Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

sabato 19 marzo 2016

Respingimenti illegali e morte in Egeo: il giorno dopo l'accordo truffa tra l'Unione Europea e la Turchia di Erdogan. E in Grecia gli Hotspot diventano subito centri di detenzione.


Mentre si preparano arresti sommari e deportazioni di massa, all'indomani dell'accordo truffa tra l'Unione Europea e la Turchia, si possono documentare respingimenti collettivi illegali eseguiti dalle autorità militari turche e si registrano già le prime vittime.

www.statewatch.org
EU-Turkey deal: An “army” of EU staff to move to Greece (details) (Keep talking Greece, link)::

"Staff, staff and more staff is needed for the operational implementation of the EU-Turkey deal with regards to sending back refugees and migrants to Turkey. Below is an exerpt from the European Commission/Council Questions and Answers on the issue – which, of course, leaves many answers open – with the first of them: How is it possible that foreign judges will operate in Greece!"
See: European Commission: Factsheet on the EU-Turkey Agreement (dated today, 19 March, pdf):
"When will the new agreement take effect?

The agreement will take effect from 20 March 2016. What this means in practice is that anyone arriving in the Greek islands from this date will be returned directly to Turkey if they have no right to international protection or do not claim asylum. Those who claim asylum will have their application processed, in an expedited fashion, with a view to their immediate return to Turkey if the claim is declared inadmissible.


"What operational support will Greece need in order to implement the scheme?

The implementation of the agreement will require huge operational efforts from all involved, and most of all from Greece. EU Member States agreed to provide Greece at short notice with the necessary means, including border guards, asylum experts and interpreters.

The Commission estimates that Greece will need:

Around 4,000 staff from Greece, Member States, the European Asylum Support Office (EASO) and FRONTEX
For the asylum process: 200 Greek asylum service case workers, 400 asylum experts from other Member States deployed by EASO and 400 interpreters
-
For the appeals process: 10 Appeals Committees made up of 30 members from Greece as well as 30 judges with expertise in asylum law from other Member States and 30 interpreters
-
For the return process: 25 Greek readmission officers, 250 Greek police officers as well as 50 return experts deployed by Frontex. 1,500 police officers seconded on the basis of bilateral police cooperation arrangements (costs covered by FRONTEX)
-
- Security: 1,000 security staff/army

Material assistance:

Transport: return from the islands: 8 FRONTEX vessels with a capacity of 300-400 passengers per vessel) and 28 buses
-
- Accommodation: 20,000 short-term capacity on the Greek islands (of which 6,000 already exist)
- Administration: 190 containers, including 130 for EASO case workers"


http://asiloineuropa.blogspot.it/2016/03/laccordo-con-la-turchia-e-le-mosse.html

http://www.msf.org/article/migration-why-eu%E2%80%99s-deal-turkey-no-solution-%E2%80%9Ccrisis%E2%80%9D-affecting-europe

http://www.osservatoriorepressione.info/13731/

Se la Turchia di Erdogan voleva dimostrare all'Unione Europea quale fosse il suo impegno nel bloccare i migranti in fuga, in gran parte profughi siriani, è bastato un solo giorno.

http://ninofezzacinereporter.blogspot.it/2016/03/affonda-barcone-davanti-alle-coste.html

https://www.facebook.com/Channel4News/videos/vb.6622931938/10153599423596939/?type=2&theater

Adesso ognuno potrà scoprire, giorno dopo giorno, il costo immenso in termini di vite umane spezzate o stravolte che queste intese produrranno.  Il numero dei migranti che arriverà in Europa non diminuirà più di tanto, mentre si dovranno contare i morti, le vittime, non solo nelle acque dell'Egeo, ma in tutti i luoghi di transito e sulle rotte alternative che si dovranno percorrere per salvare la vita ed il futuro dei propri figli.

http://www.msf.org/article/eu-migration-crisis-update-february-2016

Tutti coloro che hanno firmato l'accordo infame tra l'Unione Europea e la Turchia per contrastare l'immigrazione in Europa hanno messo la firma sotto la propria condanna di fronte alla storia. L'Unione Europea non si rialzerà più dal degrado morale al quale ha ceduto negoziando con la Turchia sulla base della sostanziale negazione dei diritti umani e del diritto di asilo. Un punto di non ritorno e' stato superato.

http://statewatch.org/news/2016/mar/eu-turkey-draft-statement-16-3-16.pdf

http://www.stranieriinitalia.it/attualita/attualita/attualita-sp-754/ue-turchia-si-all-accordo-migranti-irregolari-riportati-indietro.html

E intanto in Grecia i nuovi Hot Spot sono già diventati centri di detenzione informale, luoghi fuori dalle previsioni delle leggi nazionali e delle Direttive o dei Regolamenti europei.

http://www.keeptalkinggreece.com/2016/03/19/eu-turkey-deal-greece-empties-islands-from-refugees-migrants-hot-spots-turn-into-detention-centers/#.Vu2t7jlVcCs.twitter






0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro