Powered by Blogger.

Search

venerdì 20 novembre 2015

L'Unione Europea vuole trasformare gli Hot Spots ( ancora inesistenti) in zone franche sottratte alla giurisdizione. Verso identificazioni forzate ed espulsioni collettive. I controlli di massa che non garantiranno la sicurezza di nessuno.


Ormai la politica europea in materia di immigrazione ed asilo la fanno i comitati ristretti come il COREPER, Comitato dei rappresentanti permanenti,organo di consulenza del Consiglio europeo ed i Consigli dei ministri UE degli interni e della giustizia, riuniti con ordini del giorno nei quali il tema delle migrazioni si salda sempre più con la lotta al terrorismo. Dalla lotta ai trafficanti si è rapidamente passati al contrasto del terrorismo, e per questo occorre inventare "zone rosse" in prossimità dei luoghi di frontiera dove esercitare controlli senza il necessario rispetto delle garanzie previste dalle vigenti Direttive, dai Regolamenti europei e dalle Costituzioni nazionali. Ma tutta la storia degli HOT SPOTS è davvero una storia vera ?

HOT SPOTS aperti entro novembre ? Lo proclamavano due mesi fa tutti i rappresentanti dell'Unione Europea.

http://www.huffingtonpost.it/2015/09/23/ungheria-profughi-_n_8181952.html

http://www.ilgiornale.it/news/politica/immigrati-alfano-difficolt-finge-fare-duro-lue-1192199.html

The Council, in full cooperation with the Commission, having in mind the necessity to safeguard the functioning of the Schengen area and to reduce migratory pressures, agreed the following measures to implement fully the orientations already agreed by the European Council and the Council in compliance with EU acquis. It decided:
1.             to encourage Member States and relevant third countries to intensify ongoing efforts to substantially increase reception capacities, for which the Council welcomes rapid identification by the Commission of additional financial support for affected countries and for the UNHCR;
2.             that the establishment of hotspots in Italy and Greece will be intensified, with support of the Member States, the Commission, Frontex and EASO, so that all of these function by end of November 2015 as previously agreed;
3.             that all participating Member States will speed up the relocation process, notably by communicating their capacities for first relocations and by nominating as appropriate relocation liaison officers to Italy and Greece, preferably by 16 November 2015. In parallel, Italy and Greece will substantially accelerate the preparatory steps necessary for relocation. The Council and the Commission support Italy and Greece in their decisions to register migrants before further handling their case on the mainland, in particular with Eurodac machines provided by Member States. Member States endeavour to fill by 16 November 2015 the remaining gaps in the calls for contribution from Frontex and EASO, which will simplify the profiles required and the appointing procedures;
4.             that Member States, with the full support of the Commission and Frontex, will substantially improve the return rate. Member States should also provide return experts for the pool of European Return Liaison Officers for rapid deployment;
5.             that Member States, to overcome the potential lack of cooperation of migrants as they arrive into the European Union and while fully respecting the fundamental rights and the principle of non-refoulement, will make use of possibilities provided by the EU acquis, such as (1) asylum procedures at borders or transit zones; (2) accelerated procedures; (3) non-admissibility of subsequent asylum applications by the individuals concerned; (4) coercive measures, including, as a last resort, detention for a maximum period necessary for the completion of underlying procedures. In addition to existing guidelines on systematic fingerprinting, the Commission is invited to issue, in cooperation with EASO and Frontex, further practical guidance on the consequences of the registering obligations in the light of the Dublin rules, the relocation decisions and the international readmission obligations.
Furthermore, the Council agrees to explore the concept of processing centres in countries where the hotspot approach has not been implemented, supported by the Commission and relevant EU agencies, in order to organise access to international protection and/or for the purpose of return;

http://www.consilium.europa.eu/en/press/press-releases/2015/11/09-jha-council-conclusions-on-measures-to-handle-refugee-and-migration-crisis/

http://www.ansa.it/english/news/politics/2015/11/09/eu-to-intensify-migrant-hotspots_1ab6b4b5-dfe0-4c78-bf2a-986fb7818ab6.html

Se gli hot spots ancora non esistono si potrà instaurare il sistema "Hot Spot" sui territori più esposti, come le isole dell'Egeo, a Lesvos in particolare, o in Sicilia a Pozzallo, o a Lampedusa, i due vecchi centri di primo soccorso ed accoglienza, adesso ridefiniti come Hot Spots.  Di fatto si sta assistendo ovunque ad identificazioni di massa, ai quali se non si appartiene alle categorie "protette", come eritrei, irakeni e siriani, seguono respingimenti di massa, senza che si dia la possibilità a coloro che provengono da altri paesi di presentare una richiesta di asilo. Gli Hot Spots annunciati a settembre rimangono in gran parte sulla carta. Eppure si parla come se già fossero attivi ed operanti.

Senza una legge che li preveda, in violazione dell'art. 10 della Costituzione italiana che impone la riserva di legge per ogni provvedimento che riguardi lo stato giuridico degli stranieri presenti  comunque nel territorio nazionale. L'obiettivo che si vuole raggiungere è quello, lungamente sperimentato nell'isola di Lampedusa, di consiederare le isole di frontiera o i territori di sbarco come sottartti alla giurisdizione nazionale, anzi, a qualsiasi giurisdizione, affidati esclusivamente alle forze di polizia. Meglio alle pattuglie congiunte europee (RABIT)ed alle agenzie come Frontex ed Eurosur.

http://www.statewatch.org/news/2015/oct/italy-map-of-hotspots.pdf

http://ec.europa.eu/dgs/home-affairs/what-we-do/policies/european-agenda-migration/press-material/docs/state_of_play_-_hotspots_en.pdf

http://www.thelocal.it/20151002/italy-preps-migrant-hotspots-amid-doubts-over-eu-plan

Le decisioni ufficiali sono assunte da Consigli europei "informali",  le competenze del Parlamento Europeo sono bypassate con l'espediente di ricondurre tutte le materie che riguardano migranti e profughi al tema dominante della difesa e della sicurezza interna ed internazionale. Si sta tentando di utilizzare gli Hot Spots come luoghi sottratti allo stato di diritto, prima ancora che questi vengano effettivamente istituiti, sempre senza una base legale che giustifichi le prassi di polizia, e degli agenti di Frontex che vi dovrebbero essere inviati.

http://ec.europa.eu/dgs/home-affairs/what-we-do/policies/european-agenda-migration/background-information/docs/2_hotspots_en.pdf

http://www.statewatch.org/news/2015/jul/eu-com-hotsposts.pdf

Ma si sta tentando anche di bloccare con nuove restrizioni la rotta balcanica, quella più battura in questi ultimi mesi, dai profughi siriani. L'Unione Europea, da unione di stati ad unione di polizie. Meglio verso uno territorio unico di polizia. Vedremo dai fatti quante vittime produrranno queste scelte e quale maggiore sicurezza potremo garantirci.

http://www.iom.int/news/iom-unhcr-unicef-joint-statement-new-border-restrictions-balkans

http://greece.greekreporter.com/2015/10/16/first-migrant-hotspot-opens-in-lesvos/

https://exilesdanslesbalkans.wordpress.com/2015/11/20/de-lile-de-lesbos-aux-jungles-du-dunkerquois-lasile-a-deux-vitesses/

Questa la realtà tragica delle migrazioni dei profughi che adesso si avvertono come un pericolo per la sicurezza. Sono le decisioni dell'Unione Europea un ennesimo attentato alla sicurezza dei profughi.

http://www.mirror.co.uk/news/world-news/shocking-video-shows-risks-refugee-6866227

 Gli Hot Spots esistono ancora solo sulla carta, come a Lesvos, o nella propaganda della stampa embedded,come a Pozzallo in Sicilia, ma vengono già branditi come arma contro i terroristi  che si infiltrerebbero tra i profughi.

Si pensa a rinforzare tutti i controlli alle frontiere esterne di Schengen, ormai la libertà di circolazione è il prossimo obiettivo da spazzare via non appena gli allarmi sulla sicurezza saranno rilanciati ad un livello superiore. Un regalo enorme per trafficanti e terroristi.

 Strengthening controls of external borders 

4. Member States undertake to:

a) implement immediately the necessary systematic and coordinated checks at external borders, including on individuals enjoying the right of free movement,
b) on the basis of a quick identification of urgent needs and possible solutions to be communicated by the Commission before the end of 2015, upgrade the Schengen Member States' border control systems (electronic connection to the relevant Interpol databases at all external border crossing points, automatic screening of travel documents) by March 2016,
c) in the context of the current migration crisis, carry out a systematic registration, including fingerprinting, of third country nationals illegally entering the Schengen area, whether migrants or applicants for international protection, and perform systematic security checks by using relevant databases, in particular SIS II, Interpol databases, VIS and national police databases, with the support of Frontex and Europol, and ensure that hotspots are equipped with the relevant technology. Europol will deploy guest officers to the hotspots in support of the screening process, in particular by reinforcing secondary security controls,
d) strengthen the control at the external borders which are most exposed, in particular by deploying, when the situation so requires, rapid border intervention teams (RABITs) and police officers in order to ensure systematic screening and security checks. 


http://www.consilium.europa.eu/en/press/press-releases/2015/11/20-jha-conclusions-counter-terrorism/?utm_source=dsms-auto&utm_medium=email&utm_campaign=Conclusions+of+the+Council+of+the+EU+and+of+the+Member+States+meeting+within+the+Council+on+Counter-Terrorism
http://www.dinamopress.it/news/gli-alleati-europei-di-daesh

http://libertacivili.blogautore.espresso.repubblica.it/2015/11/20/la-sorveglianza-di-massa-e-illegittima-inutile-e-dannosa/

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro