Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

lunedì 11 aprile 2016

Presto davanti ai giudici l'accordo tra Unione Europea e Turchia. La Grecia chiamata a rendere conto delle condizioni di accoglienza dei richiedenti asilo. Da Idomeni la misura della disumanità europea. Ancora risoluzioni di compromesso dal Parlamento Europeo?


Si moltiplicano le critiche agli accordi recentemente conclusi tra Unione Europea e Turchia per la riammissione dei migranti "irregolari". e lo "scambio", tra migranti siriani bloccati in Turchia che dovrebbero essere trasferiti in Europa  e siriani entrati irregolarmente in Grecia che dovrebbero essere deportati in Turchia.

http://www.europarl.europa.eu/ep-live/it/other-events/video?event=20160412-1430-SPECIAL-UNKN

http://www.vita.it/it/article/2016/04/04/i-respingimenti-collettivi-dalla-grecia-alla-turchia-vanno-contro-la-c/138895/

http://www.aljazeera.com/programmes/insidestory/2016/04/migrants-deportation-greece-legal-160409154422183.html

Ma la Turchia non è un "paese terzo sicuro". E la Risoluzione che il Parlamento Europeo si appresta ad approvare  non contesta questa grave violazione dei trattati dell'Unione Europea e recepisce acriticamente gli accordi con la Turchia ed il processo di Khartoum.

http://www.europarl.europa.eu/news/en/news-room/20160411STO22318/Migration-MEPs-debate-new-approach-to-manage-flows-of-migrants-and-refugees

Questa la portata degli accordi tra Unione Europea e Turchia che gli organismi europei non hanno avuto neppure il coraggio di diffondere nel testo integrale compendiato con i precedenti accordi già conclusi nel 2014. La portata reale di questi accordi si misura ad Idomeni, a Lesvos, nei centri di detenzione in Turchia e in tutti i paesi nei quali la Turchia deporta i migranti riconsegnati dalla Grecia.

European Commission - Fact Sheet

Implementing the EU-Turkey Agreement – Questions and Answers

Brussels, 4 April 2016
Implementing the EU-Turkey Agreement – Questions and Answers
On 18 March 2016, EU Heads of State or Government and Turkey agreed to end the irregular migration from Turkey to the EU and replace it instead with legal channels of resettlement of refugees to the European Union. The aim is to replace disorganised, chaotic, irregular and dangerous migratory flows by organised, safe and legal pathways to Europe for those entitled to international protection in line with EU and international law.
The agreement took effect as of 20 March 2016, and 4 April 2016 was set as the target date for the start of returns of people arriving in Greece after 20 March and of the first resettlements. Today thus saw the start of two processes: returns from the Greek islands to Turkey to make clear that this is a dangerous route and the wrong route; and the first resettlements of Syrian refugees from Turkey to Europe, to underline that this is how Europe lives up to its responsibilities as a continent committed to the Geneva Convention and to the fundamental right to asylum.

http://europa.eu/rapid/press-release_MEMO-16-1221_en.htm

http://m.france24.com/en/20160410-eu-ministers-vow-close-eye-migrant-deal-abuses-turkey-visit?ns_campaign=reseaux_sociaux&ns_source=twitter&ns_mchannel=social&ns_linkname=editorial&aef_campaign_ref=partage_aef&aef_campaign_date=2016-04-10&dlvrit=66745

https://www.youtube.com/watch?v=0SdCEJeXoWs
    Ecco il testo integrale ed autentico degli accordi tra Unione Europea e Turchia. Occhio alle date, risalgono al 2014, adesso hanno messo solo i soldi e stabilito clausole speciali per i siriani. Accordi illegali perchè violano consolidati principi di diritto dell'Unione e di diritto internazionale, a partire dal divieto di espulsioni collettive e di refoulement verso paesi nei quali si possono subire trattamenti inumani o degradanti. Una vergogna senza fine, il sucidio politico e morale dell'Unione Europea. E domani il Parlamento Europeo potrebbe anche dare una parziale copertura agli accordi, votando una mozione che oltre ai richiami ai diritti fondamentali lascia ambiti enormi di discrezionalità agli stati ed alle forze di polizia per realizzare una vera e propria "pulizia etnica" ai danni dei migranti. Idomeni è stato solo il primo atto di questa tragedia.
    This Decision brings forward the starting date on the main Agreement adopted in 2014
http://www.statewatch.org/news/2016/apr/eu-council-eu-turkey-readmission-oj-14.pdf

Gli accordi tra Unione Europea e Turchia sono illegali, nel merito e nella procedura che è stata adottata.
    "La c.d. “Dichiarazione” UE-Turchia è stata adottata in violazione dell’art. 218 TFUE, e particolarmente delle prerogative del Parlamento europeo. A ciò consegue che la Corte di giustizia potrebbe annullare, ex art. 263 TFUE, tale Dichiarazione."
http://rivista.eurojus.it/la-dichiarazione-ue-turchia-sulla-migrazione-un-trattato-concluso-in-violazione-delle-prerogative-del-parlamento/

Una violazione che comprende anche lo strappo della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea che riconosce il diritto di asilo senza fare riferimento a "paesi terzi sicuri" e ai respingimenti collettivi.Adesso si profila la possibilità di ricorsi alla Corte Europea dei diritti dell'Uomo ed alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea a Lussemburgo.

http://www.sudouest.fr/2016/04/11/personne-ne-veut-retourner-a-la-mort-athenes-l-explosion-des-demandes-2327034-4585.php

Sempre che la polizia non impedisca l'esercizio dei diritti di ricorso e non arresti e deporti coloro che sottoscrivono il mandato ad un avvocato, giungendo magari a contestare l'autenticità delle firme rilasciate dai ricorrenti. Espedienti già sperimentati con successo dai governi europei che si sono opposti e sono stati condannati dalla Corte di Strasburgo nei casi Hirsi/Italia e Sharifi/Italia e Grecia.

http://www.mediciperidirittiumani.org/espulsioni-collettive-cedu-condanna-italia-grecia/

http://asiloineuropa.blogspot.it/2014/10/sentenza-sharifi-e-altri-contro-italia.html

Intanto il Consiglio di Europa chiede conto alla Grecia di un sistema di accoglienza che appare del tutto inadeguato ad assorbire il numero sempre più elevato di persone che sono costrette a chiedere asilo in Grecia a causa del blocco delle frontiere a nord del paese, e per il rischio di subire una deportazione in Turchia.

http://www.asylumineurope.org/news/27-03-2016/greece-fifth-icj-ecre-submission-execution-mss-v-belgium-greece

http://greece.greekreporter.com/2016/04/09/amnesty-international-refugees-detained-in-dire-conditions-in-greece-amid-rush-for-eu-turkey-deal/

http://www.repubblica.it/solidarieta/emergenza/2016/04/07/news/grecia_oltre_22_000_bambini_migranti_bloccati_tra_questi_2_000_non_accompagnati-137136078/

Ma esiste ancora lo stato di diritto in Europa ?  Ecco dove vengono riportati i migranti espulsi dalla Grecia in Turchia.

http://www.lesvosnews.net/articles/news-categories/kosmos/euronewssti-fylaki-vazoyn-oi-toyrkoi-toys-metanastes-poy

Sembra che per i migranti i diritti fondamentali affermati sulla carta, sul terreno non valgano più nulla. Ieri ad Idomeni e Lesvos, ma anche in Egitto, in Eritrea, in Sudan, in Libia, e in tanti altri paesi stanno riproducendo la categoria dei sottouomini, persone che fuggono dalla dittatura e dalla guerra, o anche semplicemente dalla fame, persone che possono essere impunemente rigettate indietro,magari con l'assistenza delle agenzie europee FRONTEX ed EASO.

http://frontex.europa.eu/news/frontex-assists-greece-in-transporting-migrants-to-turkey-QqtvpJ

http://frontex.europa.eu/news/frontex-publishes-risk-analysis-for-2016-NQuBFv

http://www.keeptalkinggreece.com/2016/04/10/idomeni-children-teargassed-as-fyrom-goes-against-refugees-in-greece/?utm_source=feedburner&utm_medium=twitter&utm_campaign=Feed%3A+KeepTalkingGreece+%28Keep+Talking+Greece%29

http://www.msf.org/article/msf-treats-hundreds-after-greek-fyrom-border-violence

Sottouomini perchè gli abusi che subiscono, persino la loro uccisione, non comporta alcun movimento di massa nell'opinione pubblica europea, vengono accettati dalla maggioranza silenziosa degli indifferenti come un fatto quotidiano, anzi i partiti populisti e xenofobi fanno fortuna su queste disgrazie. Gli allarmi sulla presenza di terroristi tra i migranti abbatterà fino ad annullare le garanzie dei diritti fondamentali. Per tutti, non solo per i migranti. E' questo il nuovo fascismo, e l'esperienza storica insegna che tutti i fascismi portano alla guerra, più spesso, alla guerra civile. E' già successo, e potrebbe succedere ancora.

http://greece.greekreporter.com/2016/04/11/europol-undercover-agents-at-greek-hotspots-to-locate-jihadists-traffickers/

http://www.mia.mk/en/Inside/RenderSingleNews/82/133121639

http://www.statewatch.org/news/2016/apr/eu-med-crisis-macedonia-crowd-control.htm

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro