Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

mercoledì 30 settembre 2015

La Commissione Europea propone di riprendere le riammissioni Dublino verso la Grecia, mentre la Germania rinvia in Italia un richiedente asilo siriano. Sgombero del presidio di Ventimiglia. In vista altre deportazioni collettive ?


La misura della ipocrisia europea nella richiesta di "responsabilita" all'Italia ed alla Grecia. Dunque questi due paesi devono essere "stati responsabili"  Questa e' la responsabilita' che dimostrano Renzi ed Alfano. Una rappresaglia contro chi si era ribellato denunciando la disumanità del Regolamento Dublino III. Una disumanità ancora più evidente nel momento in cui la Germania apre le porte a centinaia di migliaia di migranti provenienti dalla Siria. Intanto di Regolamento Dublino si continua a morire.

https://passeursdhospitalites.wordpress.com/2015/09/30/un-mort-cette-nuit-dans-le-perimetre-du-tunnel/

Dopo i richiami da parte dell'Unione Europea per maggiori controlli alle frontiere,perchè questo significa responsabilità, sgombero violento con oltre 300 poliziotti a Ventimiglia. Tra le persone arrestate e trasferite all'aeroporto di Genova in vista di una loro deportazione, o di un internamento in un CIE, ci sarebbero anche eritrei, afghani, sudanesi. Sembra che la loro prima destinazione sia Bari.

http://www.sanremonews.it/2015/09/30/leggi-notizia/argomenti/politica-1/articolo/sgombero-no-borders-a-vantimiglia-intervento-della-coalizione-internazionale-sans-papiers-e-migra.html

http://video.corriere.it/ventimiglia-sgomberato-polizia-carabinieri-presidio-profughi/24f8d5fa-673c-11e5-9bc4-2d55534839fc?refresh_ce-cp

 Persone che comunque l'Italia non può rimpatriare senza violare il diritto internazionale ed in particolare la Convenzione di Ginevra. Intanto però la Francia ha ripreso le deportazioni di migranti "irregolari" in Sudan. Ed adesso ci sta riprovando anche il ministero dell'interno italiano. Probabilmente con la regia ed i finanziamenti di Frontex, come nel caso delle ragazze nigeriane espulse e rimpatriate dal CIE di Ponte Galeria a Roma. Una circostanza che i parlamentari europei dovrebbero verificare con il massimo rigore.

 Le forze di polizia anticipano il Processo di Khartoum, sulla base di intese operative con paesi che non rispettano i diritti fondamentali della persona umana. Era già successo il 17 settembre scorso con 22 ragazze nigeriane rimpatriate a Lagos da Roma Fiumicino, dopo esser rimaste oltre un mese nel CIE di Ponte Galeria a Roma, e si sta ripetendo oggi. Rimpatri collettivi vietati dall'art. 4 del Quarto Protocollo allegato alla Cedu con totale violazione dei più elementari diritti di difesa garantiti dagli artt. 5 e 13 della Convenzione Europea a salvaguardia dei diritti dell'Uomo.

http://www.echr.coe.int/Documents/FS_Collective_expulsions_ENG.pdf

Le condanne da parte della Corte di Strasburgo già subite dall'Italia per analoghe violazioni non sono evidentemente bastate.
                           
  http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Ventimiglia-sgomberato-accampamento-dei-migranti-dalla-scogliera-8fbed45e-b2c1-4a43-aeb8-c73ce8627bf0.html

http://www.ilsecoloxix.it/p/imperia/2015/09/30/ARWnRl8F-ventimiglia_scogliera_presidio.shtml

http://www.cronachediordinariorazzismo.org/litalia-condannata-per-il-trattenimento-illegale-e-lespulsione-di-tre-cittadini-tunisini/

In Italia si pensa soltanto al rinforzo delle misure di trattenimento amministrativo e di respingimento o di espulsione e si stanno preparando gli Hot Spot per l'esame delle richieste di asilo ma soprattutto per individuare quelli che vengono ritenuti "migranti economici" perchè provenienti da "paesi terzi sicuri" e dunque possono essere immediatamente rimpatriati. E' quello che chiede l'Europa all'Italia. In cambio di un numero minimo di "rilocazioni" (trasferimenti) verso altri paesi, un numero già inadeguato rispetto alla quantità di migranti giunti nel nostro paese negli ultimi mesi..

http://www.ecre.org/component/downloads/downloads/992.html

Mentre si intensificano ovunque i controlli di frontiera con la sospensione sostanziale della libertà di circolazione prevista dal Regolamento Schengen, la Commissione presieduta da Juncker e la Germania della Merkel operano in sinergia per confermare che il Regolamento Dublino rimane un baluardo immodificabile della fortezza Europa.

http://ec.europa.eu/news/2015/09/20150923_en.htm

http://www.lemonde.fr/europe/visuel/2015/09/25/face-aux-migrants-les-portes-de-l-europe-verrouillees_4768411_3214.html 

 Dalla Germania continuano ad essere eseguiti respingimenti Dublino verso l'Italia. L'ultimo caso un profugo siriano che oggi viene riportato in Italia non avendo legami familiari in Germania, ma avendo lasciato moglie e tre figli a Latakia.

Oltre all'applicazione più rigida del regolamento Dublino, sono ripresi i respingimenti verso paesi nei quali si rischiano trattamenti inumani o degradanti.E dalla Francia sono stati eseguiti respingimenti verso il Sudan. Il concetto di "paese terzo sicuro" diventa sempre più ampio, a discrezione delle forze di polizia.

https://passeursdhospitalites.wordpress.com/2015/09/28/reprise-des-expulsions-vers-le-soudan/

Entro sei mesi dovrebbe terminare la sospensione dell'applicazione del Regolamento Dublino nei confronti della Grecia, almeno nei propositi della Commissione, che forse pensa che nel frattempo la Turchia di Erdogan dopo avere incassato un miliardo di euro dall'UE, riesca a bloccare le partenze dei siriani verso i paesi dell'area Schengen, Ma al tempo stesso la Turchia non vuole campi di registrazione dei profughi diretti in Europa.

http://www.lemonde.fr/europe/article/2015/09/28/ankara-refuse-d-installer-des-camps-d-enregistrement-des-refugies-sur-le-sol-turc_4775164_3214.html

https://www.amnesty.org/en/latest/news/2015/09/turkey-must-not-force-shipwrecked-refugees-and-asylum-seekers-to-return-to-syria-and-iraq/

I nuovi Hot Spot in Italia si rivelano così una trappola che non servirà certo a rilocare in Europa un numero significativo di profughi, ma contribuirà soltanto ad aggravare le conseguenze perverse del Regolamento Dublino al quale i paesi del nordeuropa non hanno nessuna intenzione di rinunciare.

Frontex aumenta la presenza a terra e diminuisce quella in mare per operazioni di ricerca e  salvataggio. Quelloche conta davvero è il filtro che si opera negli HOT SPOT per separare i profughi dai cd. migranti economici. Ovvero la fabbrica della clandestinità.

http://www.cataniatoday.it/cronaca/frontex-catania-immigrazione-21-settembre-2015.html

http://eulawanalysis.blogspot.be/2015/09/hotspots-for-asylum-applications-some.html

I numeri delle persone che saranno effettivamente ritrasferite dagli Hot Spot verso gli stati del nordeuropa saranno solo una piccola frazione di quelli che sbarcheranno comunque sulle coste greche ed italiane. E tutti gli altri ?

http://www.helsinkitimes.fi/finland/finland-news/domestic/13543-hotspot-the-new-destination-of-refugee-buses.html

http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/491114/Migranti-Finira-nei-Cie-chi-non-accetta-l-identificazione-negli-hotspot

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro