Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

venerdì 22 luglio 2016

La Turchia non è un paese terzo sicuro. Bloccare l'accordo della vergogna tra Unione Europea ed Erdogan. Prepararsi ad una nuova emergenza umanitaria ai confini di Schengen.Occorrono canali legali di ingresso.


Dopo la proclamazione dello stato di emergenza e l'abbattimento di tutte le garanzie democratiche dello stato di diritto la Turchia non può essere più considerata un "paese terzo sicuro" verso cui respingere i richiedenti asilo. Adesso fuggono anche i cittadini ed i militari turchi a rischio di essere arrestati e torturati in centri di detenzione sottratti a qualsiasi controllo giurisdizionale. In Turchia è stato di polizia. Le manifestazioni unitarie promosse dal governo hanno il sapore atroce delle sfilate imposte dalle dittature. Ovunque si tratta di nazionalismo che sfocia in attacchi verso tutte le minoranze e contro coloro che davvero cercano di fare ancora opposizione. Le ultime voci libere stanno per essere ridotte al silenzio.
La Turchia va sospesa dal Consiglio d'Europa perche' ha denunciato la giurisdizione della Corte Europea dei diritti dell'Uomo per sottrarsi alle condanne che potrebbe ricevere, piu' spesso che in passato, dalla Corte di Strasburgo. La Grecia deve rispettare i Trattati internazionali, come la Convenzione di Ginevra, i Regolamenti e le Direttive europee che garantiscono il diritto alla protezione internazionale e vietano trattamenti inumani o degradanti.

Turkish Soldiers Who Fled to Greece After Coup Fear Death Upon Return, Lawyer Says
Turkey has branded the men, who entered Greece by air and requested political asylum, 'traitors' and 'terrorist elements' and has asked Greece to extradite them.

http://www.haaretz.com/middle-east-news/turkey/1.732656

EU’s Mogherini Calls on Turkey to Respect Human Rights during Emergency Rule

http://m.novinite.com/articles

Le misure di emergenza introdotte da Erdogan stanno comportando arresti arbitrari e torture ingiustificabili. Lo dovrebbe ricordare bene anche la Grecia e le corti greche che in questi giorni stanno sanzionando  per ingresso illegale militari turchi che chiedono asilo. La Convenzione di Ginevra e le Direttive europee vietano alla Grecia di respingere questi militari in Turchia ( art. 33 della Convenzione di Ginevra -  Principio di non refoulement) a fronte dei trattamenti inumani e degradanti che li attendono.

http://www.sigmalive.com/en/news/greece/147187/eight-from-turkey-found-guilty-of-illegally-entering-greece

Sulla base di quello che è successo in questi ultimi giorni l'accordo stipulato tra Unione Europea e Turchia, che già appariva in contrasto con le stesse Direttive europee in materia di pprotezione internazionale e con il Regolamento frontiere Schengen n. 562 del 2006, risulta ancora più in contrasto con tutte le Carte dei diritti fondamentali della persona umana e con le norme europee in materia di respingimenti e di accesso alla procedura di asilo.

http://www.statewatch.org/analyses/no-289-eu-turkey-legal-analysis.pdf

http://statewatch.org/news/2016/may/eu-com-greece-turkey-letter.html

http://statewatch.org/news/2016/jun/eu-turkey-second-progress-report.htm

http://www.statewatch.org/news/2016/jun/eu-med-crisis-legal-challenges.htm

L'Unione Europea non ha ancora una lista di paesi terzi sicuri vincolante per tutti gli stati, e non può imporre alla Grecia il respingimento di siriani che siano entrati irregolarmente nel suo territorio.
Alla luce degli arresti di massa in Turchia si può escludere che il governo di Erdogan possa adempiere le condizioni previste dagli accordi stipulati con l'Unione Europea. L'avvicinamento tra Turchia e Russia dopo il fallito colpo di stato getta un ombra sinistra sui futuri rapporti tra la Turchia e l'Unione Europea. Che ruolo potrà avere un'Unione Europea priva di una politica estera comune e preoccupata soltanto dal temuto arrivo di altri richiedenti asilo ?

http://www.sigmalive.com/en/news/international/147195/erdogan-army-to-be-restructured-people-continue-protests

http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/rottura-delle-trattative-germania-ue-al-momento-chiude-con-la-turchia-_3021779-201602a.shtml

Erdogan "saved by warning from Russian services". Turkish President Recep Tayyip Erdogan was warned by Russian intelligence services of an imminent coup, Iranian media are reporting.

http://www.b92.net/eng/news/world.php?yyyy=2016&mm=07&dd=21&nav_id=98678


Russia removes ban on flights to Turkey

http://en.trend.az/world/turkey/2561133.html

http://m.en.rfi.fr/middle-east/20160721-erdogan-tells-french-foreign-minister-mind-his-own-business                                                                             

 http://asbarez.com/153226/lavrov-says-russia-turkey-relations-depend-on-syria-cooperation/

L'Unione Europea deve sospendere immediatamente l'accordo stipulato con la Turchia , bloccare tutte le trattative per l'ingresso in Europa e predisporre missioni di soccorso e centri di accoglienza nel Dodecanneso.

https://www.left.it/2016/07/22/il-suicidio-della-politica-realista-che-baratta-liberta-e-diritti/

In modo da sostenere la Grecia politicamente e logisticamente in quella che si annuncia la prossima emergenza umanitaria in Egeo, per l'intensificarsi delle fughe di migranti in transito, e di cittadini turchi perseguitati dal regime di Erdogan, verso le coste europee. Rimane un mistero la sorte dei cittadini siriani presenti in Turchia, oltre tre milioni di persone. Si vedrà se Erdogan continuerà ad usarli come arma di ricatto nei confronti dell'Unione Europea, riaprendo la possibilità di fuga, o se rispetterà l'accordo chiuso con la Merkel e poi ratificato dall'Unione Europea. In Turchia, o in Grecia ed in Bulgaria, per queste persone sarà comunque catastrofe umanitaria. I cittadini europei ed i partiti polulisti che raccolgono consensi sempre più ampi non li vogliono più accogliere, e i nuovi rapporti strategici tra Turchia e Russia rischiano di allontanare le speranze di pace in Siria, o in quello che ne rimane. Occorrono canali legali di ingresso in Europa. Gli accordi con le dittature, come le intese tra stati maturate nell'ambito del Processo di Khartoum hanno gia' dimostrato effetti fallimentari ed insostenibili dal punto di vista umanitario con un aumento rilevante delle vittime sulle rotte migratorie africane e in Mediterraneo.                                                                                                                                          
 http://www.lavoce.info/archives/42182/porte-girevoli-nel-controllo-delle-frontiere-europee/    

http://www.asgi.it/notizia/laccordo-tra-turchia-e-consiglio-europeo-e-illegale/

http://www.asgi.it/notizia/la-dichiarazione-ue-turchia-sulla-migrazione-un-trattato-concluso-in-violazione-delle-prerogative-del-parlamento/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/07/21/turchia-un-appello-in-difesa-della-liberta-dei-docenti/2923767/

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro