Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

martedì 15 settembre 2015

La "responsabilità" richiesta ad Italia e Grecia significa nuovi campi di detenzione e procedure sommarie di respingimento. Disinformazione di massa ed annunci ad effetto dopo il Consiglio dei ministri dell'interno europei a Bruxelles.


L'Unione Europea si è dimostrata spaccata ancora una volta, trovando una apparente unità solo sulle misure di contrasto della cd. immigrazione illegale, addirittura inventando una fase "uno bis" all'operazione EUNAVFOR MED, bloccata dalla mancata copertura richiesta al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

http://www.ristretti.org/Le-Notizie-di-Ristretti/da-bruxelles-ok-a-missione-anti-scafisti-sulle-quote-intesa-rinviata-a-ottobre

http://www.ekathimerini.com/201539/article/ekathimerini/news/un-voices-deep-disappointment-at-lack-of-eu-consensus-on-refugees

 Alla fase iniziale dell'operazione EUNAVFOR MED, la fase dello studio e del collegamento tra le diverse agenzie, definita in origine come la fase uno dell'operazione, si è aggiunta la possibilità di intercettare e distruggere le imbarcazioni dei trafficanti anche "in acque internazionali", di fatto creando le condizioni per un intervento militare in Libia, ma senza prevedere il passaggio alla fase due che prevedeva, nelle decisioni adottate dal Consiglio europeo a fine giugno, l'intervento nelle acque libiche. Ancora più lontana la fase tre dell'operazione, che prevedeva interventi mirati in territorio libico, sulla cui effettiva realizzazione pesa l'incognita delle trattative tra le diverse fazioni libiche, apparentemente ad un punto di svolta, ma ancora con prospettive assolutamente incerte.

http://www.amnesty.it/Vertice-ministri-Interno-Ue-su-rifugiati-un-altro-fallimento#st_refDomain=www.facebook.com&st_refQuery=/

http://www.ristretti.org/Le-Notizie-di-Ristretti/intelligence-e-abbordaggi-per-fermare-i-barconi-ma-pesa-il-caos-libico

http://www.consilium.europa.eu/en/press/press-releases/2015/09/14-jha-presidency-conclusions/

 Presidency conclusions following the Justice and Home Affairs Council of 14 September 2015
Council of the EU
  • 14/09/2015
  • 23:10
  • Press release
  • 645/15
  • Home Affairs
  • Foreign affairs & international relations
After the discussions on migration held today in the Council in the presence of Schengen associate countries, the Presidency, supported by a large majority of delegations, draws the following conclusions: 
1. The Council has heard the United Nations High Commissioner for Refugees, António Guterres, and the Director General of the International Organization for Migration, William Lacy Swing. Both have underlined the alarming situation of people massively fleeing conflict regions. Member States and the Commission have agreed to further develop resettlement possibilities. 
In addition, support given by the European Union's budget and by Member States will be increased in order to help the UNHCR to respond to the needs of refugees in camps established close to their places of origin, in particular, at the present moment, in Iraq, Jordan, Lebanon and Turkey. The Council has agreed to increase the European Union Regional Trust Fund in response to the Syrian Crisis (the Madad Fund) significantly to provide immediate ad hoc support for Syria and the neighbouring countries. As a first step, additional support will be provided immediately by the Commission through the Humanitarian Aid and Civil Protection Office ECHO to partners operating in origin or transit countries outside of the EU on the basis of proposals submitted by these partners. In this context, the Council has welcomed Norway's offer to host an international donors' conference to help Syrians displaced by war. 
2. The Council has stressed that effective border control is imperative for the management of migration flows. 
3. The Council reiterated its commitment to further strengthen ongoing operations, particularly the Frontex Joint Operations TRITON 2015 and POSEIDON 2015, as well as operation EUNAVFOR MED. The Council welcomed the announcement of the Commission to propose before the end of the year a significant strengthening of Frontex and its further development. 
4. The Council has agreed that it is necessary to deploy without delay Frontex Rapid Border Interventions Teams to reinforce the response capacity of the European Union at sensitive external borders in consultation with the Member States concerned and in line with Frontex Regulation. Measures will be designed to support frontline and transit countries. The Council has invited Frontex, EASO and the Commission, in cooperation with relevant Member States, to implement and coordinate further actions that will help the European Union as a whole to cope with migratory pressures. Calls for contributions should be issued and Member States have agreed to respond to the requested support.
5. Challenges faced by Greece are European ones. In order to tackle these challenges together, the Council, in parallel to rapid and effective relocation measures, has agreed that Greece should be supported in its efforts to strengthen the reception capacities, the asylum system and the management of the external borders in full respect of human rights and safety requirements. Adequate financial resources should be made available.
6. The Council agreed to further support the capacities of affected Western Balkan countries to manage their borders, receive and process flows of migrants, grant protection to those entitled to it and ensure the return of those who are not in need of international protection. Available resources from the enlargement process will be prioritised, as necessary. To help affected Western Balkan countries to better cope with incoming migratory flows, additional avenues could be considered, as well as specific financial mechanisms.
7. As a major first reception and transit country for migrants and given its geographic position, Turkey is a main partner of the EU in the management of migratory flows. The EU will continue to engage with Turkey to jointly meet these challenges. In this context, the EU stands ready to increase cooperation with Turkey, including in the area of border management and in the fight against smuggling and trafficking in human beings.

Le altre decisioni adottate dal Consiglio dei ministri dell'interno adottate ieri a Bruxelles confermano le difficoltà e la parzialità degli interventi già stabiliti dalla Commissione il 13 maggio scorso, e poi confermati dal Consiglio Europeo del 26 giugno scorso. Si insiste ancora su misure che si sono dimostrate fallimentari e che hanno contribuito ad elevare il numero delle vittime in terra ed a mare.

http://www.statewatch.org/news/2015/jul/eu-med-crisis-15-jul.pdf 

http://www.ristretti.org/Le-Notizie-di-Ristretti/europa-il-ritorno-delle-frontiere 

E Frontex batte cassa, è sempre più a corto di mezzi economici e di personale, secondo Alfano dovrebbe eseguire anche i rimpatri forzati dei cd. migranti economici...

https://euobserver.com/justice/130276

Non si comprende come il ministro Alfano possa affermare che "sono al via" le operazioni di redistribuzione dei profughi dall'Italia verso altri paesi europei. Le condizioni poste dai partner europei, l'avvio delle identificazioni nei cd. HOT SPOT, ai quali dovrebbero corrispondere tanti centri di detenzione per i cd. migranti economici, non sembrano garantite in tempi tanto brevi. 

 This video, posted by the EU Council, presents the hotspot approach, building on what has already been developed in Catania (Sicily) in the EU Regional Task Force offices:


 Quanto sta ancora succedendo in Sicilia, con il trattenimento di 116 cittadini marocchini giunti in Italia il 17 agosto, che il ministro Alfano intendeva respingere in pochi giorni con provvedimenti collettivi, e che sono ancora trattenuti all'interno del CIE di Trapani Milo, che dal 3 agosto avrebbe dovuto funzionare come HOT SPOT, confermano quanto sia difficile nell'attuale situazione dei centri per stranieri in Italia, l'avvio di simili strutture nelle quali gli immigrati dovrebbero restare al massimo 48-72 ore.

https://tutmonda.wordpress.com/2015/09/15/hot-spot-centri-di-primo-soccorso-ed-accoglienza-o-centri-di-detenzione-di-fulvio-vassallo-paleologo/ 

http://www.cronachediordinariorazzismo.org/14559/

http://www.tp24.it/2015/08/28/immigrazione/immigrazione--violati-i-diritti-umani-slitta-a-trapani-l-apertura-dell-hotspot/93895 

Come emerge anche nelle dichiarazioni ufficiali dei capi di governo che contano, da ultimo la Merkel, all'Italia ed alla Grecia si chiedono responsabilità e rigore nelle identificazioni, in cambio di una sia pur minima rilocazione di migranti da questi paesi verso il nord-europa. 

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Migranti-Merkel-ad-Italia-e-Grecia-Subito-gli-hotspot-Budapest-annuncia-nuovo-muro-con-Romania-1901e6f7-2fd9-4726-8233-5aa6e99d3c96.html 

http://www.ansa.it/english/news/politics/2015/09/15/gentiloni-disappointed-by-eu-meeting_35663f18-17aa-451c-bc56-e546cdecfea5.html 

Responsabilità e rigore nelle procedure di prelievo delle impronte digitali significano soltanto detenzione amministrativa per coloro che venissero identificati come migranti economici, o per chi si rifiutasse di sottoporsi al prelievo delle impronte, ed operazioni di rimpatrio collettivo verso quei paesi che grazie agli accordi bilaterali già esistenti sono disposti ad accettare il rimpatrio dei propri cittadini.

http://www.statewatch.org/news/2015/jul/eu-council-recomendation-provisional-asylum-resettlement-10524-15.pdf 

Un progetto che presuppone una proliferazione di centri di identificazione ed espulsione (CIE) perchè è certo che non potendo eseguire immediatamente centinaia di respingimenti, coloro che negli HOT SPOT dovessero venire qualificati come "migranti economici", non potrebbero che finire in centri di identificazione ed espulsione (CIE) che al momento non esistono, e che non si possono certo attivare nell'arco di qualche mese, anche a fronte della giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell'Uomo e della Direttiva sui rimpatri 2008/115/CE come applicata dalla Corte di Giustizia dell'Unione Europea.

http://www.statewatch.org/news/2015/sep/eu-com-returns-handbook-106-pages.pdf 

Giuste considerazioni del Prefetto di Trapani. Ha davvero ragione.

 11.39 "Sull'hotspot a Trapani Milo al posto del Cie c'è stata una pausa di riflessione, l'Europa chiede aiuti sul fotosegnalamento e noi chiediamo chiarimenti sulle quote di distribuzione. Mi spieghino cosa sono i tutor almeno. Poi non abbiamo neppure capito a cosa servirano gli hotspot. Se i soggetti si sottraggono al fotosegnalamento cosa succede? Ce lo dicano".

http://www.tp24.it/2015/09/15/istituzioni/immigrazione-famiglia-riina-ryanair-parla-il-prefetto-di-trapani-leopoldo-falco/94286

Anche al ministero dell'interno non mancano dubbi sulla concreta operatività degli HOT SPOT prima che l'Unione Europea avvii un sostanzioso piano di rilocazione in Europa dei migranti già presenti in Italia, una proposta che sembrava cosa fatta a giugno, e che rimane ancora un miraggio. La posizione del Prefetto Morcone in una recente intervista.

 http://www.left.it/2015/09/14/migranti-al-via-lennesimo-vertice-che-non-decidera-nulla/

A Pozzallo l'HOT SPOT è partito davvero, è bastato cambiare nome al vecchio centro di primo soccorso ed acoglienza ( CPSA) ed aprire al suo interno un ufficio per gli agenti di FRONTEX e di EASO. Faranno da tutors... soprattutto nelle identificazioni forzate attraverso il prelievo delle impronte digitali, e nella selezione tra richiedenti asilo e cd. migranti economici.

http://www.corrierediragusa.it/articoli/attualit%C3%A0/pozzallo/31577-primo-hotspot-d-italia-il-centro-di-prima-accoglienza-del-porto-di-pozzallo-.html

Ma al di là della propaganda i problemi nel centro di Pozzallo sono sempre gli stessi, e ci rimangono anche i minori non accompagnati, ben oltre le 72 ore...

http://www.radiortm.it/2015/09/14/a-pozzallo-e-nuovamente-emergenza-sulla-gestione-dei-minori-migranti/#more-296769

Quando l'insipienza dei governanti di centro-sinistra (?) lascia alle destre gli argomenti buoni. La Sicilia rischia davvero di diventare un immenso lager a cielo aperto. Non saranno solo loro a combattere questa scelta. Noi lo facciamo ogni giorno, da anni, lo facevamo già quando le destre approvavano la legge Bossi-Fini e portavano a 18 mesi il tempo di trattenimento nei CIE, privando i migranti dei diritti di difesa.

 http://palermo.blogsicilia.it/immigrazione-la-sicilia-rischia-di-diventare-un-immenso-lager/308786/
                                                
Di fatto la Merkel ed i suoi colleghi europei hanno posto all'Italia una condizione impossibile da adempiere nel breve periodo, un modo per evitare di accettare trasferimenti di quote di richiedenti asilo, già presenti nel nostro paese, verso la Germania o altri paesi europei.

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-09-08/asse-merkel-resta-nodo-hot-spot-063606.shtml?uuid=AChVqvt 

In un momento nel quale l'Unione Europea alza barricate sempre più alte ai confini esterni e sospende di fatto il Regolamento Schengen reintroducendo controlli alle frontiere interne, bisogna rivendicare la possibilità di una diversa politica che crei veri canali umanitari verso il territorio dell'Unione ed al suo interno tra i singoli stati, con l'applicazione della Direttiva 2001/55/CE e con l'abolizione dell'obbligo di visto per i cittadini provenienti dalla Siria e da altri paesi, come l'Eritrea e l'Afghanistan, se muniti di documenti di identità o se comunque identificabili.

http://www.camera.it/parlam/leggi/deleghe/03085dl.htm 

http://www.mediapart.fr/journal/international/150915/crise-des-refugies-schengen-eclate-l-europe-panique?_onglet=full 

Le politiche di contrasto di quella che definiscono ancora come "immigrazione illegale" e le nuove barriere che stanno sorgendo tra i diversi stati europei non fermeranno l'afflusso di migranti costretti a partire da paesi che ne stanno facendo solo pedine di un ricatto politico internazionale, come la Turchia, o nei quali sono esposti ad ogni tipo di abusi, come la Libia, senza distinzione alcuna tra migranti economici e profughi.

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Migranti-quasi-10mila-arresti-in-Ungheria-Accordo-a-meta-al-vertice-Ue-9f888c64-d7d9-4561-8429-f7ac5192bacb.html 

http://www.askanews.it/top-10/l-ungheria-blinda-il-confine-oltre-9mila-migranti- bloccati_711602514.htm 

http://www.left.it/2015/09/15/ungheria-muro-arresti-rifugiati/ 

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2015/09/14/ungheria-vagone-con-filo-spinato_d32e9d4b-ca6b-4507-be85-b536ee2ffd22.html 

In assenza di decisioni europee l'Italia potrebbe intanto applicare l'art. 20 del Testo unico sull'immigrazione, riconoscendo in poche settimane a tutti i migranti provenienti dalla Libia un permesso di soggiorno per motivi umanitari e documenti di viaggio per quelli che volessero proseguire verso il nordeuropa. Come di fatto sta facendo la Grecia con le sue procedure di "registrazione", senza impronte digitali e senza inserimento dei dati personali nel sistema EURODAC. Un sistema che, insieme al Regolamento Dublino è stato già abbattuto dalla totale incapacità di decidere degli organismi europei a Bruxelles e dai comportamenti nazionalistici dei paesi dell'est europa, che stanno passando persino alle misure detentive ed alle prassi più violente, nel tentativo di respingere indietro persone in fuga dalla guerra e dalla fame. Adesso è a rischio davvero la libera circolazione prevista dal Regolamento Schengen.

http://www.liberties.eu/en/campaigns/hclu-campaign-hungarian-government-withdraw-migration-laws 

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/ESTERI/migranti_ue_divisa_frontiere_chiuse_quote_schengen/notizie/1567870.shtml 

http://www.meltingpot.org/Verso-la-sospensione-di-Schengen-al-Brennero.html#.Vff5n_Hotsc 

Barriere e prassi di respingimento collettivo che alimenteranno le organizzazioni criminali che lucrano sulla pelle di migranti e profughi sena distinzione alcuna, che tutti a parole dicono di combattere, ma che trovano i propri migliori alleati nei governi nazionali e nelle mancate decisioni delle istituzioni europee, che negano l'apertura di canali umanitari e cercano di scaricare sui vicini gli oneri di una acoglienza che non è più una scelta, ma una necessità imposta dai fatti.

http://statewatch.org/news/2015/sep/eu-med-crisis-14-09-15.html


UNHCR – C’E’ URGENTE BISOGNO DI UNA RISPOSTA CORRAGGIOSA E COERENTE A LIVELLO EUROPEO PER LA CRISI DEI RIFUGIATI
L'incontro tenutosi nella giornata di ieri a Bruxelles in sede di Consiglio dei ministri europei ha visto l'adozione formale di una precedente proposta di ricollocamento che coinvolge 40.000 persone. Si tratta di un primo passo positivo per affrontare l’attuale situazione dei rifugiati in Europa, ma è chiaro che bisogna fare molto di più.
L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) è profondamente deluso dal fatto che, sebbene gran parte degli Stati membri fossero d'accordo su una proposta di ricollocamento più ampia che coinvolgeva 120.000 persone, un consenso finale su questo punto non sia stato raggiunto. Per rispondere ai bisogni è necessario un accordo rapido decisivo ed un’azione coraggiosa fondata sulla solidarietà di tutti gli Stati membri. Il ricollocamento di un numero di rifugiati che sia superiore alle 40.000 unità potrebbe iniziare ad essere attuato con i paesi che hanno espresso sostegno alla proposta. Per avere successo, il ricollocamento deve essere accompagnato da un piano di accoglienza di emergenza, di assistenza e registrazione su larga scala nei paesi più coinvolti dagli arrivi, in particolare Grecia, Ungheria e Italia.
Uno sviluppo positivo nelle conclusioni della presidenza è rappresentato dal sostegno alla Grecia nel campo dell’accoglienza e dell'asilo, un aspetto fondamentale per il successo del programma di ricollocamento. Inoltre, l'UNHCR esprime soddisfazione per il fatto che sia stato inserito un supporto ai paesi interessati dagli arrivi nei Balcani occidentali affinché possano rispettare i loro obblighi nei confronti delle persone che necessitano di protezione internazionale. È necessario un sostegno particolare nei confronti della Serbia e dell’ex Repubblica Jugoslava di Macedonia nel loro impegno per assistere i rifugiati.
Accogliamo con favore l'annuncio di un maggiore sostegno all'UNHCR da parte dell'UE e degli Stati membri per rispondere ai bisogni dei rifugiati nei paesi confinanti con la Siria. La stragrande maggioranza dei rifugiati siriani è ospitata da questi paesi. È necessario un maggiore impegno per affrontare alla radice le cause delle migrazioni forzate in tutto il mondo. Una risposta globale alla situazione dei rifugiati richiede diplomazia, volontà politica e un'azione coordinata volta alla prevenzione ed alla risoluzione dei conflitti che costringono le persone a fuggire.
Salvare le vite dei rifugiati e dei migranti in mare continua a rappresentare una priorità fondamentale, come dimostrato dalle numerose tragedie avvenute in mare negli ultimi giorni, tra cui quella di questa mattina al largo di Kos dove sarebbero almeno 13 le persone che hanno perso la vita. In questo contesto, l'UNHCR accoglie con favore l'impegno a rafforzare ulteriormente le operazioni in mare di Frontex.
Per quanto riguarda un efficace controllo delle frontiere, l'UNHCR ribadisce che la gestione delle frontiere deve essere sensibile ai bisogni di protezione e coerente con il diritto nazionale, comunitario e internazionale, ivi compreso il diritto di chiedere asilo. Nel momento in cui sbarcano in Europa o entrano nell'Unione Europea, i rifugiati devono trovare un ambiente accogliente e una risposta immediata ai loro bisogni fondamentali.
L'UNHCR sottolinea la necessità di aumentare i canali legali per la migrazione e incoraggia gli Stati membri a estendere tali vie legali per i rifugiati, attraverso un maggiore ricorso al reinsediamento e all'ammissione umanitaria, al ricongiungimento familiare, ai visti umanitari, e ad altri sistemi. Se esistessero più alternative legali per raggiungere la sicurezza in Europa, un minor numero di persone che necessitano di protezione internazionale sarebbe costretto a ricorrere ai trafficanti e a intraprendere pericolosi viaggi irregolari.
L'UNHCR sostiene gli Stati che attuano politiche di rimpatrio efficaci per gli individui che non hanno valide ragioni per chiedere protezione e che non possono beneficiare di mezzi legali alternativi per regolarizzare il loro soggiorno. Questi individui dovrebbero essere aiutati a tornare rapidamente ai loro paesi d'origine, nel pieno rispetto dei loro diritti umani.




0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro