Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

sabato 9 gennaio 2016

FRONTEX smentisce la schedatura dei volontari che salvano vite a Lesvos, ma le identificazioni continuano. Quali sono i poteri dell'Agenzia nei territori degli stati membri ? Dal diritto di polizia verso il reato di solidarietà ?


Ieri si era diffusa la notizia che i volontari di diverse nazionalità presenti nell'isola di Lesvos ed in altre isole greche dell'Egeo, per prestare soccorso ai profughi che vi arrivano dalla Turchia, sarebbero stati sottoposti a controlli di identità, al fine di mantenere l'ordine nell'isola. Da mesi Lesvos e le altre isole greche dell'Egeo davanti alla costa turca sono meta di operatori umanitari che da diversi paesi del mondo cercano di portare aiuto ai migranti in fuga, in prevalenza famiglie siriane con bambini anche molto piccoli. Tutti ricordano le stragi che si verificano continuamente, ma ormai non si commuove più nessuno.

http://europe.newsweek.com/bodies-dozens-refugees-and-migrants-wash-turkish-coast-411777

 E nessuno interviene seriamente per azioni di salvataggio, garantendo almeno corridoi umanitari tra la Turchia e la Grecia.

Greek police, Frontex to begin ID checks of NGOs, vols on Aegean islands

http://www.amna.gr/english/article/12443/

http://www.repubblica.it/solidarieta/immigrazione/2016/01/05/news/lesbos-130676413/

http://www.aventurasintimas.com/en/all-the-terrorists-ive-helped-update-from-lesvos-greece/

http://www.europeact.eu/

http://apokoronasnews.gr/the-danish-refugee-council-is-going-to-manage-registration-centre-at-lesbos/

https://www.facebook.com/InternationalRescueCommittee/?pnref=story

https://www.facebook.com/lighthouserelief/?pnref=story

Questi gli articoli dei giornali che parlavano delle operazioni di identificazione dei volontari a Lesvos

http://www.amna.gr/english/article/12443/Greek-police--Frontex-to-begin-ID-checks-of-NGOs--vols-on-Aegean-islands

http://www.ekathimerini.com/204883/article/ekathimerini/news/greek-police-frontex-to-check-volunteers-on-islands-receiving-migrants

http://www.sigmalive.com/en/news/greece/139729/greek-police-to-do-id-checks-on-volunteers-helping-refugees

http://www.balkaneu.com/accredited-organizations-reliable-volunteers-refugee-islands/

https://twitter.com/Faloulah/status/685533657906458624?lang=it

Oggi arriva tramite Twitter la smentita dell'Agenzia che nega di avere svolto attività sistematica di identificazione dei volontari presenti a Lesvos. E si dà notizia di operazioni di salvataggio nelle quali sarebbero intervenute unità dell'operazione FRONTEX - POSEIDON. Di certo dal 28 dicembre la missione Poseidon si caratterizza per l'intervento "rapido", per salvare i migranti o per identificare chi li soccorre?

http://frontex.europa.eu/news/frontex-and-greece-agree-on-operational-plan-for-poseidon-rapid-intervention-yiSxga

https://twitter.com/Frontex/status/681784873460305921

 In realtà le notizie di stampa del giorno precedente riferivano che le attività di identificazione dei volontari accorsi a Lesvos, confermate da diversi testimoni erano svolte da agenti della polizia greca in collaborazione con gli agenti di FRONTEX presenti a Lesvos, dove secondo i documenti ufficiali dell'Unione Europea sarebbero stati dislocati ben 131 "Officers" per svolgere attività di "Debriefing", evidentemente in collaborazione con la polizia greca, di registrazione e di prelievo delle impronte digitali, oltre che di mera sorveglianza della "frontiera" ( Border Surveillance) e di controllo dei documenti.

http://www.cep.eu/en/cep-news-arhive/article/frontex-head-border-management-will-not-make-much-of-a-difference.html

http://frontex.europa.eu/news/frontex-launches-rapid-operational-assistance-in-greece-u3rqPy

http://frontex.europa.eu/assets/Publications/General/MB_Decision_40_2015_adopting_the_recommendations_of_the_Management_Board_following_the_evaluation_of_Frontex_Article_33.pdf

Le attività di identificazione a Lesvos, sede di due Hotspot, almeno sulla carta, dovrebbero svolgersi nei confronti di tutti i migranti che vi transitano, nel pieno rispetto dei diritti fondamentali, e dunque sena usare violenza o altre forme di coercizione fisica o di limitazione della libertà personale.

"Authorities on the island are waiting for the delivery of 12 more digital fingerprint scanners that are compatible with the European Union’s Eurodac system, which archives refugees’ fingerprints".

http://www.ekathimerini.com/202726/article/ekathimerini/news/lesvos-feeling-refugee-strain-again

Quali basi legali per le operazioni di prelievo forzato delle impronte digitali dopo lo sbarco ? Cosa è cambiato davvero in questi ultimi due anni ?

http://frontex.europa.eu/assets/Partners/Consultative_Forum_files/CF_work_programme_2016.pdf

http://frontex.europa.eu/assets/About_Frontex/Governance_documents/Sea_Surveillance/Sea_Surveillance_report_2014.pdf

http://www.statewatch.org/news/2014/apr/ep-green-keler-mep-frontex-operations-at-sea.pdf

http://www.statewatch.org/news/2015/jul/eu-jha-council-a-points-agenda.pdf

http://fra.europa.eu/en/publication/2015/fundamental-rights-implications-obligation-provide-fingerprints-eurodac

http://www.liberties.eu/en/news/frontex-ten-risks-belgium

A Lesvos, dove si danno per esistenti ben due HOTSPOT ( a Moria ed a Kara Tepe ) ancora in costruzione, ci sarebbero anche 6 membri dello staff di EASO, l'agenzia europea per il supporto agli stati membri in difficoltà con un numero elevato di richieste di asilo. Questi i dati ufficiali che non potrà contestare nessuno.

http://ec.europa.eu/news/2015/docs/hotspots_state_of_play_12_11_2015.pdf

A dicembre 2015 sono scattati i maggiori poteri di polizia conferiti all'Agenzia Frontex per "difendere" i confini europei, aumentare il numero di identificazioni, e aumentare le operazioni di rimpatrio.

http://www.repubblica.it/esteri/2015/10/09/news/_piu_poteri_a_frontex_e_polizia_ue_ai_confini_-124661657/

http://www.internazionale.it/notizie/2015/12/11/polizia-frontiera-europa

http://it.euronews.com/2015/12/11/piu-poteri-a-frontex-il-corpo-di-fontiera-europea-potra-essere-imposto-ad-uno/

"Rather than investing millions more in fences, patrols, and an EU Border Guard, we need the courage to accept that the policies of exclusion have failed."

https://www.opendemocracy.net/5050/nina-perkowski/more-frontex-is-not-answer-to-refugee-crisis

 A questo punto sarebbe interessante sapere quante sono le unità di polizia greca impegnate nella stessa isola, e soprattutto quanti agenti sono destinati al salvataggio delle persone ed alle vittime dei numerosi naufragi, piuttosto che alla schedatura di profughi e volontari.

Il cd. Delitto di solidarietà è stato sconfitto in Francia, sarà lo stesso negli altri paesi europei, in Grecia ed in Italia, la solidarietà non è reato, è scritto anche nell'art. 12 del T.U. 286 del 1998 in materia di immigrazione.

Articolo 12 (1)
Disposizioni contro le immigrazioni clandestine.
(Legge 6 marzo 1998, n. 40, art. 10)

1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, in violazione delle disposizioni del presente testo unico, promuove, dirige, organizza, finanzia o effettua il trasporto di stranieri nel territorio dello Stato ovvero compie altri atti diretti a procurarne illegalmente l’ingresso nel territorio dello Stato, ovvero di altro Stato del quale la persona non è cittadina o non ha titolo di residenza permanente, è punito con la reclusione da uno a cinque anni e con la multa di 15.000 euro per ogni persona. (2)
2. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 54 del codice penale, non costituiscono reato le attività di soccorso e assistenza umanitaria prestate in Italia nei confronti degli stranieri in condizioni di bisogno comunque presenti nel territorio dello Stato.

Se qualcuno pensa di potere sperimentare a Lesvos una nuova forma di reato di solidarietà, o cerca di intimidire i volontari che da diverse parti del mondo sono arrivati per portare aiuto ai migranti in fuga dalle coste turche, ha davvero sbagliato tempo e luogo.

http://www.bbc.com/news/world-europe-34983426

https://fr.m.wikipedia.org/wiki/D%C3%A9p%C3%A9nalisation_de_l%27aide_%C3%A0_l%27entr%C3%A9e_et_au_s%C3%A9jour_irr%C3%A9guliers_des_%C3%A9trangers_en_France

Restiamo sempre in attesa di conoscere quali sono le basi legali degli Hotspots, delle procedure di prelievo forzato delle impronte e della distinzione tra "migranti economici"i e richiedenti asilo, che segnano la fine del diritto di asilo europeo, e della stessa idea di Europa, meglio di Unione Europea, come uno spazio di riconoscimento dei diritti fondamentali della persona, a partire proprio dal diritto alla protezione internazionale.Ma si sarebbero fatti progressi...

http://ec.europa.eu/italy/news/2015/20151216_agenda_migrazione_progressi_it.htm

Fine del diritto di asilo europeo che segue agli accordi tra l'Unione e la Turchia per bloccare i migranti prima che possano depositare una richiesta di protezione in un paese dell'area Schengen. E le rilocazioni dall'Italia e dalla Grecia continuano ad essere bloccate.

http://www.eunews.it/2016/01/06/relocation-trasferimenti-italia-grecia-inesistenti/47569

http://www.dinamopress.it/news/laccordo-con-la-turchia-e-una-vergogna-targata-ue#.VmCTiPsqjHc.facebook

http://www.ekathimerini.com/204850/article/ekathimerini/news/eu-unhappy-with-turkish-efforts-so-far-to-curb-migrant-inflow

Uno squallido scarico di responsabilità, mentre i migranti continuano a morire. 

Turkey blames Greece for death of 31 migrants on Aegean

http://www.hurriyetdailynews.com/Default.aspx?pageID=238&nid=93507

http://www.hurriyetdailynews.com/Default.aspx?pageID=238&nid=93507




0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro