Powered by Blogger.

Search

lunedì 1 febbraio 2016

Da Renzi via libera al contributo UE per la Turchia che bloccherà e riammetterà i profughi in fuga. Dietro i finti attacchi a Bruxelles il governo italiano si allinea ai piani europei di guerra contro i migranti.


Non ci crede più nessuno, dopo settimane di proteste contro gli accordi tra l'Unione Europea e la Turchia, il governo italiano si allinea, alla fine era solo una questione di soldi, non era stato mai messo in discussione il regime di Erdogan e non si era spesa una sola parola sulla questione curda e sugli arresti di oppositori e giornalisti, contro i quali si sta scatenando una repressione feroce che dovrebbe allontanare la Turchia dall'Unione Europea. Ma per Renzi ed i leader europei, con la Merkel in testa, questi sono problemi irrilevanti. Quello che importa davvero e rinforzare la politica di collaborazione con il regime turco e di rimpatri verso la Nigeria per bloccare le partenze di chi fugge dalla guerra e dal terrorismo.

http://www.ansa.it/english/news/world/2016/02/01/renzi-says-italy-leads-eu_531bb3a1-4d35-4c68-b6a5-26c85f5a344f.html

The Italian prime minister also recalled the agreement on migration signed between Italy and Nigeria, aimed at the two countries working together to train police forces and to strengthen cooperation between law enforcement agencies

http://www.agi.it/international/2016/02/01/news/well_destroy_terrorism_says_italian_premier_in_nigeria-476381/?

http://www.eurotopics.net/en/152849/should-eu-send-refugees-back-to-turkey

http://www.articolo21.org/2016/02/turchia-le-violazioni-dei-diritti-umani-e-il-silenzio-assordante-delleuropa/

 No non basta proprio ricordare le vite salvate in mare, il cui merito va principalmente alla Marina ed al Corpo della Guardia Costiera, che rispetta scrupolosamente gli obblighi di salvataggio stabiliti dalle Convenzioni internazionali di diritto del mare. No, caro Renzi, salvare vite umane in mare non è una concessione, ma significa soltanto rispetto di un obbligo di salvataggio sancito a livello internazionale.

Renzi: "Abbiamo salvato migliaia di vite mentre l'Europa si girava dall'altra parte" - Una posizione che aveva causato la secca replica del premier italiano. "Noi salviamo vite umane, non ci sono profughi di serie A e serie B", aveva detto dopo aver incalzato Bruxelles e garantito l'appoggio alla Turchia per l'emergenza migranti.  
"A questo punto  - ha detto il premier - noi daremo il nostro contributo alla Turchia per salvare esseri umani. E faremo ogni sforzo per salvare vite umane nel Mediterraneo: abbiamo salvato, e continueremo a farlo, migliaia di vite mentre l'Europa si girava dall'altra parte. Prima del patto di stabilità c'è un patto di umanità", ha spiegato Renzi dalla Nigeria, annunciando il via libera al contributo italiano per la Turchia.

Gli accordi con la Turchia sono contro il rispetto dei diritti umani dei migranti intrappolati in quel paese e contro il rispetto dei diritti umani delle minoranze. Questo Renzi lo dovrebbe ricordare bene.

http://tg24.sky.it/tg24/mondo/2016/02/01/ue-renzi-migranti-turchia.html?ref=virgilio

http://www.lastampa.it/2016/01/28/esteri/ue-piano-per-accogliere-mila-migranti-dalla-turchia-TmQzniWEj2yfx6WQ1KMXQO/pagina.html

Brussels, 29 January 2016. ECRE is concerned about the Dutch government’s proposal to return all those arriving in Greece back to Turkey without access to asylum procedures, in exchange for a large scale resettlement programme. While the concrete modalities remain unclear, a key feature of the plan would reportedly be based on designating Turkey a “safe third country”.
Returning asylum seekers from Greece to Turkey without prior individualised assessment of protection needs violates European and international law, as it essentially amounts to illegal pushbacks, which have been firmly condemned by the European Court of Human Rights. Even if a resettlement or humanitarian admission programme is welcome in principle, this cannot be conditional on preventing people from seeking asylum in Europe.
Moreover, ECRE seriously questions whether Turkey could be indeed designated a “safe third country” for asylum seekers. Under Article 38 of the EU recast Asylum Procedures Directive the safe third country concept may only be applied where a number of safeguards are fulfilled, including respect for the principle of non-refoulement and the possibility to request and receive protection in accordance with the Geneva Refugee Convention. Turkey’s continued application of the geographical limitation to the scope of the Geneva Refugee Convention is problematic in this regard, as it means that only person coming from European countries can be recognised as Convention refugees in Turkey. Though the Law on Foreigners and International Protection provides for a status of “conditional refugee” to those coming from non-European countries, this status only allows a person to temporarily reside in Turkey, while awaiting for resettlement, while access to the labour market is not automatically guaranteed.
A range of sources, including the AIDA report on Turkey, provide evidence to the fact that the current conditions do no ensure guarantees  that the fundamental rights of migrants and refugees are respected in practice in Turkey.
First, while persons fleeing Syria are granted temporary protection status, Syrians have been at risk of refoulement and arbitrary detention without any legal basis. Amnesty International has reported that since September persons attempting to cross the Greek-Turkish land border have been detained, many herd onto buses and transported more than 1,000 kilometres to isolated detention centres where they have been held incommunicado. A Human Rights Watch report highlighted how Syrians are being denied entry to Turkey at the border and being pushed back to Syria.
Temporary protection beneficiaries do not have automatic access to shelter. Few are hosted in camps (“temporary accommodation centres”), while the vast majority currently resides in major cities without support.
Access to the labour market for Syrians was formalised under the recent Decision taken in January 2016, but is yet to be ensured in practical terms. Constrained by language barriers and limited right to work, most asylum seekers and refugees live in precarious conditions, including over 700,000 Syrian refugee children who have no access to school.
Second, asylum seekers from other nationalities face a largely dysfunctional asylum system under Turkey’s international protection procedure. Iraqi nationals in particular face a complex procedural framework, some being registered as “international protection applicants” and others as “humanitarian residence holders”, without being properly informed of the differences between the two options. Despite recent reforms, the Directorate General for Migration Management is still in the early stages of building the necessary capacities to implement the Law on Foreigners and International Protection. Numerous barriers to state-funded legal aid, coupled with resource constraints on NGOs, leave asylum seekers without legal representation and advice.
Finally, in the context of EU-Turkey Action Plan, Turkey and the EU agreed on re-purposing five planned reception centres in Izmir, Kırklareli, Gaziantep, Kayseri and Van to become pre-removal detention centres. Detention capacity is increasing substantially, while reception capacity for applicants – currently at a maximum of 100 places – has not. All this is taking place in an increasingly hostile climate for human rights protection in the country, for foreigners as well as the country’s own citizens.
ECRE welcomes any initiative that aims at creating additional channels for refugees to access protection in the EU in a safe and legal manner as this is much needed as one of the means to reduce the loss of life at the EU’s external borders. However, trading off the creation of a resettlement programme from Turkey against an institutionalised unlawful push back policy is unacceptable and provides no sustainable solution in the long term. Rather EU Member States should invest in comprehensive solutions that effectively address the root causes of the conflict and increase the protection space in the region and in Europe by upholding international and EU standards.


http://ecre.org/component/content/article/70-weekly-bulletin-articles/1364-ecre-strongly-opposes-legitimising-push-backs-by-declaring-turkey-a-safe-third-country.html

Ma in nome degli accordi di riammissione si ignorano persino le stragi di stato, o le stragi di Boko Haram, sulle quali Renzi dalla Nigeria non ha detto niente, mentre continuano i voli di rimpatrio di vittime della tratta dall'aeroporto di Roma Fiumicino verso Lagos,  con il supporto di Frontex, la cifra della disumanità raggiunta dai governi che antepongono il contrasto della cd. immigrazione illegale alla tutela della vita umana e della dignità della persona.

http://ec.europa.eu/dgs/home-affairs/what-we-do/policies/european-agenda-migration/press-material/docs/state_of_play_-_returns_en.pdf

http://jurist.org/paperchase/2016/02/amnesty-condemns-reinstatement-of-nigeria-general-accused-of-war-crimes.php

http://www.eurweb.com/2016/02/report-boko-haram-a-holes-burn-children-alive-86-dead/

http://busyghana.com/some-nigerian-governors-live-like-emperors-obasanjo/

http://gulftoday.ae/portal/8c91ceea-df48-44f0-8538-d9ba44b0cc63.aspx

Ormai tutta l'Africa subshariana è in fiamme, le stragi si susseguono, come del resto in Siria, ed in Afghanistan, ma l'unica preoccupazione dei governi europei è bloccare chi fugge da quelle stragi perché non possa raggiungere l'Europa. Anche a costo di fare accordi con regimi dittatoriali o con governi corrotti.  E per chi arriva sono pronte le deportazioni di massa, nei progetti traghetti e treni piombati, come ai tempi del nazismo.

http://www.ispionline.it/it/pubblicazione/nel-sahel-al-qaeda-riscopre-la-sua-vocazione-glocal-14539

Alla fine sembra che la politica estera la facciano ancora le multinazionali del petrolio. Sono noti i rapporti tra l'ENI e la Nigeria, per lo sfruttamento degli idrocarburi, di questo certamente avrà parlato Renzi a Lagos, dopo che la crisi libica ha messo a rischio i rifornimenti di gas e petrolio che giungevano da quel paese. Oggi i pozzi sono in fiamme, e Daesh è arrivata a controllare alcuni dei più importanti porti. Ma di tutto questo non se ne deve parlare.

http://xblogger.it/renzi-in-nigeria-litalia-ponte-per-lafrica

http://www.huffingtonpost.it/2016/01/31/renzi-africa_n_9126280.html

Di questi bambini, bruciati vivi in un villaggio nigeriano attaccato da Boko Haram non deve avere pietà nessuno in Europa. Dunque non se ne deve parlare.

http://www.worldmag.com/2016/02/children_burned_alive_in_boko_haram_attack

 I media devono sostenere la propaganda elettorale di Renzi, che asseconda tutte le scelte europee, ma sull'immigrazione gioca a fare l'antieuropeista, perchè crede in questo modo di speculare sulla diffusa ondata di sfiducia verso le istituzioni ed i partner europei. Ondata di sfiducia che presto si potrebbe rivolgere anche contro il governo italiano.

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro