 138 nautical miles (approximately 255km) south of Sicily, roughly 70 nautical miles south of Lampedusa. Frontex wrote to Amnesty International in June 2015 that during the peak summer season, from May to September, Triton would deploy six offshore patrol vessels, 12 patrol boats, three airplanes and two helicopters.
At the same time, a number of governments decided to deploy naval and aerial assets outside Operation Triton, in national humanitarian operations to assist refugees and migrants in peril at sea. On 5 May, the British flagship HMS Bulwark reached the central Mediterranean to assist refugees and migrants at sea under the UK operation “Weald”, together with three Merlin helicopters. It was followed on 7 May by the German Navy ships Berlin and Hessen and later in May by the Irish ship Lé Eithne. Within a few days of reaching the central Mediterranean, they all started assisting refugees and migrants. While these ships remain under their national line of command, all search and rescue operations are coordinated by the Italian Maritime Rescue Coordination Centre, as required under the law of the sea. The Italian Navy, which also deploys up to five ships outside Triton, ensures local coordination to make the best use of available assets.
In addition, two non-governmental organizations, the Migrant Offshore Aid Station (MOAS) and Doctors without Borders (MSF), have also enhanced capacity for rescue operations by deploying
four private vessels to assist refugees and migrants at sea".

http://migrantreport.org/infographic-mediterranean-assets/

 Dai primi giorni di luglio ad oggi sono ripresi i naufragi anche perche' la guardia costiera italiana da sola non ha i mezzi sufficienti per rispondere a tutte le chiamate di soccorso e... l' Agenzia Frontex ha inviato propri agenti proprio per sorvegliare le attivita' di soccorso e le chiamate telefoniche dai barconi. Altro salvataggio della nave (non Frontex) Bourbon Argos di Medici Senza Frontiere che, dopo un primo sbarco di 120 persone circa a Trapani, viene dirottata sul porto di Cagliari.Una scelta folle, che conferma l'impreparazione del Tavolo nazionale che decide sulla ubicazione delle persone soccorse in mare, una impreparazione che porta alle situazioni di tensione nelle quali si inseriscono elementi della destra fascista e xenofoba, come succede a Roma ed in Veneto. Dopo le proteste dei migranti spediti a Cagliari, la nave ha fatto rotta su Reggio Calabria. Nell'Italia meridionale non ci sono i fomentatori fascisti e le popolazioni residenti ormai in preda alla xenofobia che impediscono l'accoglienza dei profughi. E si ostinano a chiamarli "clandestini". Fomentatori di odio che ricadrà su di loro e sulle loro famiglie.

http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2015/07/16/una_nave_con_550_migranti_a_bordo_attraccher_domani_al_porto_di_c-68-426173.html 

 http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2015/07/17/in-calabria-migranti-diretti-a-cagliari_2017ae44-470c-40f8-acc1-6df31759a9ab.html

http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/487850/Rivolte-anti-immigrati-in-atto-una-vergognosa-strumentalizzazione 

  Gli inglesi hanno rimpiazzato una nave da guerra che effettuava salvataggi di 800 persone, ed aveva a bodro decine di elicotteri, con un mezzo molto più piccolo, una nave oceanografica, che ne potrà salvare al massimo 100. Forse si sono accorti che avevano contribuito troppo alle attività SAR di ricerca e soccorso in mare, e che la missione militare in Libia era rinviata a data da destinarsi. 

http://frontex.europa.eu/assets/About_Frontex

http://frontex.europa.eu/news/weekend-arrivals-at-5600-all-frontex-deployed-assets-engaged-in-sar-DLwdPS

http://statewatch.org/news/2015/jul/uk-hoc-briefing-med.pdf

Parlano di contrasto dell' immigrazione illegale, producono le stragi per abbandono, ormai anche senza testimoni. Davvero lanciata sul nulla l'operazione EUNAVFOR MED

http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/483844/Migranti-si-alle-missioni-per-mettere-fuori-uso-le-navi-degli-scafisti

http://eeas.europa.eu/top_stories/2015/190515_fac_defence_en.htm 

 Terza strage in dieci giorni di luglio... davanti alla costa libica

http://m.news24.com/news24/Africa/News/100-bodies-wash-up-at-Libyan-coastal-town-20150714 

http://mobile.avvenire.it/Cronaca/Pagine/100-morti-sulle-coste-libiche.aspx

 Il problema è che la guardia costiera italiana decide, meglio forse dire, decideva di intervenire, quando arrivano le chiamate di soccorso, mentre gli agenti di Frontex che sono arrivati in massa in Sicilia per monitorare il comportamento delle nostre autorità di polizia e militari vorrebbero incriminare chi riceve le chiamate di soccorso e aspettare che le barche affondino, o siano in procinto di affondare, che è quasi lo stesso, per intervenire. Su questo contrasto si gioca la proposta di militarizzare la Guardia Costiera, "colpevole" di avere deciso troppi interventi SAR, addirittura in qualche occasione imponendoli anche alle unità di Frontex.  La Gran Bretagna precisa che le sue navi non fanno parte del dispositivo TRITON di Frontex. Qualcuno però ha spacciato i loro interventi come interventi di Frontex.

http://www.theguardian.com/world/2015/jun/23/uk-pulling-back-from-migrant-rescue-with-hms-enterprise-deployment

http://www.reuters.com/article/2015/07/15/us-europe-migrants-italy-idUSKCN0PP2GP20150715?rpc=401

I giornali italiani non danno notizie nè dei morti, nè dei vivi... solo qualche breve sugli arresti dei soliti scafisti, sempre più spesso scelti tra gli stessi migranti. In molti, sui giornali e non sono, confondono il traffico di migranti (smuggling) con la tratta di esseri umani (trafficking).

Secondo l'UNHCR invece, "Most smuggling does not involve the crime of trafficking. This distinction is important to maintain in statements and actions initiated in response to the current crisis. Moreover, people resorting to smugglers and those falling prey to traffickers are not criminals. Those boats are carrying human beings who are entitled to their human rights and are in need of international aid and protection. All actions must scrupulously respect International Human Rights Law, International Refugee Law, International Humanitarian Law, the Law of the Sea, and ensure the dignified, safe and humane treatment of migrants".

http://www.unhcr.org/553e41e66.html

 Dalla disinformazione al silenzio. Vengono censurate anche le notizie che arrivano da Bruxelles, quando non si tratta di operazioni militari.

http://www.cronachediordinariorazzismo.org/cento-corpi-senza-vita-sulla-costa-libica-nel-silenzio-generale/ 

http://www.independent.com.mt/articles/2015-07-16/local-news/Civil-Liberties-MEPs-back-mechanism-to-relocate-40-000-asylum-seekers-from-Italy-and-Greece-6736138981

Le altre due stragi di migranti si sono verificate davanti alle coste libiche, pochi giorni fa, adesso la maggior parte dei soccorsi sono operati dalla Guardia Costiera italiana, dopo due mesi che ad intervenire erano in prevalenza i mezzi della missione TRITON di Frontex.

http://frontex.europa.eu/news/assets-deployed-in-operation-triton-involved-in-saving-3-000-migrants-since-friday-xmtkwU

 http://siciliamigranti.blogspot.it/2015/07/canale-di-sicilia-soccorsi-quattro.html

Succedeva alla fine di giugno. Quali le nuove regole di ingaggio imposte alle navi di TRITON/FRONTEX in mare? Quali rapporti con la centrale operativa della Guardia costiera a Roma? Chi filtra le telefonate di soccorso e si occupa dello scambio di informazioni ? Queste le regole che Frontex dovrebbe rispettare in ogni caso.

http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32014R0656&from=EN

http://frontex.europa.eu/news/executive-director-visits-the-premises-of-the-eu-regional-task-force-in-catania-XbrHLG

http://www.swissinfo.ch/ger/frontex-richtet--triton--stuetzpunkt-in-catania-ein/41456764

Intanto hanno potenziato i voli di rimpatrio eseguiti dall'agenzia Frontex. Anche verso la Repubblica Centroafricana. Dove notoriamente sono salvaguardati i diritti umani ed il diritto di asilo.

http://www.gettingthevoiceout.org/frontex-flight-to-rdc-this-wednesday-17062015/

 Frontex va abolito e sostituito con una missione europea di soccorso umanitaro, altrimenti ci saranno ancora migliaia di morti.  Eurosur difenderà i diritti umani delle persone che rischiano di essere deportate ? Le richieste dell'ASGI mentre si intensifica la cooperazione pratica di polizia con gli stati terzi ai fini delle operazioni di allontanamento forzato.

http://www.statewatch.org/news/2012/jun/borderline.pdf
Statewatch article: RefNo# 34847
ASGI statement: Italy and Europe must react immediately to stop the tragedy of the deaths in the Mediterranean
Statewatch News Online, April 2015
Inactivity makes them accomplices of a slaughter

http://database.statewatch.org/article.asp?aid=34847  

Con il processo di Khartoum si va a braccetto con i dittatori per bloccare le partenze ed aumentare le deportazioni con la cd. "cooperazione pratica di polizia" che permette alle polizie europee di collaborare nelle operazioni di arresto ed espulsione o respingimento con le polizie di paesi terzi che non applicano la Convenzione di Ginevra sui rifugiati. Renzi in Etiopia cosa avra' detto e cosa' avra' concordato sottobanco ?
 A parole Renzi difende i profughi in fuga dall'Eritrea. Ma la discussione potrebbe essersi allargata alla lista di "paesi terzi sicuri" di cui si sta discutendo a Bruxelles per respingere con procedure accelerate le richieste di protezione internazionale di chi proviene da questi paesi e provvedere subito dopo alle operazioni di rimpatrio forzato. Anche se non si tratta di stati che garantiscono le libertà ed i diritti fondamentali della persona. Come appunto l'Etiopia.

http://www.stranieriinitalia.it/attualita-profughi._renzi_l_italia_continuera_a_salvarli_nel_mediterraneo_20548.html 

http://statewatch.org/news/2015/jul/eu-safe-countries-drafts.html 

http://www.inpublishing.co.uk/news/articles/worlds_press_demands_release_of_jailed_ethiopian_journalists_9076.aspx 
http://www.theguardian.com/global-development/2015/jul/13/addis-ababa-development-finance-summit-all-you-need-to-know-sustainable-development-goals 

Ecco come è andata a finire ad Addis Abeba...

http://www.vita.it/it/article/2015/07/16/oxfam-il-summit-di-addis-ababa-unoccasione-persa-per-sconfiggere-la-po/135959/

Sui processi di esternalizzazione dei controlli di frontiera, con il coinvolgimento dei paesi terzi, e sul processo di Khartoum

http://blogs.mediapart.fr/blog/migreurop/150715/guerre-aux-migrants-larme-de-lexternalisation 

http://info.arte.tv/fr/processus-de-khartoum-quand-leurope-repousse-ses-frontieres-en-afrique 

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro