Powered by Blogger.

Search

venerdì 5 febbraio 2016

Frontex critica l'Italia perchè salva troppe vite umane. Per questa agenzia meglio collaborare con i paesi che arrestano i migranti o li respingono. Dopo gli hotspot vogliono commissariare la Guardia Costiera italiana.


Frontex critica l'Italia perché salva troppe vite umane. Per questa agenzia meglio collaborare con i paesi che arrestano i migranti o li respingono. Nessun commento. Li contrasteremo ogni giorno finchè ,non se ne ritorneranno a casa. Gli agenti di Frontex, che operano in Italia come autorità di polizia, senza averne il mandato. Imponendo il prelievo delle impronte digitali con il ricorso all'uso della forza. Organizzando voli congiunti di rimpatrio. Continueremo a vigilare sul rispetto da parte dell'Italia degli obblighi di salvataggio sanciti dalle Convenzioni internazionali. E denunceremo tutti i casi di espulsioni o respingimenti collettivi.

"Frontex è preoccupata per i continui interventi 'fuori area' di Triton nel Mediterraneo. Lo scriverebbe, secondo quanto riportato da Adnkronos, il direttore della divisione operativa dell'agenzia Klaus Rosler in una lettera al direttore dell'Immigrazione e della Polizia delle Frontiere del ministero dell'Interno Giovanni Pinto.
Facendo il punto sulla prima fase di attuazione dell'operazione europea Triton, il direttore della divisione operativa di Frontex Rosler - riporta Adnkronos - in una lettera al direttore centrale per l'Immigrazione del Viminale Pinto si è detto preoccupato per i ripetuti interventi 'fuori area' di queste settimane nel Mediterraneo, oltre le 30 miglia marine dalle coste italiane.
Le istruzioni impartite alle navi di portarsi "in zone poste fuori dall'area operativa di Triton" per prestare soccorso a imbarcazioni in difficoltà, si legge in passaggi della lettera riportati dall'agenzia di stampa, "non sono coerenti con il piano operativo e purtroppo non saranno prese in considerazione in futuro".
In particolare Klaus Rosler si riferirebbe a un evento accaduto il 20 novembre scorso, quando il Centro operativo di controllo di Roma, dopo aver ricevuto una telefonata satellitare, ha dato istruzioni a un'unità di Frontex di recarsi sul posto per verificare l'eventuale presenza di imbarcazioni in difficoltà.
In tal senso, scrive Adnkronos, Frontex ritiene che una telefonata satellitare non possa considerarsi di per sé un evento di 'search and rescue' e raccomanda, dunque, che siano intraprese "azioni per investigare e verificare, e solo in seguito, in caso di difficoltà, attivare un altro assetto marittimo". Frontex, inoltre, non considera "necessario e conveniente sotto il profilo dei costi" l'utilizzo di pattugliatori (offshore patrol vessel) "per queste attività di verifica iniziale al di fuori dell'area".
Il Centro operativo di controllo di Roma, scrive ancora Rosler, è invitato "a tenere in considerazione il luogo e la distanza tra i possibili obiettivi e gli assetti di Frontex". A tal proposito, per gli incidenti in prossimità delle coste libiche l'agenzia suggerisce di "coinvolgere i centri operativi di controllo più vicini".
All'Italia viene infine richiesto di utilizzare la lingua inglese per "tutte le comunicazioni in ambito Triton". Il frequente uso della lingua italiana, sottolinea Rosler, "dovrebbe essere evitato", perché "non del tutto in linea con il piano operativo e con le procedure internazionali"

http://www.euractiv.it/it/news/sociale/10459-triton-frontex-a-italia-troppi-interventi-fuori-area.html                                                               
 I vertici di FRONTEX vorrebbero limitare gli interventi della unita' navali a disposizione dell'Agenzia a sole trenta miglia delle isole di Lampedusa e Malta, ritornando al mandato originario del dicembre 2014 quando le navi di FRONTEX erano su entrate all'operazione Mare Nostrum. Poi dopo la strage del 18 aprile 2015 il mandato era stato esteso fino a 130 miglia a Sud di  Lampedusa. Ora vogliono arretrare più a nord le navi e per ottenere questo risultato vorrebbero imporre al Comando centrale della Marina che coordina le attivita' di ricerca e soccorso ( SAR), di intervenire solo con i parametri di intervento molto piu' restrittivi adottati da FRONTEX.

Legal Basis

The European Agency for the Management of Operational Cooperation at the External Borders of the Member States of the European Union was established by Council Regulation (EC) 2007/2004 (26.10.2004, OJ L 349/25.11.2004) having regard to the Treaty establishing the European Community.
This Regulation was later amended by the Regulation (EC) No 863/2007 of the European Parliament and of the Council of 11 July 2007 establishing a mechanism for the creation of Rapid Border Intervention Teams and amending Council Regulation (EC) No 2007/2004 as regards that mechanism and regulating the tasks and powers of guest officers. It was last amended by the Regulation (EU) No 1168/2011 of the European Parliament and of the Council of 25 October 2011 amending Council Regulation (EC) No 2007/2004 establishing a European Agency for the Management of Operational Cooperation at the External Borders of the Member States of the European Union.
In addition, Regulation (EU) No 1052/2013 of 22 October 2013, establishing the European Border Surveillance System (Eurosur), specifies “a common framework for the exchange of information and for the cooperation between Member States and the [Frontex] Agency in order to improve situational awareness and to increase reaction capability at the external borders of the Member States of the Union (‘external borders’) for the purpose of detecting, preventing and combating illegal immigration and cross-border crime and contributing to ensuring the protection and saving the lives of migrants (‘EUROSUR)”.
The seat of the agency is Warsaw, Poland, as decided by 2005/358/EC: Council Decision of 26 April 2005 designating the seat of the European Agency for the Management of Operational Cooperation at the External Borders of the Member States of the European Union.

Ska Keller LIBE Special April 2014 

New rules on Frontex operations at sea

The regulation on Frontex operations at sea sets new rules for intercepting and pushing back migrants at sea as well as for rescuing them. It replaces the current Council decision of 2010, which was struck down by the European Court of Justice because the European Parliament was unlawfully excluded from co-decision-making. The regulation has two major objectives: - better rules on rescuing migrants at sea in the context of Frontex operations - legalising push backs; more particularly the regulation aims at bringing Frontex operations in line with the landmark Hirsi ruling by the European Court on Human Rights which condemned Italy in 2012 for returning boat people collectively to Libya. We Greens had an important impact on improving the regulation - We insisted on binding rules for search and rescue. We also achieved that it is now clearly defined when Frontex and the member states participating in a Frontex operation have to take action to rescue migrants instead of turning a blind eye on them (by including a definition on boats in distress). - We succeeded in improving the safeguards for people in need of protection, for instance by carrying home a broad definition of the principle of non- refoulement, by insisting that access to interpreters, legal advisers and medical staff must be ensured and by narrowing down the possibility not to do an individual assessment of persons on board. - We insisted on deleting the possibility of forcing boat to return on the high sea. The new regulation is much better and provides significantly better safeguards for refugees than the current rules. However, despite our achievements, the regulation falls short of effectively protecting refugees. At the end of the day it legalises push back operations rather than effectively protects people fleeing from persecution. Why is the regulation still not protecting refugees effectively? The regulation allows Frontex to push boats back from the European shores or to conduct or hand over persons on board to third countries. This is illegal. The European Court of Human Rights has defined clear criteria for push backs. They are not fulfilled. Push backs are only in line with international law if those pushed backed or returned are not in need of protection. According to the core principle of international and European refugee protection, the principle of non-refoulement, refugees must not be sent or pushed back to a place where their life would be at risk 2 or where they would be at risk of persecution. The crucial question is therefore: How to identify people in need of protection on a boat? In the Hirsi ruling, the European Court of Human Rights argued that the personal circumstances of each person on board must be assessed; that persons on board must have an opportunity to put arguments against their return; that access to interpreters and to legal advisers must be ensured; and that persons on a boat must have the possibility to effectively oppose their immediate return by access to legal remedies with a suspensive effect. The regulation falls short of fully implementing the Hirsi ruling: - It does not provide for legal remedies with a suspensive effect - Access to interpreters and legal advisers is granted only “if necessary”. In addition, the regulation nowhere stipulates that interpreters or legal advisers must be on board. In the trilogue negotiations it was rather envisaged to call them by radio. - People on board must be informed of the place of disembarkation only “in a way [not in a language!] they understand or may reasonably be presumed to understand” - Border guards are not in any case required to assess the personal circumstances of the persons on board In practice, this leaves Frontex and the Member States participating in a Frontex operation with important loopholes for escaping the principle of non-refoulement. To pick out just on example: When insisting on informing persons on board of the place of disembarkation in a way rather than in a language they understand, the Council indicated that this would allow Member States to point just on a map to show people where they would be disembarked. Fine so far. However, if a common language does not exist, how could refugees then "express any reasons for believing that disembarkation in the proposed place would be in violation of the principle of non-refoulement" in a way Frontex would understand? They could wave or shout. But probably every person on board would wave or shout no matter if he or she is in need of protection or rather looking for a better live in Europe. And how, if everybody waves or shouts, can they make clear that an interpreter would be need in their case? As mentioned above, interpreters will be provided only if necessary, possibly via a radio interpreters help line. Although the regulation clearly is an improvement as compared to the current rule (see below) it still falls short of complying with core European case law on the principle of non-refoulement.
                                                                                                                                                
http://www.google.it/url?sa=t&source=web&cd=4&ved=0ahUKEwjWqMCB-uDKAhXB2SwKHeqzCB8QFgghMAM&url=http%3A%2F%2Fwww.statewatch.org%2Fnews%2F2014%2Fapr%2Fep-green-keler-mep-frontex-operations-at-sea.pdf&usg=AFQjCNGNPaTYJipDzB9e3brPnzutQmNeFg&sig2=VxHoUcGj7O9vblX3RHGhoQ   

Perchè FRONTEX non chiarisce i rapporti con l'operazione europea EUNAVFOR MED, che sembrerebbe ancora attiva ? E che interviene nei salvataggi sotto il coordinamento della Guardia Costiera italiana .

http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2016/01/31/salvati-385-migranti-da-guardia-costiera_8c8fe1ea-a025-4f0e-89d3-f392bcb3de28.html

Qualcuno ha dimenticato troppo presto la dura condanna subita dall'Italia per i respingimenti in Libia voluti da Maroni nel 2009. Con il plauso di Frontex.
                                                                                                                                                     
http://personaedanno.it/ingresso-soggiorno/prima-e-dopo-la-sentenza-sul-caso-hirsi-co-ancora-respingimenti-collettivi-fulvio-vassallo-paleologo

Frontex non fa solo interventi in mare. Grave il coinvolgimento dell'Agenzia nel trattenimento prolungato nell'Hot spot di Lampedusa.                                                                                                    Il punto di vista dell' avv.Alessandra Ballerini dopo una recentissima visita a Lampedusa

" a Lampedusa non ci deve essere un Hot spot, non solo perchè incostituzionale per sua natura, ma perchè l’Isola e gli isolani per conformazione e indole sono adatti, anzi campioni, “solo” nel primo soccorso e nell’accoglienza, ma certamente non nella detenzione, specie se ingiusta e sine die".

http://www.a-dif.org/2016/02/01/a-lampedusa-lhot-spot-non-ci-puo-essere/

Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema di accoglienza e di identificazione, nonché sulle condizioni di trattenimento dei migranti nei centri di accoglienza, nei centri di accoglienza per richiedenti asilo e nei centri di identificazione ed espulsione

Resoconto stenografico



Seduta n. 36 di Mercoledì 13 gennaio 2016

  PRESIDENTE. L'ordine del giorno reca l'audizione di Miguel Angelo Nunes Nicolau, Coordinating Officer di Frontex, Pag. 3che ringrazio per la sua disponibilità. Rivolgo anche un sentito ringraziamento per la partecipazione ai nostri lavori al direttore, Emilio Dalmonte, e ai membri della rappresentanza in Italia della Commissione europea, Marc Arno Hartwig e Francesca Cerri.
  Ricordo ai colleghi che l'Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell'Unione europea Frontex ha specifiche competenze in materia di gestione delle frontiere esterne in cooperazione con le istituzioni nazionali. L'audizione di rappresentanti di tale organismo costituisce dunque l'occasione per acquisire un prezioso contributo sul tema della identificazione dei migranti e delle misure di origine comunitaria di gestione delle frontiere esterne.
  Si tratta di un tema assai significativo nell'ambito della materia su cui verte la nostra inchiesta, nonché di un aspetto che è oggetto di costante confronto tra le istituzioni comunitarie e gli Stati membri, non privo di frizioni e spunti polemici.
  È a tutti noto che nel mese di dicembre è stata aperta una procedura di infrazione nei confronti dell'Italia per la mancata applicazione della normativa europea. Questa iniziativa delle istituzioni europee si ricollega alla censura mossa all'Italia in merito ad una supposta insufficienza nell'azione di identificazione di coloro che sbarcano sulle nostre coste.
  Ne conseguirebbe una lesione del principio secondo cui la competenza per l'esame della domanda di asilo si radica nello Stato di primo approdo. Anche su questo principio del Regolamento di Dublino e sulle prospettive di riforma saremmo interessati a conoscere la sua opinione.
  Tengo in ogni caso ad evidenziare che, in considerazione delle alte percentuali dell'ultimo trimestre nel 2015, a fronte Pag. 4di 153.842 arrivi in Italia, sono stati fotosegnalati complessivamente 128.796 stranieri, 57.780 per ingresso illegale e 71.016 per richiesta d'asilo, dunque oltre l'80 per cento.
  In concomitanza con l'apertura della procedura di infrazione risulta vi sia stata un'informale ma significativa pressione da parte delle autorità europee sul Governo italiano, affinché il nostro Paese chieda un sempre maggiore impegno di Frontex nell'affiancare le forze di polizia interne nelle attività di identificazione dei migranti. Le chiedo di soffermarsi nel corso del suo intervento su questo aspetto, nonché su quello concernente il controllo delle frontiere terrestri, in particolare con riferimento alla rotta balcanica, atteso che appare esservi un incremento esponenziale degli ingressi per via terra nell'area Schengen.
  Siamo infine interessati ad acquisire informazioni, per i suoi punti di interferenza con il sistema nazionale di accoglienza che la Commissione ha il compito di indagare, sul progetto di riforma volto a caratterizzare sempre più questa struttura europea come guardia europea di frontiera terrestre e marittima, a supporto delle autorità nazionali quando non fossero in grado di assicurare una piena applicazione dei trattati in materia d'ingresso sul suolo europeo. È un progetto ambizioso, anche se non si può nascondere che ha generato più di qualche perplessità in alcuni Stati europei.
  Nel ringraziare nuovamente l'audito per la sua disponibilità, gli cedo la parola.

SEGUE, AL LINK

http://www.camera.it/leg17/1058?idLegislatura=

Per altri approfondimenti, per comprendere come vanno le prassi agli sbarchi e quale diventa il ruolo di Frontex

http://dirittiefrontiere.blogspot.it/2016/01/a-trapani-vengono-sbarcati-723-migranti.html

E intanto il governo italiano continua ad eseguire respingimenti collettivi verso l'Egitto e si prepara ad eseguire verso il Gambia gli stessi respingimenti collettivi vietati dalle Convenzioni internazionali.

http://www.ibtimes.com/illegal-immigration-cairo-deports-36-sudanese-migrants-attempting-reach-italy-2014025

http://english.ahram.org.eg/NewsContent/1/64/144449/Egypt/Politics-/Italy-deports--Egyptians-for-illegal-immigration-.aspx

http://www.globaldetentionproject.org/countries/africa/egypt

http://www.thedailybeast.com/articles/2015/08/14/italy-can-t-deport-refugees-fast-enough.html

http://www.asktheeu.org/de/request/coordination_with_egypt_on_migra

Dopo l'Egitto, anche il Gambia sarà ritenuto un paese terzo sicuro?

http://www.statewatch.org/news/2015/dec/eu-com-sop-italy-annex-3-com-510-15.pdf




0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro