Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

martedì 17 maggio 2016

Riprendono i rimpatri forzati verso l'Egitto. Aumenta la tensione nei centri di accoglienza, molti minori a rischio dispersione. Non solo Pozzallo. Incendio nella notte nel centro di Lampedusa.Il sistema HOTSPOT fallisce definitivamente.



Sono aumentati gli arrivi dall'Egitto, e spesso si tratta di ragazzi egiziani, in molti casi minori non accompagnati. E ci sono anche quelli che annegano e che nessuno cerca. Naufragati anche nel naufragio collettivo del Diritto di informazione in Europa.

Two bodies found near sea shore in Egypt's Kafr El-Sheikh

http://english.ahram.org.eg/NewsContent/1/64/216993/-.aspx

http://www.affaritaliani.it/affari-europei/migranti-grecia-riapre-la-rotta-terrestre-422468.html?ref=ig

http://www.gadlerner.it/2016/05/17/da-turchia-e-egitto-il-flusso-migratorio-prossimo-venturo-di-lunga-durata

 Trattenuti a tempo indeterminato,prima del prelievo delle impronte digitali, nei cd. Hotspot ed a rischio di rimpatrio forzato, come è avvenuto in questi giorni. Poi l'esecuzione della deportazione collettiva con un volo verso il Cairo. Ne parlano solo i giornali stranieri.

May. 17, 2016 18:30

CAIRO: Cairo International Airport has received 50 Egyptians who were deported from Italy after they were arrested last week while trying to illegally enter Italian territories in fishing boats, Youm7 reported Tuesday.
Earlier this month, the deportees were sailing in fishing boats from Egypt and Libya to Italy when they were detained by Italian coastal guards, added Youm7.
A police report was filed against the deported Egyptians for illegally leaving the country.
Italy has deported hundreds of Egyptians over the past few months. Meanwhile, Egypt has arrested hundreds of Egyptians and foreigners before attempting to sail to Europe illegally.
In April, two Egyptians were deported from Italy for violating residency laws.
On May 3, Italy announced that its vessels rescued around 1,800 illegal migrants from different nationalities over a 24 hour period coming from North African countries, Reuters reported. The day before, a boat carrying 159 migrants from African nations and Yemen was intercepted by Egyptian authorities off the Mediterranean shore during an attempt to travel to southern Europe.

http://thecairopost.youm7.com/news/208431/news/italy-deports-50-egyptians-after-arrested-over-illegal-entry

Malgrado la crisi diplomatica sul "caso" Regeni l'Italia ha ricominciato a vendere armi ad Al Sissi, e questi riconoscente ha ripreso ad accettare cittadini egiziani entrati "illegalmente" in Italia.

http://www.dire.it/17-05-2016/54377-amnesty-denuncia-litalia-vende-ancora-armi-allegitto/

Persone che in Egitto saranno duramente sanzionate. Se fossero oppositori del regime rischierebbero la tortura e la morte. Esattamente la stessa terribile sorte imposta a Giulio.

http://espresso.repubblica.it/inchieste/2016/05/10/news/regenileaks-exposing-the-lies-of-al-sisi-s-regime-1.264699

http://www.theguardian.com/world/2016/may/16/realpolitik-hinders-hunt-for-killer-of-italian-researcher-in-egypt

https://www.change.org/p/comitato-non-dimentichiamo-giulio-regeni-l-egitto-deve-essere-dichiarato-paese-non-sicuro

CAIRO, May 17 (Aswat Masriya) – As Egypt's rights defendants continue to voice concerns about purported enforced disappearance cases, pointing fingers of blame at the interior ministry, a ministry official said Tuesday such cases do not exist in the country.
After meeting with the parliament’s human rights committee, Assistant Interior Minister for Legal Affairs Magdy Abdel Mawla told journalists that the ministry will consider all the recommendations that were presented during the meeting and complaints previously made by the state-affiliated National Council for Human rights.
The United Nations defines "enforced disappearance" as a term that applies to "persons who are arrested, detained or abducted against their will or otherwise deprived of their liberty by officials in different branches or levels of government... followed by a refusal to disclose the fate or whereabouts of the persons concerned or a refusal to acknowledge the deprivation of their liberty, which places such persons outside the protection of the law."
Human rights defendants and organisations have often blamed the interior ministry for cases in which activists disappeared, with some of them later found in the interior ministry’s detention facilities, but the ministry has repeatedly denied the existence of enforced disappearances in Egypt.
In its monthly report published earlier this month, El Nadeem Centre for the Rehabilitation of Victims of Violence documented 87 cases of enforced disappearance in April alone.
A campaign launched by the Egyptian Commission for Rights and Freedoms, another civil society organisation, against enforced disappearances recorded 204 cases during the time between December 2015 and March 2016.
The campaign said then that the whereabouts of 103 of them have been revealed while the locations of the remaining 101 have yet to be known.
Last March, the European Parliament (EP) passed a non-binding resolution calling for the "suspension of any form of security cooperation and assistance with Egyptian authorities" for concern over the human rights situation in Egypt.
The EP said then that Giulio Regeni, a slain Italian researcher whose body was found bearing signs of torture in Egypt, is "not an isolated incident, but … it occurred within a context of torture, death in custody and enforced disappearances across Egypt in recent years.”
Regeni, a 28-year-old visiting scholar at the American University in Cairo, disappeared on Jan. 25, 2016, which marked the fifth anniversary of the 2011 Uprising that toppled former Egyptian president Hosni Mubarak. His body was found in February in a roadside ditch on the outskirts of Cairo.
The interior ministry has continuously denied reports claiming that Regeni was held in police custody before his body was found.
Among the most prominent cases of enforced disappearance in Egypt is that of 26-year-old video editor Moustafa Massouny, whose friends say was staying with them in a friend's apartment in downtown Cairo before he left to shop for food in June 2015 and never returned back. His whereabouts have been unknown since.
Social media users launched a campaign called "Where is Massouni?". An interior ministry official said previously, in a talk show on an Egyptian satellite TV channel, that he is not in custody.
Another case is that of a member of al-Dostour party Ashraf Shehata, who according to his wife Maha Mekkawy has “forcibly disappeared” on Jan. 13, 2014.
While the NHCR initially stated that Shehata has been detained in Zagazig prison, his wife later stated that prison administrators told her he was actually in Wadi al-Natroun prison.
The interior ministry later said that Shehata's name was confused with that of another man who had been sentenced to five years in prison. Shehata's exact whereabouts have yet to be known.

http://www.aswatmasriya.com/en/news/details/16923

Ma occorre dimostrare all'Unione Europea che l'Italia sa rendere effettive le misure di allontanamento forzato, e se dopo il rimpatrio qualche innocente scompare nelle sale di tortura egiziane, sono solo effetti collaterali di operazioni che devono essere effettuate per "salvare Schengen". Una politica e prassi operative annunciate nel Migration Compact di Renzi ed Alfano, tutto imperniato sulla collaborazione con i paesi terzi, non certo sull'apertura di corridoi umanitari, ma sull'effettiva esecuzione delle misure di allontanamento forzato. Come Bruxelles comanda, senza però riuscire a modificare l'iniquo Regolamento Dublino, o a rendere effettive le decisioni di rilocazione verso altri paesi europei.

http://www.governo.it/articolo/immigrazione-la-proposta-dellitalia-alla-ue/4509

http://www.governo.it/sites/governo.it/files/immigrazione_0.pdf

EU plans for Libya risk crossing migration 'red lines'

https://euobserver.com/opinion/133440

http://www.repubblica.it/solidarieta/immigrazione/2016/04/28/news/ue_il_migration_compact_proposto_dall_italia_non_convince_il_terzo_settore_il_risultato_saranno_altri_muri_-138637609/

http://dirittiefrontiere.blogspot.it/2016/04/dal-processo-di-khartoum-al-migration.html

http://www.a-dif.org/2016/04/11/cercando-un-altro-egitto/

Si mettono in esecuzione i pochi accordi bilaterali, come quelli con l'Egitto, la Tunisia e la Nigeria, che permettono formalità semplificate, di fatto il mero riconoscimento della nazionalità da parte del console, per l'esecuzione del rimpatrio con accompagnamento forzato.Tutto va bene per fare statistica, utile anche in tempo di elezioni. In violazione di tutte le norme previste nel Regolamento Frontiere Schengen n.562 del 2006 e della Direttiva rimpatri 2008/115/CE, che vietano espulsioni collettive, richiedendo procedure individuali con attribuzione certa dell'identità e diritto di accesso alla procedura di protezione, così come una tutela particolare per i (presunti) minori, in occasione dell'accertamento dell'età e della individuazione dei soggetti particolarmente vulnerabili.
Si sta ritornando alla situazione del 2009, dopo gli accordi tra Berlusconi e Gheddafi, e nel caso dell'Egitto, con Moubarak, solo che la situazione in terra africana è molto peggiorata e lo si vede sulla pelle dei migranti che riescono a sbarcare in Italia.

http://antonellamascia.com/uncategorized/immigrazione-gli-accordi-italia-libia-e-italia-egitto-due-interventi-di-fulvio-vassallo-paleologo-universita-di-palermo/

Così' dicono i nostri uomini di governo. "Salvare Schengen" e mandare al massacro esseri umani indifesi, privati dei più elementari diritti fondamentali. Negli Hotspots e nei luoghi di sbarco non cè spazio per una difesa legale effettiva, tutto rimane rimesso alla discrezionalità delle forze di polizia. Ma ormai il problema non è più il prelievo delle impronte, condotto con l'uso della forza, quanto il rimpatrio effettivo di coloro che provengono da paesi con i quali l'Italia ha stretto accordi bilaterali di riammissione, rimpatri che avvengono anche sotto l'egida di Frontex. Si tratta di gruppi di nazionalità diverse e le loro proteste non possono e non devono essere scambiate. Appare sempre più grave la condizione dei minori stranieri non accompagnati, certe volte anche autentici bambini, trattenuti a tempo indeterminato negli Hotspots di Pozzallo e Lampedusa.

http://terredeshommes.it/comunicati/lampedusa-minori-migranti-ancora-falle-nella-protezione-effettiva/

http://siciliamigranti.blogspot.it/2016/05/pozzallo-continua-il-trattenimento-di.html

http://www.integrationarci.it/2015/12/18/no-finger-print-la-protesta-dei-migranti-di-lampedusa/

Intanto la situazione nei centri di accoglienza, specialmente nei vecchi CSPA ( Centri di soccorsoe  prima accoglienza) oggi ridefiniti HOTSPOT diventa insostenibile, con l'ammassamento di centinaia di persone, oltre 500 questa sera a Lampedusa, dove è scoppiato un rogo dalle origini ancora non chiare. Va ricordato che per Tunisini ed Egiziani Lampedusa è spesso la prima e l'ultima terra che vedono in Italia, per l'intensificarsi dei voli di rimpatrio.

http://dirittiefrontiere.blogspot.it/2016/02/a-lampedusa-il-nuovo-approccio-hotspot.html?m=1

Per tanti altri migranti è invece soltanto terra di confinamento, in attesa che si trovi un posto nel sistema di accoglienza, o che accettino di farsi prelevare le impronte digitali. Come al solito, troppa promiscuità, mancanza di regole e garanzie certe, totale assenza di difesa legale, condizioni igieniche ai militi nei frequenti casi di sovraffollamento.

http://www.vita.it/it/article/2016/05/16/il-grido-del-parroco-di-lampedusa-europa-ritrova-il-coraggio/139418/

 Quelle stesse situazioni che portarono alla rivolta del 2011, e che furono accertate come "trattamenti inumani o degradanti" nella condanna dell'Italia nel caso Khalifia. Una condanna non definitiva che adesso il governo Renzi chiede di cassare, nel ricorso rivolto alla Grande Chambre della Corte di Strasburgo.

http://www.ristretti.it/commenti/2015/ottobre/pdf5/articolo_giliberto.pdf

http://www.unionedirittiumani.it/wp-content/uploads/2014/11/CASE-OF-KHLAIFIA-AND-OTHERS-v.-ITALY-Italian-Translation-by-the-Italian-Ministry-of-Justice-11.pdf                                                                                                             http://agrigento.gds.it/2016/05/18/incendio-doloso-al-centro-di-accoglienza-fiamme-a-lampedusa-fermati-4-tunisini_514152/

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2016/05/17/news/migranti_incendio_in_centro_d_accoglienza_di_lampedusa-140015802/?ref=HRER1-1

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro