Powered by Blogger.

Search

giovedì 17 dicembre 2015

L'Unione Europea scarica sull'Italia le prassi illegali di prelievo forzato delle impronte, ma blocca il ritrasferimento dei profughi, non modifica il Regolamento Dublino e non apre canali umanitari. Con le misure di polizia europea si andrà solo allo scontro.


Mentre da parte della Guardia costiera italiana e delle navi umanitarie, con il concorso di pochissimi mezzi europei, ormai ridotti al minimo per l'impasse dell'operazione EUNAVFOR MED e per il sostanziale blocco di FRONTEX TRITON,  continuano i salvataggi di migranti nelle acque a nord della Libia. Da una parte si progettano arresti e deportazioni, dall'altra si salvano vite umane.

http://www.repubblica.it/esteri/2015/12/14

http://www.statewatch.org/news/2015/dec/eu-com-italy-hotspot-rep-com-679-15.pdf

https://twitter.com/guardiacostiera/status/676781269066358784

Ma per quelli che vengono salvati la vita sarà sempre più dura e il loro destino sarà soltanto nelle mani di agenti di polizia senza nessuna di quelle garanzie che accordano loro la Convenzione di Ginevra e la Carta dei diritti dell'Unione Europea.. In discussione domani, nei piani del Consiglio Europeo, a Bruxelles

http://www.statewatch.org/news/2015/dec/eu-med-crisis-dec-15-package.htm
  • The right to intervene: Member States can request joint operations and rapid border interventions, and deployment of the European Border and Coast Guard Teams to support these.Where deficiencies persist or where a Member State is under significant migratory pressure putting in peril the Schengen areaand national action is not forthcoming or not enough, the Commission will be able to adopt an implementing decision determining that the situation at a particular section of the external borders requires urgent action at European level.This will allow the Agency to step in and deploy European Border and Coast Guard Teams to ensure that action is taken on the ground even when a Member State is unable or unwilling to take the necessary measures.
  • Coast Guard surveillance: National coastguards will be part of the European Border and Coast Guard to the extent that they carry out border control tasks. The mandates of the European Fisheries Control Agency and the European Maritime Safety Agency will be aligned to the new European Border and Coast Guard. The three Agencies will be able to launch joint surveillance operations, for instance by jointly operating Remotely Piloted Aircraft Systems (drones) in the Mediterranean Sea.
  • A mandate to work in third countries: The Agency will have a new mandate to send liaison officers to and launch joint operations with neighbouring third countries, including operating on their territory.
  • A stronger role in returns: A European Return Office will be established within the Agency to allow for the deployment of European Return Intervention Teams composed of escorts, monitors and return specialists who will work to effectively return illegally staying third country nationals. A standard European travel document for return will ensure a wider acceptance of returnees by third countries.
  • Guaranteeing Internal Security: The Agency will include cross-border crime and terrorism in its risk analysisand cooperate with other Union agencies and international organisations on the prevention of terrorism, in full respect of fundamental rights.

http://europa.eu/rapid/press-release_IP-15-6327_en.htm

http://www.fanpage.it/l-europa-ci-multa-e-vuole-che-usiamo-la-forza-coi-migranti/

http://www.cronachediordinariorazzismo.org/identificazioni-forzate-e-detenzione-le-raccomandazioni-europee-allitalia/

    Interrogazione parlamentare del Senatore Luigi Manconi sugli Hot Spots in Italia... nuovi/vecchi centri di detenzione amministrativa fuori dalla legalita' costituzionale.

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=952797

http://www.cronachediordinariorazzismo.org/con-la-forza-cambia-tutto/


ANCORA SULLA IDENTIFICAZIONE DEI MIGRANTI DA PARTE DELLE FORZE DI POLIZIA.

http://m.espresso.repubblica.it/attualita/2015/12/15/news/i-nuovi-hotspot-europei-come-i-vecchi-cie-italiani-1.243462?refresh_ce

 I CENTRI DI PRIMA ACCOGLIENZA NON SONO ZONE ROSSE DOVE POSSONO ESSERE SOSPESE LE GARANZIE DELLO STATO DI DIRITTO.

http://scuolasuperioreavvocatura.it/wp-content/uploads/2014/11/19.-Identificazione-e-fotosegnalamento.pdf

http://www.asgi.it/wp-content/uploads/2014/12/IDENTIFICAZIONE.-OBBLIGHI-E-FACOLTA.pdf

http://www.asgi.it/allontamento-espulsione/oxfam-asgi-a-buon-diritto-hotspots-gravi-violazioni-diritti-migranti/

Un'esperimento già fallito lo scorso anno dopo proteste ed interrogazioni parlamentarli, anche a Bruxelles.

http://dirittiefrontiere.blogspot.it/2014/10/il-ministero-dellinterno-non-risponde.html

http://dirittiefrontiere.blogspot.it/2014/10/litalia-dovra-rendere-conto-delle.html?spref=fb

Falliscono intanto i piani di "contenimento" dei migranti che arrivano in Italia, minori non accompagnati allo sbando, altri migranti trattenuti per giorni in attesa che accettino il prelievo delle impronte, oppure respinti con provvedimenti dei questori, e quindi, internati nei pochi centri ancora aperti, a disposizioni delle visite e dei riconoscimenti dei consoli, oppure abbandonati per strada "seven days", con un foglietto in mano che gli intima di lasciare entro sette giorni il territorio nazionale attraverso la frontiera di Fiumicino aeroporto. Senza mezzi e senza documenti. Impossibile. Clandestini per legge. Anche se di loro rimane un nome e delle impronte in un archivio. Di questo dovremmo avere tutti davvero paura. L'accoglienza negata potrebbe generare mostri.

http://www.a-dif.org/2015/12/16/il-fallimento-della-road-map-italiana/

Il fallimento annunciato delle operazioni di rilocazione dall'Italia verso altri paesi europei. Sceneggiata all'italiana, truffa europea.

https://www.youtube.com/watch?v=KAZiJYPuV1U

Ed ognuno contribuisce come può. Gli organismi ufficiali e le organizzazioni umanitarie.Non sempre dalla stessa parte però. Solo i canali umanitari possono garantire certezza nelle identificazioni e vera sicurezza, il resto è solo propaganda politica o complicità manifesta.

http://www.a-dif.org/2015/12/16/lettera-aperta-ad-acnur/

http://www.vita.it/it/article/2015/12/16/sant-egidio-e-le-chiese-evangeliche-aprono-il-corridoio-umanitario/137729/

http://www.huffingtonpost.it/marco-impagliazzo/i-primi-mille-migranti-salvati-dallitalia-grazie-ai-corridoi-umanitari_b_8816784.html?utm_hp_ref=italy

Le condanne dell'Italia da parte della Corte Europea dei diritti dell'Uomo evidentemente non sono ancora bastate, ed i governi le ignorano.

https://www.youtube.com/watch?v=JN-twLqeBUA


0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro