Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

sabato 12 settembre 2015

Muoiono altri bambini nella traversata verso la Grecia. La Turchia aumenta il numero degli arresti dopo avere costretto alla fuga migliaia di persone. La strage continua, ancora decine di morti davanti Pharmakonisi.


Anche sulla breve rotta tra Bodrum e Kos è ormai strage quotidiana. Altri quattro bambini sono morti mentre tentavano di raggiungere il territorio greco per proseguire poi il loro viaggio verso l'Europa. Neppure vedremoi loro corpi arenati sulla spiaggia. Anche i titoli in inglese distinguono tra migranti e rifugiati. Le redazioni dei giornali si adeguano alle direttive dei governi.  A mare ci sono soltanto naufraghi, morti e dispersi.

http://www.timeslive.co.za/world/2015/09/12/Four-children-missing-after-migrants-boat-capsizes-off-Greece

http://greece.greekreporter.com/2015/09/12/greek-coast-guard-searching-for-five-missing-migrants-and-refugees-in-the-east-aegean-sea/

La strage continua, a poche ore di distanza da questa tragedia, un'altro naufragio davanti alla costa di Pharmakonisi, dove già nel 2014 una imbarcazione carica di migranti si era capovolta dopo essere stata intercettata dalla Guardia costiera greca. Questa volta il naufragio è avvenuto tanto vicino alla costa che alcuni migranti sono riusciti a raggiungere a nuoto la riva.

http://greece.greekreporter.com/2015/09/13/boat-capsized-off-greek-island-coast-one-child-among-28-drowned-migrants/ 

Come al solito nessuna notizia sulla dinamica dei fatti.

 ATHENS - A total of 28 bodies have been pulled from the sea off Greece after a boat carrying scores of migrants capsized on Sunday, the coastguard said.
Their stricken boat sank off the island of Farmakonisi in the southern Aegean Sea where a search and rescue effort is under way.
...
A dead child was among those found early Sunday, while 68 people were rescued and a further 29 managed to swim to a beach on the island, the coastguard said. (AFP)

http://www.koreaherald.com/view.php?ud=20150913000445 
 http://www.ekathimerini.com/201472/article/ekathimerini/news/ten-refugees-drown-off-farmakonisi-dozens-rescued

http://www.alterthess.gr/content/nea-tragodia-sto-farmakonisi 

Era già successo a luglio, in quel caso erano intervenute le due guardie costiere, quella greca  e quella turca.

http://www.tovima.gr/en/article/?aid=720551 

Lo scorso anno sempre a Pharmakonisi una tragedia senza verità, dopo l'intervento di blocco della Guardia costiera greca. Quando pensavano di bloccare i passaggi dalla Turchia con le motovedette che sbarravano la strada alle imbarcazioni dirette nelle isolette greche dell'Egeo. Come decine di testimoni hanno confermato.

https://www.amnesty.org/en/latest/news/2015/01/greece-farmakonisi-migrant-tragedy-one-year-and-still-no-justice-victims/ 

http://www.x-pressed.org/?xpd_article=the-coast-guard-drowned-the-migrants-in-farmakonisi 

http://www.ecre.org/component/content/article/70-weekly-bulletin-articles/947-with-their-case-shelved-in-greece-survivors-of-the-farmakonisi-tragedy-seek-justice-at-the-ecthr.html 

http://greece.greekreporter.com/2014/08/01/activists-demand-new-into-farmakonisi-deaths/ 

https://www.hrw.org/news/2014/01/30/greece-investigate-pushbacks-summary-expulsions 

http://www.proasyl.de/en/news/news-english 

 Aumentano in Turchia gli arresti di profughi, prevalentemente siriani, la Turchia che spinge i profughi a lasciare il proprio territorio, vuole dimostrare all'Unione Europea di essere anche capace, quando vuole, di fermare le partenze dei migranti, intensificando i controlli. Aumentano i profitti degli scafisti ed i morti in mare. Grazie a Erdogan.

http://national.bgnnews.com/border-province-of-edirne-intercepts-over-700-eu-bound-refugees-haberi/9321

Ed anche qui non mancano le operazioni di immagine, come l'arresto del console onorario francese "colpevole" di vendere nel suo negozio giubbetti salvagente e piccoli gommoni.

http://diplomacy.bgnnews.com/frances-honorary-consul-in-bodrum-suspended-for-selling-rafts-to-migrants-haberi/9356

http://www.gadlerner.it/2015/09/12/il-vero-volto-delleuropa-gli-scafisti-che-lucrano-sui-profughi-siamo-noi

http://greece.greekreporter.com/2015/02/06/syrian-migrants-smuggler-convicted-to-145-years-for-farmakonisi-tragedy/ 

Le vere responsabilità si nascondono dietro gli arresti dei "presunti scafisti", certe volte si omette il presunto, ed altre volte ancora la condanna è già scritta poche ore dopo lo sbarco, senza nessuna possibilità di difesa. 

http://www.ekathimerini.com/201466/article/ekathimerini/news/europol-chief-about-30000-suspected-of-trafficking-to-eu

Si arriva persino ad infangare il dolore più atroce di chi ha perduto il proprio figlio. Come se non fosse noto da anni che spesso gli stessi migranti sono costretti a svolgere il ruolo di scafisti, mentre i trafficanti restano al sicuro nelle loro case.

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Il-padre-di-Aylan-era-lo-scafista-la-denuncia-di-una-donna-e4b38d84-d4d1-4bda-8086-1e2b0f1467d7.html

Un' Europa che promette accoglienza ( in alcuni paesi come la Germania) ma blinda le proprie frontiere contando sui muri che i paesi dell'est di più recente adesione, come la Polonia, la Repubblica Slovacca e la Repubblica Ceca, stanno finendo di costruire in tutta fretta, ricorrendo anche ( nel caso della Polonia) al lavoro forzato dei detenuti.

http://www.theguardian.com/world/video/2015/sep/11/refugees-encounter-prisoners-building-hungarys-border-fence-video

http://www.dpa-international.com/news/international/pilgrimage-routes-resurface-in-hungary-to-help-migrants-move-safely-a-46563474.htm

http://serbie-droitshumains.blogspot.it/2015/09/des-mesures-de-represailles-envers-les.html

Appare sempre più evidente come il ricorso alle misure repressive, in assenza di canali legali di ingresso non fa che aumentare il numero delle vittime, mentre la collaborazione con i paesi terzi, che in molti casi non rispettano neppure i diritti umani, non serve nè a bloccare le partenze, nè a favorire le operazioni di rimpatrio forzato dei cd. migranti economici da Hot Spot che rimangono ancora solo sulla carta.

http://www.novinite.com/articles

Dalle dichiarazioni di Renzi e di altri esponenti di governo non si coglie nessuna variazione sostanziale della politica sulle migrazioni forzate. Non sono stati neppure capaci di cogliere tutte le implicazioni della scelta della Germania che ha annunciato che accoglierà fino a 800.000 richiedenti asilo. La mobilità che questa scelta determina alle frontiere interne dell'Unione non può essere compressa dai respingimenti e dai nuovi centri di detenzione, occorrono corridoi umanitari anche all'interno delle frontiere Schengen.

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2015/09/07/migranti-la-danimarca-blocca-i-treni-con-la-germania-e-rimanda-indietro-chi-non-si-registra_d6df4126-cd10-4483-a67f-08861977be74.html

 Se non si adotteranno canali legali di mobilità interna in Europa, per i profughi ed i potenziali richiedenti asilo, potrebbe naufragare proprio il principio di libera circolazione affermato dalla Convenzione di Schengen.

http://www.statewatch.org/news/2015/sep/eu-jha-council-14-9-15-%20A-%20items-non-legis.pdf

http://www.statewatch.org/analyses/no-270-fingerprinting-migrants-coercive-measures.pdf

Una decisione, quella tedesca,  che fa saltare il Regolamento Dublino in tutta Europa, perchè mette in motouna tale quantità di persone che una volta arrivata in Unione Europea non potrà essere "filtrata" attraverso le maglie del Regolamento. Sono i numeri delle persone che arrivano,che rendono già obsoleta e del tutto inutilizzabile la politica del contenimento e della selezione sulla base della "nozione di paese terzo sicuro". La discontinuità ed il cambiamento non sono più soltanto una scelta ma una necessità. Non basta più distinguere "migranti ecomomici" e profughi o richiedenti asilo, e pensare di risolvere tutto, se non con gli arresti dei presunti scafisti, con i respingimenti delegati ai paesi di transito, con gli HOT SPOT e gli HUB chiusi, e con il prelievo forzato delle impronte digitali.

http://www.statewatch.org/analyses/no-270-fingerprinting-migrants-coercive-measures.pdf

http://www.statewatch.org/news/2015/aug/e-mail-med-4-8-15.pdf


0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro