Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

venerdì 11 marzo 2016

Minori stranieri "dispersi" tra ritardi burocratici e dinieghi delle Commissioni territoriali. Le vere ragioni di "scomparizioni" che si potrebbero evitare. La fabbrica della clandestinità di stato. La speculazione sui profughi approfitta dei tempi delle burocrazie e della inaccessibilità delle strutture.


Da alcuni mesi i mezzi di informazione danno notizia di minori stranieri non accompagnati che poche settimane dopo lo sbarco, o dopo qualche mese, "scompaiono nel nulla", o meglio, si rendono irreperibili, come se sotto questa realtà ci fossero soltanto i soliti trafficanti di terra ( che pure esistono) o addirittura il traffico di organi ( che in Italia non sembra ancora rilevante) se non lo sfruttamento lavorativo e la tratta. Fenomeni che pure sono diffusi con riferimento a precise nazionalità, soprattutto nel caso di minori nigeriane, ma che non possono spiegare da soli un numero tanto elevato di minori stranieri non accompagnati che svaniscono nel nulla.

http://www.internazionale.it/opinione/annalisa-camilli/2016/02/01/minori-scomparsi-2015

http://www.libertaciviliimmigrazione.interno.it/dipim

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2015/09/italia-laffare-dei-minori-stranieri-non.html?m=1

Nessuno spiega che in base al vigente Regolamento Dublino il minore non accompagnato che giunge in Italia impiega un anno, ed anche più, se vuole fare ricongiungimento familiare con i genitori, ma può fare in una settimana il viaggio per raggiungere, irregolarmente beninteso, il paese nel quale questi si trovano e a quel punto può chiedere asilo in qualunque paese europeo si trovi.

http://asiloineuropa.blogspot.it/2013/07/dublin-guide-il-regolamento-dublino-iii.html

http://www.asgi.it/ultime-notizie/protezione-internazionale-dei-minori-non-accompagnati/

http://www.asgi.it/ultime-notizie/norme-ue-piu-chiare-per-i-minori-non-accompagnati-che-chiedono-protezione-internazionale/

Nessuno scrive delle procedure lente e farraginose, se non arbitrarie, che riguardano i minori stranieri non accompagnati  dopo gli sbarchi, delle metodiche obsolete per l'accertamento dell'età, del mancato rispetto della presunzione di minore età, ed all'opposto, dei molti casi in cui i minori, per diverse ragioni, talora anche perché istruiti dai trafficanti, dichiarano la maggiore età, senza che nessuno riesca ad intervenire.

http://www.questionegiustizia.it/articolo/i-metodi-di-accertamento-dell-eta-cronologica-dei-_05-03-2015.php

http://minoristranierinonaccompagnati.blogspot.it/2016/03/accertamento-delleta-dei-minori-non.html?m=0

Nessuno racconta quello che succede realmente nei centri di accoglienza per minori, al di là del pur evidente degrado delle strutture, che spesso non rispondono ai minimi requisiti richiesti dalla normativa nazionale e regionale. Ed i minori riconosciuti come tali trascorrono mesi senza incontrare nessuno, neppure i tutori nominati sulla carta ma nei fatti all'oscuro della loro sorte.

http://siciliamigranti.blogspot.it/2015/10/agrigento-indagine-su-omnia-academy.html

 Nessuno si indigna per la lunghezza delle procedure per il riconoscimento della protezione umanitaria, e prima ancora per le difficoltà di accesso alla procedura, quando si verificano rifiuti nel prelievo delle impronte digitali, o ritardi nella nomina del tutore. Una situazione ben nota, che da tempo spinge verso la clandestinità.

http://scuolasuperioreavvocatura.it/wp-content/uploads/2014/07/14.-Minori-stranieri-non-accompagnati.pdf

 Il diritto che riguarda i minori e tutti coloro che sono sbarcati e finiscono negli Hotspot è diventato ormai un diritto per "circolare".

http://www.asgi.it/notizia/hotspot-e-ricollocamento-la-road-map-dellitalia/

http://www.stranieriinitalia.it/attualita/attualita/attualita-sp-754/richiedenti-asilo-nuove-norme-su-accoglienza-e-procedure-ecco-cosa-cambia.html

http://www.immigrazione.biz/circolare.php?id=962

http://www.immigrazione.biz/circolare.php?id=957

http://www.meltingpot.org/Circolare-del-ministero-dell-interno-n-1724-del-20-02-2015.html#.VuM0mCn2baE

Le linee guida adottate dal Ministero del lavoro, che dovrebbero valere per l'accoglienza dei minori stranieri non accompagnati.

http://www.lavoro.gov.it/AreaSociale/Immigrazione/minori_stranieri/Documents/linee%20guida_MSNA.pdf

Rimane fondamentale l'obbligo di rendicontazione, anche perchè molte strutture sono in ritardo e non hanno tutte le figure professionali richieste. In altri casi in ritardo sono i Comuni.

Pubblichiamo la circolare n. 8902 del 14 luglio 2015 comprensiva di allegati, inviata alle Prefetture dal Ministero dell’Interno – Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione, riguardante l’erogazione del contributo relativo al II trimestre 2015 e modalità di rendicontazione, a valere sul Fondo nazionale per l’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati. Si invitano, pertanto, i Comuni che nel periodo suddetto abbiano registrato la presenza di minori stranieri non accompagnati sul proprio territorio a darne tempestiva segnalazione alla Prefettura di riferimento, al fine di accedere all’erogazione del contributo previsto. Per semplificare la relativa procedura, si pubblicano  in allegato i modelli da utilizzare per la comunicazione alla Prefettura.

http://www.anci.sicilia.it/2015/07/28/minori-stranieri-non-accompagnati-pubblicata-la-circolare-per-lerogazione-del-contributo-relativo-al-ii-trimestre-2015/

E queste sarebbero le vigenti norme di legge... ma sono disposizioni parziali, e la norma viene conformata nelle prassi applicate, con discrepanze notevoli a seconda del tempo e del momento.

  • Disposizioni di attuazione della direttiva 2013/33 del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 giugno 2013, recante norme relative all'accoglienza dei richiedenti la protezione internazionale

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2015/09/15/15G00158/sg

Oltre, e talora contro la legge, si fa quello che decide il ministero e gli uffici distaccati ( prefetture e questure).  Ma persino le circolari ministeriali rimangono spesso sconosciute ai gestori dei centri di accoglienza, quando non vengono disapplicate dalle forze di polizia. Nei centri di primo soccorso ed accoglienza di Lampedusa e Pozzallo, oggi trasformati in Hotspot, i minori stranieri non accompagnati possono restare trattenuti anche per settimane senza l'adozione  di quei provvedimenti obbligatori  che la legge impone alle pubbliche autorità nei loro confronti, nell'immediatezza dell'ingresso nel territorio nazionale.

http://siciliamigranti.blogspot.it/2016/03/minori-pozzallo-da-settimane-allinterno.html

https://www.senato.it/application/xmanager/projects/leg17/file/repository/commissioni/dirittiumaniXVII/rapporto_cie.pdf

 Si continuano anche a verificare in questo ed in altri centri di prima accoglienza, casi evidenti di promiscuità tra minori non accompagnati ed adulti. In alcune province siciliane comunque si registra un calo, come a Catania, su Agrigento il numero degli arrivi di minori stranieri non accompagnati rimane costante e le strutture ben piene, anche di minori che ricevono un diniego persino sulla richiesta di protezione umanitaria. Ed a Pozzallo (Ragusa) l'emergenza non finisce mai. Del resto con le "relocation" verso altri paesi UE di fatto bloccate, l'interno "approccio Hotspot" sta andando in crisi, ed a pagarne il costo più elevato saranno i soggetti più vulnerabili, come i minori non accompagnati.

http://www.argocatania.org/2016/03/11/sicilia-maggiore-tutela-per-i-minori-stranieri/

http://www.medicisenzafrontiere.it/notizie/comunicato-stampa/pozzallo-msf-annuncia-l%E2%80%99uscita-dal-cpsa

http://www.a-dif.org/2015/12/16/il-fallimento-della-road-map-italiana/

I passaggi burocratici tra la questura, gli uffici dei giudici tutelari, che sembra ignorino anche la posta certificata, e gli enti gestori dei centri di accoglienza, sono di tale lentezza che non permettono una tutela effettiva dei diritti dei minori stranieri non accompagnati. In alcune situazioni di frontiera, come ad Agrigento, due sole assistenti sociali al Comune devono fare fronte a centinaia di tutele,mentre nei centri di prima accoglienza dove si dovrebbe restare solo qualche settimana, si vegeta per mesi. Molti minori compiono i fatidici diciotto anni, e diventano per questo, non appena venga respinta la domanda di asilo, a meno di un tempestivo ricorso, migranti "illegali" e come tali vengono trattati, destinatari di un provvedimento di espulsione, ed anche rinchiusi in un Cie ( come si è verificato tra la questura di Agrigento e il CIE di Caltanissetta).

http://siciliamigranti.blogspot.it/2015/09/laccoglienza-nellagrigentino-la.html

Se il titolare dell'ente gestore non si attiva ( e spesso non si attiva proprio, come si è verificato in diverse province siciliane,) persino la nomina del tutore rimane inefficace per mesi, e tutti attendono solo che il minore compia i fatidici diciotto anni per considerarlo come un migrante irregolare, da espellere o da trattenere in un CIE:

http://www.asgi.it/wp-content/uploads/2015/10/Scheda-recepimento-direttive-asilo_-Bonetti-Morandi-Schiavone.1.10.2015.pdf

Ma l'aspetto più eclatante di queste ultime settimane è costituito dai dinieghi sempre più numerosi che le commissioni territoriali adottano nei confronti dei minori richiedenti asilo, senza neppure concedere la protezione umanitaria, e senza che al minore, ormai prossimo alla maggiore età, sia più possibile la richiesta di un permesso di soggiorno per minore età. Sono dinieghi che trascurano in modo evidente il "superiore interesse del minore" che dovrebbe indirizzare ogni provvedimento amministrativo adottato nei loro confronti. Presso la Commissione territoriale di Agrigento si arriva ad oltre il 90 per cento di dinieghi, tanto per gli adulti che per i minori, soprattutto dopo le circolari ministeriali che hanno facilitato i dinieghi e reso sempre più veloce e superficiale l'esame dei richiedenti asilo.

I richiedenti asilo denegati diventano presto una questione di ordine pubblico. persone da espellere, anche se hanno diritto ad un ricorso effettivo. Ma non tutti riescono ad esercitare in tempo questo diritto, e nel caso dei minori stranieri non accompagnati può succedere che certe volte a mettersi di traverso, o a scomparire, sia proprio il tutore.

http://dirittiefrontiere.blogspot.it/2015/04/le-commissioni-territoriali-alzano.html

http://siciliamigranti.blogspot.it/2015/11/agrigento-espulsi-i-richiedenti-asilo.html

http://www.scrivolibero.it/agrigento-in-prefettura-il-consuntivo-di-fine-anno-delle-attivita-delle-forze-dellordine/

E' una vera e propria fabbrica della clandestinità di stato, situazioni compromesse da valutazioni meramente discrezionali, o da ritardi burocratici, che compromettono definitivamente il futuro di tanti giovani, condannati in molti casi a girovagare nei pressi delle stazioni ed a essere sfruttati, se non sprofondano nei circuiti della devianza. Minori arrivati dallo stesso paese con lo stesso sbarco, dopo essere stati soccorsi in mare, e dopo essere transitati da un paese nel quale hanno sofferto ogni tipo di abuso, la Libia, ricevono provvedimenti differenti ( diniego o accoglimento), a seconda della Commissione territoriale che viene chiamata a decidere sulla loro richiesta di protezione.

http://www.meltingpot.org/Hotspot-e-respingimenti-differiti-il-modello-Lampedusa.html#.VuMdRSn2baE

Il "superiore interesse del minore", richiamato dalle Convenzioni internazionali come criterio guida per ogni provvedimento amministrativo, non può che proiettarsi nei mesi successivi al conseguimento della maggiore età, considerando tra l'altro che le questure italiane, contravvenendo precise indicazioni giurisprudenziali e le norme del diritto privato internazionale, assegnano la maggiore età sulla base della legge nazionale e non della legge del paese di origine. nel caso degli egiziani, ad esempio, tutti coloro che non hanno ancora raggiunto i ventuno anni sono da considerarsi minori. Neppure il parere di Save The Children, solitamente ben ascoltato dal Ministero dell'interno, riesce a modificare le prassi di respingimento e di espulsione dei minori egiziani e delle altre nazioni che elevano ancora a ventuno anni il conseguimento della maggiore età.

http://legale.savethechildren.it/Operatori/Tag/Details/7993ad70-ea36-41ee-9704-b4d4584399d2

Per effetto di questo errato criterio di assegnazione dell'età, e per la scarsa attendibilità dell'accertamento dell'età nei casi in cui si ricorre esclusivamente all'esame radiografico del polso, numerosi minori stranieri che sarebbero inespellibili in base all'art. 19 del T.U. 286 del 1998, vengono rimpatriati, soprattutto in Egitto ed in Nigeria, per effetto degli accordi bilaterali tra questi paesi e l'Italia, accordi che prevedono forme semplificate di identificazione, di fatto con la mera attribuzione della nazionalità da parte di un interprete e poi da un agente consolare.

http://comune-info.net/2015/12/quei-rimpatri-collettivi-di-minori/

Il trattenimento o la prima accoglienza che si protraggono per mesi, senza che vengano nominati  tutori e che vengano avviate le procedure per la richiesta di protezione, oppure per il permesso di soggiorno per minore età determina un limbo di durata indefinita, dal quale sempre più spesso i minori stranieri non accompagnati fuggono. I ritardi burocratici e la gestione della prima accoglienza, con i trasferimenti affidati prevalentemente alle forze di polizia, la mancanza di mediatori culturali e linguistici, la mancanza di informazioni legali imparziali, rendono sempre più difficile la primissima accoglienza e la individuazione dei minori più vulnerabili. Ed anche la seconda accoglienza presenta caratteri assai opachi. Si arriva a casi estremi in cui vengono nominati come tutori, o delegati dei tutori gli stessi gestori dei centri di accoglienza. Uno scandalo che può determinare gravissimi conflitti di interesse.

http://www.ilpaesenuovo.it/2015/05/14/immigrati-prefetto-trovato-attenzione-particolare-nei-confronti-dei-minori-nel-2015-le-richieste-di-asilo-sono-1177/

Oggi è diventato di moda parlare di speculazioni in materia di accoglienza dei migranti. Un argomento che in alcuni libri e nei talk show spesso viene utilizzato per contrastare l'idea stessa di accoglienza. Nessuno rileva che le prime vittime della cattiva accoglienza sono i migranti, specie se soggetti vulnerabili, come i minori stranieri non accompagnati. Per questo molti pamphlet  sui quali si è fatta di recente grande pubblicità sono di stampo discriminatorio e inducono il lettore ad una valutazione negativa degli stessi migranti accolti in strutture indegne. Con la facile accusa di profittare sui profughi si mette in discussione il diritto sacrosanto all'accoglienza.

http://www.retenews24.it/la-gaffe-di-giordano-sulluomo-dei-profughi-aveva-lasciato-ncd-con-la-de-girolamo/

http://www.tgcom24.mediaset.it/cultura/profugopoli-il-vaso-di-pandora-scoperchiato-da-mario-giordano_2163901-201602a.shtml

Le modalità di gestione dei centri di prima accoglienza destinati ai minori complicano ancora la situazione degli "ospiti". Si tratta di centri spesso inaccessibili per le organizzazioni umanitarie non convenzionate e per gli avvocati indipendenti, ma facilmente individuabili per gli emissari delle organizzazioni criminali che, grazie anche alla mancanza di una efficace mediazione linguistico-culturale, riescono a mettersi rapidamente in contatto con i minori ed a determinarne le scelte. Dagli scoop giornalistici alle inchieste condotte dalle associazioni indipendenti e dalle reti di cittadini solidali la distanza è evidente.

http://www.lasciatecientrare.it/j25/italia/news-italia/192-25-febbraio-2016-accogliere-la-vera-emergenza-rapporto-di-monitoraggio-della-campagna-lasciatecientrare-su-accoglienza-detenzione-amministrativa-e-rimpatri-forzati

http://www.cittadinanzattiva.it/files/primo_piano/giustizia/LasciateCIEntrare-rapporto.pdf

Si tratta di situazioni di degrado e di abbandono che non lasciano presagire vie d'uscita. Bisognerebbe ridurre poteri e competenze delle questure e trasferirle agli enti locali, curandosi al contempo di evitare che gli stessi enti locali, quando governati da maggioranze xenofobe, adottino provvedimenti ancora più discriminatori di quelli fin qui adottati dalle autorità di polizia.

Occorre una legge quadro sui minori stranieri non accompagnati, ed all'interno di questa legge una previsione che estenda il riconoscimento della protezione internazionale in tutti i casi nei quali il rimpatrio del minore, appena maggiorenne, sarebbe contrario ad una prospettiva di tutela del superiore interesse del minore, fino a quando questi rimane tale. Altrimenti le fughe di ragazzi sedicenni e diciassettenni proseguiranno con gli sbocchi sempre più degradanti e pericolosi che stiamo verificando oggi.

http://www.camera.it/leg17/126?idDocumento=1658

http://www.fondazionebasso.it/2015/publications/viaggio-nel-mondo-dei-minori-stranieri-non-accompagnati-unanalisi-giuridico-fattuale/

Occorre rendere più agevole il rinnovo del permesso di soggiorno per motivi umanitari ed impedire quelle prassi che si vanno diffondendo in molte questure, che negano il mero rinnovo e richiedono un contratto di lavoro per il rinnovo del permesso di soggiorno, in realtà per la conversione in un altro tipo di permesso di soggiorno. Tutto questo senza chiamare più in causa la Commissione territoriale, che invece rimane l'unica autorità competente a pronunciarsi sul rinnovo del permesso di soggiorno per motivi umanitari, potere che non compete certo agli uffici di questura.

 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 12 gennaio 2015, n. 21 

Regolamento relativo alle procedure per il riconoscimento e la revoca della protezione internazionale a norma dell'articolo 38, comma 1, del decreto legislativo 28 gennaio 2008, n. 25. (15G00029) (GU Serie Generale n.53 del 5-3-2015) 

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2015/03/05/15G00029/sg;jsessionid=bWXvogg2xckZM8Vfxce3og__.ntc-as1-guri2b

Sarebbe anche tempo che le grandi organizzazioni umanitarie che si occupano della difesa dei diritti dei minori stranieri non accompagnati denuncino apertamente le gravi disfunzioni che rilevano nelle loro attività quotidiane, senza limitare il loro ruolo a quello di consulenza degli uffici del ministero dell'interno. Dopo la fine del progetto Praesidium si registra un grave arretramento delle tutele garantite ai minori non accompagnati ed ai minori vittime di tratta giunti nel territorio italiano.

http://www.savethechildren.it/IT/Page/t01/view_html?idp=335

http://terredeshommes.it/comunicati/pozzallo-terre-des-hommes-riprende-le-attivita-di-assistenza-psicologica-e-psicosociale-ai-migranti/

Gli atti della Commissione d'inchiesta sui centri per stranieri nominata dalla Camera dei deputati con tutti i verbali delle audizioni.

http://www.camera.it/leg17/202?idCommissione=69&calendario=false

Le audizioni dei prefetti e dei questori delle province di Ragusa, Agrigento e Trapani, particolarmente interessate dallo sbarco di minori stranieri non accompagnati e dalla loro primissima accoglienza npn dicono quasi nulla di quello che succede ai minori stranieri non accompagnati sbarcati nelle loro province. Certamente anche questi minori transitano negli Hotspot, ma è come se fossero invisibili, e vi possono restare anche per settimane, come succede a Lampedusa. Nella sola provincia di Agrigento vi sono strutture residenziali, oltre 20 centri per minori stranieri non accompagnati. Ma su queste nessuno riferisce.

http://www.camera.it/leg17/1058?idLegislatura=17&tipologia=audiz2&sottotipologia=audizione&anno=2016&mese=01&giorno=26&idCommissione=69&numero=0038&file=indice_stenografico

http://www1.interno.gov.it/mininterno/export/sites/default/it/assets/files/26/censimentostranieri.pdf

I DATI SUI CENTRI DI ACCOGLIENZA, PREVALENTEMENTE PER MINORI, IN PROVINCIA DI AGRIGENTO IN UN CENSIMENTO UFFICIALE DEL MINISTERO DELL'INTERNO AGGIORNATO  A DUE ANNI FA.

AGRIGENTO STRUTTURE RESIDENZIALI 

CASA DI ACCOGLIENZA DIOCESANA MONS. FRANCESCO FASOLA AGRIGENTO (AG) 92100 - VIA ORFANE, N.4 Tel.: 0922080224 - Fax.: 0922080232 Posta elettronica:casadiaccoglienzamonsfasola@libero.it - Numero Posti Letto: 50 Attività svolte: casa di accoglienza gestita dalla Caritas con convenzione con il comune di agrigento assicura 50 posti letto prevalentemente stranieri ma anche bisognosi

COOP PAPA GIOVANNI XXIII AGRIGENTO (AG) 92100 - VIA M. PISCIOTTO C.DA SAN MICHELE Tel.: 0922591197 Numero Posti Letto: 20 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori iscritta all'albo regionale "alloggio minori" legge regione sicilia 22/86 trattasi di n. 2 strutture

COOP SOCIALE CASA AMICA - ONLUS AGRIGENTO (AG) 92100 - VILLAGGIO LA LOGGIA - C/DA GRANGIFONE Tel.: 0922608745 - Fax.: 0922608745 Posta elettronica:info@casaamica.it - Sito WEB:www.casaamica.it Numero Posti Letto: 50 Attività svolte: trattgasi di 5 comuinità che ospita anche minori italiani affidati dall'A.G. Convenzionata con la Regione Sicilia

SAN MARCO ONLUS CAMASTRA (AG) VIA LEOPARDI , N. 7 Tel.: 0922968054 - Fax.: 0922968054 Posta elettronica:comunitasanmarco@virgilio.it - Numero Posti Letto: 8 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori inscritta all'albo Regione Sicilia per la categoria "alloggio Minori"

ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE LONGO CAMMARATA (AG) via porta pia 49 Tel.: 0922904373 - Fax.: 0922904373 Numero Posti Letto: 10 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori iscritta all'albo regionale "alloggio m inori" legge regione sicilia 22/86

COOP JUVENILIA CAMPOBELLO DI LICATA (AG) 92023 - VIA FELLINI 8 Tel.: 09221883558 - Fax.: 0922883558 Posta elettronica:coopsocialijuvenilia@virgilio.it - Numero Posti Letto: 9 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori iscritta all'albo regionale "alloggio m inori" legge regione sicilia 22/86

COOP NADIR CAMPOBELLO DI LICATA (AG) 92023 - VIA CATANIA 22 Tel.: 0922877422 - Fax.: 0922877422 Numero Posti Letto: 10 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori iscritta all'albo regionale "alloggio m inori" legge regione sicilia 22/86

ASSOC ONLUS FALCHI MARINI FAVARA (AG) 92026 - VIA ANCONA 39 Tel.: 092232663 - Fax.: 092232663 Posta elettronica:falchi.marini@libero.it - Numero Posti Letto: 10 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori iscritta all'albo regionale "alloggio m inori" legge regione sicilia 22/86

IL GIARDINO DEL RE JOPPOLO GIANCAXIO (AG) C/DA CURIALE snc Tel.: 0922472140 - Fax.: 0922472140 Posta elettronica:sanitariadelfino@virgilio.it - Numero Posti Letto: 8 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori inscritta all'albo Regione Sicilia per la categoria "alloggio Minori"

COMUNITA' ALLOGGIO PER MINORI "KAROL" LICATA (AG) 92027 - VIA BERSAGLIERE GRECO N. 6 Tel.: 0922801291 - Fax.: 0922801291 Posta elettronica:coop.sociale.karol@alice.it - Numero Posti Letto: 10 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori inscritta all'albo Regione Sicilia per la categoria "alloggio Minori"

COOP "TERESA" L'ELIANTO LICATA (AG) VIA MARESCIALLO MONGIOVI' 5 Tel.: 0922805025 - Fax.: 0922608958 Posta elettronica:coop.sociale.teresa@virgilio.it - Numero Posti Letto: 10 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori iscritta all'albo regionale "alloggio m inori" legge regione sicilia 22/86

3P PDRE PINO PUGLISI LICATA (AG) 92027 - PIAZZA CARDINAL TOMASI 3 Tel.: 0922774149 - Fax.: 0922774149 Posta elettronica:padre.gaspare@virgilio.it - Numero Posti Letto: 10

COOP SOCIALE QUADRIFOGLIO MONTEVAGO (AG) VIA MADONNA DELLE GRAZIE Tel.: 092531618 - Fax.: 092532474 Numero Posti Letto: 10 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori iscritta all'albo regionale "alloggio m inori" legge regione sicilia 22/86

COOP SOCIALE SOLE 4 NARO (AG) 92020 - PIAZZA CAVOUR 36 Tel.: 0922960157 - Fax.: 0922960157 Posta elettronica:casafamigliaalice@virgilio.it - Numero Posti Letto: 10 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori iscritta all'albo regionale "alloggio m inori" legge regione sicilia 22/86

COOP SOCIALE GATTOPARDO - COMUNITA' CUORE PALMA DI MONTECHIARO (AG) 92020 - SS 115 C/DA ORTI , N. 8 Tel.: 0922965493 - Fax.: 0922965493 Posta elettronica:alaimomar@alice.it - Numero Posti Letto: 10 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori inscritta all'albo Regione Sicilia per la categoria "alloggio Minori"

COOP SOCIALE SOLE 1 PALMA DI MONTECHIARO (AG) VIA RAFFAELLO 66 Tel.: 0922960157 - Fax.: 0922960157 Posta elettronica:casafamigliaalice@virgilio.it - Numero Posti Letto: 10 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori iscritta all'albo regionale "alloggio m inori" legge regione sicilia 22/86

COOP SOCIALE SOLE 2 PALMA DI MONTECHIARO (AG) 92020 - VIA M. BUONARROTI 37 Tel.: 0922960157 - Fax.: 0922960157 Posta elettronica:casafamigliaalice@virgilio.it - Numero Posti Letto: 10 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori iscritta all'albo regionale "alloggio m inori" legge regione sicilia 22/86

COOP SOCIALE SOLE 3 PALMA DI MONTECHIARO (AG) 92020 - CONTRADA FUMAROLO Tel.: 0922960157 - Fax.: 0922960157 Posta elettronica:casafamigliaalice@virgilio.it - Numero Posti Letto: 10 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori iscritta all'albo regionale "alloggio m inori" legge regione sicilia 22/86

COOP SOCIALE SAN FRANCESCO RAFFADALI (AG) 92015 - VIA PORTA AGRIGENTO N. 140 Tel.: 0922479915 - Fax.: 0922608958 Numero Posti Letto: 8 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori inscritta all'albo Regione Sicilia per la categoria "alloggio Minori"

COOP SOCIALE QUADRIFOGLIO SANTA MARGHERITA DI BELICE (AG) 92018 - via giuseppe Giusti 84 Tel.: 092531618 - Fax.: 0925324747 Numero Posti Letto: 20 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori iscritta all'albo regionale "alloggio m inori" legge regione sicilia 22/86 trattasi di 2 sttruttuire a S. Margherita Belice

COOP SOCIALE ARCOBALENO SCIACCA (AG) VIA G. VERDI 36 Tel.: 0925905007 - Fax.: 0925905007 Posta elettronica:info@arcobalenosciacca.org - Numero Posti Letto: 40 Attività svolte: trattasi di struttura di accoglienza per minori iscritta all'albo regionale "alloggio minori" legge regione sicilia 22/86 tattasi di 4 strutture

STRUTTURE NON RESIDENZIALI

CENTRO DI SECONDA ACCOGLIENZA "SAN GIUSEPPE MARIA TOMASI" AGRIGENTO (AG) 92100 - - VIA SAN DOMENICO, 3 Tel.: 0922553465










0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro