Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

venerdì 19 agosto 2016

Khartoum to identify Sudanese illegal migrants in Italy - Il governo italiano chiede aiuto alle autorità sudanesi per identificare i migranti giunti in Italia. Una richiesta contro la Convenzione di Ginevra.


Roma, 5 agosto 2016 - Italia e Sudan hanno firmato il Memorandum of Understanding sul tema della migrazione, che prevede la collaborazione tra i due Paesi nella lotta al crimine, nella gestione degli effetti migratori e delle frontiere. Stando a quanto si precisa nel comunicato diffuso dall'Ambasciata italiana a Khartoum, l'accordo si iscrive nel piu' ampio quadro di cooperazione tra Sudan e Unione Europea sui temi migratori, in particolare il Processo di Khartoum, lanciato in Italia nell'autunno del 2014, e il Fondo fiduciario d'emergenza dell'Unione europea per la stabilita' e la lotta contro le cause profonde della migrazione irregolare e del fenomeno degli sfollati in Africa, lanciato nel novembre 2015 al Summit de La Valletta.

Il Memorandum e' stato firmato ieri a Roma dal capo della polizia italiana, Franco Gabrielli, e dal suo omologo sudanese, generale Hashim Osman Al Hussein, alla presenza di funzionari del ministero dell'Interno e del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. "Il MoU e' il traguardo di una serie di negoziati durati alcuni mesi tra i due Paesi sotto il forte impulso dell'Ambasciata Italiana in Sudan - si legge nella nota - la collaborazione nei settori cruciali come la lotta al crimine organizzato internazionale, all'immigrazione irregolare, al traffico di esseri umani, al crimine telematico e finanziario, come il riciclaggio di denaro, la lotta alla contraffazione di documenti e alla corruzione ne sono punti fondamentali. Previsti, inoltre, una serie di articoli relativi al rimpatrio dei cittadini che permanessero nei rispettivi territori in maniera irregolare".

"Questa firma risulta fondamentale per distinguere con chiarezza i cittadini dei due Paesi, ospiti reciproci e graditi nei rispettivi territori, da quei cittadini che non hanno diritto a permanere nei territori dei due Stati", ha spiegato l'Ambasciatore d'Italia in Sudan, Fabrizio Lobasso, al margine dell'incontro. Altro punto importante del Memorandum e' la formazione: nelle prossime settimane le autorita' sudanesi invieranno una lista di progetti e tematiche prioritarie, sulle quali collaborare per organizzare la formazione di missioni di brevi e di lunga durata dei rispettivi funzionari.    


http://www.stranieriinitalia.it/attualita/attualita/attualita-sp-754/firmato-memorandum-di-intesa-tra-italia-e-sudan-su-migrazione.html                                                                                                                                          Si stanno avverando tutte le peggiori previsioni.                                                                                                                                                     
http://www.nigrizia.it/notizia/sudan-migranti-sudanesi-deportati-dallitalia-con-il-supporto-di-khartoum                                                                                                                       Una notizia di straordinaria gravità, che si collega al disegno delle autorità italiane di rimpatriare il maggior numero possibile di migranti, ritenuti "illegali", dopo che Francia, Svizzera e Austria hanno sbarrato le frontiere.  Si vuole davvero ritenere il Sudan un "paese terzo sicuro" verso il quale deportare i richiedenti asilo che si sono visti negare il diritto alla protezione ? Si conoscono i nuovi rapporti tra le autorità sudanesi ed il governo eritreo ? O si vuole fare finta di non vedere ?

http://www.irinnews.org/news/2016/05/25/sudan-and-eritrea-crackdown-migrants-amid-reports-eu-incentives

http://www.acjps.org/32-eritreans-at-risk-of-forced-return-from-sudan-2/

https://world.wng.org/2016/06/sudan_deports_eritreans_back_into_the_hands_of_their_oppressors

Agenti sudanesi in circolazione in Italia per identificare migranti provenienti da quel paese, in maggior parte potenziali richiedenti asilo, considerando anche le difficoltà frapposte dalle autorità italiane all'accesso alla procedura ed i ritardi conseguenti, violano le regole della Convenzione di Ginevra che vietano alle autorità di un paese di fare esaminare i richiedenti asilo da agenti di polizia provenienti dai paesi di origine.                                                                                                                http://www.lastampa.it/2015/05/15/vaticaninsider/ita/nel-mondo/sudan-manconi-due-cristiani-rischiano-la-pena-di-morte-BQIomVifaJcPVHB8HVM93H/pagina.html

Questo è il Sudan, un paese che sta espellendo in Eritrea ed Etiopia centinaia di persone già riconosciute con lo status di rifugiati da UNHCR, e che sta mettendo sotto processo pastori evangelici della "Chiesa di Cristo", dopo averne deportati altri in Etiopia.                                                                                                                                               http://www.bosnewslife.com/37034-sudan-detains-14-evangelical-christians-in-latest-crackdown                                       

Centinaia di persone già riconosciute come rifugate deportate dal Sudan nelle carceri etiopiche ed eritree dove la tortura è una pratica quotidiana.

https://www.hrw.org/news/2016/05/30/sudan-hundreds-deported-likely-abuse

http://www.sudantribune.com/spip.php?article59143

According to the UNHCR in a statement, at least 313 Eritreans were arrested on May 6 by the Sudanese authorities in the city of Dongola in northern Sudan and found guilty of illegal entry into Sudan and then forcibly returned to Eritrea on May 22.
Among the deported were six people registered as refugees by the UNHCR. “Others had not requested asylum but we do not know if they had the opportunity to lodge the application,” the UNHCR said.
Another group of 129 Eritreans had been returned in the same conditions a few days earlier. Most Eritreans expelled by the Sudanese authorities were arrested while trying to enter Sudan from Libya.
The Eritrean government is accused of holding thousands of political prisoners in its jails. According to the UN, about 5,000 Eritreans leave their country every month in search of a better life, making it one of the largest contingents of migrants risking the perilous journey to Europe.

http://www.africanews.com/2016/06/02/unhcr-cautions-sudan-to-stop-deportation-of-eritreans/                                                                                                                                                                Reverend Kuwa Shamal, a minister of the Sudan Church of Christ, was re-arrested by the police on 24 May.

Reverend Shamal had been reporting daily to the National Intelligence and Security Service (NISS) offices as a condition of his release, following his initial arrest in December 2015 during a crackdown by the authorities on Christians in the country.                                     

http://www.csw.org.uk/2016/05/31/press/3125/article.htm


A criminal trial of two Sudanese pastors detained by police authorities since December last year without charges is scheduled to start tomorrow in Khartoum.
Pastors Kowa Shamaal and Hassan Abdelrahim were transferred from police cells to the main jail in the capital’s twin city of Omdurman ahead of a 14 August court hearing which was adjourned.
A source told Radio Tamazuj that the court session last week was attended by four defense lawyers representing prosecution witnesses and 21 lawyers defending the two pastors.
Abdelrahim is a moderator, while Shamaal is the head of missions in the Sudanese Church of Christ.

https://radiotamazuj.org/en/node/48718                                                                                                   http://www.premierchristianradio.com/News/World/Sudan-pastors-now-accused-of-lying-about-Christian-persecution

August 19, 2016 (KHARTOUM) - Sudanese President Omer al-Bashir said he would step down from the presidency and remains away from politics at the end of his term in 2020.

Bashir is the first sitting head of state ever to be indicted in 2009 by the war crimes court, International Criminal Court (ICC).
His case contributed to the international isolation of the country which is hit by economic sanctions.

http://www.sudantribune.com/spip.php?article59976

It was Osama bin Laden who first earned Sudan a place on the US blacklist for state sponsors of terrorism.
The al-Qaida leader had been living in Khartoum for five years when America imposed a trade embargo and froze the government’s assets in the US in 1997.
Nineteen years later, Sudan remains on the blacklist alongside only two other states: Iran and Syria

https://www.theguardian.com/world/2016/aug/19/sudanundersanctions-young-people-describe-life-on-the-blacklist

Una guerra ancora aperta nel Sud-Sudan, con genocidi quotidiani e reclutamento di bambini soldato. Ma per l'ambasciatore italiano in Sudan, il governo di Khartoum garantisce "inclusione" ed e' un agente di pacificazione nell'intera ragione, oltre ad essere impegnato in prima fila contro il terrorismo.                                                                                                                http://www.dire.it/15-07-2016/66056-sud-sudan-ambasciatore-lobasso-khartum-preoccupata/                                                                                                                                           
Ecco alcuni esempi di "inclusione". La comunita' cristiana sempre piu' sotto attacco, a Khartoum e non solo. Qualcuno prima o poi dovra' dire chi sta dietro il genocidio in Sud Sudan.                                                                                  
http://persecutionproject.org/reports/crackdown-on-christians-intensifies-in-sudan/

http://www.the-star.co.ke/news/2016/08/20/unicef-warns-of-south-sudan-child-soldier-nightmare-16000-recruited_c1406842

Con le deportazioni e con gli accordi con i paesi terzi controllati da dittature militari non si stabilizza nulla. Si violano soltanto i diritti umani e si produce frustrazione e risentimento.

Art. 33 Divieto d’espulsione e di rinvio al confine
1. Nessuno Stato Contraente espellerà o respingerà, in qualsiasi modo, un rifugiato verso i confini di territori in cui la sua vita o la sua libertà sarebbero minacciate a motivo della sua razza, della sua religione, della sua cittadinanza, della sua appartenenza a un gruppo sociale o delle sue opinioni politiche.
2. La presente disposizione non può tuttavia essere fatta valere da un rifugiato se per motivi seri egli debba essere considerato un pericolo per la sicurezza del paese in cui risiede oppure costituisca, a causa di una condanna definitiva per un crimine o un delitto particolarmente grave, una minaccia per la collettività di detto paese.

http://www.meltingpot.org/Convenzione-di-Ginevra-del-1951-4377.html#.V7c3tKJ_f3g

Potrebbe essere violato il divieto di espulsioni collettive, ribadito dalla Corte Europea dei diritti dell'Uomo nella sentenza Sharifi con  la quale sono state condannate Italia e Grecia per il mancato rispetto dell'art. 13 della Convenzione europea a salvaguardia dei diritti dell'Uomo. e dell'art. 4 del Quarto Protocollo allegato alla stessa Convenzione.                                                                                                              
 http://www.meltingpot.org/Caso-Sharifi-et-al-v-Italia-e-Grecia-La-Corte-di-Strasburgo.html#.V7h2xnRyxAg

appello-fermiamo-i-respingimenti-collettivi-litalia-deve-rispettare-la-corte-europa-per-i-diritti-delluomo

Ecco cosa succede veramente in Sudan. Si continuano a formare accordi di pace per il Sud Sudan, con il beneplacito delle diplomazie dei paesi occidentali, ma le persecuzioni e gli arresti in Sudan continuano, anche di persone che hanno già ottenuto il riconoscimento dello status di rifugiato dall'UNHCR, come etiopi ed eritrei, continuano.

http://nuovidesaparecidos.net/?p=420

 Il governo di Khartoum non è un attore di pace e non può essere considerato tale dall'Unione Europea o dall'Italia. Per non parlare del Niger dove le forze di polizia cogestiscono il traffico, ma anche il Niger viene considerato uno snodo essenziale del Processo di Khartoum.

http://www.irinnews.org/news/2016/05/25/sudan-and-eritrea-crackdown-migrants-amid-reports-eu-incentives

http://www.refworld.org/country/SDN.html

https://www.amnesty.org/en/countries/africa/sudan/report-sudan/

http://www.limesonline.com/cartaceo/in-niger-le-guardie-sono-ladri-e-cogestiscono-le-migrazioni?prv=true

www.rapportoannuale.amnesty.it

https://www.hrw.org/world-report/2016/country-chapters/sudan

http://www.repubblica.it/solidarieta/diritti-umani/2016/03/24/news/sudan-136201240/

Malgrado tutte le critiche sul mancato rispetto dei diritti umani, l'Italia continua pervicacemente a portare avanti i rapporti di collaborazione con le autorità sudanesi nel solco del Processo di Khartoum, che è stato ricompreso nel Migration Compact rilanciato dall'Unione Europea proprio su spinta di Renzi. Alla base di una collaborazione sempre piu' stretta rapporti economici sui quali non si e' mai fatta chiarezza.                                                
                                                                                                       
http://m.espresso.repubblica.it/internazionale/2016/04/27/news/lo-strano-caso-del-rapporto-onu-sugli-affari-in-sudan-1.262904

http://dirittiefrontiere.blogspot.it/2016/04/dal-processo-di-khartoum-al-migration.html

http://www.huffingtonpost.it/flore-murardyovanovitch/li-rivedremo-mai-deportazioni-invisibili-con-bollo-ue_b_11565420.html

August 18, 2016 (KHARTOUM) - The foreign ministry Thursday said it requested the interior ministry to send a delegation to address the situation of Sudanese illegal migrants stranded on the Italian-French border.
Several hundreds of Sudanese migrants are now stopped on the French border after their arrival by boats from Libya. Paris says it is up to Italy assess their asylum claims.
Foreign Ministry Spokesperson Ambassador Gharib Allah Khidir said they asked the interior ministry to dispatch urgently a delegation to Rome to identify Sudanese migrants and to provide them with the needed papers before to repatriate them back to Sudan.
The move comes after a demand by the Italian government through the Sudanese embassy in Rome to identify its nationals before to return them to Sudan, al-Khidir added.
Italy complains of the French refusal to receive some of illegal migrants arriving from Africa.
In line with Schengen zone agreement, people can move freely within the European countries, but governments can tighten border control in exceptional circumstances.
Earlier this year, Sudan accepted to cooperate with the EU efforts to fight illegal human trafficking.
Smuggling gangs have taken advantage of Libya’s instability to run a lucrative business and put at risk vulnerable people who seek better life.

http://www.sudantribune.com/spip.php?article59974

La logica della deportazione dei migranti irregolari sta peraltro prevalendo anche all'interno dei confini dello spazio Schengen. Magari qualcuno spera di riportare in Sudan quei migranti che hanno la sola colpa di fuggire dalla dittatura e dalla guerra.

http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2016/08/14/ASMYHbtD-cagliari_charter_migranti.shtml

http://www.primocanale.it/video/migranti-a-ventimiglia-situazione-stabile-i-numeri-dopo-il-piano-gabrielli-86803.html

Gia nel 2001 la Corte Costituzionale aveva precisato che le misure di allontanamento forzato non possono essere eseguite senza la convalida del giudice, essendo misure che limitano la libertà personale anche quando non comportano un trattenimento in un centro di detenzione amministrativa. Con i nuovi accordi stipulati con il Sudan, come già in precedenza con quelli stipulati nel 2007 con l'Egitto,che prevedono procedure semplificate che prescindono dalla completa identificazione personale,  questo fondamentale principio potrebbe essere violato, con una grave responsabilità delle autorità italiane. 

http://www.giurcost.org/decisioni/2001/0105s-01.html

"Il trattenimento dello straniero presso i centri di permanenza temporanea e assistenza è misura incidente sulla libertà personale, che non può essere adottata al di fuori delle garanzie dell’articolo 13 della Costituzione. Si può forse dubitare se esso sia o meno da includere nelle misure restrittive tipiche espressamente menzionate dall’articolo 13; e tale dubbio può essere in parte alimentato dalla considerazione che il legislatore ha avuto cura di evitare, anche sul piano terminologico, l’identificazione con istituti familiari al diritto penale, assegnando al trattenimento anche finalità di assistenza e prevedendo per esso un regime diverso da quello penitenziario. Tuttavia, se si ha riguardo al suo contenuto, il trattenimento è quantomeno da ricondurre alle “altre restrizioni della libertà personale”, di cui pure si fa menzione nell’articolo 13 della Costituzione. Lo si evince dal comma 7 dell’articolo 14, secondo il quale il questore, avvalendosi della forza pubblica, adotta efficaci misure di vigilanza affinché lo straniero non si allontani indebitamente dal centro e provvede a ripristinare senza ritardo la misura ove questa venga violata.
Si determina dunque nel caso del trattenimento, anche quando questo non sia disgiunto da una finalità di assistenza, quella mortificazione della dignità dell’uomo che si verifica in ogni evenienza di assoggettamento fisico all’altrui potere e che è indice sicuro dell’attinenza della misura alla sfera della libertà personale.
Né potrebbe dirsi che le garanzie dell’articolo 13 della Costituzione subiscano attenuazioni rispetto agli stranieri, in vista della tutela di altri beni costituzionalmente rilevanti. Per quanto gli interessi pubblici incidenti sulla materia della immigrazione siano molteplici e per quanto possano essere percepiti come gravi i problemi di sicurezza e di ordine pubblico connessi a flussi migratori incontrollati, non può risultarne minimamente scalfito il carattere universale della libertà personale, che, al pari degli altri diritti che la Costituzione proclama inviolabili, spetta ai singoli non in quanto partecipi di una determinata comunità politica, ma in quanto esseri umani. Che un tale ordine di idee abbia ispirato la disciplina dell’istituto emerge del resto dallo stesso articolo 14 censurato, là dove, con evidente riecheggiamento della disciplina dell’articolo 13, terzo comma, della Costituzione, e della riserva di giurisdizione in esso contenuta, si prevede che il provvedimento di trattenimento dell’autorità di pubblica sicurezza deve essere comunicato entro quarantotto ore all’autorità giudiziaria e che, se questa non lo convalida nelle successive quarantotto ore, esso cessa di avere ogni effetto".

http://www.a-dif.org/2015/10/25/ricorsi-contro-i-dinieghi-degli-status-di-protezione-ed-effettivita-dei-diritti-di-difesa/

Adesso il governo italiano dando esecuzione ad accordi con paesi terzi che non possono neppure ritenersi "paesi terzi sicuri" cerca di tornare dieci anni indietro. E di ignorare le garanzie previste dalla Direttiva Europea sui rimpatri 2008/115/CE.

Il recente decreto legge 241 del settembre 2004 è stato emanato dal Governo al fine di porre rimedio alle censure che la Corte costituzionale, nelle sentenze n. 222 e 223 del luglio 2004, aveva fatto a due “pilastri” della legge “Bossi-Fini”, vale a dire all’espulsione eseguita immediatamente prima della convalida da parte dell’Autorità giudiziaria e all’arresto obbligatorio dello straniero che non abbia eseguito l’ordine del questore, successivo al decreto di espulsione, di lasciare l’Italia entro 5 giorni.
Approfittando della “occasione”, il Governo ha provveduto anche a modificare anche altri profili della legge sull’immigrazione, innanzitutto attribuendo l’intera materia delle espulsioni al Giudice di pace.
Le modifiche introdotte dal decreto n. 241 - in questi giorni all’esame del Parlamento per la conversione in legge – non rispettano, tuttavia, le chiare indicazioni fornite dal Giudice delle leggi per la tenuta costituzionale delle norme relative al trattamento dello straniero, oltre a porre notevoli e gravi dubbi in ordine alla politica legislativa sull’immigrazione.


http://www.meltingpot.org/Decreto-legge-stranieri-sulle-espulsioni-il-Governo.html#.V7hHwKJ_f3g

Cosa ha detto la Corte Costituzionale

 Sull’espulsione immediata e sul controllo giurisdizionale
Con sentenza n. 222 del luglio 2004 la Corte costituzionale ha preso atto del cambiamento alla disciplina delle espulsioni, attuato con la legge 189/2002 (“Bossi-Fini”), rilevando che se prima la modalità dell’esecuzione immediata del rimpatrio attraverso l’accompagnamento alla frontiera era ipotesi eccezionale, dopo la riforma è diventata modalità ordinaria.
A seguito della legge 189 l’espulsione è, infatti, disposta attraverso quattro provvedimenti, di cui due eventuali: 1) il decreto di espulsione immediatamente esecutivo “anche se sottoposto a gravame”, emesso dal Prefetto (sempre); 2) il provvedimento di accompagnamento immediato alla frontiera, disposto dal Questore (sempre); 3) il provvedimento di trattenimento in un CPT nel caso non fosse possibile l’immediato rimpatrio (eventuale); 4) il provvedimento di intimazione del Questore allo straniero di lasciare l’Italia entro 5 giorni (pena il suo arresto), nel caso non fosse possibile l’immediato rimpatrio né il trattenimento in CPT (eventuale).
Nel sistema così delineato, l’intervento dell’Autorità giudiziaria sui provvedimenti amministrativi avveniene in tre fasi e tempi: verifica della legittimità del decreto espulsivo (entro 60 gg. dalla notifica), convalida del decreto di accompagnamento alla frontiera (entro 48 ore), ed infine convalida (con altro giudice) dell’eventuale provvedimento di trattenimento in CPT (entro 48 ore).
L’attenzione della Corte si è concentrata sulla prima convalida, quella relativa all’accompagnamento immediato alla frontiera (sul trattenimento in CPT si era già pronunciata), censurando la previsione della Bossi-Fini in forza della quale “il provvedimento di accompagnamento alla frontiera è eseguito prima della convalida da parte dell’autorità giudiziaria” in quanto “immediatamente esecutivo anche se sottoposto a gravame”.
Richiamando la propria precedente pronuncia n. 105 del 2001 - nella quale aveva affermato che l’espulsione ed il trattenimento sono misure che incidono sulla libertà personale dello straniero e perciò stesso sono soggette alle garanzie previste dall’art. 13 della Costituzione (riserva di giurisdizione) – la Corte costituzionale ha ritenuto in contrasto con la norma costituzionale l’allontanamento coattivo dello straniero “senza che il giudice abbia potuto pronunciarsi sul provvedimento restrittivo della sua libertà personale” in quanto vanifica “la garanzia contenuta nel terzo comma dell’art. 13 Cost. e cioè la perdita di effetti del provvedimento nel caso di diniego o di mancata convalida ad opera dell’autorità giudiziaria entro le quarantotto ore”.
Secondo la Corte, dunque, il giudice non può intervenire ad espulsione già avvenuta ma il controllo del provvedimento di accompagnamento deve avvenire prima dell’esecuzione e deve essere effettivo, per essere conforme a Costituzione.

La Corte, inoltre, ha anche censurato le disposizioni della “Bossi-Fini” per la violazione del “diritto di difesa dello straniero nel suo nucleo incomprimibile” in quanto non prevedeva che egli venisse sentito dal giudice della convalida (del provvedimento di accompagnamento), né che fosse assistito da un difensore.
Lo straniero, dunque, non può essere privato delle garanzie difensive.


http://www.forumcostituzionale.it/wordpress/wp-content/uploads/pre_2006/305.pdf

La Corte di Cassazione con ordinanza n. 563/13, sesta sezione civile, depositata il 10 gennaio 2013  ha definitivamente riformato gli indirizzi più restrittivi adottati dalle Commissioni territoriali e dai giudici che vi si conformavano in materia di diritto di asilo. Con la conseguenza che le autorità nazionali devono accertare, anche sulla base di istruttorie ufficiose, l’esistenza di condizioni che possano giustificare la concessione della protezione sussidiaria o il rilascio di un permesso umanitario. La vicenda arrivata alla Cassazione ha preso il via da un ricorso di una cittadina nigeriana che aveva presentato una richiesta di protezione internazionale. L’istanza era stata respinta dalla Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Gorizia e la stessa Corte di appello non aveva accolto le richieste della donna. L’accertamento – ha precisato la Cassazione – era indispensabile proprio tenendo conto della situazione di violenza diffusa nel Paese e delle persecuzioni provocate dall’appartenenza religiosa.
Secondo la Corte di Cassazione, sezione IV Civile, sentenza del 10 luglio 2014, n. 15781,il riconoscimento del diritto ad ottenere lo status di rifugiato, o la protezione sussidiaria, non può essere escluso, nel nostro ordinamento, in virtù della ragionevole possibilità del richiedente di trasferirsi in altra zona del territorio del paese d’origine.

Si trattava del caso di un cittadino senegalese che aveva fatto ricorso al Tribunale di Napoli avverso il diniego di riconoscimento della protezione internazionale da parte della competente Commissione territoriale. Il Tribunale aveva respinto il ricorso e la Corte della stessa città aveva poi, a sua volta,  respinto l’appello del soccombente. La Corte di Appello di Napoli, premesso che l’appellante richiedeva protezione in quanto temeva la vendetta dei secessionisti della regione senegalese di Casamance, in cui viveva, i quali avevano già sterminato la sua famiglia perché suo padre aveva collaborato con le autorità governative, ha osservato che, anche ammettendo che l’appellante avesse raccontato la verità, lo status di rifugiato non poteva essergli riconosciuto sia perché (a) i fatti di persecuzione allegati erano risalenti nel tempo, essendo stata la sua famiglia sterminata nel 1997, allorché egli, appena undicenne, era riuscito a fuggire dal proprio paese riparando prima in Gambia, poi in Libia e infine, nel 2011, in Italia; sia perché (b) l’appellante ben avrebbe potuto sottrarsi alla persecuzione trasferendosi in altra zona del Senegal. Per questa seconda ragione non poteva essergli riconosciuta neppure la protezione sussidiaria. Secondo la Corte di Cassazione invece,” il riconoscimento del diritto ad ottenere lo status di rifugiato politico, o la misura più gradata della protezione sussidiaria, non può essere escluso, nel nostro ordinamento, in virtù della ragionevole possibilità del richiedente di trasferirsi in altra zona del territorio del paese d’origine, ove egli non abbia fondati motivi di temere di essere perseguitato o non corra rischi effettivi di subire danni gravi, atteso che tale condizione, contenuta nell’art. 8 direttiva 2004/83/CE, non è stata trasposta nel d.lgs. 19 novembre 2007, n. 251, essendo una facoltà rimessa agli stati membri inserirla nell’atto normativo di attuazione della direttiva (Cass. 2294/2012).

http://dirittiefrontiere.blogspot.it/2015/04/le-commissioni-territoriali-alzano.html

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro