Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

martedì 29 marzo 2016

"Quello che è successo a Giulio non è un caso isolato". L'Egitto di Al Sisi deve rendere conto delle torture inflitte a un ricercatore indifeso. Verità e giustizia per tutte le vittime di tortura.


Le parole e la dignità della famiglia di Giulio danno una misura nuova alla soglia del dolore che si può provare di fronte alle vittime di tortura. e non solo, ma anche di fronte alle vittime delle frontiere, degli stati e delle polizie che, con il ricorso alla tortura o ad altri trattamenti inumani o degradanti, reprimono in Egitto, e non solo, il dissenso politico e la richiesta di democrazia.

http://www.lastampa.it/2016/03/29/italia/cronache/la-madre-di-regeni-non-era-andato-in-guerra-su5KB3Ggm9ZPqhMm9NuLjP/pagina.html

http://www.theguardian.com/world/2016/mar/29/mother-italian-student-murdered-egypt-identify-body-giulio-regeni

http://www.internazionale.it/notizie/2016/03/29/giulio-regeni-genitori

http://english.ahram.org.eg/NewsContent/1/64/198233/-.aspx

Se dopo il cinque aprile non ci saranno svolte nella gestione del caso da parte delle autorità egiziane, si dovrà ritirare l'ambasciatore italiano dal Cairo, e porremo con forza ancora maggiore la questione delle vittime di sequestri, delle torture e delle sparizioni forzate in Egitto, davanti agli organi dell'Unione Europea. L'Italia deve adottare al più presto una normativa che sanzioni il reato di tortura. Solo in questo modo, se non procederà l'Egitto, si potrà continuare a ricercare il gruppo di responsabili della atroce fine di Giulio.

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Caso-Regeni-ministro-Interni-egiziano-Ricerca-assassini-ancora-in-corso-e971930e-4dbf-43e7-b0f2-77234c961cf6.html

http://video.repubblica.it/mondo/paola-regeni-se-il-5-aprile-no-novita-governo-dia-risposta-forte/233844/233433

http://www.left.it/2016/03/29/la-famiglia-regeni-al-governo-se-legitto-continua-con-i-depistaggi-si-richiami-lambasciatore/

http://www.a-dif.org/2016/03/25/ieri-in-argentina-oggi-in-egitto-veritapergiulioregeni-subito-e-non-fra-40-anni/

Lo dobbiamo a Giulio, alla sua famiglia, a tutti coloro che in Egitto subiscono le stesse torture inflitte a Giulio, a tutte le vittime di arresti arbitrari e di verdetti di condanna ingiusti.

https://veritapergiulio.it/la-conferenza-stampa-della-famiglia-regeni-in-diretta-2204e6676fc3#.kdl2x9q1z

http://www.ansamed.info/ansamed/en/news/sections/generalnews/2016/03/29/egypt-88-cases-of-torture-with-8-deaths-in-2016-amnesty_a5f8c01d-de92-4ba1-9daf-8e8c0ebadfe1.html

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/03/29/giulio-regeni-egitto-altri-500-morti-di-tortura-due-negli-stessi-giorni/2590808/

http://ninofezzacinereporter.blogspot.it/2016/03/giulio-regeni-in-egitto-altri-500-morti.html

Continua intanto in Egitto  una intensa attività repressiva contro le organizzazioni non governative, i giornalisti, gli avvocati ed i medici.

http://www.atlanticcouncil.org/blogs/egyptsource/case-no-173-the-state-of-egypt-s-ngos

http://www.latimes.com/world/la-fg-egypt-doctors-20160213-story.html

Lawyer allegedly ‘kidnapped’ by security forces

http://www.dailynewsegypt.com/2016/03/08/407997/

https://www.hrw.org/news/2015/12/01/egypt-journalist-unlawfully-arrested                                                                                                                     






0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro