Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

mercoledì 7 ottobre 2015

L'Unione Europea minaccia rimpatri impossibili, dietro lo stigma dei "migranti economici" pulsioni elettorali ed affari con le peggiori dittature del mondo. Si chiama Processo di Khartoum, la prossima puntata andrà in scena il 12 novembre al vertice di La Valletta a Malta.


Era nell'aria da settimane, il progetto europeo per un piano di rimpatri di persone che non sarebbero riuscite ad ottenere lo status di rifugiato, avanzava già con la diffusione ad arte dello stigma di "rifugiato economico" e dalla proposta collaterale di istituire una lista vincolante di "paesi terzi sicuri".

http://contropiano.org/internazionale/item/33286-la-ue-cala-la-maschera-400mila-profughi-da-imprigionare-e-rimandare-a-casa

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Migranti-per-il-Times-ci-sarebbe-un-piano-Ue-per-espellerne-oltre-400.000-43d1bd4a-3d3f-4293-8208-c51056a344d5.html

Una proposta che richiederebbe la modifica legislativa, votata dunque anche dal Parlamento Europeo, delle Direttive tuttora vigenti in materia di rimpatri forzati, qualifiche e procedure per il riconoscimento della protezione internazionale.

http://www.thetimes.co.uk/tto/news/world/europe/article4578486.ece?shareToken=f8eb0ead32f15defe7fb90a7a3264556

http://uk.reuters.com/article/2015/10/07/uk-europe-migrants-idUKKCN0S120T20151007?rpc=401

Tra i "paesi terzi sicuri" inseriranno anche l'Angola ?

https://www.indexoncensorship.org/2015/10/joint-statement-in-support-of-european-parliament-resolution-on-the-human-rights-situation-in-angola/

I numerosi consigli europei che si sono susseguiti in questi ultimi mesi, da quelli "informali" a quello che si svolgerà nei prossimi giorni a Bruxelles, hanno tentato di costruire una risposta "armata" all'aumento degli arrivi di migranti in Europa, dietro il pretesto della lotta contro le organizzazioni dei trafficanti, un progetto che è naufragato davanti agli occhi di tutti con il fallimento e la progressiva scomparsa delle missioni Frontex/Triton ed EUNAVFOR MED. A quest'ultima, paralizzata dal mancato  voto in Consiglio di sicurezza ONU,  nel tentativo di confondere una opinione pubblica distratta ed arroccata nel proprio egoismo, hanno persino cambiato nome, attribuendole Sophia,
 quello di una bambina nata a bordo di un mezzo di soccorso.

http://www.maltastar.com/dart/20151007-eu-starts-naval-operations-against-migrant-smugglers

 Draft Council conclusions on the future of the EU return policy

 "The EU and its Member States must do more in terms of return. Increased return rates should
act as a deterrent to irregular migration. The Return Directive3, in force since January 2009,
should be applied in a consistent and efficient manner to ensure high uniform standards of
enforcement and to maintain a high level of mutual trust among Member States. The Council
urges the Commission to assess the functioning and implementation of the Return Directive
and identify any obstacles to effective returns, including by using the Schengen evaluation
mechanism4. Based on this assessment, the Commission is invited to make legislative
proposals, if appropriate, to remedy such obstacles. Better use of the existing European
information systems should be made, in particular of the Schengen Information System (SIS),
the Visa Information System (VIS) and Eurodac, which are important tools that must be
further improved to allow for better information gathering, sharing and coordination among
Member States for return purposes. The Council looks forward to the forthcoming proposals
by the Commission, based on a feasibility study, to make it obligatory to enter in SIS all entry
bans and return decisions, notably to enable their mutual recognition and enforcement, as
soon as possible in 2016. Moreover, the revised Smart Borders legislation to be presented
before the end of 2015, should help enhancing return by creating a record of all cross-border
movements of third-country nationals. In addition, the Council welcomes Commission
proposals regarding the use of Eurodac for return purposes. Furthermore, Member States will
operationalise the network of national contact points to exchange information with a view to
facilitating the withdrawal of residence permits, in particular for migrants with a criminal
record, by the end of 2015." ....


"The Council recognises that national legal and administrative frameworks also play a key role
in creating the enabling conditions for an effective EU return action. In particular, Member
States must systematically issue return decisions, take all necessary steps to enforce them and
provide adequate resources, including funding and staff, necessary for identifying and
returning illegally staying third-country nationals. All measures must be taken to ensure
irregular migrants’ effective return, including use of detention as a legitimate measure of last
resort. In particular, Member States should reinforce their pre-removal detention capacity to
ensure the physical availability of irregular migrants for return and take steps to prevent the
abuse of rights and procedures"...


" Practical cooperation among Member States on return is an essential element in increasing the
return rate. Member States are therefore strongly encouraged to make better use of the
expertise, and request, more systematically, the services currently being offered by Frontex,
such as deployment of screening teams in its coordinated joint operations, assisting in
acquisition of travel documents of migrants, organising joint return operations and training of
national staff involved in return operations. Frontex, in turn, should step up all efforts to make
full use of its current mandate in assisting Member States in return operations and other
relevant activities. While Member States are primarily responsible for carrying out returns,
the immediate creation of a dedicated Return Office within Frontex should enable it to scale
up its support to Member States in order, inter alia, to facilitate, organise and fund return
operations. Frontex must continue assisting individual Member States directly and be given
the right to organise joint return operations on its own initiative, taking into account Member
States’ needs. All Member States and Frontex will cooperate closely in playing a particularly
active role in the establishment and functioning of the hotspots with regard to return
operations, as underlined by the conclusions of the European Council on 23 September 2015"...


 "The Council expresses its full support to the strengthening of Frontex and looks forward to the
legislative package to be presented by the Commission in December 2015. In this respect, the
Council welcomes the Commission’s intention to consider setting up Frontex Rapid Return
Intervention Teams, offering support on identification, consular cooperation with thirdcountries,
and organising return operations for Member States, building on the hotspot
experiences"...


"Cooperation with the countries of origin and transit is key to successful return operations. In
the short term, the EU will explore the synergies of the EU diplomacy on the ground, through
the EU delegations, and in particular through the European Migration Liaison Officers
(EMLOs), to be deployed by the end of 2015 to Egypt, Morocco, Lebanon, Niger, Nigeria,
Senegal, Pakistan, Serbia, Ethiopia, Tunisia, Sudan, Turkey and Jordan"...


http://www.statewatch.org/news/2015/oct/eu-council-draft-return-policy-conclusions-12420-15.pdf 

Le minacce di un intervento militare "mirato" contro le organizzazioni dei trafficanti, con il corollario degli arresti simbolici di centinaia di presunti "scafisti", in realtà anche loro, in molti casi, "forzati" a guidare le imbarcazioni in partenza dalla Libia, non hanno sortito gli effetti sperati. Sono aumentate soltanto le stragi ed il numero delle vittime.

http://catania.blogsicilia.it/migranti-639-sbarcati-a-catania-fermato-scafista-tunisino/311163/

http://www.repubblica.it/solidarieta/profughi/2015/10/06/news/cir-124478085/

http://www.msf.ca/en/article/shipwrecks-continue-occur-and-number-victims-continues-increase

http://www.tpi.it/mondo/europa/emergenza-umanitaria-mediterraneo-scafisti

Qualche stato, come la Gran Bretagna, di fronte a questo fallimento, sta ritirando le proprie navi dal Mediterraneo, o almeno dalle missioni che potrebbero comportare obblighi di ricerca e salvataggio.

http://www.independent.co.uk/news/uk/home-news/uk-withdraws-last-ships-dedicated-to-rescuing-refugees-after-15-children-drown-in-the-aegean-sea-a6685066.html

Ecco allora che l'Unione Europea sempre più in crisi di credibilità ed in mano alle lobby politico-militari, ha escogitato la nuova categoria del migrante economico per preparare il terreno ad una valanga di deportazioni, si dice oltre 400.000 persone, che non otterrebbero dalle Commissioni competenti il riconoscimento dello status di rifugiato. La manovra orchestrata a livello europeo, di grande impatto sull'opinione pubblica, si basa sugli orientamenti sempre più restrittivi adottati dalle Commissioni competenti a decidere sulle richieste di protezione, nelle quali i singoli commissari, in spregio al principio della collegialità, si trasformano in inquisitori che conducono veri e propri interrogatori di polizia per minare la credibilità dei richiedenti asilo e di chi li assiste. Una prassi che appare ben distante da quanto previsto dalle leggi.

http://www.asgi.it/asilo-e-protezione-internazionale/protezione-internazionale-le-nuove-norme-analizzate-dallasgi/

E' così diventa sempre più facile sostenere che la maggior parte delle domande di protezione viene respinta, e se si considerano le centinaia di migliaia di richieste di asilo ricevute dai principali paesi europei, soprattutto quelli più settentrionali, con la sola eccezione ( per ora) dei siriani e della maggior parte degli eritrei, si arriva presto al numero di 400.000 persone che resterebbero alla fine di quest'anno prive di uno status legale in Europa. Persone che proverrebbero da "paesi terzi sicuri", che non vanterebbero ragioni individuali di protezione internazionale, e che dunque sarebbe possibile rimpatriare nei paesi di origine con l'accompagnamento forzato della polizia.

https://euobserver.com/migration/130582

Per quanto pressioni si facciano sui paesi di origine, ed adesso anche su quelli di transito, come la Turchia, questi progetti valgono solo per conquistare gli elettorati di destra, esattamente come la costruzione dei muri nei paesi orientali dell'Unione Europea, non ferma i migranti, ma li stigmatizza come "clandestini" che cercano di superare una barriera legale sottraendosi ai controlli di polizia.

http://siciliamigranti.blogspot.it/2015/10/continuano-i-respingimenti-da-pozzallo.html?m=1

La vicenda dei 116 marocchini respinti dal Questore di Catania, non meno di quella delle decine di ragazze nigeriane "respinte" dalla questura di Agrigento e trasferite nel CIE di Ponte Galeria a Roma, solo in parte deportate nel loro paese, dopo l'intervento della magistratura, evidenziano molto bene come dietro le minacce di rimpatri di massa ci sia una totale mancanza di basi legali, anche a fronte del divieto di respingimenti o espulsioni collettive, sancito dall'art. 4 del Quarto Protocollo allegato alla CEDU, oltre che dall'art. 19 della Carta dei Diritti fondamentali dell'Unione Europea. Norme che hanno carattere imperativo che non possono essere derogate dalle decisioni dei ministri o dei capi di stato dell'Unione Europea, nè tantomeno dai vertici di Frontex o delle forze di polizia.

http://dirittiefrontiere.blogspot.it/2015/10/fallisce-in-partenza-la-politica-degli.html

Gli accordi con la Turchia sembrano già cosa fatta, anche se non è chiaro quanti "migranti economici" si riprenderà Erdogan, e a quale prezzo i turchi riusciranno ad arrestare l'esodo dei siriani, costretti a partire verso l'Europa anche dalle politiche di chi li usa come merce di scambio in vista delle prossime elezioni, al fine e vidente di avere mano libera nella repressione del popolo curdo.

http://www.dirittiglobali.it/2015/10/ue-prove-di-accordo-con-erdogan/

http://www.eunews.it/2015/10/05/erdogan-ue-vuole-aiuto-su-rifugiati-ne-ha-250mila-la-turchia-2-milioni-e-mezzo/42788

http://www.ilfoglio.it/esteri/2015/09/25/lidea-ue-di-riempire-doro-erdogan-per-sigillare-il-confine-turco___1-v-133147-rubriche_c814.htm

Nessuna decisione che sarà assunta con i paesi terzi, come la Turchia, o come quelli coinvolti nell'ambito del cd. Processo di Khartoum, fortemente voluto dall'Italia di Renzi ed Alfano lo scorso anno, durante il semestre di presidenza europea, potrà andare in contrasto con le norme vincolanti contenute nei Regolamenti e nelle Direttive Europee, oltre che nella Convenzione Europea a salvaguardia dei diritti dell'Uomo, che vieta rimpatri nei paesi nei quali si possono subire trattamenti inumani o degradanti ( art.3), impone il principio di legalità nell'esecuzione di respingimenti ed esplusioni, e riconosce il carattere "effettivo" dei diritti di difesa di qualsiasi persona di fronte alle autorità statali.

http://www.statewatch.org/news/2015/oct/khartoum-process.ht

Fino a quando l'Unione Europea brandirà la minaccia del rimpatrio contro persone che comunque sono in fuga da paesi come la Libia, dove hanno rischiato di perdere la vita o di subire gli abusi peggiori, e fino a quando si cercheranno accordi di riammissione con regimi impresentabili come quello sudanese o eritreo, per non parlare dei ricatti subiti dai governi di Turchia ed Egitto, qualunque decisione presa a Bruxelles sarà priva di quella legittimazione e di quella forza che potrebbero attribuire efficacia e credibilità. I singoli leader europei continueranno a recitare stancamente il ruolo che le maggioranze nazionali dalle quali dipendono impongono loro, e le autorità militari con i servizi di sicurezza continueranno a partorire piani destinati ad un fallimento certo. Prossimo palcoscenico, la Conferenza  internazionale con i paesi terzi di La Valletta, a Malta, l'11 ed il 12 novembre prossimi.

http://www.consilium.europa.eu/it/meetings/international-summit/2015/11/11-12/

http://www.statewatch.org/news/2015/aug/eu-council-med-crisis-preparation-La-Valletta-11534-15.pdf

 Basterebbe verificare l'efficacia attuale delle politiche di rimpatrio forzato e le ragioni del loro fallimento, il numero delle vittime e gli abusi commessi a danno dei migranti più vulnerabili, come le donne ed i minori, per misurare la pochezza umana e lo scarso rispetto per il principio di legalità, di chi si ostina a rilanciare progetti di deportazioni di massa. Senza l'apertura di credibili canali umanitari e senza il riconoscimento di un diritto di asilo europeo, nella totale assenza di un ruolo negoziale collettivo nei tavoli nei quali si discute delle grandi crisi, l'Unione condanna a morte sè stessa e migliaia di migranti dispersi nei deserti africani e sulle rotte balcaniche.





0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro