Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

venerdì 29 aprile 2016

Si avvicina l'intervento della Corte di Giustizia dell'Unione Europea ma Alfano vorrebbe replicare con la Libia gli accordi tra Unione Europea e Turchia e lancia l'idea degli Hotspot galleggianti. Il Risiko libico non offre prospettive di pacificazione, per il ruolo della Francia che si schiera con l'Egitto ed Haftar.



Gli accordi tra l'Unione Europea e la Turchia saranno presto portati all'esame della Corte di Giustizia dell'Unione Europea. Lo annunciano parlamentari europei appartenenti ai gruppi dei Verdi e della Sinistra europea.

http://www.greens-efa.eu/refugee-crisis-15390.html

http://www.greens-efa.eu/eu-turkey-15447.html

http://www.guengl.eu/news/article/category/eu-turkey-deal-flouts-international-laws-and-conventions

http://www.statewatch.org/analyses/no-289-eu-turkey-legal-analysis.pdf

Il governo turco, preoccupato dalle critiche internazionali sulle operazioni di deportazione già condotte ai danni di afghani riammessi dalla Grecia, annuncia maggiori garanzie per i richiedenti asilo, ma ancora si tratta solo di annunci, buoni per tranquillizzare i partners europei e per incassare la cambiale in bianco firmata dal Consiglio europeo, alla firma dell'Accordo. Un Accordo che prevede lo scambio tra siriani o profughi di altre nazionalità entrati irregolarmente in Grecia ( e poi deportati in Turchia) e Siriani che in Turchia chiedono il resettlement in Unione Europea, ma solo fino ad un tetto massimo di 72.500 persone, oltre le quali tutto ritornerà come prima, e sei miliardi di euro resteranno nelle tasche di Erdogan.

http://statewatch.org/news/2016/apr/eu-turkey-implementation-statistics.htm

http://www.ansamed.info/ansamed/it/notizie/stati/turchia/2016/04/26/migranti-ue-ankara-annuncia-tutela-a-profughi-non-siriani_8c920196-1f07-44d0-9b81-cc8a057d4ebf.html

Le promesse di Erdogan non convincono tutti.

"In a letter to the European Commission sent on Tuesday, 26 April, the Turkish government pledged to bolster legal protection to non-Syrians upon return to Turkey as part of the EU-Turkey Agreement. This follows previous assurances concerning Syrians and the fact that all returned Syrians could be granted or re-avail themselves from temporary protection. These pledges aim to support the implementation of the EU-Turkey agreement by addressing the remaining legal concerns hampering its full implementation." [emphasis added]

Tony Bunyan, Statewatch Director, comments:
"If this "letter" addressees legal concerns about the EU-Turkey "dodgy deal" why has it not been published? Do is commit Turkey to fully signing up to the Geneva Convention? If not it is worthless.

First we had the EU-Turkey deal in a "Statement" (18 March) and now an unpublished "letter" - neither of which are legally binding. In their desperate haste to shut the borders the EU is neglecting the basic tenets of lawful decision-making"

http://www.statewatch.org/news/2016/apr/eu-med-crisis-news-dodgy-deal.htm

Purtroppo su questi accordi è stato apposto un suggello assai pesante con il voto del Parlamento europeo sulla Mozione Metsola-Kyenge sulle migrazioni nel Mediterraneo, che ha sostenuto l'opportunità delle intese raggiunte con Erdogan, senza però dare una base legislativa alle prassi di polizia di respingimento e di riammissione che gli accordi prevedono, al punto che i governi nazionali son dovuti intervenire con misure legislative d'urgenza sia in Grecia che in Turchia.

http://www.europarl.europa.eu/news/en/news-room/20160411STO22318/Migration-MEPs-debate-new-approach-to-manage-flows-of-migrants-and-refugees

On cooperation with third countries
91. Points out that the Global Approach to Migration and Mobility (GAMM) pillar on asylum and international protection should be developed further, with greater involvement of third countries; notes that current actions in this field, under Regional Protection Programmes (RPPs) or Regional Development and Protection Programmes (RDPPs), focus on capacity building to tackle criminal smuggling and human trafficking networks within third countries of origin and transit; notes, at the same time, that the resettlement component of these programmes continues to be weak; believes that capacity-building efforts and resettlement activities should be stepped up and carried out together with third countries hosting large refugee populations;
92. Acknowledges that the basic instrument that sets out the objectives of the Union’s external policies on migration, asylum and borders is the GAMM; takes note that various instruments exist under that umbrella, including regional dialogues, bilateral dialogues, mobility partnerships, common agendas for migration and mobility, readmission agreements, visa facilitation agreements, visa exemption agreements, RPPs and RDPPs;
93. Understands that the external dimension should focus on cooperation with third countries in tackling the root causes of, and addressing, irregular flows to Europe; understands that partnerships and cooperation with key countries of origin, transit and destination should continue to be a focus, for example through the Khartoum and Rabat processes, the Africa-EU migration and mobility dialogue, the Budapest Process and the Prague Process;
94. Points out that the Union and its Member States must be selective in their support for third-countries’ law enforcement agencies taking into account the record of those agencies in breaching the human rights of migrants;
95. Recommends that cooperation with third countries involves assessing those countries’ asylum systems, their support for refugees, and their ability and willingness to tackle human trafficking and criminal smuggling into and through those countries;
96. Calls on the Union to help third countries build up their asylum systems and integration strategies in order to allow third country nationals in need of international protection to seek protection there; believes that the Union must adopt a win-win approach to cooperation with third countries, that is, an approach that is beneficial to the Union, to the third country in question and to the refugees and migrants in that third country;
97. Recalls that the Union has intensified its external cooperation with third countries in migration and asylum in order to respond adequately to the current refugee crisis, and has launched new cooperation initiatives, such as the EU-Turkey Joint Action Plan; emphasises, in that respect, the need for all parties to fulfil their commitments deriving from the Joint Action Plan, including addressing the root causes leading to the massive influx of Syrians, stepping up cooperation for the support of Syrians under temporary protection and their host communities in Turkey, and for Turkey to fulfil its commitments to prevent irregular migration flows from its territory to the Union;

http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+REPORT+A8-2016-0066+0+DOC+XML+V0//EN

Malgrado previsioni sull'aumento esponenziale delle partenze dalla Libia, giorno dopo giorno, si conferma quanto avevamo previsto alla vigilia degli accordi. Non ci sarà una ennesima invasione di profughi in Italia come  alcuni esponenti politici sostengono in campagna elettorale per spaventare la popolazione ed accrescere il loro consenso.  I migranti siriani, afghani ed irakeni che costituiscono la maggior parte dei profughi bloccati nella rotta balcanica non si sono trasferiti tutti in Africa per attraversare il Mediterraneo partendo dalla Libia, ma si stanno disperdendo in tanti rivoli diretti verso l'Europa centrale, con grande vantaggio di trafficanti e mafie di ogni genere.

http://www.radio3.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-5b7c69cf-e381-4f12-83ec-35255f70a4d2.html

 Si estende ovunque la detenzione arbitraria di persone che avrebbero diritto di chiedere asilo in Europa.

https://www.hrw.org/news/2016/04/14/greece-asylum-seekers-locked

http://www.theguardian.com/world/2016/apr/19/refugee-babies-milk-supplies-greek-detention-centre-chios

Intanto si profila l'ennesimo fallimento delle politiche di contenimento delle partenze dei migranti dalla Libia in una fase nella quale la maggior parte delle navi della missione Frontex Triton sono state ritirate, al punto che gli interventi più frequenti coordinati dalla Guardia Costiera italiana sono effettuati da navi umanitarie, attualmente quattro, quella di MOAS, le due navi di medici senza frontiere, e la nave Aquarius di SOS Mediterraneè.

http://sosmediterranee.org/comunicato-stampa-salvataggio-24-04-2016/?lang=it

http://www.medicisenzafrontiere.it/notizie/news/msf-e-moas-soccorrono-369-persone-nel-primo-salvataggio-mare

http://www.avvenire.it/Cronaca/Pagine/Medici-senza-frontiere-operazioni-di-salvataggio.aspx

Nel corso della inaugurazione a Catania della sede di Frontex, alla presenza del Comissario UE all'immigrazione Avramopoulos, Alfano ha rilanciato l'idea del blocco navale davanti alla costa libica con la trovata, non certo nuova, di utilizzare le navi militari di soccorso come HOTSPOT galleggianti, a bordo delle quali svolgere le pratiche di identificazione e selezione dei migranti. In modo da accelerare le procedure di rimpatrio, subito dopo lo sbarco a terra, per coloro che venissero riconosciuti "migranti economici". Una prassi in contrasto frontale con la Convenzione di Ginevra e con la Convenzione Europea a salvaguardia dei diritti dell'Uomo.

http://www.sudpress.it/alfano-a-catania-inaugura-la-sede-frontex-e-propone-lidentificazione-in-mare/

Qualcosa di simile a quelle prassi di respingimento che progettava Maroni quando la Lega era al governo. il ministro Gentiloni smentisce Alfano.

http://www.ansamed.info/ansamed/en/news/sections/politics/2016/04/28/gentiloni-migration-deal-does-not-concern-libya_c53877ee-3522-4cb8-9a6a-40e5ded98b61.html

Le navi dell'operazione Mare Sicuro trasbordano già i naufraghi appena soccorsi sui mezzi di EUNAVFOR MED, il dispositivo europeo che dovrebbe lottare contro i trafficanti ma che ancora non è riuscito ad entrare nelle acque nazionali libiche e si limita ad avviare la registrazione e la selezione dei naufraghi soccorsi in mare.

http://www.isiciliani.it/inaugurazione-della-sede-eurf-a-catania-respingere-gli-immigrati-e-anche-la-stampa/#.VyJK5_mLQdU

https://mobile.twitter.com/ItalianNavy/status/725690191156011008

https://mobile.twitter.com/Frontex/status/725623208754434048?s=07

Si prospetta anche l'utilizzo delle navi della NATO per contrastare le organizzazioni dei trafficanti partendo dal blocco delle partenze dalla Libia. Un proposito folle, se si vuole dare la caccia ai trafficanti, che di certo non si trovano sui barconi carichi di migranti, un primo passo invece verso un intervento militare che diventa ogni giorno più probabile.

http://www.independent.com.mt/articles/2016-04-26/local-news/NATO-to-blockade-Libyan-coast-this-summer-to-stop-central-Mediterranean-migrant-flows-6736156918#.VyBFP16-w7c.twitter

http://www.salon.com/2016/04/28/after_bombing_libya_into_chaos_nato_plans_blockade_to_bar_refugees_from_europe_with_u_s_help/

http://www.theguardian.com/world/2016/apr/25/us-warships-may-join-eu-in-patrolling-waters-off-libya?CMP=share_btn_tw

Le divisioni europee stanno spalancando le porte della Libia a Daesh, dal momento che i paesi occidentali sostengono nella maggioranza il governo di Tripoli "nominato" di fatto dalle Nazioni Unite, che fino a pochi mesi prima avevano sostenuto il "governo internazionalmente riconosciuto" di Tobruk ed il generale Haftar, grande amico degli egiziani. Adesso che l'atteggiamento degli occidentali verso Haftar è cambiato, anche perchè il suo gioco appare in modo manifesto tendente a smembrare la Libia ed a fare gli interessi dell'Egitto di Al Sisi, entra pesantemente in gioco la Francia che spacca il fronte europeo e si schiera con Haftar e con l'Egitto, dopo il viaggio di Hollande al Cairo.

http://www.limesonline.com/libia-g5-intervento-militare-petrolio-notizie-oggi/91238

http://www.limesonline.com/rubrica/soldi-e-soldati-il-puzzle-della-libia?prv=true

 Gli affari commerciali contano più della lotta al terrorismo. Ed i migranti muoiono prima ancora di arrivare nel Mediterraneo, nei conflitti a fuoco ai chek point che infestano le strade libiche.

http://www.libyaobserver.ly/news/un-proposed-government-hints-rejection-haftars-unilateral-decision-attack-sirte

http://www.bbc.com/news/world-africa-27492354

http://english.ahram.org.eg/NewsContent/1/64/204663/-.aspx

Una situazione che rende insanabile la frattura libica, che alimenta conflitti tra fazioni e milizie armate che si contendono le strade del paese, con  conseguenze mortali sulla pelle dei migranti in fuga e con spazi sempre maggiori concessi all'infiltrazione delle milizie di Daesh in Libia.
Appare paradossale che il paese che in Europa ha sostenuto gli attacchi terroristici più feroci, con il più alto costo in termini di vite umane, divida il fronte europeo contro il terrorismo e si schieri dalla parte di chi, come Haftar, oggettivamente, contribuisce a creare una situazione favorevole all'espandersi della cancrena dei tagliagole di Daesh dalla Libia centrale fino alla costa del Mediterraneo, in particolare a Sirte, dove ancora sventolano le bandiere nere.


0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro