Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

venerdì 25 marzo 2016

L'Egitto di Al Sisi spaccia ancora false verità sulla uccisione di Giulio Regeni ma la Procura egiziana smentisce. Poi ancora la conferma del governo. Hanno sepolto i corpi e la verita'. Continuano le violazioni dei diritti umani ma non si può compromettere il rapporto con un alleato così potente. Il fine però non giustifica i mezzi.




Al Sisi ha scelto proprio il momento giusto per diffondere l'ennesima falsa verità sul sequestro e sull'uccisione di Giulio Regeni.
                                                                                              http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/03/25/regeni-ultima-versione-del-cairo-ucciso-da-una-banda-di-rapitori-specializzati-in-rapine-e-sequestri-di-stranieri/2580661/                                                                                                     
Quando un titolo fa la notizia. Poi i titoli si fanno più dubbiosi, si cita solo la  fonte egiziana e si riportano i dubbi della magistratura italiana.                                                                                                      
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2016/03/24/regeni-media-banda-implicata-in-omicidio_ad2beddb-d5f0-45a9-bbd3-b77b2664092f.html 

http://www.repubblica.it/esteri/2016/03/24/news/egitto_5_uccisi_polizia_legati_a_omicidio_regeni-136219764/?ref=HREA-1

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2016/03/24/regeni-media-banda-implicata-in-omicidio_ad2beddb-d5f0-45a9-bbd3-b77b2664092f.html

Al Sisi annuncia la sua verita' all'indomani degli attacchi terroristici di Bruxelles e mentre in Libia l'Egitto si rivela sempre più come l'ago della bilancia, grazie al governo di Tobruk ed al generale Haftar ormai alle dipendenze dei generali egiziani.

http://thecairopost.youm7.com/news/200787/news/sisi-meets-with-cen-sad-defense-ministers

http://www.sigmalive.com/en/news/politics/143201/defence-minister-calls-for-quotcooperationquot-to-fight-terrorism

Zeid urges Egypt to halt repression of NGOs
http://english.ahram.org.eg/NewsContent/1/64/195764/-.aspx

 Insomma Al Sisi, baluardo contro il terrorismo internazionale, arbitro della crisi libica, si può permettere di somministrare agli italiani ed al mondo la "sua" verità sulla fine di Giulio, che sarebbe stato vittima di criminali comuni camuffati da poliziotti, dediti al sequestro di cittadini occidentali. I corpi dei sei "criminali" sarebbero stati sepolti dopo l'autopsia condotta dalle autorita' egiziane. Il fatto che i documenti di Giulio siano stati esibiti adesso dalla polizia egiziana potrebbe semmai costituire una prova che sono stati in possesso della stessa polizia sin del momento del sequestro. E' stato fatto il riscontro del DNA sul corpo dei presunti autori del sequestro ed e' stato messo a disposizione della magistratura italiana per ulteriori riscontri? I morti non potranno mai smentire quanto afferma il governo egiziano. Gli hanno chiuso la bocca per sempre. Con le pallottole.

Se la tesi del governo egiziano non fosse verificata, Al Sisi dovra' spiegare al mondo, ma soprattutto alla famiglia di Giulio, come e quando la sua polizia e' entrata in possesso dei documenti, unico dato certo fino ad ora. Dopo la parziale smentita della magistratura egiziana e' arrivata ancora l'ennesima conferma di Al SISI ma i media cominciano a formulare dubbi sempre piu' forti. Anche Enrico Letta in un tweet si dichiara scettico sulla versione dei fatti fornita dal ministero dell'interno egiziano che ha ordinato la sepoltura dei corpi a tempo di record. HANNO SEPOLTO I  CORPI E LA VERITA'.

http://www.ansa.it/english/news/2016/03/24/killed-egyptian-band-perhaps-linked-to-regeni-murder-media_731b2411-4e54-4f59-924a-5d22fd0aa892.html

http://m.repubblica.it/mobile/r/sezioni/esteri/2016/03/24/news/egitto_5_uccisi_polizia_legati_a_omicidio_regeni-136219764/?ref=m|home|apertura|pos_1

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Caso-Regeni-media-Uccisi-cinque-componenti-di-una-banda-che-sequestrava-stranieri-1a22846a-a1d6-405a-90eb-55397c450fb6.html

Le falsità diffuse dal governo egiziano ricevono una smentita immediata, da parte della Procura egiziana che nega i legami tra l'uccisione dei sei banditi che si travestivano da poliziotti ed il sequestro di Giulio Regeni. Poco dopo la stessa Procura egiziana conferma la tesi imposta da Al Sisi. E si aggiungono dettagli che tendono a screditare la figura di Giulio. L'onda mediatica è già partita e dalla confusione che si sta ingenerando non sarà facile tirare fuori responsabilità precise. 

Security sources fatally shot an unspecified number of people in New Cairo Thursday morning who were suspected of gang activity, impersonating police officers, theft and kidnapping foreigners, said a statement posted on the Interior Ministry’s Facebook page.
The suspects were killed in a shootout with the police, the statement said. It further asserted that the ministry abided by legal procedures in the incident and had informed the public prosecution. No further details were provided.
After local media published a slew of articles linking the suspects to the recent abduction and murder of Italian PhD student Giulio Regeni, the public prosecution denied any correlation, reported the privately owned Al-Shorouk newspaper. The prosecution stated that an Italian citizen had accused the suspects of making threats and stealing US$10,000.
A team from the public prosecution reportedly supervised the autopsy of the bodies after the incident and then ordered them buried. Detectives are also reportedly concluding investigations into the incident. 
The prosecution was responding to articles such as one published in the privately owned newspaper Al-Tahrir, in which an unidentified security source claimed that police killed five people suspected of gang activity targeting foreigners and of involvement in Regeni’s death.

http://www.madamasr.com/news/update-public-prosecution-denies-link-between-slain-gang-members-regeni-murder

Tutti i giornali riferiscono di queste menzogne diffuse ad arte per infangare e per confondere, di fatto per creare una tale cortina di nebbia da fare scomparire le responsabilità di chi ha ordinato e di chi ha eseguito la brutale esecuzione di Giulio. Continuano intanto le violazioni dei più elementari diritti umani, che l'Unione Europea non vede, e che qualcuno in Italia preferisce nascondere per non compromettere lucrose commesse e forniture di gas.

https://www.middleeastmonitor.com/news/africa/24659-washington-accuses-egypt-of-scaring-politicians-rights-activist

http://www.enr.com/articles/39126-french-italian-lenders-back-egyptian-14b-refinery-plant

In Egitto le violazioni dei diritti umani son o sempre più gravi e si rivolgono anche contro medici, avvocati, giornalisti, organizzazioni non governative.

http://mobile.nytimes.com/2016/03/25/world/middleeast/egypt-continues-crackdown-on-groups-documenting-government-abuse.html?referer=http%3A%2F%2Fwww.newsnow.co.uk%2Fh%2FWorld+News%2FAfrica%2FEgypt

UN rights chief urges Egypt to halt 'clampdown' on civil society groups

http://www.un.org/apps/news/story.asp?NewsID=53535#.VvSCbXo4zm5

Zeid urges Egypt to halt repression of NGOs
Zeid urges Egypt to halt repression of NGOs
http://www.ohchr.org/EN/NewsEvents/Pages/DisplayNews.aspx?NewsID=18521&LangID=E

http://af.reuters.com/article/egyptNews/

http://www.madamasr.com/news/foreign-ministry-fires-back-international-condemnation-reopened-ngo-case

Resta solo da sperare che il governo italiano e la magistratura romana titolare dell'indagine non abbocchino a questo ennesimo tranello e si continuino a battere per l'accertamento della verità.
Di certo i cittadini solidali e le associazioni, che hanno condiviso l'impegno per fare chiarezza sulla terribile uccisione di Giulio, non resteranno in silenzio neppure un giorno fino a quando le responsabilità militari e politiche non siano chiarite.

http://www.amnesty.it/Egitto-Giulio-Regeni-dichiarazione

http://m.repubblica.it/mobile/r/sezioni/esteri/2016/03/25/news/regeni_oltraggio_alla_verita_e_alla_memoria-136264401/?ref=HREA-1

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/regeni-condanna-parlamento-europeo-Strasburgo-Egitto-dica-verita-a-Italia-giulio-regeni-collabori-ricercatore-ucciso-cairo-b9f671db-7ef6-4b27-a5b7-eb5878c9c27e.html

Riteniamo opportuno che si apra una inchiesta internazionale e che i responsabili dei servizi di sicurezza, egiziani ed italiani, presenti al Cairo al momento del sequestro di Giulio, siano chiamati a deporre senza che sugli atti relativi sia apposto il segreto di stato, come è successo in passato in inchieste su casi altrettanto gravi.

http://www.lastampa.it/2014/03/20/italia/cronache/ilaria-alpi-il-governo-avvia-la-desecretazione-dei-documenti-ETaATn3Qf0oWSHYalq1gDL/pagina.html

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro