Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

domenica 27 settembre 2015

In Egeo il naufragio quotidiano che non fa inorridire più nessuno. Sulla pelle dei migranti lo scambio tra l'Unione Europea ed Erdogan per silenziare l'aggressione contro i curdi. Per la Merkel la Turchia è "essenziale" per risolvere la crisi dei rifugiati. In Europa.


BODRUM - Questa domenica inizia con una nuova tragedia del mare con 17 migranti morti a causa del naufragio di un barcone al largo del paradiso turistico di Bodrum, in Turchia, a pochi chilometri dalla spiaggia dove morì il piccolo Alan, la cui foto sconvolse il mondo. Lo riferisce l'agenzia ufficiale turca Anadolu. L'imbarcazione lunga otto metri, che trasportava 37 persone per lo più siriane, era partita dal porto turco di Gumusluk per poi naufragare al largo di Bodrum, nella Turchia sud-occidentale, una delle mete più battute dai rifugiati che cercano di raggiungere l'isola greca di Kos. Il percorso è uno dei più brevi via mare dall'Asia al territorio dell'Ue.
(afp)

http://www.repubblica.it/esteri/2015/09/27/news/migranti_bodrum-123775922/

http://www.bbc.com/news/world-europe-34373161

http://uk.reuters.com/video/2015/09/27/17-migrants-drown-when-boat-sinks-off-tu?rpc=401&videoId=365743488&feedType=VideoRSS&feedName=LatestVideosUK&rpc=401&videoChannel=75

http://www.radioaustralia.net.au/international/2015-09-27/17-syrians-reported-dead-as-asylum-seeker-boat-sinks-off-turkeys-coast-italian-coastguard-rescues-50/1497302

I morti di questa ultima strage nel piccolo tratto di mare che separa la costa di Bodrum dall'isola greca di Kos sono almeno 17, lo scrive da questa mattina la stampa estera. Questa volta nessuna pietà, nessuna reazione articolare, ormai si dà per evento ordinario la morte in mare dei profughi. 



  • Syrian Hayat Sabir Burhan today identified the bodies of his wife and son
  • Mr Burhan was pictured tragically saying goodbye to his three-year-old son
  • The pair drowned attempting to cross from Turkey to Greece aboard a boat
  • They were among 17 Syrians, including five children, to die in the accident


  • http://www.dailymail.co.uk/news/article-3251166/Distraught-Syrian-father-comforted-Turkish-authorities-son-3-drowns-family-try-make-way-Greece.html#ixzz3mxnubHcp

    I veri responsabili sono coloro che non aprono corridoi umanitari e che condizionano i mezzi di informazione addossando tutte le responsabilità sugli scafisti. Ma in questi casi, con i gommoni acquistati in magazzino dagli stessi migranti, non è facile inventarsi trafficanti e scafisti.

    L'UNHCR si "dimentica" dei siriani in Turchia. E la Merkel ribadisce che la Turchia è "essenziale" per risolvere la crisi dei rifugiati. In Europa.

    http://www.unhcr.it/news/unhcr-individuati-sette-fattori-che-determinano-il-movimento-dei-siriani-in-europa

    http://www.bloomberg.com/news/articles/2015-09-27/merkel-says-turkey-is-essential-to-resolving-refugee-crisis 

    http://www.dw.com/en/kurdish-party-urges-german-role-to-end-conflict-in-turkey/a-18744571 

    Sono oltre due milioni ridotti alla fame ed Erdogan li manovra per fare pressioni improprie sull'Unione Europea, che lo ripaga subito per i primi arresti di siriani e per le prossime deportazioni, concedendo visti di ingresso per i cittadini turchi.

    http://www.aa.com.tr/en/guncel/turkish-coast-guards-detain-31-refugees-off-aegean-coast/322175

    La Turchia incassa il prezzo pagato dall'Unione Europea per i maggiori controlli ed aumentano subito le vittime in mare. Cosa sta facendo realmente in Egeo l'operazione Poseidon di Frontex ?

    http://www.dailysabah.com/diplomacy/2015/09/26/turkish-citizens-may-travel-visa-free-to-europe-in-two-years-eu-commissioner-hahn

    Ma il prezzo promesso dall'Unione europea evidentemente non basta ancora e la Turchia continua nella sua tattica "stop and go". A prezzo di decine di vite perse in mare. Occorrono canali umanitari.

    http://www.lemonde.fr/europe/article/2015/09/28/ankara-refuse-d-installer-des-camps-d-enregistrement-des-refugies-sur-le-sol-turc_4775164_3214.html

    La rotta balcanica sarà presto chiusa dal generale Inverno. Si profila una gravissima crisi umanitaria che, in assenza di corridoi umanitari verso il centro Europa, potrebbe mietere centinaia di vittime. La neve ed il gelo ne potrebbero uccidere molti più del mare.

    http://www.dw.com/en/winter-is-coming-for-refugees/av-18743941

     Gli appelli di Amnesty rimangono inascoltati, mentre la Turchia si avvia verso la dittatura e continua a fare quello che vuole Erdogan.

    http://www.todayszaman.com/national_turkey-is-turning-out-to-be-worlds-biggest-prison-for-journalists_400018.html

    http://national.bgnnews.com/22-provinces-too-close-to-call-for-upcoming-turkish-election-haberi/9731

    http://www.todayszaman.com/national_turkish-fighter-jets-hit-pkk-targets-in-northern-iraq_399965.html

    http://www.todayszaman.com/national_accusations-references-to-terror-organization-in-tahsiye-indictment-are-fictitious_400010.html

     https://www.amnesty.org/en/latest/news/2015/09/turkey-must-not-force-shipwrecked-refugees-and-asylum-seekers-to-return-to-syria-and-iraq/

    0 commenti:

    Posta un commento

    Presentazione

    Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


    Diritti sotto sequestro