Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

domenica 19 luglio 2015

Dopo l'avvio dell'operazione fantasma EUNAVFOR MED confermato l'arretramento delle navi della missione Triton di Frontex. Gli operatori umanitari denunciano. Per l'Unione Europea le priorità sono gli accordi di polizia con i paesi terzi, gli hotspot per filtrare ed identificare i migranti, ed i voli di rimpatrio.

                                                                    
                                                             
Quando un logo dimostra bene le intenzioni di una operazione navale, il logo dell'operazione EUNAFOR MED. Un mare deserto, ed un allontanamento grafico e operativo tra le due sponde del Mediterraneo. Una distanza che uccide e che potrebbe fare presto altre vittime.

http://www.statewatch.org/news/2015/jun/eu-med-crisis-council-launch-prel.pdf 

Dopo l'avvio dell'operazione fantasma EUNAVFOR MED viene confermato l'arretramento delle navi della missione Triton di Frontex. E si sono ritirate anche le navi inglesi e tedesche impegnate in una missione di "sicurezza" a nord della costa libica. O sono state rimpiazzate da navi molto più piccole, che non possono salvare lo stesso numero di persone soccorse nei mesi scorsi dalle navi da guerra.

 http://www.royalnavy.mod.uk/our-organisation/the-fighting-arms/surface-fleet/assault-ships/hms-bulwark

Adesso ci sono pure le testimonianze da parte delle navi private che svolgono missioni di salvataggio. Rsiulta evidente che dal pimo luglio la quasi totalità degli interventi di ricerca e soccorso, prima gestiti dai mezzi militari europei, sono ritornati nella esclusiva responsabilità della Guardia costiera e della marina italiana, con il supporto delle tre navi private di MOAS ( maltese), di SEA WATCH (tedesca) e di Medici senza frontiere. Sono giorni di odio razziale feroce a terra e di tragedie in mare, ma sembra che l'Europa che per mesi ha dominato la scena, da un Consiglio Europeo all'altro, sia scomparsa, o sia diventata piccola. La notte di Bruxelles che ha piegato la grecia avrò conseguenze in tutti i campi, ma è ancora notte, notte nera anche nel Mediterraneo.

https://tutmonda.wordpress.com/2015/07/18/il-razzismo-i-pogrom-e-la-posta-in-gioco-di-tutmonda/

http://www.statewatch.org/news/2015/jun/sw-med-crisis-23-jun-15.pdf 

Ecco adesso la denuncia di MSF. Dopo che la sua nave era stata costretta a perdere tempo prezioso per l'assenza di un porto di sbarco nel quale fornire dignitosamente una prima accoglienza ai migranti soccorsi in mare. Un calvario durato tre giorni. Tre giorni preziosi sprecati mentre qualcuno avrebbe potuto essere salvato se la nave di MSF fosse stata messa nelle condizioni di rientrare prima possibile nell'area delle operazioni di ricerca e salvataggio.

http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2015/07/17/in-calabria-migranti-diretti-a-cagliari_2017ae44-470c-40f8-acc1-6df31759a9ab.html

http://www.medicisenzafrontiere.it/notizie/comunicato-stampa/nave-di-msf-non-autorizzata-sbarcare-700-persone-sicilia-causa-dell#.VaokE0CksY0.facebook 

 Per l'Unione Europea le priorità non sono certo centrate sull'accoglienza dei migranti, a parte il ridicolo piano di rilocazione in due anni, di cui non si sa più niente. 

http://www.vita.it/it/article/2015/07/16/richieste-dasilo-quali-sono-i-paesi-che-respingono-piu-rifugiati/135950/ 

 L'obiettivo principale perseguito adesso tra Bruxelles e le capitali europee sono gli accordi di polizia con i paesi terzi , gli hotspot per filtrare ed identificare i migranti, ed i voli di rimpatrio verso i paesi di origine. E gli effetti delle nuove intese con i paesi dai quali fuggono i migranti, ade sempio l'Etitrea, si vedono subito.

http://www.dw.com/en/eritrean-translators-intimidating-refugees-in-germany/a-18591144

http://barbara-spinelli.it/2015/07/17/ancora-manca-un-mare-nostrum/ 

La lettera di Avramopoulos, Commissario UE all'immigrazione e le decisioni più recenti della Commissione e del Consiglio Europeo non tengono in alcun conto la vita dei migranti. Si insiste ancora nel Processo di Khartoum e si cercano in Africa alleati per bloccare le partenze ed arrestare i migranti in transito. Non importa davvero a nessuno ( dei governanti europei) quanti ne moriranno ancora, in mare o sulle piste del Sahara.

http://migrantreport.org/murder-and-extortion-in-libyan-desert-hub/ 

 Rapporto/denuncia dalla Sea Watch, l'imbarcazione privata acquistata da un imprenditore tedesco con fondi propri e con il crowdfunding per collaborare al soccorso dei migranti di fronte alle coste libiche,  una denuncia del 15.07.2015

http://sea-watch.org/ 
,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
L'equipaggio della piccola imbarcazione tedesca, del tutto insufficiente a portare a termine salvataggi di un gran numero di persone, e costretta a rientrare a Lampedusa per rifornirsi di nuovi mezzi di soccorso(zattere galleggianti, giubbotti etc.), denuncia l'assenza totale di mezzi Triton e EUNAVFOR MED nelle aree di mare interessate dalle azioni di salvataggio.

 Sea rescue of 587 people and request to the European Union to take over their responsibility for sea rescue
Dear Sirs,
Our ship, the MS Sea-Watch, is now, after rescuing 587 people in 6 separate rescue missions on the way back from its second operation, and arrived in Lampedusa yesterday evening. „Our crew being on a constant rescue mission for six days shows that we are exactly what is needed here. However, it also shows that the European Union does not seem to take sea rescue seriously“ says the initiator of Sea- Watch, Harald Höppner.
“Not a single day passed out here without a rescue mission, we have in the meantime used up all our life rafts and have to return to Lampedusa to take new rescue devices on board “ says Sea-Watch skipper Ingo Werth. “We would like to thank very much the organizations MSF (Doctors Without Borders) und MOAS, who also do excellent work here, for the fantastic cooperation. We would also like to thank the Italian coast guard for the great cooperation – but we do ask ourselves what the ships of the EU mission Triton and EUNAVFORMED are actually doing. We have not seen them here!“
During the operation of the MS Sea-Watch, which has already been going on since 05 July 2015, the MS Sea- Watch was sometimes the only ship available for sea rescue in the area of the Libyan coast as the ships of the MSF and MOAS also have to keep returning to land to drop of the rescued people. “But we cannot be everywhere at once“, explains Skipper Ingo Werth. “In the case of one sinking rubber dinghy we literally arrived in the last second and could save 116 people on two of our life rafts.” One seriously injured person was given first aid by our doctors on board the MS Sea- Watch. If we hadn’t found the dinghy just in time, the majority of those people would most likely have drowned. “
„We feel left alone by the European Union and the Federal Government “, says Sea-Watch initiator Harald Höppner. “Where are the “Schleswig Holstein “and the “Werra“? The European Union is responsible for the desolate situation on the Mediterranean Sea, they force the people onto boats that are absolutely not seaworthy, because they block all the legal ways into the EU for them. Therefore it cannot be the task of the civil society to take over the sea rescue“, Höppner continues. “We ask ourselves, what is happening with the funds which were increased for the Frontex mission Triton after the boat disasters in April, the funds which were intended for sea rescue. Where are the ships? “
„The situation as we experienced it in the area leaves the impression that the rescue mission of the
Bundeswehr was nothing but a mere PR activity. If they really cared about the rescue they would still be cruising here at the 24-mile zone in front of Libya’s coastline. The majority of the boats we found did not have a satellite phone on board and so could not send distress alerts. Those people can only be rescued when someone is actively looking for them “says skipper Ingo Werth. ”The Bourbon Argos of the MSF alone twice took rescued refugees from us on board and took them back to land whilst we continued our mission. We would like to thank the MSF for their support and the great cooperation, but at the same time also hold the EU responsible „ says Höppner.
„We are glad that we could save almost 600 human lives during our second operation. However, the
operation of the MS Sea-Watch once again shows how desperate the situation is on the Mediterranean Sea. Legal ways to get into the EU finally have to be opened for those people, everything else will not solve the situation in this area in the long term. As long as those people are still forced onto the boats, there will always be tragedies. However, as an immediate emergency measure, we strongly request the European Union to take over their responsibility in the sea rescue and finally send more ships into the sea near Libya which actually run rescue missions themselves. Anything else is negligence and failure to render assistance! “


Please see the following link for photos
https://www.dropbox.com/…/gymg1e…/AAASok7jkxGbrrQSx0shvmAoa…
Please see our YouTube channel for videos: https://www.youtube.com/watch?v=WGwjiM3GoLo
Feel free to contact us if you have questions:
tel.: 0049 1766 1406978 or email: presse@sea-watch.org
Sea-Watch I Das 1. Privatschiff zur Flüchtlings-Ersthilfe im Mittelmeer aus Deutschland
Rechtsträger: Verein Sea-Watch e.V., c/o dka-Anwälte, Immanuelkirchstraße 3 - 4, 10405 Berlin
Tel. 0049-152-32754628 I email: info@sea-watch.org I www.sea-watch.org I www.facebook.com/seawatchprojekt I www.twitter.com/seawatchcrew


Verein Sea-Watch e.V., Vorstand c/o dka-Anwälte, Immanuelkirchstraße 3 - 4, 10405 Berlin
Tel. 0049-152-32754628
info@sea-watch.org
www.sea-watch.org
www.facebook.com/seawatchprojekt
www.twitter.com/seawatchcrew


Mentre si ritirano i mezzi che potrebbero effettuare missioni di salvataggio nel Mediterraneo centrale, si rinforzano le "scuole di polizia" europea nel tentativo di coinvolgere i paesi terzi nelle operazioni di blocco e di rimpatrio di quelli che si continuano a ritenere soltanto migranti irregolari, o migranti economici, senza ricordare che la maggior parte di looro fugge da guerre, dittature e devastazioni di cui anche l'Europa si è resa responsabile. Ed altri soldi non spesi rimangono dopo il fallimento del progetto lanciato lo scorso anno "Smart Borders", soldi che potrebbero servire per finanziare missioni europee di salvataggio.

 http://ec.europa.eu/dgs/home-affairs/what-we-do/policies/borders-and-visas/smart-borders/index_en.htm


NOTA SU CEPOL

LIBE 15 luglio 2015 - ore 15-17

(punto 8) EU agency for law enforcement training (Cepol)

Rapporteur: Kinga Gál (PPE)

PREMESSA
L’Accademia europea di polizia (CEPOL) è stata istituita nel 2005 come agenzia dell’UE, finanziata dal bilancio generale dell'Unione europea. É una rete di cooperazione formata dagli istituti nazionali per la formazione delle forze di polizia che ha lo scopo “di sviluppare un approccio comune ai principali problemi in materia di prevenzione e di lotta alla criminalità tramite la formazione, l'elaborazione di programmi armonizzati e la diffusione delle migliori prassi”.[1]
La CEPOL è stata inizialmente istituita con Decisione 2005/681/GAI del Consiglio il 20 settembre 2005, con abrogazione della precedente Decisione del 2000.
Il 27 marzo 2013 la Commissione ha presentato una proposta di regolamento per unire CEPOL ed Europol in un'unica agenzia, ma la proposta è stata rifiutata dal Parlamento europeo e dal Consiglio.[2]

Il 6 maggio 2014 è stato adottato un regolamento proposto dagli Stati membri[3] che trasferisce la sede di CEPOL, come agenzia indipendente, a Budapest.
Il 16 luglio 2014, “la Commissione ha adottato una proposta di regolamento che riforma il quadro giuridico della CEPOL, abrogando e sostituendo la decisione del Consiglio in essere. Lo scopo della proposta è quello di allineare il regime dell'agenzia con quello di altre agenzie decentralizzate e di affidarlo a un nuovo approccio di formazione per l'applicazione della legge europea, contestualmente alle priorità in evoluzione per quanto concerne la cooperazione operativa della polizia”.[4]

DOCUMENTO ATTUALE

Il 29 giugno 2015, il Consiglio dell’Unione europea ha inviato a Claude Moraes la
Proposta di Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio per stabilire un’Agenzia europea di Addestramento delle forze dell’ordine (Cepol) che abroghi e sostituisca la Decisione del Consiglio 2005/681/JHA - 2014/0217 (COD)[5]

PUNTI DI CRITICITA’

Nel documento inviato a LIBE[6] è scritto:
- che l'obiettivo di CEPOL consiste nel dare supporto agli Stati membri nello sviluppo della cooperazione bilaterale e regionale attraverso la formazione delle forze dell'ordine, in relazione alle missioni dell'UE e al rafforzamento delle capacità nei paesi terzi (punto 3);
- e che la semplificazione e il miglioramento del funzionamento di CEPOL amplia la possibilità di sostenere e coordinare le attività di formazione delle autorità di polizia degli Stati membri (punto 3b).
Mi pare ci si stia preparando alla gestione dei veri obiettivi dell'Agenda Migrazione:
-        la centralità degli accordi con i paesi terzi, chiarita dalla bozza inviata dal Consiglio al Coreper in preparazione della conferenza di Malta,[7] con l’addestramento della polizia dei paesi interessati;
-        la gestione degli hotspot con polizia integrata, come chiarito dal discorso di Avramopoulos a Budapest (sede di CEPOL).[8] É vero che Avramopoulos nel discorso di Budapest non cita Cepol, ma in un’audizione del settembre 2014 dice che “una proposta per un nuovo regolamento Europol – risultante dalla fusione di Europol e Cepol – è stata la principale iniziativa nel campo della cooperazione di polizia.  Il Parlamento e il Consiglio si sono opposti a questa fusione, ma concludere la revisione del regolamento Europol rimane una priorità”.[9]


[2] Testo del 16 luglio 2014: http://www.europarl.europa.eu/meetdocs/2014_2019/documents/com/com_com%282014%290465_/com_com%282014%290465_it.pdf (dove si parlava di unire Cepol ed Europol in un’unica agenzia, proposta che non venne accolta da PE e Consiglio).
[3] Ai sensi dell'articolo 76 del TFUE e basato sull'articolo 87, paragrafo 2, lettera b) del TFUE.
[5] Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce l’Agenzia dell’Unione europea per la formazione delle autorità di contrasto (CEPOL) e abroga e sostituisce la decisione 2005/681/GAI del Consiglio, http://www.europarl.europa.eu/meetdocs/2014_2019/documents/com/com_com%282014%290465_/com_com%282014%290465_it.pdf
[6] Allegato CEPOL Annex to Annex.
[7] Dal Consiglio dell’Unione europea al Coreper, Conferenza di Malta sulla migrazione, 30 giugno 2015 http://www.statewatch.org/news/2015/jul/eu-council-november-015-migration-valletta-conference-orientation-debate-10387-15.pdf

 Ecco cosa si intende per rinforzo della presenza dell'Unione Europea nel Mediterraneo. Non certo una presenza per soccorrere i migranti, come emerge dalla testimonianza e dalla denuncia di Medici senza Frontiere. In realtà l'Unione Europea vuole soltanto intensificare le operazioni di rimpatrio forzato affidate a Frontex, creare nuovi "hot spot", centri chiusi di identificazione e selezione dei migranti, rendere obbligatoria per tutti paesi, dunque anche per l'Italia, la lista di "paesi terzi sicuri", paesi verso i quali si possono rinviare i richiedenti asilo, anche dopo un esame sommario della loro istanza di protezione. Una categoria, quella di "paesi terzi sicuri" che la nostra legislazione non ha recepito, come ricorda anche la Corte di Cassazione.

 http://dirittiefrontiere.blogspot.it/2015/05/la-corte-di-cassazione-pone-un-argine.html

Con il processo di Khartoum e con le attività diplomatiche in corso con vari paesi africani, e non solo, si sta cercando di rendere sempre più facili i rimpatri, che presuppogono una stretta "cooperazione pratica di polizia" con i paesi riceventi. Non importa se in questi paesi governano dittature militari e se si applicano detenzioni arbitrarie, tortura e pena di morte. L'unico obiettivo che si persegue a livello europeo è dare maggiore efficacia alle operazioni di respingimento e di rimpatrio forzato, cercando una qualche base legale. In realtà si stanno strappando gli articoli delle Direttive sulla Protezione internazionale e le norme della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea, oltre alla Convenzione di Ginevra del 1951 ed alla Convenzione Europea a salvaguardia dei diritti dell'uomo, che vietano il rimpatrio ed il respingimento delle persone verso paesi nei quali potrebbero essere esposte alla tortura o ad altri trattamenti inumani o degradanti.

 Queste le posizioni del Commissario Europeo all'immigrazione. Avramopoluos.

 Brussels, 15· 07· 2015

Dear Ministers,
The European Commission is committed to spare no efforts in taking forward its work on
migration, in all its dimensions, and in a spirit of solidarity and responsibility. After the
adoption of the European Agenda on Migration on 13 May 2015, the Commission presented a
first implementation package on 27 May 2015. With that package, we made quick progress on
the immediate actions identified in the Agenda by reinforcing the Union's presence in the
Mediterranean, by putting forward an EU Action plan against migrant smuggling, and by
presenting a recommendation for European scheme for resettlement and a proposal for
relocation of persons in clear need of international protection. Ahead of the Justice and Home
Affairs Council of 15-16 June 2015,1 also sent you a letter outlining the Commission's ideas
for strengthening our return policy and capabilities.
In June, the European Council concluded that work should be taken forward on all dimensions
of a comprehensive and systemic approach. On that occasion, the European Council tasked
the Commission with a number of actions concerning the "Hotspot" approach, the role of
Frontex in return operations, and the concept of "safe country of origin", all to be taken by
July 2015. Today, I am honoured to present to you our work, carried out with the support of
the relevant EU Agencies, on all three of these actions.
First, we are presenting an explanatory note which elaborates the concept of the "Hotspot"
approach. The aim of the "Hotspot" approach is to provide comprehensive and targeted
support by the EU Agencies to frontline Member States which are faced with disproportionate
migratory pressures at the external borders. The first annex dealing with the "Hotspot"
approach includes two roadmaps and a flowchart setting out the way in which this approach is
implemented in practice in Italy and in Greece, taking into account legal, financial and
operational aspects. The explanatory note and the roadmaps have been prepared in close
collaboration with the EU Agencies and with the host Member States, in this case, Italy and
Greece, in order to apply this approach in a tailor-made way taking into account the
specificity of each Member State.
The second annex sets out how Frontex will be able to bring immediate support to frontline
Member States on return. Swift return to their home countries, in full respect of their
fundamental rights, of those persons who do not qualify for protection is essential for the
effectiveness and credibility of our migration policy.
Frontex will provide prompt support for the identification of irregular migrants, the
acquisition of travel document for their return, as well as carrying out return operations to
bring them back to their home countries. The role of Frontex in return operations is further
elaborated in the annexed information note.
The third annex deals with the concept of "safe country of origin". In an effort to accelerate
the treatment of asylum applications, immediate steps have been taken to ensure a common
approach to the application of the "safe country of origin" concept. The Commission and
EASO organised a meeting with the Member States on 8 July 2015, where the Commission
presented a roadmap of short-term measures to be taken by EASO in order to coordinate the
implementation by Member States of the applicable provisions of the Asylum Procedures
Directive. In addition, based on experiences reached in the short term, the Commission would
propose, in the medium term, to strengthen the "safe country of origin" provisions in the
Asylum Procedures Directive, including the possible establishment of a common EU list of
"safe countries of origin". The work on the concept of "safe country of origin" is further
elaborated in the annexed information note.
I look forward to continuing working with you on all dimensions of a comprehensive and
systemic approach to address the challenges deriving from migration.
Yours sincerely,

Dimitris AVRAMOPOULOS

Annexes:
• Annex I: Explanatory note on the "Hotspot" approach
http://www.statewatch.org/news/2015/jul/eu-com-hotsposts.pdf
• Annex II: Information note on the support to be provided by Frontex to frontline
Member States on the return of irregular migrants
http://www.statewatch.org/news/2015/jul/eu-com-frontex-role.pdf
• Annex III: Information note on the follow-up to the European Council Conclusions of
26 June 2015 on "safe countries of origin"

Sarebbe tempo che il Parlamento Europeo verifichi il rispetto delle proprie competenze da parte del Consiglio e della Commissione Europea, nella ridefinizione dei compiti operativi dell'Agenzia Frontex, prevista, è bene ricordare dal Regolamento 2007/2004/CE che non è modificabile per iniziative unilaterali di comitati ristretti, come il COREPER o senza il concorso di una decisione del Parlamento Europeo. Un conflitto nella ridefinizione delle missioni di Frontex, ala luce del regolamento Schengen, n. 562 del 2006, si era già verificato in passato ed era stato risolto da una importante sentenza della Corte di Giustizia.

" Il Parlamento europeo chiede alla Corte di annullare la decisione
2010/252/UE del Consiglio, del 26 aprile 2010, che integra il codice frontiere Schengen (2) per quanto riguarda la sorveglianza delle frontiere marittime esterne nel contesto della cooperazione operativa coordinata dall’Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell’Unione europea (in prosieguo: la «decisione impugnata») (3). In caso di accoglimento del ricorso, il Parlamento chiede che gli effetti della decisione impugnata siano mantenuti fino alla sua sostituzione".


http://www.stranieriinitalia.it/briguglio/immigrazione-e-asilo/2012/aprile/avv-gen-c-355-10.pdf

http://www.tuttostranieri.org/le-norme/sentenze/sentenza-n-c35510-del-5-settembre-2012-corte-di-giustizia-ue/

  Giudizio della Corte
63      Occorre constatare che la disposizione autorizzativa oggetto della fattispecie, ossia l’articolo 12, paragrafo 5, del CFS, dispone che possono essere adottate «misure di sorveglianza supplementari (…) intese a modificare elementi non essenziali del [CFS], completandolo». Questa norma, in combinato disposto con l’articolo 33, paragrafo 2, del CFS, rinvia, per quanto attiene alla procedura da seguire, alla seconda decisione «comitologia», la quale, a sua volta, è fondata sull’articolo 202, terzo trattino, CE.
64      Per costante giurisprudenza, l’adozione delle norme essenziali nella materia considerata è riservata alla competenza del legislatore dell’Unione (v., in questo senso, sentenze Germania/Commissione, cit., punto 36; del 14 ottobre 1999, Atlanta/Comunità europea, C‑104/97 P, Racc. pag. I‑6983, punto 76, e del 6 luglio 2000, Molkereigenossenschaft Wiedergeltingen, C‑356/97, Racc. pag. I‑5461, punto 21). Le norme essenziali della materia di cui trattasi devono essere stabilite nella normativa di base e non possono costituire oggetto di una delega (v., in questo senso, sentenze del 13 luglio 1995, Parlamento/Commissione, C‑156/93, Racc. pag. I‑2019, punto 18; Parlamento/Consiglio, cit., punto 23; dell’11 novembre 1999, Söhl & Söhlke, C‑48/98, Racc. pag. I‑7877, punto 34, nonché del 6 maggio 2008, Parlamento/Consiglio, C‑133/06, Racc. pag. I‑3189, punto 45).
65      Pertanto, le disposizioni la cui adozione richiede scelte politiche rientranti nelle responsabilità proprie del legislatore dell’Unione non possono costituire oggetto di una delega di tal genere.
66      Di conseguenza, le misure di esecuzione non possono né modificare elementi essenziali di una normativa di base né completarla mediante nuovi elementi essenziali.
67      Contrariamente a quanto sostengono il Consiglio e la Commissione, nell’accertare quali siano gli elementi di una materia che devono essere qualificati come essenziali non ci si deve basare sulla sola valutazione del legislatore dell’Unione, bensì su elementi oggettivi che possano essere sottoposti a sindacato giurisdizionale.
68      A questo riguardo, occorre tener conto delle caratteristiche e delle peculiarità del settore in esame.
69      Per chiarire se il Consiglio fosse autorizzato ad adottare la decisione impugnata come misura di esecuzione dell’articolo 12 del CFS relativo alla sorveglianza di frontiera, sul fondamento del paragrafo 5 di tale articolo, occorre anzitutto valutare il contenuto di detto articolo.
70      L’articolo 12, paragrafi 1‑4, del CFS dispone che la sorveglianza si prefigge di impedire l’attraversamento non autorizzato della frontiera, di lottare contro la criminalità transfrontaliera nonché di adottare misure contro le persone che hanno attraversato illegalmente la frontiera e di fermarle. Il considerando 6 del CFS prevede inoltre che il controllo di frontiera persegue la finalità di contribuire «alla lotta contro l’immigrazione clandestina e la tratta degli esseri umani nonché alla prevenzione di qualunque minaccia per la sicurezza interna, l’ordine pubblico, la salute pubblica e le relazioni internazionali degli Stati membri».
71      Quanto alle operazioni di sorveglianza di frontiera, l’articolo 12, paragrafi 2‑4 del CFS contiene disposizioni relative a taluni aspetti del funzionamento delle operazioni di sorveglianza, che si limitano a descrivere astrattamente i compiti delle guardie di frontiera. Segnatamente, il paragrafo 2, secondo comma, di tale articolo stabilisce che la sorveglianza viene «effettuata in modo da impedire alle persone di eludere le verifiche ai valichi di frontiera o da dissuaderle dal farlo». La prima frase del paragrafo 3 del medesimo articolo 12 dispone poi che «[l]a sorveglianza tra i valichi di frontiera è effettuata da guardie di frontiera in numero e con metodi adatti ai rischi e alle minacce esistenti o previsti».
72      Per quanto attiene all’autorizzazione dell’istituzione interessata ad adottare misure di esecuzione relative alla sorveglianza di frontiera, l’articolo 12, paragrafo 5, del CFS, in conformità alla giurisprudenza citata al punto 64 della presente sentenza, dispone che possono essere adottate «misure di sorveglianza supplementari (…) intese a modificare elementi non essenziali del [CFS], completandolo». Peraltro, a tenore del considerando 17 del CFS e del considerando 4 del regolamento n. 296/2008, la delega delle competenze d’esecuzione verte unicamente su talune modalità pratiche del controllo di frontiera.
73      Orbene, se è vero che il CFS, che costituisce la normativa di base in materia, enuncia al suo articolo 12, paragrafo 4, che l’obiettivo della sorveglianza consiste nel fermare le persone che attraversano illegalmente le frontiere, esso non contiene però norme in merito ai provvedimenti che le guardie di frontiera sono autorizzate ad applicare nei confronti delle persone o delle navi quando queste vengono fermate e successivamente, quali l’applicazione di misure coercitive, l’utilizzo delle armi o il trasferimento dei fermati in un determinato luogo, o anche le misure da prendere nei confronti di persone implicate nella tratta degli esseri umani.
74      Orbene, l’allegato alla decisione impugnata stabilisce, al punto 2.4 della parte I, le misure che le guardie di frontiera possono prendere nei confronti delle navi intercettate e delle persone a bordo. A questo proposito, le lettere b), d), f) e g) del citato punto 2.4 permettono, in particolare, di fermare la nave, ispezionarla, provvedere alla visita a bordo, sequestrare la nave e procedere all’ispezione delle persone a bordo e fermarle, condurre la nave o le persone a bordo in uno Stato terzo e, quindi, consentono l’adozione di misure coercitive nei confronti di persone e di navi che potrebbero essere soggette alla sovranità dello Stato di cui battono bandiera.
75      Inoltre, il punto 1.1 della parte II di detto allegato prevede, segnatamente, l’obbligo in capo alle unità partecipanti a operazioni alle frontiere marittime esterne coordinate dall’Agenzia di prestare assistenza a qualunque nave o persona in pericolo in mare. Il punto 2 della medesima parte II stabilisce regole in materia di sbarco delle persone intercettate o soccorse e il punto 2.1, secondo comma, precisa che per tale sbarco dovrebbe essere privilegiato il paese terzo da cui è partita la nave che trasporta tali persone.
76      Da un lato, l’emanazione delle regole relative all’attribuzione di poteri coercitivi alle guardie di frontiera, menzionate ai due punti precedenti della presente sentenza, richiede scelte politiche che rientrano nelle responsabilità proprie del legislatore dell’Unione, in quanto essa implica una ponderazione dei divergenti interessi in gioco sulla base di molteplici valutazioni. In funzione delle scelte politiche che informano l’adozione delle citate regole, i poteri delle guardie di frontiera possono variare in misura significativa, poiché il loro esercizio può essere subordinato ad un’autorizzazione, o essere soggetto a un obbligo, oppure a un divieto, ad esempio di applicare misure coercitive, di utilizzare le armi o di trasferire le persone fermate in un luogo determinato. Peraltro, quando tali poteri riguardano l’adozione di misure nei confronti delle navi, il loro esercizio, a seconda della portata di detti poteri, può interferire con i diritti sovrani di Stati terzi in base alla bandiera che le navi interessate battono. Pertanto, l’emanazione di siffatte regole costituisce una notevole evoluzione nel contesto del sistema del CFS.
77      Dall’altro lato, occorre sottolineare che disposizioni vertenti sull’attribuzione alle guardie di frontiera di poteri di pubblico imperio come quelli conferiti nella decisione impugnata, tra i quali figurano l’arresto delle persone fermate, il sequestro di navi e il rimpatrio delle persone fermate verso un determinato luogo, permettono ingerenze talmente incisive nei diritti fondamentali delle persone coinvolte da rendere necessario l’intervento del legislatore dell’Unione.
78      Pertanto, l’adozione di disposizioni del genere di quelle previste nella parte I, punto 2.4, e nella parte II, punti 1.1 e 2.1, dell’allegato alla decisione impugnata postula che siano effettuate scelte politiche ai sensi dei due precedenti punti della presente sentenza, sicché essa esula dal quadro delle misure supplementari a norma dell’articolo 12, paragrafo 5, del CFS e rientra, nel contesto del sistema istituzionale dell’Unione, nella responsabilità del legislatore di quest’ultima.
79      Alla luce di tali circostanze, occorre dichiarare che, come ha rilevato l’avvocato generale ai paragrafi 61 e 66 delle conclusioni, le parti I e II dell’allegato della decisione impugnata contengono elementi essenziali della sorveglianza delle frontiere marittime esterne.
80      La mera circostanza che nel titolo della parte II dell’allegato alla decisione impugnata figuri il termine «orientamenti» e che l’articolo 1, seconda frase, di tale decisione precisi che le regole e gli orientamenti contenuti in tale parte sono «non vincolanti» non è idonea a mettere in discussione la loro qualificazione come regole essenziali.
81      In virtù dell’articolo 1, seconda frase, di detta decisione, la parte II di tale allegato costituisce infatti parte integrante del piano operativo predisposto per ciascuna operazione coordinata dall’Agenzia. Orbene, ai sensi dell’articolo 8 sexies del regolamento Frontex, tale piano definisce «nel dettaglio le condizioni per l’invio delle squadre», la cui «corretta attuazione» deve essere verificata, a norma dell’articolo 8 octies del medesimo regolamento, dall’agente di coordinamento.
82      Di conseguenza, dato che le condizioni stabilite da tale piano devono essere rispettate, le regole contenute nella parte II, punti 1.1 e 2.1, dell’allegato alla decisione impugnata sono necessariamente destinate a produrre effetti giuridici vincolanti.
83      Infine, sebbene nella decisione impugnata figurino anche disposizioni che disciplinano modalità pratiche per l’esercizio della sorveglianza di frontiera, non si può non constatare che le regole previste, rispettivamente, alle parti I e II dell’allegato a tale decisione sono tutte collegate, in quanto si riferiscono allo svolgimento, rispettivamente, di un’operazione di sorveglianza e di un’operazione di soccorso.
84      Date le circostanze, la decisione impugnata deve essere interamente annullata, poiché contiene elementi essenziali della sorveglianza delle frontiere marittime esterne degli Stati membri che esulano dal quadro delle misure supplementari ai sensi dell’articolo 12, paragrafo 5, del CFS e che solo il legislatore dell’Unione avrebbe potuto adottare.
85      Da ciò risulta che non occorre esaminare gli argomenti del Parlamento secondo cui la decisione impugnata modifica elementi essenziali del CFS nonché il regolamento Frontex.
IV –  Sulla domanda di mantenimento degli effetti della decisione impugnata
86      Nell’eventualità che la Corte annulli la decisione impugnata, il Parlamento le chiede, ai sensi dell’articolo 264, secondo comma, TFUE, di mantenere gli effetti della stessa fino a quando non sarà sostituita.
87      Secondo il Parlamento, il mantenimento degli effetti di tale decisione è necessario alla luce dell’importanza degli obiettivi perseguiti dalle misure proposte nel contesto della politica dell’Unione relativa alle operazioni di controllo di frontiera.
88      In base all’articolo 264, secondo comma, TFUE, la Corte, ove lo reputi necessario, può indicare gli effetti di un atto annullato che devono essere considerati definitivi.
89      L’annullamento della decisione impugnata senza che i suoi effetti siano mantenuti in via provvisoria potrebbe arrecare pregiudizio al buon funzionamento delle operazioni in corso o future coordinate dall’Agenzia e, pertanto, alla sorveglianza delle frontiere marittime esterne degli Stati membri.
90      Sussistono quindi importanti motivi di certezza del diritto che giustificano l’esercizio da parte della Corte del potere conferitole dall’articolo 264, secondo comma, TFUE. Nella fattispecie, occorre mantenere gli effetti della decisione impugnata fino all’entrata in vigore, entro un termine ragionevole, di una nuova normativa destinata a sostituire la decisione impugnata, che viene annullata dalla presente sentenza.
V –  Sulle spese
91      Ai sensi dell’articolo 69, paragrafo 2, primo comma, del regolamento di procedura, la parte soccombente è condannata alle spese se ne è stata fatta domanda. Poiché il Parlamento ne ha fatto domanda, il Consiglio, rimasto soccombente, dev’essere condannato alle spese. La Commissione, intervenuta a sostegno delle conclusioni presentate dal Consiglio, sopporterà le proprie spese, ai sensi del paragrafo 4, primo comma, del medesimo articolo.
Per questi motivi, la Corte (Grande Sezione) dichiara e statuisce:
1)      La decisione 2010/252/UE del Consiglio, del 26 aprile 2010, che integra il codice frontiere Schengen per quanto riguarda la sorveglianza delle frontiere marittime esterne nel contesto della cooperazione operativa coordinata dall’Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell’Unione europea, è annullata.
2)      Gli effetti della decisione 2010/252 sono mantenuti fino all’entrata in vigore, entro un termine ragionevole, di una nuova normativa.
3)      Il Consiglio dell’Unione europea è condannato alle spese.
4)      La Commissione sopporta le proprie spese.
Firme
* Lingua processuale: l’inglese.

Nel 2014 era poi stato modificato il Regolamento di Frontex in conformità agli indirizzi procedurali affermati dalla Corte di Giustizia due anni prima. Un Regolamento che adesso non può essere modificato da decisioni unilaterali del Consiglio o della Commissione Europea.

 http://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/HTML/?uri=CELEX:32014R0656&from=EN


Article 3
Safety at sea
Measures taken for the purpose of a sea operation shall be conducted in a way that, in all instances, ensures the safety of the persons intercepted or rescued, the safety of the participating units or that of third parties.

Article 4
Protection of fundamental rights and the principle of non-refoulement
1.   No person shall, in contravention of the principle of non-refoulement, be disembarked in, forced to enter, conducted to or otherwise handed over to the authorities of a country where, inter alia, there is a serious risk that he or she would be subjected to the death penalty, torture, persecution or other inhuman or degrading treatment or punishment, or where his or her life or freedom would be threatened on account of his or her race, religion, nationality, sexual orientation, membership of a particular social group or political opinion, or from which there is a serious risk of an expulsion, removal or extradition to another country in contravention of the principle of non-refoulement.
2.   When considering the possibility of disembarkation in a third country, in the context of planning a sea operation, the host Member State, in coordination with participating Member States and the Agency, shall take into account the general situation in that third country.
The assessment of the general situation in a third country shall be based on information derived from a broad range of sources, which may include other Member States, Union bodies, offices and agencies, and relevant international organisations and it may take into account the existence of agreements and projects on migration and asylum carried out in accordance with Union law and through Union funds. That assessment shall be part of the operational plan, shall be provided to the participating units and shall be updated as necessary.
Intercepted or rescued persons shall not be disembarked, forced to enter, conducted to or otherwise handed over to the authorities of a third country when the host Member State or the participating Member States are aware or ought to be aware that that third country engages in practices as described in paragraph 1.
3.   During a sea operation, before the intercepted or rescued persons are disembarked in, forced to enter, conducted to or otherwise handed over to the authorities of a third country and taking into account the assessment of the general situation in that third country in accordance with paragraph 2, the participating units shall, without prejudice to Article 3, use all means to identify the intercepted or rescued persons, assess their personal circumstances, inform them of their destination in a way that those persons understand or may reasonably be presumed to understand and give them an opportunity to express any reasons for believing that disembarkation in the proposed place would be in violation of the principle of non-refoulement.
For those purposes, further details shall be provided for in the operational plan including, when necessary, the availability of shore-based medical staff, interpreters, legal advisers and other relevant experts of the host and participating Member States. Each participating unit shall include at least one person with basic first aid training.
The report referred to in Article 13 shall, based on information that shall be provided by the host and participating Member States, include further details on cases of disembarkation in third countries and how each element of the procedures laid down in the first subparagraph of this paragraph was applied by the participating units to ensure compliance with the principle of non-refoulement.
4.   Throughout a sea operation, the participating units shall address the special needs of children, including unaccompanied minors, victims of trafficking in human beings, persons in need of urgent medical assistance, disabled persons, persons in need of international protection and other persons in a particularly vulnerable situation.
5.   Any exchange with third countries of personal data obtained during a sea operation for the purposes of this Regulation shall be strictly limited to what is absolutely necessary and shall be carried out in accordance with Directive 95/46/EC of the European Parliament and of the Council (16), Council Framework Decision 2008/977/JHA (17) and relevant national provisions on data protection.
The exchange with third countries of personal data regarding intercepted or rescued persons obtained during a sea operation shall be prohibited where there is a serious risk of contravention of the principle of non-refoulement.
6.   Participating units shall, in the performance of their duties, fully respect human dignity.
7.   This Article shall apply to all measures taken by Member States or the Agency in accordance with this Regulation.
8.   Border guards and other staff participating in a sea operation shall be trained with regard to relevant provisions of fundamental rights, refugee law and the international legal regime of search and rescue in accordance with the second paragraph of Article 5 of Regulation (EC) No 2007/2004.


Article 9
Search and rescue situations
1.   Member States shall observe their obligation to render assistance to any vessel or person in distress at sea and, during a sea operation, they shall ensure that their participating units comply with that obligation, in accordance with international law and respect for fundamental rights. They shall do so regardless of the nationality or status of such a person or the circumstances in which that person is found.
2.   For the purpose of dealing with search and rescue situations that may occur during a sea operation, the operational plan shall contain, in accordance with relevant international law, including that on search and rescue, at least the following provisions:
(a)
When, in the course of a sea operation, the participating units have reason to believe that they are facing a phase of uncertainty, alert or distress as regards a vessel or any person on board, they shall promptly transmit all available information to the Rescue Coordination Centre responsible for the search and rescue region in which the situation occurs and they shall place themselves at the disposal of that Rescue Coordination Centre.
(b)
The participating units shall inform the International Coordination Centre as soon as possible of any contact with the Rescue Coordination Centre and of the course of action taken by them.
(c)
A vessel or the persons on board shall be considered to be in a phase of uncertainty in particular:
(i)
when a person has been reported as missing or a vessel is overdue; or
(ii)
when a person or a vessel has failed to make an expected position or safety report.
(d)
A vessel or the persons on board shall be considered to be in a phase of alert in particular:
(i)
when, following a phase of uncertainty, attempts to establish contact with a person or a vessel have failed and inquiries addressed to other appropriate sources have been unsuccessful; or
(ii)
when information has been received indicating that the operating efficiency of a vessel is impaired, but not to the extent that a distress situation is likely.
(e)
A vessel or the persons on board shall be considered to be in a phase of distress in particular:
(i)
when positive information is received that a person or a vessel is in danger and in need of immediate assistance; or
(ii)
when, following a phase of alert, further unsuccessful attempts to establish contact with a person or a vessel and more widespread unsuccessful inquiries point to the probability that a distress situation exists; or
(iii)
when information is received which indicates that the operating efficiency of a vessel has been impaired to the extent that a distress situation is likely.
(f)
Participating units shall, for the purpose of considering whether the vessel is in a phase of uncertainty, alert or distress, take into account and transmit all relevant information and observations to the responsible Rescue Coordination Centre including on:
(i)
the existence of a request for assistance, although such a request shall not be the sole factor for determining the existence of a distress situation;
(ii)
the seaworthiness of the vessel and the likelihood that the vessel will not reach its final destination;
(iii)
the number of persons on board in relation to the type and condition of the vessel;
(iv)
the availability of necessary supplies such as fuel, water and food to reach a shore;
(v)
the presence of qualified crew and command of the vessel;
(vi)
the availability and capability of safety, navigation and communication equipment;
(vii)
the presence of persons on board in urgent need of medical assistance;
(viii)
the presence of deceased persons on board;
(ix)
the presence of pregnant women or of children on board;
(x)
the weather and sea conditions, including weather and marine forecasts.
(g)
While awaiting instructions from the Rescue Coordination Centre, participating units shall take all appropriate measures to ensure the safety of the persons concerned.
(h)
Where a vessel is considered to be in a situation of uncertainty, alert or distress but the persons on board refuse to accept assistance, the participating unit shall inform the responsible Rescue Coordination Centre and follow its instructions. The participating unit shall continue to fulfil a duty of care by surveying the vessel and by taking any measure necessary for the safety of the persons concerned, while avoiding to take any action that might aggravate the situation or increase the chances of injury or loss of life.
(i)
Where the Rescue Coordination Centre of a third country responsible for the search and rescue region does not respond to the information transmitted by the participating unit, the latter shall contact the Rescue Coordination Centre of the host Member State unless that participating unit considers that another internationally recognised Rescue Coordination Centre is better able to assume coordination of the search and rescue situation.
The operational plan may contain details adapted to the circumstances of the sea operation concerned.
3.   Where the search and rescue situation has been concluded, the participating unit shall, in consultation with the International Coordination Centre, resume the sea operation.

Article 12
Solidarity mechanisms
1.   A Member State faced with a situation of urgent and exceptional pressure at its external border shall be able to request:
(a)
the deployment of European Border Guard Teams in accordance with Article 8a of Regulation (EC) No 2007/2004 to provide rapid operational assistance to that Member State;
(b)
the Agency for technical and operational assistance in accordance with Article 8 of Regulation (EC) No 2007/2004 in order to obtain assistance on matters of coordination between Members States and/or the deployment of experts to support the competent national authorities;
(c)
emergency assistance under Article 14 of Regulation (EU) No 515/2014 of the European Parliament and of the Council (19) to address urgent and specific needs in the event of an emergency situation.
2.   A Member State subject to strong migratory pressure which places urgent demands on its reception facilities and asylum systems shall be able to request:
(a)
the European Asylum Support Office for the deployment of an asylum support team in accordance with Article 13 of Regulation (EU) No 439/2010 of the European Parliament and of the Council (20) to provide expertise, such as in relation to interpreting services, information on countries of origin and knowledge of the handling and management of asylum cases;
(b)
emergency assistance under Article 21 of Regulation (EU) No 516/2014 of the European Parliament and of the Council (21) to address urgent and specific needs in the event of an emergency situation.

Questa una bella sintesi dei doveri di salvataggio ad uso della navigazione commerciale che nei prossimi mesi sarà esposta ancora una volta ad una crscente domanda di ricerca e soccorso. Ma non è detto che basti ad evitare tragedie. Sempre più urgente una missione internazionale di salvataggio.


http://www.ics-shipping.org/docs/large-scale-rescue-2015





0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro